2 Ottobre 2022

UNA COLLANA PERFETTA
‘Parola di Pilsops’, è uscito il romanzo di Giuseppe Nuccitelli

Sergio Kraisky

Tempo di lettura: 5 minuti

 

Un romanzo incentrato sull’amore e ambientato nella scuola, costruito dentro la cornice di un dialogo frammentario tra una studentessa in crisi sentimentale e il suo professore di filosofia, che si dipana per 140 pagine senza mai nominare le parole ‘amore’ e ‘scuola’.

Perché – spiega l’autore in un’intervista [Vedi qui]sono parole inquinate da retorica e abusi  semantici. Già questo ci dice molto sulla propensione a una ricerca stilistica ed espressiva al confine con la prosa poetica. Molte singole frasi o periodi posseggono una loro autonomia di senso anche fuori contesto, come rami di un albero che, cadendo, generano nuovi alberi. Un romanzo e uno stile che sembrano piacere “molto a pochi e poco a molti”, usando le parole dello stesso Giuseppe Nuccitelli. Rimane da capire chi sono e quanti sono i pochi.

Seguendo il mio istinto di lettore più propenso a un genere di narrativa concreta, oggettiva, quella che convenzionalmente si dice basata sui cinque sensi,  potrei essere uno dei molti. Eppure, la lettura di queste pagine mi ha via via portato a  soffermarmi sempre di più tra le frasi e a volte le singole parole, a seguire una scrittura più errabonda che costringe alla pensosità e all’ immersione nella memoria.

Quando accade questo, si scopre tutta la bellezza del romanzo di  Nuccitelli.  E avviene qualcosa di strano: poco alla volta si comincia a viaggiare attraverso le disillusioni e la sofferenza, implicite nel termine ‘passione’, causate dal bisogno di realizzare una pienezza estatica della vita, dall’aspirazione a vivere tutte le vite possibili contenute nell’esistenza di ciascuno.
Questo viaggio nella sofferenza, ossia l’altra faccia della felicità ad essa intrinsecamente legata – ma forse la parola ‘felicità’ andrebbe evitata come amore e scuola –, una sofferenza dovuta all’enorme difficoltà di realizzare quella che l’autore chiama “una collana perfetta”, e dovuta anche alla sconfortante consapevolezza di quanto potrebbe essere dolce la vita, questo sottofondo costante di edonismo sofisticato e di insoddisfazione ricorda a volte scrittori come Bukowski e i vitalisti alla Kerouac.

Ma c’è dell’altro: nel percorso accidentato e seminato di imprevisti e paradossi verso questa felicità, la morte e i morti si rivelano passo dopo passo gli inevitabili compagni di strada per approdare alla terra promessa. Come se le loro vite accantonate ritrovassero senso nel momento in cui noi le  resuscitiamo interiormente, vivendo con la stessa intensità anche le loro, così come le risate senza l’esperienza delle lacrime non hanno spessore, non emanano vera gioia.

Di tutte le sei parole chiave che compongono nel libro la collana perfettapensiero, atemporalità, risate, bene, lacrime ed eros – e che sono anche sei modi diversi di declinare le relazioni amorose nelle quali si scopre regolarmente la mancanza di qualcosa, una mi sembra particolarmente intrigante: l’atemporalità. Gli psicologi, da Freud in poi, si sono occupati molto dell’atemporalità come regno dei sogni e dell’inconscio, ma qui si tratta di altro. O meglio, di qualcosa di più.

Atemporalità. Non è un semplice tuffo nel mondo onirico come tutte le notti, chi più e chi meno, siamo abituati a compiere, ma si tratta di sperimentare una condizione quasi sovrumana in cui l’intelligenza padroneggia i sentimenti dopo esserne attraversata, domina lo spazio e il tempo e sconfina senza timore nel territorio della morte e dell’eternità senza restarne prigioniera.
Un’atemporalità che nel romanzo viene vissuta non nella solitudine del sogno, ma nella relazione con un’altra persona, o meglio con una donna: e questo è l’apice dell’estasi e del viaggio verso la terra promessa, anche perché parliamo dell’incontro con quella parte di mistero che il mondo femminile per un protagonista maschile racchiude sempre. Anche se forse Nuccitelli non sarebbe d’accordo, visto il finale del romanzo.

