20 Maggio 2018

DIARIO IN PUBBLICO
L’ora delle decisioni?

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 3 minuti

Nell’ultima uscita della mia rubrica il 14 maggio scorso così scrivevo:”Giustamente esultanti, le cronache riferiscono sull’affluenza di pubblico; e non a caso in questo lunedì di passione (vera), che forse vedrà la nascita del nuovo governo, l’attenzione è tutta tesa ai destini non tanto dell’Italia, che sempre rimane terra di santi, poeti e navigatori, ma della Spal”.
La redazione così confermava l’immediato online dell’articolo: “Gentile professor Venturi, confermiamo la ricezione del suo contributo settimanale. Dati i riferimenti a Interno verde e all’attualità politica nazionale, il pezzo è già online sulla nostra home page”.
Siamo al 20 maggio e di governo nemmeno l’ombra. Anzi sì: l’ombra del programma. E i soliti noti a discutere: “Si farà? Non si farà” (il governo)?
In altri termini si assiste all’esatta metafora espressa da quel programma che mette in mostra con sempre più cattiveria le debolezze e le passioni degli ‘itagliani’: La Corrida. Così, tra voglio e non posso oppure posso ma non voglio, le ombre dei due liderini s’incontrano e si scontrano sotto il paternamente mefistofelico sorriso di mister Silvio, quasi scarmigliato, intento a escogitare l’opposizione positiva. Per chi? Naturalmente per lui.

E a ‘Ferara’? Diluvi o splenda il sole folle oceaniche si riversano in piazza a seguire la Mille miglia, il Giro d’Italia, i canti, le musiche, le sagre affinché sia finalmente riconosciuto il valore democratico dell’abbuffata sotto il tendone. Non lo era forse ai tempi preistorici la mitica Festa dell’Unità?
Loro 2‘, il pensoso film di Sorrentino colleziona vuoti paurosi ancor più del primo; ma perla rara in tanta corretta mediocrità lo straordinario concerto della Chamber Orchestra of Europe con Sir Antonio Pappano che l’ha diretta in modo così sublime da rimanere col singhiozzo in gola. Nel concerto per violino di Brahms la ventottenne Veronica Eberle sostituta di Lisa Batiashvili , alta nel suo vestito plissée che la rassemblava a una fantastica colonna greca, traeva dal suo strumento il concetto, vibrante come un cuore pulsante, della bellezza, ristoro unico ai mali.
E ci si scanna per due mediocrità? Ve ne accorgerete. Ce ne accorgeremo.
Alla memoria riaffiora il mieloso film ‘Aimez-vous Brahms?’ con la divina Ingrid Bergman visto in un pomeriggio d’estate mani nelle mani con una ragazza toscana d’incredibile classe che dopo quel film non ho più rivisto. L’autrice del libro, Françoise Sagan, mi era costata qualche anno prima il mio unico 5 in italiano in quanto scoperto, mentre il Maestro cominciava la spiegazione dell’Orlando furioso, a leggere sotto banco ‘Bonjour tristesse’.
Nel fine settimana passa per Ferrara una personalità straordinaria, il conte Leonardo Clerici nipote di Filippo Tommaso Marinetti che cerca documenti per il suo prossimo lavoro sull’Ottava d’oro, le celebri manifestazioni del 1933 volute da Balbo per il Centenario di Ludovico Ariosto che rilanciarono nel mondo il mito del poeta ferrarese. La sua fondazione di Bruxelles ‘Skriptura’ raccoglie tesori bibliografici e culturali straordinari. Fa piacere poter connettere una realtà culturale così importante con la città. Non dimentichiamoci che all’Istituto di Storia contemporanea diretto da Anna Quarzi, valente studiosa, è stato affidato l’Archivio Balbo che aprirà al pubblico le consultazioni dal 15 giugno prossimo.
A questi interessantissimi ‘doveri’ culturali si affiancano però le preoccupazioni per il misterioso governo che non si sa ancora se nascerà o abortirà.
Tuttavia ieri è stato giorno di festa. Come perdersi i cappelli del matrimonio reale in Inghilterra? O – direttamente lanciata al cuore bianco di Salvini – la moltitudine di ‘negri’ che affollano il matrimonio reale, dalla madre di Megan alla pastore della chiesa americana al fantastico violoncellista che accompagna l’uscita degli sposi.
Dura è parlare qui di ‘negritudo’, specie nel cuore e nel centro della potenza più colonialista del mondo. Altro che gli imbarchi…

Ma come non avere il cuore in subbuglio per i destini della Spal che domani si risolveranno?
E poi possiamo perderci la diversamente giovane Gina Lollobrigida che questa sera si esibirà in danza a Ballando sotto le stelle’?
Una settimana decisiva? Chissà. Forse lunedì NON sapremo ancora.
Certo che a questo punto sia data requie alle inquietudini ‘itagliane’ e si pensi all’indole e alle scelte del ‘popolo’.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013