Tag: festa

VITE DI CARTA /
Nel guazzabuglio, i libri

 

Sperimento il caos miscellaneo che la vita mi presenta ogni giorno. Da un osservatorio con i suoi privilegi, quello di giornate più lente ora che sono in pensione, colgo le storie che vorticano all’intorno.

Una diversa dall’altra, le situazioni non solo mie, ma di parenti, amici, conoscenti. Senza parlare delle notizie che vengono da tv e internet. Voglio definirlo guazzabuglio, anche se mi veniva  bene chiamarlo minestrone davanti agli studenti, quando si facevano complessi i quadri culturali da studiare e c’era bisogno di un po’ di ironia prima di rimboccarsi le maniche.

Vediamo un po’. La sensazione più viva viene dall’ultima esperienza di ieri: la permanenza al pronto soccorso in tarda serata-notte. Ho alzato poche volte lo sguardo attorno, più che altro ho parlato fitto con mia nipote, sdraiata senza comodità sul suo lettino provvisorio, in attesa di essere visitata da qualcosa come dieci ore.

Però l’ho alzato. Sono anche andata in giro un paio di volte tra le salette di attesa, tra i lettini tutti uguali con sopra persone tutte diverse. Se la postura dice qualcosa, mi sono sembrate una più tramortita dell’altra; alcune con la fissità che prelude al sonno. Credo si stessero difendendo non tanto dal loro male, quanto dall’attesa imperscrutabile in cui erano piombati da ore.

Ho avuto una forte impressione di scollamento: non esisteva alcuna continuità tra gli astanti, il personale medico e infermieristico che appariva e scompariva e lo spazio, l’arredo, i monitor con l’elenco dei codici di accesso. P104 e colore azzurro, e sotto molte altre P con tre cifre a formare una lista asettica e non decifrabile ai non addetti.

A quale di questi codici poteva corrispondere la suora di media età, silenziosa e supina, che mi aveva guardato appena mentre le passavo accanto. O la signora seduta sul lettino, che consultava il contenuto della borsetta e l’immancabile display del cellulare. Ogni tanto, un frammento di contiguità. Quando un’infermiera usciva dal proprio ambulatorio per chiamare a gran voce un nome. Meglio ancora se si chinava su qualcuno per bisbigliare frasi meno formali, magari aggiungendo un sorriso.

Un altro quadro molto vivace che ho in testa è riferito alla festa della scorsa domenica: festa a casa di parenti, nel prato intorno alla bella casetta e sotto i gazebo approntati per l’occasione. Dei veri forni riempiti di tavole imbandite di ogni ben di Dio, per celebrare la prima comunione del rampollo di casa. Il caldo rappreso sotto i tendoni ha reso agli invitati un delizioso colorito, credo di essere diventata paonazza alla seconda deliziosa ora di conversazione e cibo.

Deliziosi anche i momenti di incontro con i parenti che vedo ogni qualche anno, momenti pieni di riassunti sui rispettivi vissuti. A colpi di tagli e colori di capelli profondamente mutati, ricoveri in ospedale e successive riabilitazioni, crescita incontrollata dei nipoti, diventati alti a dismisura nel giro di qualche mese. Eccetera. Sono tornata a casa dopo tre ore e mi sentivo ben pasciuta, in tutti i sensi.

Ancora. Le presentazioni di libri a cui ho preso parte negli ultimi giorni. I libri come il mondo che è tondo spaziano a trecentosessanta gradi per varietà di contenuti e di modi espressivi. Lo dicono a mo’ di esempio i due titoli che vado a riportare.

quando qui sarà tornato il mareIl primo è Quando qui sarà tornato il mare. Storie dal clima che ci attende ed è stato scritto a più mani durante un laboratorio su cambiamento climatico e scrittura collettiva condotto da Wu Ming 1 [Qui] nel basso ferrarese.

Il nome del collettivo, Moira Dal Sito, non è che l’anagramma di Mario Soldati, lo scrittore che frequentò a lungo la zona del delta del Po e al quale è intitolata la biblioteca comunale di Ostellato, dove si è tenuto il laboratorio nel biennio 2018-2019.

Ho ascoltato la presentazione del lavoro presso la Biblioteca Giardino, sere fa, divenendo consapevole della seguente previsione: l’Adriatico che si alza, che vuole spingersi nell’entroterra, potrebbe nei prossimi decenni arrivare a coprire di acqua la provincia di Ferrara, fino a pochi chilometri dalla città.

Come recita il risvolto di copertina, “lo scopo era immaginare il mondo sommerso di fine secolo e ambientarvi storie create con vari metodi. Ne è nata l’epopea di un mondo ancora e sempre in bilico, tra fatalismi e ritorni all’utopia, miti antichi e sogni di futuro”.

Il mondo in bilico, appunto. Come nelle sale e salette del pronto soccorso, ieri sera.

delitto sull'isola biancaIl secondo è un giallo ambientato sul Po, all’Isola Bianca di cui avevo solo sentito parlare prima di vederne le immagini durante l’incontro con l’autrice, la ferrarese Chiara Forlani. La quale, appassionatissima dei luoghi, ha parlato distesamente della nascita di questo romanzo, del misterioso delitto avvenuto sull’isola nel 1950 e della situazione storica in quegli anni a Ferrara. Delitto sull’isola bianca è il primo di una trilogia che la scrittrice ha già finito di scrivere, segno di una invidiabile energia narrativa.

 

 

quando le montagne cantanoAncora. I libri che sto leggendo e i libri da leggere. Sto leggendo Quando le montagne cantano di Phan Que Mai Nguyen, la saga di una famiglia che intreccia  la storia del Vietnam lungo tutto il Novecento ed è raccontata con rara sensibilità dalle due protagoniste femminili. Leggo questa storia e consulto la guida turistica del Vietnam, in attesa di partire per Ha Noi tra due settimane.

 

 

 

il nome del maleDevo leggere l’ultimo romanzo di un altro autore ferrarese, Alessandro Carlini. Di lui non ho ancora letto nulla, ma lo conoscerò anche di persona quando sarà ospite della Biblioteca comunale del mio paese per la presentazione di questo suo ultimo Il nome del male. Una nuova indagine del magistrato Aldo Marano.

 

 

 

Ora torno a ieri sera nelle sale e salette del pronto soccorso a Cona, dove un signore attempato dall’abbigliamento clownesco passava di stanza in stanza declamando versi e poi cantando ariette famose. Portava un cappello rosso natalizio e sopra una cuffia di lana bianca abbinati a pantaloni corti e a un cardigan dai colori sgargianti.

Una apparizione incongrua in tanto silenzio. Eppure costituiva lo scarto da tanta immobilità forzata, era il colpo d’ala di chi non soggiace alla situazione contingente e inventa alternative.

Come la lettura.

Avrei voluto avere con me un bel romanzo, o meglio ancora un racconto e tentare di fascinare l’uditorio con una storia che li mettesse a distanza da se stessi in un momento così incoerente. In un non-luogo così difficile da impattare.

Per costruire una prima corazza di emergenza: le parole altrui, le storie altrui che gira gira sono anche le nostre. Diamo loro la delega a rappresentare le vite e quando leggiamo calziamo le scarpe degli altri fingendo di non sapere che sono anche ai nostri piedi.

Nota bibliografica:

  • Moira Dal Sito, Quando qui sarà tornato il mare. Storie dal clima che ci attende, a cura di Wu Ming 1, Alegre, 2020
  • Chiara Forlani, Delitto sull’isola bianca. Le indagini del Foresto, Nua Edizioni, 2022
  • Nguyen Pan Que Mai, Quando le montagne cantano, Editrice Nord, 2020 (traduzione di Francesca Toticchi)
  • Alessandro Carlini, Il nome del male, Newton Compton Editori, 2022

Per leggere gli altri articoli e indizi letterari di Roberta Barbieri nella sua rubrica Vite di cartaclicca [Qui]

Il cuore dov’è
…un racconto

Il cuore dov’è
Un racconto di Carlo Tassi

Primavera dell’ottantadue.
Festa a casa di Marianna. Serata senza genitori e batticuore a mille.
Manca poco.
L’incognita dei baci. Baci immaginati, sognati, temuti, vietati.
Io sono pronto: polo bianca, jeans, scarpe da tennis e cinquemila lire in tasca.
Adrenalina, mal di pancia e un goccio di rhum di nascosto per carburare.

