25 Novembre 2022

Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

Franco Stefani

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Vjačeslav Ivan’kov, mafioso. Boris Berezovskij, oligarca. Sergej Savele’ev, carcerato. Nikita Kuzmin, criminale informatico. Attraverso le vicende della vita di questi quattro personaggi (reali, non inventati) Federico Varese, docente di Criminologia e direttore del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Oxford, ha acceso i riflettori sulla storia recente della Russia, facendoci capire come sono andate le cose dalla deposizione (diciamo così) di Michail Gorbačëv all’avvento di Vladimir Putin, passando per l’interregno di Boris El’cin.

Il suo “La Russia in quattro criminali” presenta un approccio singolare, ma non per questo meno serio e calzante perché adopera la tecnica dei campioni sociologici: ognuno dei quattro personaggi rappresenta un mondo, che ovviamente si interseca con gli altri. Ne esce un ampio quadro, ricco di particolari, che spiega come sia avvenuta la transizione al mercato e alla “democrazia” di un paese precedentemente dominato da una dittatura fondata sul cosiddetto “socialismo reale”.

La transizione, a giudicare dagli eventi, non si è affatto compiuta. L’invasione dell’Ucraina dal 24 febbraio di quest’anno è il portato ultimo di questo processo, caratterizzato da repressione del dissenso, corruzione, intreccio tra politica e criminalità, sviluppo delle mafie.

Federico Varese (ferrarese di nascita, collaboratore tra l’altro di questo giornale e profondo conoscitore dell’ex Unione Sovietica) ha descritto e documentato con rigore le imprese dei quattro personaggi.

La carriera di Ivan’kov, che inizia facendo il ladro e il borseggiatore fino a diventare un potente mafioso, ha dato modo a Varese di spiegare come nell’ex Unione sovietica esista un universo criminale molto complesso (3.000 organizzazioni nel 1993, secondo il ministero dell’Interno russo) al cui vertice stanno i capi, detti vory-v-zakone (letteralmente: ladri in legge). Una galassia che nei primi anni ’90 fu protagonista di una sanguinosa guerra di mafia, che coinvolse, oltre ai russi, criminali ceceni, azeri e sbandati di ogni tipo (100 omicidi nel 1992, 250 nell’anno successivo, 500 nel 1994, sempre secondo dati ministeriali).

Ivan’kov – morto a Mosca nel luglio 2009 dopo essere stato colpito da un cecchino mentre usciva da un locale elegante – rappresenta in modo esemplare l’espansione della criminalità organizzata nell’ultimo quarantennio in Russia.

Boris Berezovskij, nato nel 1946, per aver realizzato insieme al giornalista Valentin Jumasev la pubblicazione di un libro sulle memorie di Boris El’cin“Diario di un presidente”, uscito nel 1994 – ne divenne uno stretto collaboratore, diventando un personaggio di rilevanza nazionale. Come tale, si integrò perfettamente nel disegno politico di El’cin, che non solo sostituì un regime autoritario con un altro, il suo (infatti sciolse il Parlamento mandando in piazza i carri armati) ma diede il via alla privatizzazione spinta dell’economia.

Uomo di notevoli capacità, Berezovskij assecondò in vari modi il disegno di El’cin, concorrendo in pochi anni a svendere l’intero patrimonio industriale e coronando il proprio sogno di diventare padrone di settori importanti dell’economia sovietica (ad iniziare da quello automobilistico) sino a quando il delfino di El’cin, Vladimir Putin, andò al potere nel 2000 e decise di liberarsi della tutela degli oligarchi. Per Berezovskij fu l’inizio della fine: emigrò in Inghilterra e dopo alcuni rovesci finanziari, ridotto pressoché in miseria, nel 2009 fu trovato cadavere in una casa nella campagna inglese.

Il terzo personaggio, Sergey Savele’ev, è stato vittima della repressione di Putin, che Anna Politkovskaja denunciò sin dai primi anni 2000, e che si manifestò con numerose leggi, dall’abolizione delle elezioni dei governatori regionali e dei senatori (che venivano nominati da funzionari locali) alla limitazione, dal 2013, delle attività di quotidiani, televisioni, siti internet, organizzazioni non governative. Seguiranno altre misure repressive, ad esempio contro i culti religiosi non riconosciuti dallo Stato.

Savele’ev, nato in Bielorussia, ha scontato sette anni di galera nelle carceri russe, è fuggito in modo rocambolesco dalla Russia e coraggiosamente ha registrato e fatto arrivare in Occidente centinaia di video che testimoniano l’inferno dei penitenziari: torture, stupri dei detenuti, violenze, condizioni subumane dei prigionieri. Sergej – scrive Varese – è l’unica persona nel sistema penitenziario russo che è stata capace di trafugare e far conoscere materiale esplosivo, visibile su YouTube dal 2021 nel canale Gulag.net. A seguito di queste denunce, le autorità russe e lo stesso Putin hanno dovuto in qualche modo correggere alcune misure carcerarie, reprimendo nel contempo ancor più le attività criminali.

Nikita Kuzmin è il quarto personaggio. Nato nel 1984,  figlio di un cantante famoso, Vladimir Kuzmin, è diventato un genio dell’informatica, ed è il creatore del pericolosissimo virus bancario Gozi, realizzato assieme a due complici, Deniss “Miami” Calovskis e Mihai “Virus” Păunescu.

Le imprese di Kuzmin fanno parte del vasto mondo del cybercrime russo, di cui Varese offre uno spaccato ricco di dettagli. “Da anni – scrive Varese – esiste un accordo di fatto tra Stato russo e criminali informatici, basato sul principio: ‘ Voi potete agire liberamente a patto che non attacchiate istituzioni e clienti russi e, quando richiesto, ci aiutate nella nostra guerra ibrida contro l’Occidente’”. Due gruppi – noti con le sigle Apt 28 e Apt 29 – sono accusati di varie intrusioni e aggressioni a diversi siti, da quello del Pentagono a quelli del ministero degli Esteri della Norvegia, del Partito laburista inglese, del ministero della Difesa olandese.

Il lavoro di Varese è estremamente interessante per comprendere meglio cosa accade nella Russia di Vladimir Putin. Un libro agile e istruttivo, del quale consiglio vivamente la lettura.

Il volume: Federico Varese, La Russia in quattro criminali, Torino, Einaudi, 2022


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Franco Stefani

Franco Stefani

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Le scarpe perdute e i libri trovati a mezzanotte

  • Europa portaerei. Europa dei 17 muri, Europa gregaria degli Stati Uniti…
    Alla ricerca del proprio spazio vitale

  • Il sindaco di Ferrara e l’assessore alla cultura sbeffeggiano i difensori del parco urbano

  • Parole e figure /
    Un postino nel bosco

  • Ora e sempre (La) Resistenza!

  • Silvia Guerini: dal corpo neutro al cyborg postumano

  • Zelensky al festival di Sanremo: spegniamo la TV, spegniamo la propaganda di guerra!

  • Io sono una scuola

  • Educazione siberiana

  • La nave Geo Barents a La Spezia, la accoglie una manifestazione. Oggi un presidio davanti alla prefettura

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013