1 Settembre 2022

Parole a capo / Roberto Dall’Olio: “I ragazzi dei giardini”.
Un commento e alcuni ricordi

Pierluigi Guerrini

Tempo di lettura: 3 minuti

“Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia, affamate nude isteriche,
trascinarsi per strade di negri all’alba in cerca di droga rabbiosa”.
Questo incipit della famosa e disperata poesia-denuncia di Allen Ginsberg, letta per la prima volta nel 1955 ad un reading collettivo alla Six Gallery, mi è venuto alla mente leggendo i versi del bel libro di Roberto Dall’Olio, I ragazzi dei giardini, Ed Pendragon, 2022.
Versi pieni di rabbia, di tristezza e, perché no, di sensi di colpa che mi rimandano una mescolanza di ricordi e di esperienze lavorative.

“Ricordate/ Ricordiamoli/ erano ribelli/ poca scuola/ molta vita/ molta notte/ l’ideologia finita/ erano di sinistra/ erano maledetti/ erano ignari/ tutti lo eravamo/ finito il piombo/ del settantasette/ arrivò lo scirocco/ americano/ la droga/ per spegnere/ la giovinezza/ la ribellione/ poi gli spacciatori/ senza scrupoli/ che ghiotta occasione/ Ricordiamoli/ Ricordate”.

Dai tempi delle Magistrali, passati in una classe dove dominava l’approccio goliardico (anche pesante) alle cose, ai compiti scolastici di ogni giorno. Anche la scelta monacale di un compagno o l’interesse per la politica di qualche altro, erano passate senza scalfire più di tanto il vivere quotidiano. L’uso di sostanze stupefacenti si affacciò prepotente quando le scuole superiori erano ormai finite.
Iniziarono ad arrivarmi notizie di diversi compagni che erano diventati tossicodipendenti. Ragazzi che pensavano di essere più forti di ogni contrarietà della vita e, perché no, l’assunzione di una o più sostanze poteva aiutare…

Poi, gli incontri ravvicinati e, spesso, drammatici con ragazze e ragazzi sono stati quotidiani sia al centro giovanile, dove lavoravo come operatore, sia in comunità terapeutica, dove ho trascorso quasi sei anni di full immersion come educatore professionale. Rodolfo, Attilio, Guglielmo, Giannina, Vinicio, Catia, sono solo alcuni dei nomi di storie concrete con cui mi sono rapportato ogni giorno. Alcune storie continuano, riuscendo a dare un taglio netto con quella non vita e altre, purtroppo, no. A lungo ho pensato ai tanti episodi vissuti in quel micromondo che era la comunità terapeutica. Agli errori di valutazione commessi e ai successi dove il merito era soprattutto loro. Noi educatori eravamo le loro stampelle come quei piccoli alberelli che pian piano provano a crescere e poi arrivano a riaffrontare la vita e un nuovo futuro. A rimettere radici.

Le poesie di Dall’Olio ci/mi ricordano anni quasi passati nel dimenticatoio. Riporto una lirica diretta come un pugno nello stomaco.

LORO

Avevano i capelli lunghi
gli orecchini
i jeans alla varechina
stavano sulle panchine
dei giardini
ricordi lo zoo di Berlino?
Erano un modello
e una moda
non usare la roba
ti escludeva
da quel luogo
non c’era più politica
i blindati
erano passati
i terroristi non aveva presa
Nemmeno il Partito
Una giovinezza
Tarlata
Come mobili lucidi
In apparenza
Sotto soffiava
La violenza
Contro se stessi
Nelle spade
piantate
in vite
Piene di onnipotenza
Sovrumana
E ancora tarli
Polvere
Nessuno poteva sapere
E’ bastata
è bastata
Anche una
Una volta
Maledette
Pere

Anche il linguaggio poetico asciutto può aiutare a non dimenticare ma non basta. Lo sappiamo e non si può mai demordere o rimandare agli altri.

“I ragazzi dei giardini”, l’ultimo libro di Roberto Dall’Olio è reperibile nelle migliori librerie di Bologna e Ferrara.

Roberto Dall’Olio (1965), bolognese, docente di filosofia e storia al Liceo Classico Ariosto di Ferrara. Ha pubblicato diversi volumi di poesia. E’ del 2015 il poema “Tutto brucia tranne i fiori” Moretti e Vitali editore- nota di Giancarlo Pontiggia postfazione di Edoardo Penoncini – con il quale ha vinto il premio Va’ Pensiero 2015. Con l’editore L’Arcolaio ha pubblicato il poema Irma con note di Merola, Muzic, Sciolino, Barbera e la raccolta di poesie “Se tu fossi una città” con nota di Romano Prodi. Nel 2021 ha pubblicato Monet cieco (Ed. Pendragon). Vive a Bentivoglio nella pianura bolognese dove è presidente della sezione locale dell’ANPI.

La rubrica di poesia Parole a capo curata da Pier Luigi Guerrini esce regolarmente ogni giovedì mattina su Ferraraitalia. Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]


Commenti (5)

  • Brividi e pelle d’oca, anche io ho vissuto la borgata e visto ai margini fantasmi barcollanti vagare verso l’oblio

  • I ricordi e le considerazioni di Gigi Guerrini aggiungono linfa al bel libro di Roberto Dall’Olio. Entrambi riattualizzano il passato per farne un luogo dove frequentare bilanci e nuova consapevolezza. Grazie a entrambi

  • Un linguaggio rotondo e al tempo stesso incisivo una forza che invita a pensare senza esserne disturbati sei bravissimo ☘️

  • The very next time I read a blog, I hope that it does not disappoint me as much as this particular one. After all, I know it was my choice to read, nonetheless I truly believed you would have something interesting to talk about. All I hear is a bunch of whining about something you could fix if you were not too busy looking for attention.

I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Pierluigi Guerrini

Pierluigi Guerrini

Ti potrebbe interessare:

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013