Skip to main content

Vite di carta. Festivaletteratura 2023. Dai nostri inviati a Mantova

Giovedì mattina per tempo Antonella, che come me da tanti anni viene a prestare servizio al Festivaletteratura, è andata a ricevere a Malpensa Miguel Bonnefoy. Nel viaggio in auto per Mantova ha parlato in francese con lui, lo ha aggiornato su come sta andando l’edizione n.27.

Antonella dice che nello spazio di un trasferimento come questo si può capire molto della sostanza umana di un autore, specie se, come è accaduto oggi, lo si trova in vena di conversare e non è troppo stanco. Da anni va ad accogliere quelli che vengono in aereo, anche da molto lontano.

Poche ore dopo sediamo a pranzo in tre: la mia amica Maria, compagna storica delle avventure mantovane, e io siamo arrivate da poco da Ferrara, pronte a mescolare nei nostri discorsi il piacere di ritrovare le conoscenze preziose che ci siamo fatte negli anni con i programmi ghiotti per le due giornate in cui saremo qui.

Ne parlo ora che sono già rientrata a casa, come ogni volta entusiasta, mentre scorro il programma dei due ultimi giorni, che una antonomasia inveterata chiama “il sabato” e “la domenica” del Festival, e assaporo gli incontri che mi sono persa ieri e che oggi, domenica, davanti al pubblico più numeroso, sono come il botto finale di questa edizione.

Alle 18.30 in Piazza Castello il giornalista Wlodek Goldkorn intervista, dopo dieci anni dalla sua partecipazione al Festival, la scrittrice polacca Olga Tokarczuk, insignita del Nobel per la letteratura nel 2018. Cosa è cambiato nella sua scrittura in questi dieci anni, e quale persistenza hanno mantenuto nei suoi libri le questioni sui confini nel mondo, sia fisici che ideologici, o ancora la questione ambientale e femminile: questo mi perdo.

La nostra inviata Roberta Barbieri con Sofia, Elia e Angela gli “Ariosti” volontari al Festivaletteratura 2023

Se oggi fossi lì potrei dare un altro saluto ai ragazzi “Ariosti” del gruppo Galeotto fu il libro, che prestano servizio in questa postazione e che già venerdì ho trovato provati ma felici della loro esperienza.

Solitamente i grandi nomi si alternano in Piazza Castello e a Palazzo San Sebastiano, in realtà si incontrano in ogni luogo della città reclutato per il Festival: è possibile selezionare eventi proprio sulla base degli autori che vi intervengono, oppure del tema, o della materia che più interessa.

Ovunque sono messe al centro le parole che definiscono il mondo, per “ricucirne il senso, misurarne la tenuta e farne dialogo”, come si legge nell’incipit del programma cartaceo che ormai ho segnato e riempito di chiose e segnalibri. Dalle parole del mutamento climatico a quelle della economia e dei diritti, in senso lato direi della cittadinanza dentro la conoscenza.

Se oggi fossi lì non rinuncerei a La letteratura come motore del mondo, l’evento n.146 all’Aula Magna dell’Università. Oppure andrei a sentire uno dei contributi dedicati a Michela Murgia, che nel programma si trovano distribuiti in più giornate col suo nome tra gli autori come se fosse (ed è) presente. Talvolta conta restare nella stessa zona della città per riuscire a incastrare un evento in più nel proprio programma della giornata.

 

Lavagne. Lezioni di musica e molto altro. Festivaletteratura 2023 Piazza Mantegna – Mantova

Ho usato tutte queste bussole soggettive, nel tempo. Tanto da Mantova è garantito che si torna con idee nuove e nuovi volti incontrati, si torna con idee rafforzate e meglio declinate dentro la mappa del sapere personale. Si portano a casa anche dissonanze, che però si tramutano in libri da leggere per capire meglio, in supplementi di informazioni a cui accedere per riposizionare idee nuove e vecchie.

Stavolta ho battuto la pista della narrativa della migrazione, ma con connotazioni narrative nuove. Ho conosciuto l’autore statunitense Ken Kalfus e gli ho potuto domandare da quale dei suoi sette romanzi cominciare a leggerlo; è stato durante l’intervista riservata alla stampa, c’era il tempo per porgli una domanda un po’ inusuale, che lui ha definito interessante.

E si è messo a parlare distesamente degli suoi libri più recenti, finendo per segnalarmi Uno stato particolare di disordine, “il più americano” dei romanzi che ha scritto, in cui ha raccontato come sono gli USA oggi attraverso la vicenda personale di una coppia nel giorno dell’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001.