Esco.
Vado da Andrea. Alla fine della mia via giro l’angolo e sono sotto casa dei suoi. Saluto sua madre e salgo le scale. Lui mi accoglie in camera sua, si veste per la festa e mi parla di Beatrice. Mi racconta della sera prima, della sua prima volta. Mi mostra un succhiotto, mi dice tutto.
È il mio migliore amico, è giusto così.
Io l’invidio, non l’ho ancora fatto. Lui mi dice: “Senti, se non ti togli Roberta dalla testa, arriverai a vent’anni ancora vergine!”, poi scoppia a ridere.

Ho con me i dischi che mi ha passato Marco. Sarà lui a stare in consolle, io gli darò una mano. A mixare e fare scalette è il più bravo di tutti, la banda si fida.
La banda siamo sempre noi: io, Marco, Andrea, Gepry, Sandro, Carion e tutti gli altri… I soliti insomma.
Poi ci sono le tipe della festa, ovvio.
A me piace Roberta… Sì, lo so che è cotta di Marco, il fatto è che non riesco a non pensarla. E poi chissà, magari le è passata. Magari alla festa succederà qualcosa.
Nella testa solo fantasie e desideri. Agitazione, eccitazione, voglia d’esserci, di sognare ad occhi aperti.
Tra poco saremo al centro del mondo. Gira il mondo e gira la testa.

Penso a Roberta di continuo, è inevitabile. Forse stavolta s’accorgerà di me.
Occhi scuri come notte di tempesta, capelli lucenti come ossidiana, pallore lunare. Il viso, un ovale perfetto con una piccola cicatrice sulla fronte che fa impazzire. Il sorriso, un faro che illumina il mio mare di sogni.
Ma alla fine di tutto, il pensiero indugia sui seni che bloccano il respiro, e scivola nel mistero celato sotto la gonna. Ultimo, sublime peccato mortale. Splendido arcano che mai riuscirò a scoprire… O forse sì.

Comincia la festa.
I genitori di Marianna sono fuori Ferrara. La taverna è diventata una discoteca affollata.
Questo sabato notte sarà completamente nostro. Siamo gli attori del nostro film preferito, siamo le star del tutto esaurito. La storia si ricorderà di noi, ne sono sicuro.

Sono arrivato.
Andrea e Beatrice si appartano in un angolo. Ruggy arriva con Elisa, stanno insieme da due mesi.
Carion mi saluta, è già mezzo ubriaco. Paola e Claudia ballano in coppia, come sempre.
Mi viene incontro Gepry. “Senti, Marco non s’è ancora visto. Ci pensi tu a mixare?” mi dice.
“Ok” gli dico.
Vado alla consolle, un tavolino per picnic apparecchiato hi-tech. Accendo le luci strobo e inizio a metter su dischi: The Police, Simple Minds, The Cure, The Clash…
Mi guardo attorno, Roberta non è ancora arrivata.
Queen, Dire Straits, Duran Duran, The Stranglers, Culture Club…
Do you really want to hurt me… Marianna mi porta da bere. “Ciao Mary, hai visto Roberta?” chiedo.
“No, non l’ho vista” dice. Poi si mette a ballare reggae con Paola e Claudia.
Madness, The Specials, Devo, Talking Heads, The Jam, Soft Cell…
Where the heart is… Gepry mi passa accanto, occhi luccicanti e birra in mano. Lo blocco, “È arrivato Marco? Non voglio restare tutta la sera a metter dischi da solo!” gli dico.
“Dev’essere fuori in cortile… Dai, vallo a chiamare che qui ci penso io!”
“Ok grazie, vado e te lo porto!”

Esco fuori.
È buio e fa fresco. Vedo due ombre dietro una siepe, mi avvicino.
Riconosco Marco, è di spalle e sta baciando una tipa. Tossisco di circostanza, non voglio rovinare il momento. Marco si gira, mi vede e sorride imbarazzato. Dietro di lui c’è Roberta, si sistema la camicetta e abbassa lo sguardo. “Ciao Carlo. Gepry m’ha detto che sei tu alla consolle, stai andando alla grande!” dice lui.
“Grazie Marco, ma vado a casa. Non mi sento un granché bene, devo aver mescolato troppa roba da bere”, mi trema la voce, “Gepry m’ha sostituito, se vuoi dargli il cambio… ti saluto, ciao!”
Affretto il passo, vorrei dare un ultimo sguardo a Roberta ma non ce la faccio.
M’allontano quasi di corsa, con la testa nel pallone.

Torno a casa.
Mi passo una mano sul petto.
Immobile, svuotato.
Il cuore dov’è…
È caduto nell’erba… Tramortito, disseccato.

Che resti lì per un po’, per questa notte almeno, a bagnarsi di rugiada.

Where The Heart Is (Soft Cell, 1982)

Per leggere tutti gli articoli, i racconti e le vignette di Carlo Tassi su questo quotidiano clicca sul suo nome.
Per visitare il sito di Carlo Tassi clicca [Qui]

Le storie di Costanza /
Dicembre  2060 – Saluti e auguri dal passato futuro

 

Finisce il 2060, e finisce l’anno del nostro passato-futuro che mese per mese ci ha raccontato Costanza Del Re da un paesino fluviale della bassa bresciana. Sono racconti, ma sono anche ricordi, sogni, riflessioni sul presente, felici intuizioni. Per chi, nella noia delle feste, volesse leggere tutte le 12 puntate (per me ne vale la pena) può trovarle facilmente su questo giornale. Perché con Ferraraitalia di ieri non ci si incarta il pesce, è un ‘quotidiano’ molto particolare, “non butta via nulla”. 
Personalmente non ho ancora quando e dove si trovi il 2060 di Costanza Del Re, se prefiguri un futuro, racconti un passato o rifletta sul presente. Forse, più semplicemente, ci mostra il Pianeta privato di Costanza. Ma è un luogo, un tempo, in cui anche noi ci riconosciamo. E possiamo incontrarci. Succede, insomma, quella strana cosa, e abbastanza rara, che chiamiamo Letteratura. 
(Francesco Monini)

Siamo a dicembre, un mese particolare. Giornate corte, freddo, umido e molte feste. Prima arriva Santa Lucia (13 dicembre) a portare i regali ai bambini, poi la festa della ‘Loertisa’ (focaccia che contiene germogli di luppolo bolliti), poi la vigilia e il giorno di Natale.

E’ un mese in cui si tirano un po’ le somme dell’anno. Chi è arrivato, chi ci ha lasciato, quanto Robot-111 sono stati assemblati, quanti messi definitivamente a riposo.
E’ anche il momento per sentirci fortunati se siamo in salute, circondati da persone che ci vogliono bene, amati. E’ il periodo giusto per coltivare la speranza che il domani sarà migliore di oggi, che il prossimo anno potremo tornare al mare, fermarci a guardare il sole che luccica sull’acqua salata e i Gabby-x che volano rasente l’acqua verso il rosso del sole che tramonta.
Ma adesso è dicembre, un mese particolare, quello di Natale.
Cosmo-111 vuole un piccolo Babbo Natale di pezza da attaccarsi su una spalla:
Babbo Natale, babbo Natale, rosso Natale, bianco Natale.  Raco calare, raco calare, toco polare, toco ricare” canta come suo solito un po’ in italiano e un po’ a modo suo, mescolando suoni che gli piacciono.

I miei figli Axilla e Gianblu si sono già messi a discutere per sciogliere il colore delle palline che addobberanno l’abete quest’anno. Pare che saranno argento e azzurro.
Mio marito dice che devo prenotare il cappone dal macellaio in modo che ce ne possano vendere uno di quelli che allevano loro. A terra, senza mangime. Poi bisognerà scegliere delle zucche mature e dolci altrimenti il ripieno dei tortelli non viene buono. Noi siamo molto tradizionalisti, mangiamo per le Feste i cibi che hanno accompagnato tutti gli ottantotto anni della zia Costanza. Sempre quelli, cucinati bene e all’ultimo momento. Non scotti, non riscaldati, non surgelati, non liofilizzati, essiccati, disidratati. L’unica eccezione è il pescandor-k al posto del vino. Questo distillato di pesche bianche piace molto ai robot-111, lo bevono in un batter d’occhi e poi rovescino indietro le telecamere in segno di grande soddisfazione.  Ci sembra giusto che anche loro possano pasteggiare traendo la maggiore soddisfazione possibile dal momento.

