3 Ottobre 2022

INTERNAZIONALE 2022
L’età e la vita nel cambiamento

Roberta Barbieri

Tempo di lettura: 6 minuti

Ho seguito tre incontri in questa prima giornata di Internazionale a Ferrara e in tutti e tre si è parlato di giovani o hanno parlato i giovani. E’ un ottimo segno.

Ore 11:00 – Cinema Apollo

Dell’evento delle 11 al cinema Apollo, dal titolo Le città visibili, ha già dato conto sul nostro giornale Maria Calabrese [Qui], con la quale ho condiviso durante l’incontro una palpabile empatia generale.

Un particolare della presentazione del Liceo Ariosto (foto Maria Calabrese)
Gli studenti del liceo Dosso Dossi illustrano il loro lavoro (foto Maria Calabrese)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Agli ospiti, intervistati da Federico Taddia sul tema della città come spazio di vita, sono subentrate le performance dei ragazzi di due licei cittadini, l’Ariosto e il Dosso Dossi, entrambe calate nella realtà di ogni giorno, entrambe piene di spunti operativi tesi a migliorare l’impatto degli adolescenti con la città.

Ore 15:30 – Palazzo Naselli Crispi

Nel pomeriggio piovoso di questo ultimo giorno di settembre è programmata l’intervista a Silvia Sciorilli Borrelli. A porle le domande sul suo recente libro L’età del cambiamento, uscito nel giugno di quest’anno presso Solferino, la vicedirettrice del quotidiano online Open, Serena Danna.

Silvia Sciorilli Borrelli presenta "L'età del cambiamento" dialogando con Serena Danna
Silvia Sciorilli Borrelli presenta “L’età del cambiamento” dialogando con Serena Danna (foto Valerio Pazzi)

Due giovani donne, da poco uscite dalla fascia d’età in cui l’ISTAT colloca i giovani fino a 34 anni. Anche il libro di cui si parla è diretto ai giovani, in particolare a quei ragazzi che in Italia sono usciti dai percorsi formativi e si affacciano al mondo del lavoro.
Serena Danna lo definisce un libro coraggioso, che restituisce attraverso i dati la fisionomia dei problemi più gravi che riguardano le ultime generazioni e tenta di suggerire soluzioni concrete. Lo sottolinea anche il sottotitolo del saggio, Come ridiventare un paese per giovani.

Osservo l’autrice mentre parla: è la stessa che ho ascoltato molte volte in tv, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo. Parla con prontezza e senza ombra di protagonismo.

Ha lo sguardo ampio di chi ha vissuto gli anni della propria formazione all’estero tra USA e Inghilterra e guarda ai problemi della sua nazione di origine, in cui è ritornata vivendo e lavorando a Milano come corrispondente del Financial Times, con l’ottica del raffronto. Ci sono problemi analoghi che toccano i paesi occidentali e ci sono soluzioni già tentate altrove da cui è utile prendere spunto.

I giovani in Italia. Accuratamente esclusi dai temi della recente campagna elettorale, descritti spesso come passivi e avulsi dalla politica, afflitti dalla disoccupazione più pesante in Europa (il 34% è senza lavoro e il 23% non lo cerca nemmeno), sembrano dividersi tra coloro che rinunciano a studiare e a cercare un lavoro e quelli che dopo l’università aumentano le fila dei “cervelli in fuga” all’estero, in cerca di una valorizzazione professionale che l’ Italia non offre.

In realtà all’autrice non risulta che i giovani in Italia siano così passivi, o almeno non lo sono a livello individuale, manca semmai il senso di una azione, di una ribellione comune.

Finora sono scesi in piazza per protestare contro il clima nei Fridays for Future, oppure contro l’alternanza scuola lavoro; anche se il loro impegno non si traduce in un voto partitico  i giovani sono interessati ai temi della politica e ne parlano attraverso i social.

Spaesamento rispetto agli slogan partitici da cui avvertono la distanza, difficoltà di dialogo tra generazioni in un mondo dell’informazione ancora legato a una cultura novecentesca che resiste  alla innovazione; inefficacia di un ascensore sociale quale potrebbe essere la scuola; piaga dilagante del lavoro precario e problema macroscopico dei salari, che solo in Italia sono in calo dagli anni ’90.

