• Home
  • IL QUOTIDIANO
  • TERZO TEMPO
    L’epopea di Roy of the Rovers, il fumetto più longevo d’Inghilterra

L’epopea di Roy of the Rovers, il fumetto più longevo d’Inghilterra

Alcuni telecronisti inglesi hanno l’abitudine di enfatizzare il racconto di un gol o di una vittoria citando il fumetto calcistico più conosciuto dal pubblico d’oltremanica: si tratta di Roy of the Rovers, ideato negli anni ’50 dalla casa editrice Fleetway e incentrato sulle vicende di Roy Race, attaccante del fittizio Melchester Rovers.

L’esclamazione “Real Roy of the Rovers’ stuff!” è usata perlopiù per descrivere le vittorie inaspettate – e per questo ancora più entusiasmanti – dei cosiddetti underdog, ossia delle squadre che, contro ogni pronostico, battono avversari ben più quotati. D’altronde, è più o meno ciò che succede nel fumetto: grazie all’apporto di Roy Race, lo stesso Melchester Rovers passerà dall’essere una squadra di metà classifica a vincere trofei con una certa regolarità.

Dopo aver fatto parte di un magazine per circa vent’anni, Roy of the Rovers divenne una rivista a sé stante nel 1976, seguendo peraltro la scia dei primi due comics calcistici del Regno Unito: Scorcher e Score ‘n’ Roar, entrambi pubblicati dalla suddetta Fleetway. Il successo più o meno immediato del fumetto di Roy Race fu dovuto al fatto che, a differenza dei suoi predecessori, raffigurava una realtà in cui ciascun lettore inglese poteva identificarsi, specialmente negli anni ’70 e ’80. Roy of The Rovers, infatti, raccontò i cambiamenti socio-economici del calcio d’oltremanica attraverso ricostruzioni sufficientemente fedeli dell’hooliganismo, del rinnovo degli stadi e dell’avvento degli sponsor.

Tuttavia, in una saga lunga quarant’anni è facile trovare delle incongruenze che varcano il confine della razionalità: dall’età dello stesso Roy Race – il quale pare invecchiare più lentamente degli altri – alle sue tormentate vicende personali, tra cui spiccano un rapimento, un attentato e un incidente in elicottero che comporterà l’amputazione del suo piede sinistro. Questo, ovviamente, è l’ultimo atto della carriera professionistica di Roy e della serie a lui dedicata, conclusasi nel marzo del 1993 dopo 853 numeri.

Senonché, nel 2016 l’azienda produttrice di videogiochi Rebellion ne ha acquistato i diritti di riproduzione, rilanciando il fumetto durante gli ultimi Mondiali in Russia: il “nuovo” Roy Race è sedicenne, sfoggia un taglio moderno e gli sponsor del suo Melchester Rovers sono la Hummel e il podcast The Totally Football Show. Inoltre, in occasione del Mondiale femminile del 2019 la stessa Rebellion ha pubblicato il fumetto Rocky of the Rovers, la cui protagonista è la giovane sorella di Roy. Di seguito, le parole pronunciate dal CEO della Rebellion Jason Kingsley, ossia il fondatore dell’azienda assieme al fratello Chris, in occasione dell’atteso rilancio di Roy of the Rovers.

“Roy of the Rovers is a legend of British comics, a national icon that has been in the public consciousness since 1954. The new Roy Race might look different to his predecessors, but rest assured the core of the character, from his talent to his sportsmanship and, of course, his blonde mop remain.

Di recente, lo scrittore e fumettista Barrie Tomlinson ha ripercorso la lunghissima saga di Roy of the Rovers e l’impatto di tale fumetto sulla cultura britannica degli anni ’70 e ’80 in due libri: il primo nel 2016, il secondo nel 2019. In questo video [Qui], invece, c’è il sorridente allenatore del Bristol City Lee Johnson che, dopo aver battuto il Manchester United di José Mourinho nella Coppa di Lega inglese 2017/2018, usa l’espressione di cui sopra.

tag:

Paolo Moneti

Sono un pendolare incallito a cui piacciono un sacco le lingue straniere e i dialetti italiani. Tra un viaggio e l’altro passo il mio tempo a insegnare, a scrivere articoli e a parlare davanti a un microfono. Attualmente collaboro con Eleven Sports, Accordi & Spartiti, Periscopio e Web Radio Giardino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 300.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it


QUOTIDIANO INDIPENDENTE l'informazione verticale

CONTATTI
Articoli e informazioni a: redazione@periscopionline.it
Lettere e proposte di collaborazione a: direttore@periscopionline.it
Amministrazione:
Periscopio
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013
Sede
Via Borgo dei Leoni 88, 44121 Ferrara.

Seguici: