21 Marzo 2022

LO STESSO GIORNO:
Jane Elliot insegna cos’è il razzismo

Filippo Mellara

Tempo di lettura: 4 minuti

21 marzo 1968
Jane Elliot insegna cos’è il razzismo

Jane Elliot è un’educatrice e un’attivista per i diritti civili. Insegna in una piccola scuola di Randall, in Iowa, vicino a Riceville, il suo comune di nascita.
Jane, come tutti i suoi concittadini, è bianca. Alcuni di loro, soprattutto i bambini ai quali la maestra insegna, non hanno neanche mai visto un afroamericano. Temendo che questa distanza possa portare i bambini a vedere gli afroamericani come stranieri ed alieni, Jane decide il 21 marzo 1968 – giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale – di insegnare cos’è il razzismo.

Durante la settimana dedica diverse ore nel tentativo di spiegare cos’è il razzismo. Fa degli esempi, racconta i fatti, spiega i sentimenti, riporta anche i discorsi di grandi leader. Randall però rimane un piccolo comune bianco e tranquillo. I bambini difficilmente possono conoscere episodi di intolleranza, e anche quando è Jane a raccontarglieli nessuno dei bambini sembra apprendere a pieno il significato di quei gesti.
Dopo due settimane di duro lavoro ancora Jane non riesce a trovare la strada giusta. I bambini ancora faticano a comprendere quel sentimento per loro così distante e confuso.
La sera del 4 aprile 1968, Jane accende la TV e viene a conoscenza dell’assassinio di Martin Luther King.

Un durissimo colpo per la giovane educatrice. Ricorda distintamente il giornalista che riportava la notizia paragonare King a Kennedy, quest’ultimo citato come leader dei bianchi. È scioccata e distrutta. Si interroga a lungo su come poter sradicare la mentalità razzista. Si interroga su come mettere in guardia i suoi bambini prima che il mondo li trasformi.
Quella stessa sera sta preparando una lezione sui nativi americani. Decide di collegare le due lezioni fra loro, nativi e afroamericani, usando la preghiera Sioux “Oh great spirit, keep me from ever judging a man until I have walked in his moccasins.” [“Oh grande spirito, trattienimi dal giudicare un uomo finché non avrò camminato nei suoi mocassini.”].
Decide di far provare ai bambini bianchi della sua scuola cosa vuol dire ‘indossare i mocassini di bambino di colore’.

Il giorno seguente in classe Jane divide i bambini in due gruppi: da una parte chi ha gli occhi chiari, dall’altra chi ha gli occhi marroni.
I bambini dagli occhi chiari sono i privilegiati: hanno i posti migliori in classe, doppie porzioni di cibo a pranzo, possono bere prima alla fontanella, raramente vengono sgridati mentre vengono enfatizzate le loro capacità.
I bambini con gli occhi scuri invece vengono prima ‘marchiati’ con un collare dagli altri bambini, vengono segregati infondo alla classe, non hanno la possibilità di giocare con chi ha gli occhi chiari e vengono ripetutamente sgridati e sbeffeggiati dalla maestra per ogni minimo errore.
Dopo un primo momento di insicurezza i bambini assecondano completamente le regole quando Jane si inventa di sana pianta una motivazione scientifica: la melanina che colorava gli occhi era legata ad intelligenza e doti dei bambini.

Basta una sola settimana per i primi risultati.
I bambini dagli occhi chiari migliorano i propri voti e la propria presenza in classe, sviluppano atteggiamenti prevaricatori e arroganti verso gli altri bambini.
Quelli con gli occhi marroni invece peggiorano i propri voti e tendono ad emarginarsi. Anche quei bambini che prima erano dominanti in classe diventano in fretta timorosi e diffidenti.

Dopo sette giorni però Jane inverte i ruoli. Ora i bambini dagli occhi marroni sono superiori a quelli dagli occhi chiari. Jane ripropone le stesse regole precedenti, ma a ruoli invertiti.
L’esperimento però stavolta non va nella stessa maniera della precedente. I bambini dagli occhi marroni, i quali avevano vissuto sulla propria pelle la discriminazione, sembrano comportarsi diversamente. Non vi è arroganza o cattiveria. Le regole della maestra vengono rispettate, ma i bambini sembrano non cambiare il proprio atteggiamento, anzi sono inclusivi e non accettano più l’intolleranza verso i compagni di classe.

L’esperimento, denominato Blue eyes/Brown eyesdivenne presto famoso.
Jane, dopo essere stata al Tonight show per raccontare i fatti, fu duramente attaccata da tutta la comunità per l’esperimento considerato profondamente stressante ed umiliante per i bambini. In molti però, lontani da Riceville, la chiamavano per replicare l’esperimento.
Replicò l’esperimento in diverse forme, soprattutto a corsi per adulti. Il 15 dicembre 1970 dimostrò quest’esperienza ad educatori adulti presso la Casa Bianca, in occasione della White House conference on children and youth.

L’esperimento di Jane Elliot ancora oggi viene utilizzato come base per un’educazione civica responsabile. Fu capace di dimostrare come la discriminazione porta i ‘deboli’ ad autoemarginarsi e peggiorare le proprie capacità, e come a ruoli invertiti siano capaci di integrare il prossimo cancellando quel clima di intolleranza.
I bambini del primo esperimento ormai adulti ammettono che quel breve periodo a scuola ha cambiato totalmente il proprio modo di essere. Da allora tutti quei bambini cresciuti sono sempre stati attenti a rispettare chiunque senza dar peso a pregiudizi.

Ogni lunedì, per non perdere la memoria, seguite la rubrica di Filippo Mellara Lo stesso giorno. Tutte le precedenti uscite [Qui]



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Filippo Mellara

Abito a San Lazzaro (BO) e sono uno studente universitario di scienze della comunicazione. Impegnato socialmente nel cercare di creare un futuro migliore, più equo e giusto per tutti. Viaggiatore nel mondo fisico e spirituale, ritengo che la ricerca del sé sia anche la ricerca del NOI. Cresciuto tra Stato e Rivoluzione e Bertolt Brecht.
Filippo Mellara

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Le vie dell’avvento

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013