25 Gennaio 2023

Vite di carta /
Le realtà convesse e concave di Escher

Roberta Barbieri

Tempo di lettura: 5 minuti

 

Fino al 26 marzo è possibile fare visita al genio di Maurits Cornelis Escher presso lo Spedale degli Innocenti a Firenze. È possibile entrare nello spazio museale al piano terra dello storico brefotrofio costruito nel primo Quattrocento su progetto di Filippo Brunelleschi e per primo incontrare il buio di un breve corridoio. Sono andata avanti a passi incerti seguendo la voce registrata che illustra l’opera dell’artista olandese, incisore e grafico scomparso nel 1972 ma ancora attualissimo nella sua visione multiprospettica della realtà.

Non so agli altri visitatori, a me l’assenza di luce ha tolto ogni filtro, ha fatto tabula rasa di ogni resistenza ricettiva. Mi sono messa davanti alle opere – circa 200 – e una dopo l’altra ho lasciato che occupassero il campo visivo. Proprio così: un mondo immaginifico, i mondi che Escher mette in contatto tra loro – tra arte e matematica, tra fisica e design – hanno occupato l’ampiezza del mio sguardo, come se aspettassi da tempo una visione così totale.

Prima i paesaggi italiani riprodotti nelle opere  delle prime sale, con le vedute dei luoghi dove Escher ha vissuto o dove è passato negli anni della sua permanenza nel bel Paese, tra il 1922 e il 1935. Immagini della Toscana, di Roma, della Campania, immagini geometrizzate e tuttavia piene di lirismo e di un languore implicito che mi è sembrato di percepire con immediatezza.

M.C. Escher, Metamorphosis, 1939-1940

Poi opere come Metamorphosis, che dipana per i suoi quattro metri di lunghezza la lusinga della trasformazione dalle parole alle forme geometriche, agli animali che escono dal loro alveare per divenire pesci e poi uccelli librati nell’aria. Uccelli che nello stilizzarsi si deformano in cubi e finalmente in case arroccate attorno a una chiesa, da cui esce una scacchiera e finalmente il reticolo dei suoi quadrati si dissolve nelle parole iniziali da cui era partita l’opera. Anzi, è la stessa parola Metamorphose ripetuta in orizzontale e in verticale che forma un reticolo analogo a quello della scacchiera. Ho dovuto camminare a lato della lunga xilografia e ho fruito delle immagini come se mi parlassero del tempo che scorre: del suo sviluppo lineare e insieme della sua circolarità, come dire che diventiamo continuamente altro ma dentro un intervallo di esperienze pronte a riprodursi ciclicamente.

Quando mi sono accostata a opere quali Mani che disegnano o Relatività, ho percepito la forza espressiva della tridimensionalità che interseca piani di profondità diversa e volumi intrecciati dagli effetti paradossali.

Nel primo quadro sporgono da un piano di fondo due mani che si fronteggiano, entrambe impugnano una matita, ma è una sola che è all’opera per riprodurre l’altra nel medesimo atto di scrivere.

M.C.Escher, Mani che disegnano, 1948

Nella seconda si vedono delle figure umane salire le scale in ogni direzione, seguendo il movimento di ognuna si arriva a vedere uno scorcio sul mondo di fuori diverso ogni volta, ora sviluppato in orizzontale, ora in verticale. Come dire, è sempre questione di punti di vista.

M.C. Escher, Relatività, 1953

Quando comincio a realizzare che la Weltanshauung del mio amato Pirandello non è bastata più all’esile signore qui riprodotto in gigantografia, alto e barbuto e che si chiama Escher, mi invade un beato senso di familiarità. Sono a casa. Mi muovo leggera per entrare nella camera degli specchi dove la mia immagine si duplica in ogni direzione. Mi paro davanti a un’opera costituita da un pannello translucido che forma bolle qua e là a forma di mezze sfere riflettenti. Lì ci sono tutte le immagini fondamentali che posso avere di me: frontale non deformata sulla superficie piana, a testa in su ma deformata e come rimpicciolita sulle semisfere concave, a testa in giù in quelle convesse. Sono le mie io, che dipendono dalla relatività e dalla mutevolezza delle realtà di cui sono fatta.

