30 Agosto 2022

The Great Energy Swindle
(la grande truffa dell’energia)

Nicola Cavallini

Tempo di lettura: 4 minuti

“The great rock’n roll swindle” è un film del 1980 nel quale il manager dei Sex Pistols, Malcolm Mc Laren, racconta che il punk fu una gigantesca operazione commerciale fintamente iconoclasta per fare un mucchio di soldi. Una truffa (swindle, appunto). Con il senno di poi e il fiuto di sempre, Mc Laren diceva solo una parte della verità; ma non può essere considerato impostore chi, in sostanza, dà dell’impostore a se stesso.

Il primo a parlare di truffa sui prezzi dell’energia è stato l’attuale Ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, che non può certo, in materia, essere definito un impostore.
Poi si è defilato, perché un ministro ha l’obbligo della prudenza e della diplomazia – o forse più banalmente perché gli hanno detto che è meglio se sta zitto. Sta di fatto che durante la guerra in Ucraina le forniture del gas russo all’Europa e all’Italia non si sono mai interrotte.
Quindi non c’è stato, finora, nessun problema di squilibrio tra domanda e offerta di gas che possa giustificare il decollo dei prezzi al consumo. 

Per spiegarne le ragioni cito chi di sicuro non è un comunista- populista-incompetente- nemico-del- mercato, cosa che potrei essere io. Alfonso Scarano, analista finanziario indipendente;

Dice Scarano, rispondendo a un’intervista di Andrea Trucco su Valigia Blu: “Il problema in Italia dipende innanzitutto dal fatto che Arera (l’ente pubblico che vigila sul mercato dell’energia elettrica e del gas naturale) fa riferimento ai dati del mercato spot sul gas naturale. L’aumento del prezzo sul mercato finanziario ha portato a un’induzione degli aumenti di prezzo nei consumi perché Arera prende questi dati in maniera quasi automatica, asettica, anche se questi sono staccati dal cosiddetto prezzo doganale, cioè quello relativo al gas fisico che passa nei gasdotti e sul quale vengono poi calcolate le accise. Per dirla in maniera più semplice: il prezzo fisico si è distaccato da quello speculativo… La mia tesi, o potremmo dire un legittimo sospetto, è che ci sia stata una manipolazione del mercato TTF che mira a stravolgere gli equilibri geopolitici. Penso per esempio al fatto che nel giro di poco tempo gli USA sono riusciti a piazzare all’Europa 15 miliardi di metri cubi di GNL a prezzi esorbitanti: un risultato impensabile appena pochi mesi fa. Ma soprattutto ha permesso ai nostri tre operatori principali sul gas, vale a dire ENI, Snam ed Edison, di posizionarsi in una rendita parassitaria, lucrando con la differenza tra i prezzi reali alla fonte e i prezzi speculativi”.

Ancora – perché quando un addetto ai lavori dice le cose bene, non si può dirle meglio: “…anche una tassazione maggiore non risolve del tutto la questione. Bisogna andare alla radice del problema, rivolgendosi al mercato TTF di Amsterdam e rivolgendosi a trader professionisti, anche perché si tratta di un mercato talmente di nicchia che si conoscono tutti gli operatori. Serve un’inchiesta internazionale, seria e di parti terze, per capire se determinati soggetti hanno stabilito cartelli e accordi sottobanco”. Infine: “Se ci fosse una reale volontà politica si potrebbero obbligare aziende come Eni a restituire ciò che hanno guadagnato a chi ha perso tanto o tutto.” (per l’intervista integrale leggi qui).

Queste dichiarazioni sono di Alfonso Scarano, analista finanziario indipendente. Che non sarà l’oracolo di Delfi, però, se il primo a parlare di “truffa” sui prezzi dell’energia è stato l’attuale Ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, molto inserito negli ambienti che contano e certamente aduso alla cautela, credo che siamo messi male.

Poi ci sono i fenomeni che stanno al governo ma che non riescono a stare zitti (non nel senso di Cingolani, voce dal sen fuggita). E dovrebbero invece tacere, visto che hanno emanato una norma che (timidamente) vorrebbe far pagare ai nostri produttori di energia una tassazione straordinaria sui profitti straordinari che hanno accumulato in questi mesi, e non ci riescono assolutamente.
Allora, i casi sono tre: o scrivono male le norme (grave, per dei seri e competenti, anzi, i “migliori”); o hanno fatto male i calcoli del gettito previsto (visto che hanno incassato un decimo dello stimato); oppure chi non paga se ne frega dello Stato e dei cittadini, e questo menefreghismo è praticato, tra le altre, da un’azienda che è detenuta al 30% dallo Stato.

Invece si permettono anche di pontificare. Tipo il nostro spocchioso quant’altri mai Luigi Marattin (deputato di Italia Viva), che dà del populista sovietico a Maurizio Landini, mentre dovrebbe  chiedersi per quale arcana ragione, invece dei 10 miliardi di sovrattassa alla aziende del gas per gli extraprofitti che il governo (di cui Marattin fa parte) doveva incassare entro giugno. sono arrivati solo 800 milioni. E magari, da grande economista quale dice di essere, trovare un rimedio a questa vergognosa disfatta dello Stato.

In Italia chiunque parli di misure redistributive – che prelevino da chi accumula ricchezze e restituiscano a chi perde reddito e potere d’acquisto – è un ‘populista’. Punto e a capo.

Invece i fautori del laissez-faire , i liberal liberisti, per i quali i mercati non sono speculativi, ma fanno semplicemente il loro mestiere, sono le persone serie.
Peccato, però, che la loro mitologica ‘classe media’, quella che  dichiarano di voler difendere, scivolerà nel giro di tre bollette nell’incubo di non avere i soldi per fare la spesa. E intanto le imprese, a una a una, stanno chiudendo i battenti, perché produrre in perdita a causa del caro energia non conviene. Evviva il neoliberismo.


Commento

  • Dispero di vedere qualche azione di verifica riparatrice o intesa a incassare il dovuto da redistribuire
    non solo dai “migliori” che se ne stanno andando per la crisi di governo, ma anche da quelli che presumibilmente avranno più voce in capitolo dopo le elezioni. E noi paghiamo…

I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Nicola Cavallini

E’ avvocato, ma ha fatto il bancario per avere uno stipendio. Fa il sindacalista per colpa di Lama, Trentin e Berlinguer. Scrive romanzi sui rapporti umani per vedere se dal letame nascono i fiori.
Nicola Cavallini

Ti potrebbe interessare:

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013