25 Gennaio 2023

Dietro la supercazzola dantesca di Sangiuliano c’è il complesso d’inferiorità e l’ignoranza della Destra

Benito Boschetto

Tempo di lettura: 4 minuti

Ci si è focalizzati del tutto sulla lunare affermazione del ministro della cultura, su Dante quasi fondatore del fascismo…. I più autorevoli dantisti, si sono incaricati, e divertiti, di smontare questa bufala. Impresa facile, a dire il vero, per contesti storici e valori politici del tutto imparagonabili.
“… se non sai collocare in che secolo ha vissuto Raffaello, non capirai mai l’artista che era..” scriveva Umberto Eco.
Contesto storico di Dante e valori, quindi, che, però, al più eminente intellettuale del governo Meloni, erano ignoti o sfuggiti. Eppure è, o dovrebbe essere, un uomo di cultura, perdio, dicono i suoi… E, in ogni caso, è pur sempre il ministro della cultura. Capisco il grave imbarazzo del governo per la benzina, ma non si può mica piegare perfino Dante alla ragion di stato delle accise…. A meno che l’illustre personaggio, il Ministro, sia davvero quello che si è palesato. E allora, amici della destra al potere, siete ancora una volta messi proprio male.
Perché, a mio parere, la parte più grave della spericolata esternazione del ministro, non sta su Dante (ovviamente di gravità estrema), ma peggio ancora sul….. contorno.
Esibendosi in una arrampicata davvero ardita, ha detto, infatti, che il fondamento della sua tesi, Dante ispiratore del pensiero politico della destra appunto, sta nella comunanza di valori fra il grande fiorentino e i vari Meloni, La Russa e i loro accoliti corifei.
E questo a partire dall’umanesimo dantesco, al rispetto dei diritti umani, delle persone, delle relazioni interpersonali e giù di lì di ciancia in ciancia….
Dante uguale a Meloni /La Russa, insomma.
E il mito del duce e del fascismo, che proprio a destra riemergono così spesso ancora orgogliosamente intatti?
O la nostalgia per il MSI, erede diretto di Salò e del fascismo, che è celebrato con commossi sentimenti nostalgici?
Oppure lo zoccolo duro dell’ elettorato di destra, fatto di Casa Pound, Forza Nuova e la miriade di gruppuscoli neo fascisti e neo nazisti sempre col braccio alzato, e mai veramente condannati?
Tutto questo è fantasia della sinistra, o realtà di ogni giorno nel nostro paese?
La nostra premier ha deprecato le leggi razziali e la shoah, ma, a differenza di Fini, non ha mai condannato il fascismo.
Si è limitata ai frutti, praticamente, ma non ha mai toccato l’albero. Forza Meloni è dura, ma prima o poi ce la farai… Intanto invece plaude ai golpisti Trump e Bolsonaro, due nemici dichiarati della democrazia (leggere interviste…). Amoreggia con Orban e Kashinsky, campioni europei di disprezzo dei diritti…. e in più anche un tantino razzisti: accolgono milioni di bianchi ucraini, e meno male, ma non qualche decina di neri africani…
Potremmo aggiungere tanto ancora. Ma quel Sangiuliano li, è scemo o ci fa? Queste cose le sa’ o è sceso da Marte? Io credo che non può non saperle, anche perché qualche volta le ha dette perfino il suo Tg2…. E allora è solo un problema di onestà intellettuale. Che viene meno quando dignità culturale, spirito di indipendenza e libertà personale, vengono barattati per un po’ di potere e qualche gallone.
Ma sei il ministro, perdio, Sangiuliano! E per giunta il Ministro della Cultura, quello cioè che dovrebbe “illuminare” gli intelletti di tutti, a partire proprio dal governo e fino a tutti noi.
Io, che pure credo di avere sempre avuto il culto delle istituzioni, affermo – cosa che non fregherà a nessuno e soprattutto a lui, lo so – che non lo riconosco come il “mio” ministro della cultura, tanto si è autodelegittinato.
La verità è che l’antico complesso di inferiorità culturale, che la destra ha sempre sofferto (e che, anche in questa occasione, il Nostro si è lasciato sfuggire richiamando l’egemonia gramsciana), ancora resiste. Nonostante che la destra possa vantare fior di intellettuali, ma che, evidentemente più attenta ai muscoli che al cervello, non ha saputo valorizzare come meritavano.
Certo, se crede di recuperare con questi “campioni” di intellettuali, poveri noi e, soprattutto, poveri loro.. Dal Ministro della Cultura, il minimo che ci si aspetta sono due cose: una solida cultura, appunto (e qui già nasce qualche dubbio), e soprattutto onestà intellettuale, dove dubbi non ce ne sono perche’, invece, difetta chiaramente alla grande.
Di sicuro, questo incidente di Sangiuliano, è l’ennesimo e, forse il più significativo e maldestro, esempio della fragilità strutturale e sostanziale di un governo che, nato con tanta sicumera e prosopopea, si rivela ogni giorno sempre più inadeguato alle sfide della realtà, della competenza, della intelligenza come capacità di competere in tempi difficili, in un mondo complesso.
Non durerà i cinque anni che dice la Meloni… Ma se dovesse accadere, dove porteranno questo paese una banda di improvvisati statisti come questa, che ad ogni curva sbanda o sbaglia strada?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Benito Boschetto

Aretino di nascita, fiorentino di formazione, milanese di adozione. allievo di padre Ernesto Balducci. Top manager in aziende pubbliche e private (Camere di Commercio, Borsa Spa, Società immobiliari, organizzazioni no profit). Analista politico. Socio fondatore della Associazione ONLUS Macondo Ha sviluppato progetti di cooperazione e solidarietà a favore del popolo palestinese.
Benito Boschetto

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Le scarpe perdute e i libri trovati a mezzanotte

  • Europa portaerei. Europa dei 17 muri, Europa gregaria degli Stati Uniti…
    Alla ricerca del proprio spazio vitale

  • Il sindaco di Ferrara e l’assessore alla cultura sbeffeggiano i difensori del parco urbano

  • Parole e figure /
    Un postino nel bosco

  • Ora e sempre (La) Resistenza!

  • Silvia Guerini: dal corpo neutro al cyborg postumano

  • Zelensky al festival di Sanremo: spegniamo la TV, spegniamo la propaganda di guerra!

  • Io sono una scuola

  • Educazione siberiana

  • La nave Geo Barents a La Spezia, la accoglie una manifestazione. Oggi un presidio davanti alla prefettura

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013