La forza di Escher è avere coinvolto le scienze, di averle rese complici di una epistemologia costruita sulla capacità deformante del soggetto nel suo guardare il mondo. Lipersguardo, se posso chiamarlo così, è lo strumento per vedere le sue opere. Servono abitudine speculativa e immaginazione, più che i cinque sensi.

Scatto poche foto, non riesco a selezionare tra le opere che mi parlano con forza. Mentre esco fotografo uno spicchio di cielo che si infila nel chiostro dello Spedale e rimbalza sulla sfera gigantesca sistemata in un angolo.

Sotto la grandine vado al mio appuntamento all’Osteria dei Centopoveri. Sono attesa da una decina di persone sconosciute che vedrò tra poco. Di loro so che vengono da paesi diversi, me ne ha parlato la persona che mi ha dato il passaggio in auto fino a Palazzo Vecchio e che oggi sarà festeggiata durante il pranzo. Seduti a un tavolo per dodici ci scambiamo nomi e cortesie di approccio, poi ognuno ordina i piatti che desidera.

Durerà un paio di ore l’abbondante pranzo fatto di voci e accenti e mentalità diverse. Tra le domande gentili che mi vengono rivolte, una mi fa davvero sorridere: “Ti è piaciuta Firenze?”. Dovrei dire che la conosco da tanti anni, che ci sono venuta una numero imprecisato di volte, molte portando le classi in viaggio di istruzione. Ma dico solo “Si, anche stavolta mi è piaciuta moltissimo, ho visto una mostra che mi ha davvero colpita.”

E il discorso delle signore svia sulla bontà dei piatti, su alcune ricette delle loro terre, l’Albania, il Marocco, Cuba. Due sole commensali sfoggiano la parlata toscana, la lingua del sì della nostra storia linguistica. E di parola in parola vedo le nostre figure piegarsi su piani ora concavi ora convessi, come se fossimo entrati tutti nelle opere di Escher. Un gioco serissimo, in cui ognuno forgia l’immagine dell’altro mettendoci la lente deformante delle aspettative che aveva, sommate alle impressioni provvisorie che riceve. Tutte piccole facce del poliedro che ognuno è propenso a mostrare di sé in un momento così, a tavola, in un giorno di pioggia.

Per leggere gli altri articoli e indizi letterari di Roberta Barbieri nella sua rubrica Vite di cartaclicca [Qui]

Cover: fotografia dell’autrice


Commenti (4)

  • Annarita Boccafogli

    Uno sguardo frutto di tanti sguardi, prospettive che mutano ma procedono da una partecipazione viva e sensibile delle immagini, e delle persone… Grazie

  • Un testo fatto di parole sapienti che costruiscono e visualizzano immagini potenti!!!! grazie Robi! Hai dato vita – di carta – a immagini – sulla carta – e mi ci hai fatta entrare a capo fitto!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roberta Barbieri

Dopo la laurea in Lettere e la specializzazione in Filologia Moderna all’Università di Bologna ha insegnato nel suo liceo, l’Ariosto di Ferrara, per oltre trent’anni. Con passione e per la passione verso la letteratura e la lettura. Le ha concepite come strumento per condividere l’Immaginario con gli studenti e con i colleghi, come modo di fare scuola. E ora? Ora prova anche a scrivere
Roberta Barbieri

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Le scarpe perdute e i libri trovati a mezzanotte

  • Europa portaerei. Europa dei 17 muri, Europa gregaria degli Stati Uniti…
    Alla ricerca del proprio spazio vitale

  • Il sindaco di Ferrara e l’assessore alla cultura sbeffeggiano i difensori del parco urbano

  • Parole e figure /
    Un postino nel bosco

  • Ora e sempre (La) Resistenza!

  • Silvia Guerini: dal corpo neutro al cyborg postumano

  • Zelensky al festival di Sanremo: spegniamo la TV, spegniamo la propaganda di guerra!

  • Io sono una scuola

  • Educazione siberiana

  • La nave Geo Barents a La Spezia, la accoglie una manifestazione. Oggi un presidio davanti alla prefettura

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013