Rimane il fatto che, alla fine, alla terra promessa si riesce ad approdare, nonostante le frequenti disillusioni e le incomprensioni, a volte stupide, dovute a distrazione e presunzione. Ed è proprio lo scontro con gli errori – “perché incontriamo sempre quello sbagliato?” – a rivelarci che alla fine gli errori non esistono ma sono solo porte che si aprono (e a volte ti sbattono in faccia) lungo i sentieri del destino.

E sono le coincidenze più strane, a volte quasi incredibili, a costituire lo scheletro su cui si regge lo sviluppo narrativo del romanzo. Coincidenze e rivelazioni, alternandosi, scandiscono il ritmo della narrazione. Coincidenze e rivelazioni che tengono insieme il mistero del codice nascosto dello scherzo goliardico dei liceali, feroci nella loro inconsapevolezza, e la ricerca dell’incognita  del professore di filosofia.

Tornando alle pagine sull’atemporalità, leggendole viene alla mente Baudelaire quando descrive la condizione di chi attraverso l’oppio sperimenta una percezione del tempo che si dilata, si ferma, si espande o corre alla velocità della luce. Infatti, si tratta di una condizione che contiene lo spazio dell’eternità, dell’estasi, la sensazione di avere raggiunto un altrove riservato a pochi o forse a lui solo, la sensazione di vivere dentro alla bellezza e alla ricchezza di forme e colori che il mondo ci offre: e proprio qui sembra di ritrovare la chiave di accesso alla “collana perfetta”, all’incognita, che il protagonista del romanzo di Nuccitelli ricerca e poi scopre alla fine del romanzo.

Quando nel romanzo l’autore descrive il potere della voce di  Alessandra, capace di “rallentare tutto fino alla paresi” o di “neutralizzare le parole” fino a che “lo spirito si distaccava dalle membra e (…) l’eros e il pensiero si abbracciavano e davano un corpo all’incognita” ci troviamo evidentemente di fronte agli effetti delle tecniche di meditazione, ma anche al potere dell’immaginazione di una psiche complessa, dalla sensibilità accentuata, di sperimentare un ‘altrove’, quel luogo di sintesi suprema al cui fascino mistici e artisti non possono resistere.

A cui si giunge attraverso l’incontro di eros (sublimato o incarnato) con il pensiero. Un altrove a cui si approda non nella solitudine del sogno o dell’oppio, ma attraverso una storia d’amore, forse alla fine possiamo pure usare questa parola, o meglio attraverso l’esperienza e il superamento di amori monchi e disamori.

Accade anche in una solitudine popolata dalle evocazioni, dal ricordo dell’incontro amoroso, o, nel caso appunto di Baudelaire, dai sogni indotti dall’oppio, quando capita – come egli scrive – “di trascorrere una bella notte d’estate seduto vicino a una finestra, senza muoversi, senza neppure provare il desiderio di cambiare di posto, dal tramonto all’alba; riempiendosi gli occhi con la vasta prospettiva del mare( …) Una grande allegoria naturale si distendeva allora davanti a lui”.

Si è allora troppo felici per accorgersi della fuga del tempo, proprio come il protagonista di Parola di Pilsops quando, nell’ultima pagina, si ritrova di notte a vagabondare “a lungo quietamente sotto il cielo di sempre”.

Giuseppe Nuccitelli, Parola di Pilsops. Le circostanze della passione, Gangemi Editore, Roma, 2021.
Il romanzo di Giuseppe Nuccitelli è distribuito nelle librerie italiane,  in tutte le librerie online (anche in versione e-book) o direttamente presso l’editore Cangemi.


Commento

  • Ho letto alcuni mesi fa “le circostanze della passione” di Giuseppe Nuccitelli, professore di filisofia è l’ho trovato un libro singolare e bellissimo. Con uno stile, una lingua, un uso delle parole personalissimo. Spero quindi di essere uno dei pochi che diventeranno molti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sergio Kraisky

Sergio Kraisky

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013