Di Kalfus mi è piaciuta la prospettiva originale da cui afferma di guardare il proprio paese: e se il mondo facesse a meno degli USA? E se raccontare la migrazione che interessa il paese partisse da coloro che se ne vanno verso le altre parti del mondo? Che lasciano un’America piena di contraddizioni e, come sostiene nel suo ultimo Le due del mattino a Little America, si trova esposta ai pericoli di una nuova guerra civile.

Non mi sono sfuggite le parole “parodia” e “leggerezza” con cui Kalfus ha espresso la sua ammirazione per Calvino; il Calvino a cui presso il Liceo Virgilio è dedicata un’attività di lettura giocosa, Ludmilla, dal nome della inafferrabile protagonista di Se una notte d’inverno un viaggiatore.

 

Ritorni. l’evento dedicato a due scrittori di area balcanica Kapplan e Mujčić

Che intensità nell’incontro di giovedì sera (evento n.64) di Simonetta Bitasi con la scrittrice italo-bosniaca Elvira Mujčić e lo scrittore albanese Gazmend Kapllani: dai loro romanzi esce lo spaesamento di chi è tornato nel proprio paese dopo essere stato fuori a vivere l‘altrove.  Dai Balcani si fugge, come insegna tanta letteratura sulla migrazione e sulla nostalgia, tuttavia chi come Kapllani è tornato ci avverte che “non ritrova mai quello che ricordava”.

Maria ha acquistato entrambi i libri, La terra sbagliata di Kapllani e La buona condotta di Mujčić, come me colpita dalla lucidità dello sguardo e dalla forza che deve avere la loro narrazione, alla ricerca della convivenza possibile tra albanesi e serbi su cui si interroga quest’ultimo romanzo, in un paese come il Kosovo.

Ho conosciuto una scrittrice del nostro Novecento, Dolores Prato, che l’evento n. 79  ha fatto uscire dall’ombra per restituirle il plauso che le spetta grazie soprattutto alla scrittura straordinaria di Giù la piazza non c’è nessuno, il romanzo autobiografico sulla sua solitaria e aspra infanzia vissuta nell’entroterra marchigiano, che è stato pubblicato nel 1980 quando lei aveva quasi novant’anni e dopo una lunga vicenda editoriale, in cui ha avuto parte anche Natalia Ginzburg.

 

Luigi Manconi dialoga con Zerocalcare sulle carceri italiane

Sono andata a sentir parlare del mondo del lavoro soprattutto giovanile, del mare di Lecce nella valorizzazione programmata dalla amministrazione comunale, delle carceri in Italia. Mi preme dire quanto mi ha colpito la lingua pregnante e scabra di Luigi Manconi nella interlocuzione verace con Zerocalcare, le sue parole di una nettezza feroce sulla infantilizzazione a cui sono sottoposti i detenuti, sulla distanza siderale delle nostre carceri  da parole quali dignità, rieducazione, umanità.

Molto mi è successo nel “giovedì” e nel “venerdì” di immersione mantovana. Molto sta succedendo oggi. Mi sembra già di sentire i rumori della festa dei volontari, quella della domenica sera che si tiene alla mensa del Festival e che si conclude anche ballando sui tavoli, mentre dagli altoparlanti esce un rassicurante “Arrivederci alla edizione del prossimo anno!”

Nota bibliografica:

  • Gazmend Kapllani, La terra sbagliata, Del Vecchio Editore, 2022 (traduzione di Ermal Reena e Rossella Monaco)
  • Elvira Mujcic, La buona condotta, Crocetti Editore, 2023
  • Ken Kalfus, Uno stato particolare di disordine, Fandango, 2006 (traduzione di Monica Capuani)
  • Ken Kalfus, Le due del mattino a Little America, Fandango, 2022 (traduzione di Monica Capuani)
  • Dolores Prato, Giù la piazza non c’è nessuno, Quodlibet, 1980 (a cura di Giorgio Zampa)

 

In copertina: la Libreria del Festivaletteratura 2023. Tutti gli scatti sono state dell’autrice.

Per leggere gli altri articoli di Vite di carta la rubrica quindicinale di Roberta Barbieri clicca sul nome della rubrica o il nome dell’autrice

tag:

Roberta Barbieri

Dopo la laurea in Lettere e la specializzazione in Filologia Moderna all’Università di Bologna ha insegnato nel suo liceo, l’Ariosto di Ferrara, per oltre trent’anni. Con passione e per la passione verso la letteratura e la lettura. Le ha concepite come strumento per condividere l’Immaginario con gli studenti e con i colleghi, come modo di fare scuola. E ora? Ora prova anche a scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it