Quest’anno è nato Gyanny, la vera novità di questo 2060 che se ne sta andando per sempre lasciando dietro a sé ricordi, rimpianti, sofferenze e amori. Adesso ha cinque mesi ed è uno spettacolo. Luca, mio marito, per il Battesimo gli ha assemblato un robot orsetto che si chiama Orsino-121. Il robot è fatto come un piccolo orso, ricoperto di filo di mollan sgarzato color marrone, trasmette calore mantenendo il suo corpo a una temperatura costante di circa 37 gradi e mezzo. Tiene il bambino sempre caldo. Non solo, i suoi sensori gli permettono di verificare la frequenza dei battiti del cuore di Gyanny, la sua pressione arteriosa, se ha fame o sonno e se deve essere cambiato.
Orsino-121 è un babysitter molto efficiente. In quel robot-121 c’è una grande novità. La sua alimentazione avviene attraverso una pila a fissione nucleare.

La differenza tra bomba e pila atomica sta nella rapidità con la quale si libera l’energia prodotta dalla fissione nucleare di una certa quantità di uranio. Nella bomba, tutta l’energia si libera in una frazione di secondo, con effetti disastrosi. Nella pila, la reazione nucleare è rallentata, così da rilasciare l’energia in un lungo arco di tempo. La fissione nucleare è dovuta all’urto di un neutrone contro un atomo di uranio 235. L’atomo colpito si spacca liberando una certa quantità di energia e due o tre neutroni. Una parte dei neutroni si perde. Se a ogni passo della catena il numero dato dalla differenza tra neutroni prodotti e neutroni persi cresce, la reazione aumenta rapidamente fino a diventare esplosione (bomba). Se il numero diminuisce, la reazione si spegne. Se è uguale, la reazione produce energia in modo costante (pila nucleare). Nella pila, per regolare il numero di neutroni si inseriscono o si tolgono dall’uranio alcune barre di cadmio o boro, che assorbono facilmente neutroni.

Davvero affascinante. Queste nuove pile hanno una potenza incredibile e una durata impressionante. Nulla di paragonabile agli alimentatori che si sono usati fino ad ora per i robor-111. E così insieme alla nascita umana di Gyanny abbiamo assistito alla nascita di una nuova generazione di mezzani, i robot-121.  Luca dice che questi nuovi robot verranno commercializzati presto a prezzi accettabili e che avranno delle prestazioni davvero stupefacenti. Orsino-121 è il primo di una lunga catena di mezzani che sostituiranno o aggiorneranno i precedenti.  A Orsino piace il miele e anche i Frutti di Martorana (tipico dolce siciliano) anche se i cibi non sono più necessari per il funzionamento dei suoi circuiti meccatronici.  Pensiamo che l’alimentarsi di cibo umano sia diventato uno dei tanti processi imitativi appresi per prove ed errori. Sta di fatto che quei dolci gli piacciono da matti,  da Orsetti-matti-121. I frutti di Martorana sono fatti di pasta di mandorle, modellata e colorata in modo da imitare frutti e ortaggi in scala ridotta e sono bellissimi da vedere. Devono il loro nome al monastero nel quale furono inventati nel 1194, il monastero della Martorana a Palermo.

In piazza a Parda c’è una pasticceria dove ne producono di buonissimi, dobbiamo ricordarci di dire a Daniele, quando viene ad aiutarci a preparare il pranzo di Natale, di portarne un vassoio, poi glieli paghiamo. Quando arrivano li devo nascondere subito. Se Orsino-121 li trova, li mangia tutti e per Natale non resta sulla nostra tavola nemmeno un piccolo e perfetto mandarino-martorano.

E così ci ritroveremo di nuovo a Natale, tra pranzi da preparare, regali da incartare, nuovi bambini e mezzani da iniziare ai festeggiamenti e anziani (umani e mezzani) da salutare. Credo che alla fine non ci sarà molta differenza tra il Natale di quest’anno, quello di dieci anni fa, quello di cinquanta. La zia Costanza mi ha raccontato che quando era piccola suo padre faceva il presepe su un tavolino del soggiorno. Usava strani legni ripescati nel Lungone che verniciava con le sue sapienti mani. Doveva davvero essere un presepe originale e bellissimo. Altro che quelli che si comprano tutti uguali e che costano tanto!. Il professor Umberto doveva essere un vero artista, così lo ricordano la mamma e le zie. Se n’è andato da molto tempo ormai, ma il bene che ha saputo donare resta bene perenne. Questo vale per tutte le persone che ci hanno lasciato, per tutti coloro che ci hanno salutato, che sono partiti.  Il presepe più bello resta quello che si fa con i resti di legno, cartone e iuta. Con la pasta di pane, con la cartapesta fatta con le strisce di carta dei vecchi Tresciaone messi a macerare con acqua e colla. Quello che si ricopre col muschio che è attaccato ai tronchi dei tigli che costeggiano la strada che porta al cimitero di Pontalba, che si spruzza con un po’ di farina bianca. Le cose fatte in case, artigianali, uniche e anche un po’ maldestre sono curiose, piacciono anche ai mezzani, le continuano a guardare.

Ieri ho sorpreso Cosmo-111 e Canali-111 che si facevano delle strane confidenze.
“Tu cosa vuoi per Natale ?” ha chiesto Cosmo-111 a Canali-111.
“Io voglio che i bambini ridano. Marlon e Gyanny quando ridono sono belli. Quando ride Marlon e Gyanny lo vede, anche lui ride. Quando Gyanny ride e Marlon lo vede, anche lui ride”
E si torna sempre sullo stesso nodo focale. L’apprendimento per imitazione è una delle strategie fondamentali per acquisire degli stili di comportamento. Vale per i mezzani e vale anche per gli umani. Forse se uno di noi sorridesse un po’ di più sorriderebbero un po’ di più molti altri.
Tanti auguri di Buone Feste da noi umani, dai robot-111, dai robot-121, dai robot-animali-x e dalle anime dei nostri cari che ci hanno lasciato e che sorridono a queste imminenti feste da lassù.

Per leggere tutte le altre puntate, tutti i mesi del 2060 di Costanza Del Re, è sufficiente cliccare il nome dell’autore sotto il titolo. 

 

Fare comunità a Bondeno:
gli incontri del Collettivo Poetico Ultimo Rosso

La poesia può essere anche allegria. Sì avete capito bene. I poeti li consideriamo spesso per la loro aurea melanconica. Più hanno vite complicate e tristi, più sono amati. Come se la componente principale dell’artisticità sia intrinsecamente legata alle vicissitudini di una vita poco facile e sofferente. E forse è anche un po’ vero, perché il loro malessere lo mettono su carta, la maggior parte delle volte. Perché è terapeutico scrivere, creare in questo stato d’animo dà senso a una vita difficile da affrontare. Il senso di frustrazione per ciò che non si può cambiare diventa una molla, la più forte per una produzione prolifica. Dubito però che anche i più grandi, quando si ritrovassero in bar letterari o osterie di quart’ordine, rimanessero indifferenti a quell’atmosfera che si crea tra pari, quell’atmosfera di tutt’altro genere che si può chiamare, in maniera non troppo melensa: cameratismo. Anche se si potrebbe parlare forse, in modo più appropriato, di vera e propria ‘comunità’.

Poesie su gli alberi 4

È quello che è successo ieri a Bondeno per l’iniziativa Poesie su gli alberi ideata da Lidia Calzolari e con il patrocino del Comune di Bondeno. Si è riunita non solo una ‘comunità di poeti’ ma un’umanità che si riavvicina, si stringe e si abbraccia, dopo una pandemia che ci ha lasciato isolati e costretti ad una solitudine mentale e psicologica, oltre che fisica. Con l’adesione in massa del Collettivo Poetico Ultimo Rosso, un pomeriggio freddissimo ma soleggiato, si è trasformato in un convivio colorato e festoso che ha emanato calore. Perché le solitudini a cui l’animo poetico è spesso soggetto, si sono unite e hanno fatto gruppo.

