12 Dicembre 2021

TEATRO COMUNALE CLAUDIO ABBADO
“Piazza degli eroi” porta in scena la vita e il suo travaglio

Giorgia Mazzotti

Tempo di lettura: 6 minuti

Prosa classica che porta sul palco del Teatro comunale di Ferrara un’analisi lucida e serrata della società e degli umori di massa. È questo lo spettacolo offerto da “Piazza degli eroi” (Heldenplatz), al Teatro Claudio Abbado venerdì 10 dicembre, sabato 11 dicembre e domenica 12 dicembre 2021 (ore 16), che mette in scena l’ultima opera di Thomas Bernhard, pubblicata nel 1988 e considerata un testamento spirituale dello scrittore e drammaturgo austriaco.

Gli attori di “Piazza degli eroi” sul palco del Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli NIrmal)

La narrazione evoca lo spettro dei totalitarismi, la minaccia dell’oppressione antisemita ma anche contro ogni tipo di diversità e di libera opinione, che possono rendere insopportabile la vita a chi non si identifica con il pensiero dominante. “Piazza degli Eroi” scava pure dentro le relazioni di famiglia, facendo emergere piccole e grandi prevaricazioni, sentimenti contrastanti, legami che mescolano l’affetto con l’insofferenza, la costante ricerca di una serenità che sfugge ai tentativi di raggiungerla.

La figura del musicista Vincenzo Pasquariello sovraintende la scena della tavolata conclusiva di “Piazza degli eroi” (foto Marco Caselli NIrmal)

L’incedere dello spettacolo è caratterizzato poi dall’accompagnamento musicale dal vivo, affidato al pianista Vincenzo Pasquariello. La presenza del pianista è una scelta felice del regista che non era prevista nel testo originale. Il musicista sta in scena anche quando non suona, come un testimone invisibile agli attori, sempre presente sul palco, al punto da dare la sensazione di essere l’anima di tutta la storia. Il pianista incarna la musica e proprio la musica è la grande passione del protagonista. “La musica – diceva Schuster – è l’unica ragione valida per restare a Vienna”.

[cliccare sulle foto per ingrandirle]

La scena domestica d’apertura di “Piazza degli eroi”
Particolare del musicista (foto di Marco Caselli Nirmal)

“Piazza degli Eroi” è finalista del prestigioso Premio Ubu 2021 come ‘Spettacolo dell’anno’, e l’intensità espressa dal lavoro del regista Roberto Andò riesce a trasmettere tutta la forza critica dei suoi contenuti, come quelli del sovranismo e delle derive totalitariste, facendoli vibrare di incredibile attualità.

Fa effetto pensare che la prima rappresentazione di “Piazza degli eroi” andò in scena il 4 novembre 1988 al Burgtheater di Vienna, a poche centinaia di passi dalla piazza Heldenplatz che dà il titolo a questo lavoro e che, ovviamente, scatenò scalpore e scandalo per i temi che tira fuori, di denuncia esplicita del suo Paese e del populismo nazionalista che in quegli anni stava prendendo piede con la crescente popolarità del leader del partito conservatore Jörg Haider. Thomas Bernhard morì pochi mesi dopo, il 12 febbraio 1989, e dopo oltre trent’anni questo lavoro viene portato in scena in Italia per la prima volta.

Il direttore artistico del Teatro comunale Marcello Corvino all’incontro della compagnia con il pubblico (foto GioM)

Una scenografia tradizionale, godibile e lontana da sperimentazioni e minimalismi, immerge il pubblico nell’atmosfera di un’abitazione borghese di fine secolo. Il soggetto principale dell’opera è l’unico personaggio che non compare mai, il professore Josef Schuster che si è appena tolto la vita gettandosi dalla finestra che si affaccia sulla piazza degli Eroi. Attorno a questa figura si dipana tutta la trama, che il direttore artistico del Comunale Marcello Corvino ha paragonato a quella del “Convitato di pietra” di Puškin (1869), titolo di un’opera che è diventato ormai anche un’espressione figurata per indicare una presenza invisibile e muta, eppure continuamente incombente.

La scena iniziale del dramma (foto Marco Caselli Nirmal)

È il professore suicida, infatti, il soggetto al centro dei dialoghi di cui si compone il dramma, diviso in tre momenti. Il primo tempo è ambientato all’interno dell’appartamento borghese, in una dimensione più intima e domestica, che affida alla governante (la signora Zittel interpretata da Imma Villa) il ruolo di narratrice, molto coinvolgente e convincente nel raccontare la dimensione più privata e personale dell’uomo, dispotico e geniale, tanto preso da sé stesso e dalle sue manie di precisione e ordine, al punto da rendere la vita tanto ossessionata dalla ricerca di perfezione quanto intollerabile.

