3 Novembre 2015

FOCUS
Il posto di Ferrara nell’agroalimentare: la vecchia regina vuol tornare a regnare

Sergio Gessi

Tempo di lettura: 4 minuti

Ferrara negli anni Sessanta è stata culla della frutticoltura italiana con i suoi 50mila ettari di frutteti. Mele Imperatore e Abbondanza e pere Passacrassana erano i prodotti più coltivati. E’ stato soprattutto lo slancio della produzione agricola a garantire al territorio la possibilità di emanciparsi ed evolvere. Il livello attuale di relativo benessere testimonia un passato importante, ma lo sviluppo a un certo punto si è arenato e si è vissuta una pesante fase di crisi e disinvestimenti.

Paolo Bruni, presidente del Cso

Paolo Bruni, esperto del settore, presidente del Centro servizi ortofrutticoli di Ferrara e lui stesso produttore a Portomaggiore, riconduce le cause della depressione a tre ordini di fattori.
“Il primo è di contesto generale, relativo ai costi di produzione che nel nostro Paese sono più alti rispetto a molti competitori europei”. Questo ha generato per tutti indistintamente la difficoltà di reggere sul mercato dovendo fronteggiare una concorrenza in grado di praticare prezzi più convenienti per il consumatore.
“Il secondo problema deriva dalla difficoltà di fare aggregazioni garantendosi la giusta dimensione d’impresa. Per fare un esempio, mentre in Romagna per rispondere alla crisi i produttori si associavano o si consorziavano, a Ferrara è prevalso l’individualismo: non ci si aggregava per diffidenza, invidie, rivalità e la presunzione di avere capacità e competenze tali da poter fare da soli”. Così il motto ‘piccolo è bello’ a un certo punto si è ridotto a ‘piccolo e basta’: troppo piccolo per competere.
“E poi, terzo punto, la mancata integrazione fra i produttori ha determinato l’incapacità di internazionalizzarsi. Per uscire dalla crisi occorreva allargare gli orizzonti, aprirsi a nuovi mercati, ma in assenza di un consolidamento delle imprese è risultato impossibile effettuare gli imprescindibili investimenti in uomini, mezzi e ricerca”. Un peccato irrimediabile questo per un settore in fortissimo esubero produttivo. “Nell’ortofrutta l’Italia assorbe solo 9 dei 26 milioni di prodotti delle proprie aziende. L’export è quindi essenziale. A Ferrara in particolare, perché il territorio di riferimento assorbe in proporzione ancora meno rispetto alla media nazionale”.

Da qualche tempo però le cose stanno cambiando. E non è solo il segmento ortofrutticolo in fermento, è tutto il comparto agricolo provinciale che manda chiari segnali. “L’agroalimentare ferrarese si sta risvegliando – annuncia Bruni, uno che ha i radar al posto delle orecchie -. Si investe nelle filiere: quella del riso, dopo il colpevole abbandono del Delta del Po, è stata rilanciata anche grazie agli investimenti di Grandi Riso, con considerevoli estensioni produttive e strutture per il confezionamento del prodotto. Quello del Delta è un prodotto di qualità, al punto di essere esportato persino in Asia, dove il riso certo non manca, per il suo particolare pregio: il Carnaroli è l’eccellenza, ma non c’è solo quello. Poi, allargando l’orizzonte, vediamo che da qualche anno Bio Argenta è diventato produttore di livello europeo e il suo cuscus viene acquistato persino per le sagre siciliane”. Come se da Trapani ci vendessero la salama da sugo, insomma! Un fatto che ha destato clamore e ha accesso polemiche sui giornali isolani. Ma questo va a tutto merito dell’intraprendente azienda ferrarese. “E poi – aggiunge il Cavaliere della frutta – non dimentichiamo Conserve Italia: a Pomposa produce e lavora pomodori, piselli, fagiolini, pere, pesche e occupa oltre un migliaio di addetti. Il limite attuale è che Ferrara resta prevalentemente produttrice, ma non trasforma il prodotto. Va completato il ciclo e vanno realizzate le filiere per portare i prodotti dalla terra alla tavola”.
Anche perché la ricchezza si genera principalmente nella trasformazione del prodotto. “E’ proprio così – conferma Bruni -. ma i segnali positivi e incoraggianti ci sono: il rilancio di Sbtf, per esempio”. La Società bonifiche terreni ferraresi, fondata a Londra a fine Ottocento, con sede a Roma da decenni, è recentemente passata dalla Banca d’Italia che ne era proprietaria a un gruppo imprenditoriale che ha l’ambizione di farne un primattore di livello europeo soprattutto nel settore dei cereali e delle colture industriali. La prima mossa è stata trasferire la società a Jolanda di Savoia, proprio nel cuore di quelle aree ferraresi sottratte al dominio delle acque”.
E poi, sottolinea il presidentissimo, c’è l’imprenditore delle carni Cremonini che è tornato a investire nelle stalle e nell’allevamento, ci sono i progetti sulle erbe officinali della farmaceutica Dompé, c’è fermento nel settore ortofrutticolo. “La mia fiducia nel futuro del comparto agroalimentare, di cui Ferrara con Mantova, Brescia e Verona è un fiore all’occhiello, nasce da un’evidenza: il mondo avrà sempre più bisogno di cibo. Secondo la Fao il fabbisogno di derrate alimentari aumenterà del 70 per cento entro il 2050”.
“La popolazione in crescita costante – scrive in proposito l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura – richiederà l’aumento della produzione mondiale alimentare”. Il che si traduce in “un miliardo di tonnellate di cereali e 200 milioni di tonnellate di prodotti d’allevamento da produrre in più ogni anno”.
L’Italia, data l’eccellenza del suo prodotto, “può soddisfare i mercati di nicchia, quelli appannaggio dei consumatori agiati. Si tratta di compratori di per sé già attratti dal nostro Paese perché apprezzano le caratteristiche organolettiche delle nostre produzioni e per la suggestione che l’Italia esercita a livello di immaginario collettivo. Tutto questo, unitamente al risveglio dell’interesse da parte dei giovani nei confronti delle professioni legate all’agricoltura, all’agroalimentare e più in generale dell’universo dell’alimentazione (oggi fare il cuoco per esempio è chic), certificato anche dall’aumento delle iscrizioni nelle scuole specializzate, genera fondate attese e fiducia nel rilancio del comparto”.

1. CONTINUA



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sergio Gessi

Sergio Gessi (direttore responsabile), tentato dalla carriera in magistratura, ha optato per giornalismo e insegnamento (ora Etica della comunicazione a Unife): spara comunque giudizi, ma non sentenzia… A 7 anni già si industriava con la sua Olivetti, da allora non ha più smesso. Professionista dal ’93, ha scritto e diretto troppo: forse ha stancato, ma non è stanco! Ha fondato Ferraraitalia e Siti, quotidiano online dell’Associazione beni italiani patrimonio mondiale Unesco. Con incipiente senile nostalgia ricorda, fra gli altri, Ferrara & Ferrara, lo Spallino, Cambiare, l’Unità, il manifesto, Avvenimenti, la Nuova Venezia, la Cronaca di Verona, Portici, Econerre, Italia 7, Gambero Rosso, Luci della città e tutti i compagni di strada
Sergio Gessi

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013