Poesie su gli alberi 3

I testi poetici dei partecipanti sono stati appesi sugli alberi, come addobbi natalizi, regali da donare ai passanti presso il viale centrale del paese. Le letture dei poeti si sono susseguite fino al tardo pomeriggio, quando per scaldare anche i corpi, si sono concessi anche una frittella di mele calda e un bicchiere di vin brulé, presso gli stand natalizi sotto il grande albero di Natale. Ma come si fa a coinvolgere anche i passanti più riluttanti? Semplicemente con l’allegria come hanno fatto alcuni dei poeti del Collettivo, fermandoli, scherzando con loro, giocando con le parole persino. Questa è la poesia che non si chiude nelle biblioteche, che non si ferma nei circoli letterari o sui blog di critica, dove analizzando freddamente contenuti, significati, metafore e anacoluti, si ci accorge che alla fine non rimane più nulla, ma che resta solo un grande discorso rivolto a nessuno e senza nessuna crescita.

Poesie su gli alberi 2

Cosa abbiamo imparato da una pandemia come quella che ancora stiamo vivendo? È ciò che molti si sono chiesti. Forse nulla, come dicono: il surriscaldamento globale continua a distruggere la nostra unica casa, le grosse multinazionali hanno trovato nuovi modi per far soldi e per sfruttare i più deboli, i politici più gentili cercano di conservare la loro poltrona e quelli più scaltri cercano di allargare il proprio potere, i giovani continuano e farsi strada faticosamente lungo il percorso della vita, mentre tutti, anche i meno giovani, cercano semplicemente di resistere e tenersi a galla.

Poesie su gli alberi 5

Rimane l’arte. Quella più incomprensibile ma che esterna e libera impressioni ed espressioni, oppure quella più semplice e comunicativa, rimane l’atavica convinzione che solo lei possa fare da ‘copertina di linus’ tra i poeti, tra le persone, tra i popoli, nelle società più fredde e distaccate. Esplosiva quanto salvifica, è sempre lei che può rendere un pomeriggio di una gelida domenica dicembrina, la maniera migliore di entrare in comunione con gli altri. Perché esprimersi e non castrarsi emotivamente, è la sola via di crescita e di creatività, di positività e di vita.

Natale altrove
…un racconto

Natale altrove
Un racconto di Carlo Tassi

Albero di Natale, pacchetti sparsi sul pavimento, caramelle confezionate, scartate e buttate…
Sala d’aspetto d’ospedale: luci al neon, sedie e tavoli vuoti, pulsanti alle pareti.
Vado a prendere un te caldo al distributore, cammino lungo il corridoio. Pareti e soffitto arancio per rallegrare, luci soffuse per non disturbare. Sulla sinistra un corrimano grigio, sulla destra una porta dietro l’altra e all’interno di ognuna involucri umani giacciono in penombra, immobili, intrappolati nei loro sudari computerizzati.
È tardi, l’orario di visita è finito, un infermiere con una busta di soluzione fisiologica in mano mi passa accanto sfiorandomi, forse sono invisibile, certo vorrei esserlo. Mi pesa quest’aria viziata di disinfettante, escrementi e candeggina.
La vita si scontra con la morte, di nascosto. Avverto uno strano pudore, mentre orgoglio e dignità sono definitivamente sconfitti da bisogni e necessità. Gli umori fuoriescono, lacerazioni e piaghe purulente infiammano corpi già martoriati, umiliati.

Continuo a camminare senza fare rumore, gli occhi indugiano irrispettosi e dispiaciuti nell’intimità altrui. Un fracasso di urla sommesse mi raschia i timpani: rantoli, ansimi, lamenti bisbigliati m’inseguono anonimi lasciando solchi.
Corpi collegati a cavi e sensori, attaccati a tubi e sacche, perforati da aghi e sonde…
Intravedo cicatrici, come cerniere richiuse sulla pelle, e nervi spezzati, come le speranze.
Si vive la giornata, il dolore è come il pane quotidiano: si mangia per sopravvivere.
È rimasta poca carne in quei corpi pallidi, avvolti nei pigiami comprati in offerta, all’occorrenza.
Impulsi vitali monitorati ogni secondo. Anime e circuiti elettronici coabitano in simbiosi. L’esistenza è sospesa in un sonno indotto. Il pensiero è rarefatto. Forse è un sogno profondo, lontano, perso in altri luoghi e tempi.

Altrove sembra tutto normale: fuori le luci brillano a festa, la gente si prepara per uscire. Pizza o ristorante? Cinema o pub? Poi la messa di mezzanotte, per scambiarsi un segno di pace e rimirare il presepe coi suoi effetti scenici. Ormai satolli di cibi e vino ma non paghi di baldoria.
È Natale dopotutto.

Il Natale è altrove, penso. Eppure l’albero e gli addobbi sono qui davanti a me, in questa saletta dove quei corpi troppo fragili non possono arrivare.
No, forse mi sbaglio, il Natale è qui!

Fragile (Sting, 1987)

Per visitare il sito di Carlo Tassi clicca [Qui]

#INSORGIAMO
Si allarga la lotta degli operai licenziati GKN:
il 18 settembre a Firenze la Manifestazione Nazionale

 

Sono passate diverse settimane da quando, in prima pagina o in modo meno evidente, tutti i giornali hanno riportato il caso degli operai di GKN Driveline, cioè la vergognosa comunicazione della chiusura dello stabilimento di Campi Bisenzio (FI) ai 422 lavoratori attraverso il messaggio email del 9 luglio scorso. [Vedi qui] la cronaca sul giornale La Nazione di Firenze.
Non sempre però è stata riportata la grande reazione dei lavoratori, non solo degli operai metalmeccanici, ma di tutti i lavoratori coinvolti: le operatrici delle pulizie, gli addetti alla mensa, gli attrezzisti, gli elettricisti, eccetera:  80 persone tutte coinvolte nella chiusura dello stabilimento e oggi impegnate nell’occupazione della fabbrica. Fabbrica che non ha mai smesso di essere “a regime e perfettamente funzionante, pronta per riprendere la produzione in qualsiasi momento”, come riferiscono gli stessi lavoratori occupanti.
Da quel 10 luglio scorso in cui tutti i lavoratori dello stabilimento di Campi Bisenzio hanno deciso di occupare immediatamente la fabbrica senza più abbandonarla, come prima e spontanea reazione alla lettura della mail del padrone, le ragioni e gli obiettivi della lotta sono stati subito chiari: il ritiro dei licenziamenti e necessità d’imporre un cambio di passo nelle scelte della politica aziendale. 

Campi Bisenzio (FI), 28 agosto, 2021: il palco della manifestazione davanti alla fabbrica GKN occupata

La maledetta mail è partita a seguito del provvedimento di sblocco dei licenziamenti approvato con il con Decreto Legge del 30/06/2021 [Qui], dettato dalla linea confindustriale di Bonomi e fatto proprio dal governo Draghi senza colpo ferire, come se fosse inevitabile e necessario, come se fosse terminata l’emergenza pandemica. grazie anche – occorre dirlo – il benestare dei sindacati confederali che in cambio hanno preteso una inutile (e naturalmente inascoltata) “raccomandazione” sull’attivazione di tutti gli ammortizzatori sociali esistenti.
Quando, puntualmente, è arrivata la raffica di licenziamenti, tutti (governo, sindacati confederali, perfino Confindustria) si sono detti sorpresi e indignati (Sic!) per i licenziamenti a sorpresa. Lacrime di coccodrillo? No, non credo che nessuno dei firmatari di quell’accordo scellerato abbia versato una lacrima.
Sui licenziamenti e gli effetti scellerati della globalizzazione liberistica vedi il bellarticolo di Nicola Cavallini, pubblicato qualche giorno fa su questo giornale [Qui]