Silvia Sciorilli Borrelli (foto Valerio Pazzi)

Sono alcuni tratti del provincialismo culturale (dico io), che Sciorilli  ascrive alla situazione di precarietà dei diritti civili nel nostro Paese. A partire ancora una volta da quell’articolo 36 della Costituzione [Qui], che nella realtà attuale esclude non solo i giovani ma anche le donne dalla piena realizzazione di sé in chiave personale e sociale.

Quali possibilità ci sono per i giovani di prendere realmente parte al dialogo politico, saldando i rumors che già si muovono nei social o le mille istanze individuali cui si accennava di sopra?

Un cambio di passo potrebbe venire da quel PNRR che molti chiamano Recovery Fund, anche se il suo nome è Next Generation EU e dalle risorse che vi sono contenute per realizzare le riforme strutturali di cui l’Italia ha bisogno se vuole crescere come comunità non solo economica, a partire dalla valorizzazione delle nuove generazioni.

Le risposte che l’autrice offre alla fine di ogni capitolo nel suo libro non vengono svelate appieno nel corso della conversazione con Serena Danna. Devo accontentarmi di cenni sparsi nelle risposte di Sciorilli, qualcosa che lei dice sulla ridefinizione dei curricoli scolastici, sulla revisione dei meccanismi di passaggio dall’Università al mondo del lavoro, sulla utilità per i giovani e giovanissimi di fare esperienze lavorative negli anni di studio.

Colgo la sua determinazione nel fare appello al senso di responsabilità in ogni singolo interlocutore sociale, nell’auspicio insistito che la protesta dei giovani possa tradursi in dibattito politico.

Penso che stamattina all’Apollo gli studenti  hanno fatto proposte concrete per migliorare l’uso delle biciclette nel tragitto dalla stazione ferroviaria alla loro scuola. E’ un altro buon segno.

Ore 17:00 – cortile del Castello Estense

Nel cortile del Castello è lunga la coda che scansa la pioggia snodandosi sotto il loggiato. È stato spostato nelle sale dell’Imbarcadero l’incontro tra Daria Bignardi, che presenta il suo ultimo Libri che mi hanno rovinato la vita, e i ragazzi del gruppo di lettura Galeotto fu il libro del Liceo Ariosto.

Entro, saltando la coda come docente del Liceo (sono ormai ex ma non si vede), dentro trovo le ragazze già sedute al tavolo con Daria Bignardi, in attesa che il pubblico entri a prendere posto. Sembra una adolescente anche lei, per il sorriso fresco con cui saluta anche me e per la naturalezza con cui si pone mentre parla.

Internazionale Ferrara 2022, nel Cortile del Castello (foto Valerio Pazzi)

Mi dispongo ad ascoltare e penso che questi ragazzi sono più piccoli degli universitari a cui si rivolgevano Danna e Sciorilli Borrelli poco fa. Qui si parla della lettura come risorsa trasversale nella vita della scrittrice e giornalista, che è nata a Ferrara e ha frequentato lo stesso Liceo dei suoi intervistatori.

Si affrontano i temi della crescita interiore, del delicato rapporto con se stessi e con la famiglia. Qui è la vita interiore dei giovani che occupa il centro della riflessione. I libri letti e amati come paletti lungo il percorso di crescita.

La conoscenza di se stessi, la convivenza con se stessi come spazio propedeutico agli altri spazi dell’esistenza sociale di ognuno. Per vivere in comunità, si tratti dello spazio urbano o delle prospettive di vita civile come suggeriscono gli altri due incontri di questa fertile giornata ferrarese.

Cover: Il tabellone con il ricco programma di Internazionale Ferrara 2022 (foto Valerio Pazzi)


Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roberta Barbieri

Dopo la laurea in Lettere e la specializzazione in Filologia Moderna all’Università di Bologna ha insegnato nel suo liceo, l’Ariosto di Ferrara, per oltre trent’anni. Con passione e per la passione verso la letteratura e la lettura. Le ha concepite come strumento per condividere l’Immaginario con gli studenti e con i colleghi, come modo di fare scuola. E ora? Ora prova anche a scrivere
Roberta Barbieri

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013