La scena ambientata in esterna che apre il secondo tempo del dramma di Thomas Bernhard (foto Marco Caselli Nirmal)

Si poi passa al momento di ambientazione esterna, dopo il funerale. Questo secondo atto è incentrato sul personaggio del fratello (Robert Schuster), interpretato dall’ottimo Renato Carpentieri, lapidario e tagliente nell’analisi di quanto accaduto e di quanto sta accadendo intorno a loro. Robert vede il mondo come una grande messa in scena, definisce “l’Europa un immenso palcoscenico” popolato da una “moltitudine di comparse che si detestano”. I riferimenti al teatro sono molto ricorrenti, nel testo, al punto da suonare come volontà di denuncia di una realtà dove ciascuno finisce per rappresentare parti e ruoli che non sempre sono congeniali o piacevoli, una messinscena dove autenticità e felicità sono chimere difficili da raggiungere.

La sena conviviale di “Piazza degli eroi” (foto Marco Caselli Nirmal)

Il terzo momento conclusivo è contraddistinto dalla scena conviviale, di grande effetto scenico, ambientata attorno alla grande tavola dei parenti riuniti, che fanno emergere la figura del padre-marito-fratello-amico nella sua dimensione familiare.

[cliccare sulle foto per ingrandirle]

L’attrice nell’efficace sequenza fotografica di Marco Caselli Nirmal
Betti Pedrazzi in scena
Betti Pedrazzi-signora Schuster

Il regista Roberto Andò ha raccontato di aver considerato necessario e urgente rimettere in scena questa pièce, come testo “visionario e catastrofico” di un qualcosa che per lui ha una valenza ben più ampia dei confini geografici e temporali entro i quali è ambientata. L’attore Renato Carpentieri – nell’incontro con il pubblico ferrarese di sabato 11 dicembre – ha definito l’opera “l’analisi lucida di un autore come Bernhard che, arrivato alla fine della propria vita, si guarda intorno ed esprime i suoi giudizi con chiarezza, consapevole di essere arrivato al punto di poter dire quello che pensa. Così usa la prosa come un cavatappi, che scava e scava. Non è che ce l’abbia con qualcuno, si guarda intorno e racconta con lucidità le magagne che vede e di cui non si fa più scrupolo a dare la sua libera opinione”.

[cliccare sulle foto per ingrandirle]

Renato Carpentieri
L’attore in scena
Carpentieri-Schuster ritratto da Marco Caselli Nirmal

Il messaggio di radicale drammaticità di “Piazza degli Eroi” – si legge nelle note di regia – suscitò nel pubblico della prima rappresentazione di quest’opera di Bernhard “un’emozione talmente intensa da risultare insopportabile”. E la sensazione resta attuale, sia a livello politico sia a livello personale, forse persino esistenziale.

L’incontro con la compagnia nella tarda mattinata di sabato è stato un regalo che ancora una volta il Teatro Comunale ha organizzato, libero e aperto a tutti i cittadini. Quest’occasione ha consentito di entrare nelle pieghe dell’interpretazione, attraverso la spiegazione e i contributi di confronto diretto con gli attori, che hanno fatto loro i caratteri dei diversi personaggi, incarnandoli e sentendo sulla loro pelle sia le ragioni sia l’emotività più profonda di ogni carattere. Alla luce di queste ulteriori suggestioni, esco in strada fuori dal Ridotto del Teatro di Ferrara in una giornata di sole novembrino, e mi tornano in mente i versi di Eugenio Montale, che in “Ossi di seppia” ha saputo rendere con tanta poetica efficacia questo tipo di sensazioni: “E andando nel sole che abbaglia / sentire con triste meraviglia / com’è tutta la vita e il suo travaglio / in questo seguitare una muraglia / che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia”.

Cover e foto nel testo di Marco Caselli Nirmal



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e diploma dell’Accademia di belle arti, collabora con la rivista del “Gambero Rosso”, il periodico “Econerre” sull’economia dell’Emilia-Romagna e “CasAntica”. Per la Provincia di Bologna ha curato il sito “Turismo in pianura” e le segnalazioni su “Emiliaromagnaturismo” dedicate ad arte e cultura, gastronomia ed eventi del territorio.
Giorgia Mazzotti

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013