Intanto la GNK ha fatto subito scuola. In una gara di velocità, impressionante ma prevedibilissima, diverse aziende dislocate nelle diverse aree industriali del Paese, naturalmente più a nord che a sud, senza distinzione di stile, cioè quasi sempre con comunicazioni rigorosamente ‘a distanza: la Henkel a Lomazzo, la Gianetti Ruote a Ceriano Laghetto, la Whirlpool a Napoli, la Shiloh a Verrès, in Valle d’Aosta, eccetera [vedi servizio su Internazionale].
Da subito le manifestazioni di solidarietà con gli occupanti la fabbrica GKN sono state numerose. I primi a farsi avanti sono stati i lavoratori che maggiormente hanno risentito del lockdown per la pandemia, come i lavoratori dello spettacolo, sempre presenti a tutte le iniziative, ma anche i disoccupati, i lavoratori atipici e precari, gli studenti, i cittadini impegnati, i pensionati e gli amministratori pubblici locali. Ognuno ha dato il suo contributo alla riuscita della lotta.
Ma per capire e condividere gli obiettivi concreti e le modalità che stanno caratterizzando tutte le iniziative del Collettivo di Fabbrica della GKN, abbastanza atipiche nel panorama delle lotte sindacali che normalmente vengono messe in atto in casi analoghi, bisogna andare a parlare con loro, con gli occupanti, partecipare ai momenti di lotta e di presidio dello stabilimento, raccoglierne le testimonianze e le preoccupazioni.

festa operaia
Campi Bisenzio (FI), 28 agosto 2021. Il gruppo fiati in azione: quando la lotta diventa una festa

Per questo sabato 28 agosto sono andata con la mia bicicletta alla stazione di Borgo San Lorenzo e con un biglietto treno+bici sono arrivata a Firenze S. Maria Novella. Poi ho proseguito pedalando verso Careggi e da lì tutto a diritto fino a superare il ponte sul torrente Marina  per entrare nel territorio di Campi Bisenzio, in prossimità del Centro Commerciale I Gigli, proprio a fianco dello stabilimento GKN.
Quando sono arrivata davanti alla fabbrica occupata, nel piazzale di via Fratelli Cervi, c’era già moltissima gente e dal palco eretto al centro grazie alla collaborazione volontaria dei lavoratori dello spettacolo. Dario Salvetti introduceva la serata di musica e di lotta animata da 4 gruppi musicali e dalle testimonianze dei lavoratori e delle lavoratrici, dei sindacalisti della RSU della fabbrica e delle realtà solidali, che sono l’altra anima della lotta [Vedi qui],
Poteva essere l’occasione ideale per porre alcune domande ai protagonisti della serata. Il primo con cui ho parlato è Claudio, operaio GKN, che riassume gli antefatti e mi spiega l’origine del motto “insorgiamo” che ha dato significato fin dall’inizio questa lotta. Ecco la storia: nell’agosto 1944, dopo 20 anni di regime, i partigiani si ribellarono all’occupazione fascista di Firenze e liberarono la città chiamando tutti i lavoratori, i cittadini e le cittadine, tutte le forze antifasciste a partecipare attivamente a quella che sarà in seguito ricordata come “la battaglia di Firenze”  a lottare contro il nazifascismo, proprio  al grido: INSORGIAMO!  Oggi, mi dice Claudio, dopo 20 anni di leggi e decreti con cui tutti i governi, indistintamente, non hanno fatto altro che favorire gli interessi e i profitti della grande imprenditoria a scapito dei diritti dei lavoratori che sono andati via via riducendosi progressivamente, abbiamo pensato a quell’antica storia, e come allora i partigiani difesero le fabbriche dalla distruzione nazista, oggi tocca a noi, agli operai, lottare per difendere le fabbriche dall’attacco padronale che le vuole chiudere per delocalizzare.

Claudio spiega come la mossa di Melrose industries PLC, la finanziaria inglese che 3 anni fa ha acquistato la GKN Driveline, sia del tutto speculativa: la produzione di componentistica per auto (il settore di produzione dello stabilimento fiorentino) non è un settore in crisi; ha subito alti e bassi, come tutto il comparto auto, ma a periodi di cassa integrazione hanno fatto seguito periodi di contrattazione per straordinari. GKN Driveline non versa in difficoltà economiche e non ha fatto alcuna segnalazione relativa alla Unità di Crisi del lavoro della Regione Toscana. Anzi, di recente ha acquistato, anche con l’aiuto pubblico, macchinari nuovi e nuovo software, pertanto le prospettive non erano certo quelle di chiudere lo stabilimento.
Quindi, se GKN ha goduto di fondi pubblici, la soluzione del contenzioso non può essere che lo Stato metta a disposizione altro denaro per sostenere i lavoratori che poi diventano disoccupati. L’avviso di chiusura dello stabilimento è arrivato del tutto inaspettato per tutti, la modalità di prendere e scappare in pochissimi giorni testimonia la volontà della proprietà di voler semplicemente delocalizzare la produzione in un altro Paese, magari dell’Est-europeo, dove i vantaggi fiscali, gli stipendi  bassi e le normative che regolano i rapporti di lavoro sono ancora, se possibile, più vantaggiosi per la proprietà, che vedrebbe accrescere i profitti contraendo semplicemente le spese.
Del resto una finanziaria è fatta per garantire profitti sempre più alti agli azionisti e non certo per condurre al meglio gli impianti industriali.  Alla proprietà non importa  se i risultati dello stabilimento di Campi Bisenzio sono stati raggiunti con un sostanzioso contributo pubblico, cioè di tutti, operai compresi, non importa che la chiusura dello fabbrica causerebbe una ferita grave a tutto il tessuto sociale della zona, oltre che al comparto automobilistico italiano.
Chi invece dovrebbe cambiare strada dovrebbe essere il governo e le sue scelte di politica economica. Ma perché questo succeda, cioè che si cambi direzione e si metta al primo posto la difesa dei posti di lavoro e le condizioni di tutti i lavoratori,  la lotta dovrà continuare e diventare sempre più diffusa. Non sarà un percorso facile, qui alla manifestazione ne sono tutti consapevoli. Ma. si sente nell’aria, si legge nella faccia della gente, da qui può davvero incominciare una nuova stagione di lotta.

manifestazione operaia
Campi Bisenzio (FI), 28 agosto 2021. Davanti al palco della manifestazione contro i licenziamenti alla GKN

Ad esempio,  c’è bisogno di una legge  che penalizzi la delocalizzazione, che preveda congrue sanzioni per le aziende che vengono sul territorio, incassano aiuti pubblici e poi scappano, che imponga un giusto preavviso da parte delle imprese quando intendono chiudere. Il Collettivo dei lavoratori GKN sta già lavorando con giuristi ed esperti costituzionalisti ad una proposta in questo senso, “per scrivere una legge con le proprie teste, e non subire una legge sulle proprie teste!”

“Per la prima volta –  racconta Claudio –  non siamo stati noi operai a doverci muovere per andare a Roma a trattare, ma abbiamo chiesto ed ottenuto che fosse il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) a venire qui per seguire la vertenza. Questo è solo un piccolo esempio per far capire cosa intendiamo per il ‘cambiamento di passo’ che pretendiamo dalla politica. Il MISE si è incontrato con l’azienda a Firenze in prefettura una prima volta il 14 luglio, quando abbiamo chiesto il ritiro dei licenziamenti, a cui è seguito un nulla di fatto, e una seconda volta il 5 agosto, quando a seguito di una trattativa lunga ed estenuante GKN ha chiesto alcune ore di riflessione. La riflessione è tuttora in corso. Nel frattempo abbiamo fatto iniziative importanti, come la manifestazione in piazza S.Croce, quella del 14 agosto in piazza della Signoria proseguita con il corteo di 3000 persone sui lungarni; tanti gli incontri e le assemblee per coagulare le realtà vicine e solidali con la nostra lotta. Vogliamo stimolare gli amministratori pubblici a prestare maggiore attenzione  a quello che sta succedendo nel mondo del lavoro in generale, non ci interessa solo il nostro caso ma vogliamo dare voce a tutti i problemi e alle diverse situazioni in giro per l’Italia: durante la pandemia sono stati persi almeno 1.000.000 di posti di lavoro, vogliamo evitare che le aziende prendano e chiudano dall’oggi al domani e lascino per strada i lavoratori. La nostra lotta non vuole rimanere chiusa dentro i cancelli della GKN ma la vogliamo portare dappertutto in Italia e far convergere su di essa tutte le realtà perché la lotta sarà vincente se coinvolgerà tutte e tutti le lavoratrici e i lavoratori.”.

