30 Agosto 2022

TORNA INTERNO VERDE
Per un settembre da innamorati

Simonetta Sandri

Tempo di lettura: 5 minuti

I giardini segreti di Ferrara

Due giorni per esplorare l’anima più nascosta e rigogliosa della città estense

Interno Verde Ferrara giardino privato in via Boccaleone

Il consueto appuntamento annuale, da annotare e non perdere, con le eleganti corti rinascimentali, gli orti medievali nascosti da alte mura di cinta, le piccole oasi fiorite di tranquillità e pace domestica, le geometrie zen e i labirinti di siepi, i profumi e i colori che avvolgono le nubi, i magnifici alberi secolari e gli arboreti insospettabili, celati alla vista dei passanti curiosi dalle facciate degli antichi e imponenti palazzi. Merletti su merletti.

Interno Verde Ferrara giardino privato in via Boccaleone

Ferrara custodisce gelosamente, all’interno del proprio centro storico uno spettacolare patrimonio di curatissimi giardini privati, degni delle fiabe più belle e custodi di storie d’amore reali o sognate. Un patrimonio che eccezionalmente si aprirà alla comunità grazie al festival Interno Verde. Come avviene dal 2016. Ammetto che non mi sono persa un’edizione.

“La natura non ha fretta, eppure tutto si realizza”
 (Lao Tzu)

Sabato 17 e domenica 18 settembre si potranno esplorare oltre cinquanta giardini, gentilmente aperti dai loro proprietari. Isole segrete ricche di suggestioni e ricordi, attraverso i quali è possibile leggere la storia, i cambiamenti e i vissuti della città.

Interno Verde Ferrara giardino privato in via XX Settembre

Negli anni il numero dei giardini visitabili è aumentato, segno di una crescente predisposizione della cittadinanza a condividere spazi, storie e valori. Un bellissimo momento di scambio e di confronto, soprattutto quando sti stanno ad ascoltare i proprietari che ci raccontano storie e aneddoti di quelle realtà tramandate e curate nel tempo.

L’assenza di un giardino fa apparire edifici e palazzi opere grossolane. (Francis Bacon, Saggi, 1597-1625)

L’obiettivo del festival è, fin dalla sua creazione, quello di sensibilizzare i visitatori al rispetto della natura, fornire una chiave per interpretare più profondamente il senso dello spazio che si attraversa, meglio se in silenzio, sollecitare una più completa comprensione del passato e maggiore consapevolezza della ricchezza presente, che va tutelata e promossa. Per questo ogni giardino sarà accompagnato da informazioni di carattere botanico, storico e architettonico, che saranno a disposizione online nella mappa interattiva dell’evento e in formato audio, su Spotify. Le stesse schede, corredate di belle fotografie, saranno raccolte in un volume a tiratura limitata, in omaggio a chi si iscrive entro venerdì 16 settembre, arricchito quest’anno da un’originale collezione di figurine.

Interno Verde Ferrara Palazzo Costabili

“Colui che danza cammina sull’acqua e dentro una fiamma”
(Federico Garcia Lorca)

Accompagnerà la manifestazione un fitto calendario di iniziative dedicate all’ambiente: mostre e installazioni artistiche, laboratori per adulti e bambini, picnic e gite fluviali. Da non perdere Interno Verde Danza, la rassegna organizzata insieme al Teatro Comunale Claudio Abbado, che porterà nei luoghi più significativi della città, da Palazzo Schifanoia a Casa Romei, le performance site specific di compagnie di danza contemporanea di rilievo internazionale. Ci saranno Nicola Galli (Il mondo altrove) e C.G.J., collettivo Giulio e Jari (Evento), al Chiostro di San Paolo, Michele Merola (Short stories), prima mondiale, al cortile di Casa Romei, Aterballetto (Microdanze/urban setting), a Palazzo Schifanoia  e Collettivo Cinetico (O+< Scritture viziose sull’inarrestabilità del tempo) a Palazzina Marfisa d’Este. Rituali danzati, ricerca e creazioni di formati performativi, contatto e sinergia con la bellezza dello spazio che ospita la danza, ricerca e profondo studio del movimento. Da non perdere.

Le iscrizioni sono già aperte online, al sito: www.internoverde.it.

Quest’anno l’associazione lancia, per la prima volta, Interno Verde Design, un concorso rivolto ai giovani grafici e illustratori under 35, chiamati a realizzare un poster che rappresenti ed esprima al meglio l’anima della manifestazione e uno dei suoi luoghi più amati e significativi, il giardino di Casa Hirsch. Ad esaminare gli elaborati una giuria d’eccezione: Giulia Nascimbeni, grafica e fotografa che da anni firma l’immagine ufficiale dell’evento, Emiliano Ponzi, illustratore di fama internazionale con alle spalle innumerevoli premi e collaborazioni di prestigio, dal Salone del Mobile al New Yorker, da Vanity Fair a Moleskine, e Vasco Brondi, cantautore che da sempre ha abbinato alla produzione musicale una particolare attenzione nei confronti del disegno, collaborando con artisti quali Gipi, Andrea Bruno, Gianluigi Toccafondo, Marco Cazzato, Nicola Magrin e Davide Toffolo. Ponzi e Brondi sono cresciuti a Ferrara, e proprio in virtù dello speciale legame conservato con il capoluogo estense, hanno voluto supportare l’iniziativa.

Interno Verde Ferrara – Tennis Club Marfisa

C’è poi un’altra bella iniziativa: la caccia al tesoro di Wildflowers.

Il laboratorio floreale realizzerà tre installazioni nei giardini segreti aperti eccezionalmente al pubblico in occasione del festival. Si tratta di lavori site specific realizzati ad hoc per l’evento, dedicati ai fiori, alla coltivazione sostenibile, alla multiforme idea di flower design. La partecipazione è libera e gratuita. Chi vuole cimentarsi nel contest deve semplicemente iscriversi al festival, scovare le installazioni, scattare a ciascuna una foto e condividerla su Instagram, taggando @internoverde e @wildflowers.lab.

 

 

Nello stesso weekend, chi avrà trovato e immortalato le tre opere, potrà passare nel negozio di via Boccacanale di Santo Stefano 16, a ritirare il premio: un buono sconto per l’acquisto di piante e fiori, il libro con le descrizioni e le immagini dei giardini aperti da Interno Verde a Parma e a Mantova (per completare il trittico delle edizioni 2022) e le figurine che completano l’album di Interno Verde Ferrara.

 

 

Interno Verde è patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna, dal Comune e dall’Università di Ferrara, dall’Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, dall’Associazione Nazionale Pubblici Giardini, dall’Associazione Parchi e Giardini d’Italia.

Immagini cortesia di Interno Verde


Commenti (2)

  • Grazie Simonetta, e grazie all’associazione ilturco di Ferrara, Interno verde è sicuramente una delle iniziative più belle e originali nel panorama cittadino e regionale.

I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).
Simonetta Sandri

Ti potrebbe interessare:

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013