Skip to main content

Chi di voi segue il tennis da un bel po’, o comunque ha assistito da spettatore a qualche partita sulla terra rossa, si sarà imbattutto/a prima o poi nell’incipit di un brano spagnoleggiante che negli ultimi vent’anni è diventato il coro più gettonato sugli spalti del Roland Garros.

Quel brano si intitola En er mundo ed è un famosissimo paso doble, ossia una danza di origine spagnola che si balla in coppia: la musica è solitamente ritmata e coinvolgente, e i movimenti teatrali dei due ballerini si ispirano alle performance dei toreri. Non a caso, il primo utilizzo di questo tipo di musica non avvenne nelle sale da ballo, bensì durante le corride, e precisamente nel momento della sfilata iniziale delle cosiddette cuadrillas, che in pratica sono le squadre di aiutanti dei singoli toreri.

Il pezzo in questione fu scritto nel 1930 dal pianista, nonché compositore per il cinema, Juan Quintero Muñoz e dal violinista Jesús Fernández Lorenzo; pare inoltre che fosse dedicato a un sassofonista cubano con cui lo stesso Muñoz condivideva, spesso e volentieri, il palco nei teatri di Madrid. Se cercate En er mundo su YouTube o su Google ne troverete tantissime versioni, anche se una delle più conosciute e apprezzate dal pubblico spagnolo è quella che accompagna due scene di un film del 1983 intitolato El sur, diretto dal regista Víctor Erice

Detto ciò, la domanda sorge spontanea: come ha fatto questo benedetto paso doble ad arrivare fino agli spalti del Roland Garros, e di conseguenza a diventare uno dei cori di incitamento più riconoscibili del tennis contemporaneo?

Innanzitutto, c’è chi sostiene che il paso doble derivi da una marcia militare francese di fine 1700 chiamata pas redoublé, che vuol dire infatti “a passo raddoppiato”. L’origine francese del paso doble sarebbe comprovata dal fatto che i nomi dei passi che lo caratterizzano sono per l’appunto in lingua francese; anche se poi, come abbiamo già osservato, la danza di per sé trae ispirazione dalla teatralità della corrida. È per questo che negli stadi e nelle arene del tennis, al “popporopo” lanciato dal singolo spettatore, o dalla singola spettatrice, segue sempre un “olé”.

In alcune regioni del sud della Francia, dove tutt’oggi vanno in scena delle corride, il paso doble è ben presente nella cultura popolare; così come lo era nella vibrante e avanguardista Parigi di inizio 1900, in cui i cabaret e le sale da ballo proponevano i primi spettacoli di paso doble in Europa. Quindi, c’è un legame tra questo tipo di danza e la Francia, così come c’è un legame tra il brano En er mundo e gli stadi francesi.

Tutto è cominciato durante la Coppa del Mondo di Rugby del 2007, svoltasi per la maggior parte nel paese transalpino: durante quel torneo l’incipit di En er mundo divenne sempre più popolare, non solo tra il pubblico francese, ma anche, ad esempio, tra quello neozelandese e soprattutto quello gallese – che con il passare degli anni l’ha adottato in pianta stabile, ed è oggi una presenza fissa al millenium stadium di Cardiff.

Ovviamente, durante una partita di rugby o di calcio non c’è lo stesso silenzio che vige sui campi da tennis; quindi, il già citato “popporopo” non può essere lanciato a voce da una singola persona poiché in pochi lo sentirebbero: viene riprodotto dagli altoparlanti dello stadio durante le pause e i festeggiamenti in caso di meta, oppure da un tifoso o da un tifosa che si porta dietro una tromba e suona quel benedetto incipit al momento giusto.

Insomma, è un modo come tanti altri per fare un po’ di festa e coinvolgere il pubblico, e da quasi vent’anni ci fa compagnia, o ci dà fastidio – dipende dai punti di vista – perlopiù durante la stagione sulla terra rossa.

tag:

Paolo Moneti

Sono un pendolare incallito a cui piacciono un sacco le lingue straniere e i dialetti italiani. Tra un viaggio e l’altro passo il mio tempo a insegnare, a scrivere articoli e a parlare davanti a un microfono. Attualmente collaboro con Eleven Sports, Accordi & Spartiti, Periscopio e Web Radio Giardino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it