Lasciato Claudio al suo compito di servizio d’ordine della manifestazione, incontro Giovanna, un’amica mugellana, pensionata ex lavoratrice dell’azienda urbana di raccolta rifiuti, anche lei sempre presente alle diverse lotte dei lavoratori e cittadini dell’area metropolitana di Firenze. Condivido con lei l’impressione positiva sull’affluenza di persone di tutte le età alla manifestazione. Ci sono anche le famiglie dei lavoratori e delle lavoratrici al completo dei bambini, che si addormentano appesi al collo dei babbi e delle mamme,  cascati nel sonno nonostante il rumore della folla e la musica ad alto volume, mentre altri, i più grandicelli, ballano e si scatenano seguendo il ritmo dei fiati o della batteria. E’ una serata eccezionale per loro, ma anche per noi che, armati di mascherina, ci aggiriamo tra i banchetti di libri e di gadget partecipando alla festa.
A serata inoltrata, quando, nonostante sia tardi, diverse persone stanno ancora arrivando (in fondo è l’ultimo sabato sera di agosto) mi avvio al parcheggio, per rientrare a casa.

Due giorni dopo la manifestazione, Il 31 agosto, l’incontro per l’avvio della fase amministrativa della procedura di licenziamento collettivo avviata da GKN Driveline, convocato dal Ministero del lavoro, e a cui hanno partecipano l’azienda, Fiom, Fim e Uilm, il MISE e la Regione Toscana, si conclude con un niente di fatto: sindacati e Regione continuano a chiedere il ritiro dei licenziamenti, l’azienda ribadisce la volontà di chiudere lo stabilimento e accusa i sindacati di fare muro. [cronaca del 1 settembre, La Nazione]  
Il tempo stringe, il 22 settembre scadono i 70 giorni previsti per il primo tavolo dove si sta trattando. Dopo, se non verrà decisa una proroga, partiranno le lettere ufficiali di licenziamento.
Gli operai di GKN danno appuntamento a tutti i lavoratori e le lavoratrici per unire le vertenze in atto e proseguire assieme la lotta, perché solo uniti si può cambiare il corso delle cose, il 18 settembre a Firenze per una grande Manifestazione Nazionale.
Cover: Striscione all’ingresso dalle fabbrica occupata GKN, Campi Bisenzio (FI)

Don Minzoni, il coraggio di dire “no”. Il film del ferrarese Muroni al Maxxi di Roma

Dopo il sold out a Ferrara all’anteprima nazionale di ‘Oltre la bufera’, il film ideato da Stefano Muroni sarà presentato domani (23 ottobre) come evento speciale alla festa del Cinema di Roma

Il duello degli sguardi. Le parole sussurrate, i volti ravvicinati, viso a viso, fino a ‘fiutarsi’, a sentire l’altrui respiro nei primissimi piani. La citazione ripetuta de ‘La tempesta’ di William Shakespeare («Siamo fatti della stessa materia dei sogni»); le riprese inconsuete, le scene teatrali, avvolte o tagliate da una luce straordinaria; le istantanee in bianco e nero, come sussulti di un discorso franto, sincopato, quasi fosse un singhiozzo.
Così il film ‘Oltre la bufera’ sa raccontare don Giovanni Minzoni, parroco di Argenta, «uomo giusto», vittima di un agguato fascista il 23 agosto 1923.
All’anteprima nazionale della proiezione la sala dell’Apollo di Ferrara era gremita all’inverosimile e ci si domanda come la figura di un sacerdote possa attirare ancora oggi tanto pubblico.
La risposta è lì, nello sguardo fiero del prete-soldato, un don Minzoni integro, irreprensibile, nell’interpretazione potente di chi per primo ha riscoperto la forza autentica di una personalità guerriera, controcorrente: da un’idea del ferrarese Stefano Muroni, attore protagonista, ha preso forma e si è materializzato il progetto di ‘Oltre la bufera’, diretto da Marco Cassini e prodotto da Controluce.
Un soggetto composto a più mani da Marco Cassini, Valeria Luzi e Stefano Muroni, che insieme sono riusciti a riaffermare l’attualità della figura di don Minzoni con una sceneggiatura avvincente, avvalorata da una prova attoriale di forte intensità.
Il film sarà presentato domani (23 ottobre) come evento speciale al Maxxi alla Festa del Cinema di Roma, alla presenza del ministro Dario Franceschini.

La narrazione è costruita con cura artigianale: in una vicenda della quale si conosce il finale, il ‘come’ è imprescindibile, conta molto più del ‘che cosa’ si vuole raccontare. L’intero film è un discorso narrativo che trae la sua forza dall’alludere, dallo sfiorare, dall’evocare. La scelta stilistica del regista è una poetica di dettagli artistici disseminati nella pellicola, punti di luce per tracciare una costellazione: le inquadrature, i costumi, il montaggio. La musica, che fa vibrare ogni fotogramma, che dà voce al grido muto di chi vede cadere don Minzoni sotto i colpi di un potere a cui resta solo la brutalità per affermarsi. E il sopruso soccombe nel palpitare delle braccia che sorreggono don Giovanni.
«Prima di essere un prete don Minzoni è un uomo», che dà tutto e non si piega al compromesso, che risponde al sopruso con una sola arma: la sua umanità.
Così Oltre la bufera arriva al cuore e alla pelle del pubblico, tassello di un progetto che riporta sotto i riflettori una storia da molti dimenticata. Un progetto che si inscrive in una visione d’insieme, nella possibilità di disegnare un paesaggio di bellezza nell’orizzonte della terra ferrarese: a partire da Argenta e dalle scelte eroiche del suo parroco.
«Mi stanno lasciando solo», riconosce don Minzoni quando comprende che la ‘bufera’ sta per abbattersi su di lui: ma coraggiosamente resiste. E l’ombra di quel ‘piccolo prete’ di campagna s’innalza sopra ogni meschinità, assurge a quella di un gigante, che continuerà a vivere oltre la sua esistenza terrena e ad aggirarsi tra le coscienze.
Mentre il suo «no» rimbomba risoluto nel silenzio.

«Lunga è la notte», ripete ossessivamente, minacciosa, la voce di Augusto Maran.
Ma gli occhi fieri di don Minzoni, luci incorruttibili, continuano a scintillare. Sul filo della notte. Oltre la bufera.

Genere: drammatico, biografico
Regia: Marco Cassini
Attori: Stefano Muroni, Piero Cardano, Enrica Pintore, Michela Ronci, Pio Stellaccio, Jordi Montenegro, Davide Paganini
Produzione: Controluce Produzione srl, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna
Soggetto: Marco Cassini, Valeria Luzi e Stefano Muroni
Fotografia: Mattia Tedeschi
Montaggio: Cristian Gazzanni
Costumi: Luigi Bonanno
Musica: Martina Colli
Produttore: Valeria Luzi

Il cuore dov’è

Where The Heart Is (Soft Cell, 1982)

Primavera dell’ottantadue.
Festa a casa di Marianna. Serata senza genitori e batticuore a mille.
Manca poco.
L’incognita dei baci. Baci immaginati, sognati, temuti, vietati.
Io sono pronto: polo bianca, jeans, scarpe da tennis e cinquemila lire in tasca.
Adrenalina, mal di pancia e un goccio di rhum di nascosto per carburare.

Esco.
Vado da Andrea. Alla fine della mia via giro l’angolo e sono sotto casa dei suoi. Saluto sua madre e salgo le scale. Lui mi accoglie in camera sua, si veste per la festa e mi parla di Beatrice. Mi racconta della sera prima, della sua prima volta. Mi mostra un succhiotto, mi dice tutto.
È il mio migliore amico, è giusto così.
Io l’invidio, non l’ho ancora fatto. Lui mi dice: “Senti, se non ti togli Roberta dalla testa, arriverai a vent’anni ancora vergine!”, poi scoppia a ridere.

Ho con me i dischi che mi ha passato Marco. Sarà lui a stare in consolle, io gli darò una mano. A mixare e fare scalette è il più bravo di tutti, la banda si fida.
La banda siamo sempre noi: io, Marco, Andrea, Gepry, Sandro, Carion e tutti gli altri… I soliti insomma.
Poi ci sono le tipe della festa, ovvio.
A me piace Roberta… Sì, lo so che è cotta di Marco, il fatto è che non riesco a non pensarla. E poi chissà, magari le è passata. Magari alla festa succederà qualcosa.
Nella testa solo fantasie e desideri. Agitazione, eccitazione, voglia d’esserci, di sognare ad occhi aperti.
Tra poco saremo al centro del mondo. Gira il mondo e gira la testa.

Penso a Roberta di continuo, è inevitabile. Forse stavolta s’accorgerà di me.
Occhi scuri come notte di tempesta, capelli lucenti come ossidiana, pallore lunare. Il viso, un ovale perfetto con una piccola cicatrice sulla fronte che fa impazzire. Il sorriso, un faro che illumina il mio mare di sogni.
Ma alla fine di tutto, il pensiero indugia sui seni che bloccano il respiro, e scivola nel mistero celato sotto la gonna. Ultimo, sublime peccato mortale. Splendido arcano che mai riuscirò a scoprire… O forse sì.

Comincia la festa.
I genitori di Marianna sono fuori Ferrara. La taverna è diventata una discoteca affollata.
Questo sabato notte sarà completamente nostro. Siamo gli attori del nostro film preferito, siamo le star del tutto esaurito. La storia si ricorderà di noi, ne sono sicuro.

Sono arrivato.
Andrea e Beatrice si appartano in un angolo. Ruggy arriva con Elisa, stanno insieme da due mesi.
Carion mi saluta, è già mezzo ubriaco. Paola e Claudia ballano in coppia, come sempre.
Mi viene incontro Gepry. “Senti, Marco non s’è ancora visto. Ci pensi tu a mixare?” mi dice.
“Ok” gli dico.
Vado alla consolle, un tavolino per picnic apparecchiato hi-tech. Accendo le luci strobo e inizio a metter su dischi: The Police, Simple Minds, The Cure, The Clash…
Mi guardo attorno, Roberta non è ancora arrivata.
Queen, Dire Straits, Duran Duran, The Stranglers, Culture Club…
Do you really want to hurt me… Marianna mi porta da bere. “Ciao Mary, hai visto Roberta?” chiedo.
“No, non l’ho vista” dice. Poi si mette a ballare reggae con Paola e Claudia.
Madness, The Specials, Devo, Talking Heads, The Jam, Soft Cell…
Where the heart is… Gepry mi passa accanto, occhi luccicanti e birra in mano. Lo blocco, “È arrivato Marco? Non voglio restare tutta la sera a metter dischi da solo!” gli dico.
“Dev’essere fuori in cortile… Dai, vallo a chiamare che qui ci penso io!”
“Ok grazie, vado e te lo porto!”

Esco fuori.
È buio e fa fresco. Vedo due ombre dietro una siepe, mi avvicino.
Riconosco Marco, è di spalle e sta baciando una tipa. Tossisco di circostanza, non voglio rovinare il momento. Marco si gira, mi vede e sorride imbarazzato. Dietro di lui c’è Roberta, si sistema la camicetta e abbassa lo sguardo. “Ciao Carlo. Gepry m’ha detto che sei tu alla consolle, stai andando alla grande!” dice lui.
“Grazie Marco, ma vado a casa. Non mi sento un granché bene, devo aver mescolato troppa roba da bere”, mi trema la voce, “Gepry m’ha sostituito, se vuoi dargli il cambio… ti saluto, ciao!”
Affretto il passo, vorrei dare un ultimo sguardo a Roberta ma non ce la faccio.
M’allontano quasi di corsa, con la testa nel pallone.

Torno a casa.
Mi passo una mano sul petto.
Immobile, svuotato.
Il cuore dov’è…
È caduto nell’erba… Tramortito, disseccato.

Che resti lì per un po’, per questa notte almeno, a bagnarsi di rugiada.

Donne e mimose

Pochi giorni fa è stata la Festa della Donna o, secondo la sua vera denominazione, la Giornata internazionale della donna, che in Italia festeggiamo dal 1922, ed in occasione della quale in tutto il mondo vengono organizzate manifestazioni e celebrazioni per ricordare le lotte sociali e politiche che le donne hanno affrontato per ottenere diritti che dovrebbero spettare a ciascun individuo, indipendentemente dal sesso di appartenenza. Nel tempo però questa giornata ha assunto connotati anche molto lontani dalla riflessione politica e culturale che dovrebbe suscitare: un momento per meditare su quanto è stato fatto e quanto ancora ci sarebbe da fare, troppo spesso soverchiato dall’aspetto commerciale della festa.
Il simbolo della festa, il fiore di mimosa, usanza tutta italiana, fu proposto come tale nel 1946 da due donne iscritte all’Unione donne italiane, Rita Montagnana (moglie di Palmiro Togliatti) e Teresa Mattei. La scelta, votata all’unanimità, ricadde su questo fiore perché è l’unico che fiorisce a marzo ed è anche economico, e quindi può essere regalato da tutti.
Ma è senz’altro più poetico pensare che la mimosa, per la sua capacità di crescere, nonostante la sua fragilità, anche nei terreni più difficili, venne considerata come una rappresentazione della figura della donna, capace di generare vita anche nelle asperità.

LA MATITA
Una poesia di Carla Sautto Malfatto per la Giornata Internazionale della Donna

di Carla Sautto Malfatto

LA MATITA

Come un temperino la vita mi scarnifica l’involucro,
mi trita l’anima.
Sono caduta troppe volte
e spezzata
da credere di essere ormai finita
inutile,
e doloroso, a scarti, è stato ripristinare la punta.
Ora incido, con il moncherino rimasto,
ridicolo, tra le dita,
insicuro, instabile,
e il tratto ha meno efficacia,
dialoga piano.
Eppure, per ogni graffio,
metto più forza di prima
e stanchezze.
Quasi spolpata,
antro cavernoso,
ho intenzione di scrivere
anche solo con il legno
anche senza carta
magari con lo sputo.

(Carla Sautto Malfatto – tutti i diritti riservati)

I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Lettere di amanti, marmotte e buddisti… a capodanno

Il capodanno dell'”altra”

Cara Riccarda, caro Nickame,
un capodanno diverso: sono diventata l’amante di un uomo sposato e con un figlio piccolo. Ho cercato di fare finta di niente e non pensarci il più possibile ma poi il 31 dicembre è arrivato e io mi sono trovata da sola. Il messaggio di auguri di mezzanotte e un minuto non è servito a niente. Non è bastato. Lui me lo aveva detto che non sarebbe stato con me, è ovvio. Ma finché non ci ho sbattuto contro, non ho capito quanto male faccia.
Buon anno.
Fa

Cara Fa,
se scegli di fare l’amante di un uomo sposato, non puoi cedere alle convenzioni. La parola capodanno non la devi neanche pronunciare, ma nemmeno Natale e forse neanche compleanno, a meno che, casualmente, lui non sia libero proprio quel giorno lì.
Per assumersi certi ruoli, ci vuole fisico, altrimenti è meglio lasciare perdere. È molto facile raccontarsela finché il capodanno è lontano, il problema è quando il 31 dicembre ti ricorda che è tutto vero. E lui, avendotelo detto in anticipo, si è alleggerito, ha tagliato discussioni e pretese sin dall’inizio. Ti ha messo dalla parte di chi non può chiedere. Non è mai una categoria felice e soddisfatta.
Hai davanti 11 mesi per organizzarti un meraviglioso capodanno che non comporti rinunce.
Riccarda

Cara Fa,
la prossima volta studiala prima. Organizza una serata speciale con lui nel giorno del capodanno cinese. A meno che lui non sia cinese, naturalmente.
Nick

Salto della cavallina, salto della quaglia… no, salto del capodanno!

Cara Riccarda, caro Nickname,
anch’io sono passato direttamente al 2, ma con leggerezza e non per ripiego.
Ale

Caro Ale,
con leggerezza, ti invidio. Ma ci vuole allenamento.
Riccarda

Caro Ale,
credo tu sia una marmotta, o un ghiro. Oppure sei un alieno. In ogni caso, buon per te.
Nick

La felicità a capodanno? Essere buddisti!

Cara Riccarda, caro Nickname,
leggendo l’articolo, ho incominciato a pensare su come sono stati i miei capodanni in passato. Devo premettere che ho 56 anni. E questo fa la differenza.
Da piccola ascoltavo i ragazzi più grandi, che il giorno dopo facevano a gara a chi era andato a letto più tardi. Poi è toccato a me. In quei tempi, l’ultimo dell’anno, era un’occasione per stare fuori di più la notte. Che frenesia! Tutto doveva essere eccezionale. Poi quando rientravo a casa, mi rendevo conto che non era stato poi tutto questo eccezionale.
I miei ultimi dell’anno più belli sono stati da sposata, con i figli. Mi piaceva organizzare tra noi genitori e vedere le facce felici dei figli emozionati perché sapevano che per quella serata sarebbero stati tutti insieme fino a notte inoltrata. E così gioivo della loro gioia.
Poi i figli sono cresciuti e ovviamente e giustamente hanno incominciato a festeggiare per conto loro.
Ho incominciato a riflettere su queste ricorrenze. Penso che siano giorni che fanno sentire più solo chi è solo, più povero chi è povero, più sfigato chi si sente sfigato. Allora forse invece di ascoltare tutto il rumore che c’è fuori, di guardare tutte le luci, di farsi coinvolgere da tutto il frastuono come in un vortice, ci si dovrebbe fermare un attimo. E fare silenzio. Rientrare dentro, dentro se stessi. E ci si dovrebbe chiedere: ma io cosa voglio veramente fare? Con chi voglio veramente stare? Cosa mi interessa veramente? Cosa dirò quando mi chiederanno: allora cosa fai l’ultimo dell’anno? Mica ci posso fare la figura dello sfigato. Allora ti ci vuoi buttare ancora nella mischia, e rischiare di tornare a casa, con quella sensazione di vuoto, quella sensazione di avere investito tanto. Per poi sentire che non ne è valsa la pena? Che eri là in mezzo alla gente, ma guardavi tutto come in un film e ti sei chiesto? Ma che ci faccio qua?
Credo che essere veramente grandi, essere veramente fieri, significa fregarsene. Significa avere creato dentro di sé quella libertà, quella indipendenza del cuore, che se ne frega di quello che gli altri possano pensare se alla domanda rispondi: sono stata a casa, ho fatto una bella cena di pesce con mio marito, ci siamo guardati un bel film a mezzanotte abbiamo brindato, abbiamo tranquillizzato i nostri cani impauriti dai botti, e poi siamo andati felici e contenti a letto. Il bello è venuto il giorno dopo, siccome sono buddista, e per i buddisti il primo dell’anno è un giorno importante, a casa mia ho avuto la fortuna di accogliere 41 persone, abbiamo parlato di vita, di amore di compassione. E mi son sentita veramente felice.
Buon anno a tutti.
S.

Cara S.,
ti rispondiamo insieme perché sei un po’ la sintesi e l’aspirazione di tutti e due. Noi non abbiamo cani da tranquillizzare, peggio: abbiamo una vocina interiore che ci disturba soprattutto quando va tutto bene. Il trionfo è durante le feste quando la vocina si fa supponente e più fastidiosa che mai. Un tempo arrivava a parlare al posto nostro, ora ci siamo fatti accorti, le diamo uno spazio, la lasciamo sfogare e poi la richiudiamo in quell’angolo dove mettiamo i pensieri scomodi che devono avere un tempo limitato, un’importanza relativa. Fino al prossimo capodanno.
Riccarda e Nick

Potete scrivere a parliamone.rddv@gmail.com

I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – La crisi del capodanno

Primo appuntamento del 2019 con la rubrica I dialoghi della vagina che si fa A due piazze per ospitare uno scambio fra Riccarda e Nickname sul capodanno e la sua stanca liturgia.

N: Cancelliamo il veglione e il capodanno. Passiamo direttamente al due, e facciamolo per legge.
Salvo eccezionali allineamenti astrali, a capodanno chi si ama non sta insieme. Le relazioni clandestine, quelle ufficiose, quelle ancora fresche, genuine, vengono crivellate dalla gragnuola pirotecnica che si scatena nei cieli a capodanno. E muoiono. Oppure entrano in coma, per uscire dalla rianimazione dopo la befana, se va bene.
Ma non è solo questo. Qualcuno mi spieghi perché gruppi di amici e amiche vere riescono a ritrovarsi, ridere e scherzare fino al 30, mai il 31. A capodanno diventa sempre impossibile, perché c’è sempre qualcosa di altro da fare, qualcosa di obbligatorio, qualcosa di più. Cosa?
Niente. Chiedete in giro, due giorni dopo, cos’era quell’impegno mitologico che ha impedito di stare con chi volevi stare, non con chi dovevi. Non era niente.
Facciamo così: lasciatemi solo. Peccato che, a capodanno, faccio fatica a sopportarmi.

R: Mitologia, appunto. E la mitologia è altro dalla realtà, è quell’iperuranio che ci costruiamo pensando che il prossimo capodanno sarà fantastico, diverso, addirittura divertente, a tal punto speciale che non possiamo portarci dietro i soliti amici e infilarci nelle solite cene. Arriviamo alla data carichi, ma quasi spaesati di fronte a una serata che, anno dopo anno, è sempre peggio. Non è facile poi raccontarlo. Ma con gli anni abbiamo imparato a essere evasivi alla domanda maliziosa e spietata di chi chiede cosa farai a capodanno. Il segreto è non dire, tergiversare, fare finta di avere mille opzioni. Tanto il 1 gennaio nessuno vorrà sapere più niente temendo una domanda di ritorno. Ma tu, caro Nick, non cerchi mai qualcosa di consolatorio e di facile che ti smentisca, tu leggi libri che ti confermino che l’uomo è così: durante le feste ha un’occasione in più per credere nell’insoddisfazione, per assistere a una liturgia stanca a cui è meglio non partecipare.
Non voglio sapere cos’hai fatto, ma una cosa me la devi dire: come hai potuto sopportarti?

N: Sono andato a letto prima del solito.

R: Ho fatto le quattro. Più tardi dell’anno scorso, più di tutti i capodanni messi insieme. Volevo che questo capodanno fosse lunghissimo e si mangiasse le ore, travolgesse i festeggiamenti e, per una volta, lo spumante non mi finisse sugli stivali di camoscio. Volevo che questo San Silvestro si divorasse anche il torpore del 1 gennaio portandomi direttamente al 2. Per inziare a festeggiare. Lontano.

Cari lettori, vi siete sentiti anche voi come Nick, decisi a scansare il capodanno? O lo avete celebrato felici? Che stato d’animo vi innesca questa festa?

Potete scrivere a parliamone.rddv@gmail.com

Natale… tempo di regali!

Esco di casa per fare una passeggiata a ridosso del Natale e me ne pento all’istante: la sensazione è quella di essere in un formicaio, solo che queste formiche invece di raccogliere cibo per la sopravvivenza, cercano spasmodicamente regali di ogni tipo per ogni tipo di persona, dal più intimo parente al più lontano degli sconosciuti. Dal negozio ai siti internet, dal gioiello alle pantofole, l’obiettivo è non lasciare nessuno a mani vuote. Cui si aggiunge lo sforzo sovrumano per ricordarsi anche tutti i regali degli anni precedenti.
In ufficio nei pochi momenti di pausa regna la frenesia del regalo, e il motto più diffuso per non soccombere sotto il peso di tutto questo stress è “dai che tra una settimana è tutto finito”.
Ma il Natale non era il momento dell’anno dedicato alla famiglia, agli amici, al riposo, ai momenti di gioia e di condivisione? Non dovrebbe essere molto più semplicemente un’esperienza di fede per chi crede, l’occasione per risentire una persona cara, per dedicare del tempo agli altri o lasciare anche solo che l’atmosfera ci faccia tornare un po’ bambini?
Credo che l’unico modo per non permettere a nessuno di svilire questa festa sia impegnarsi per mantenerla una parentesi impermeabile alla frenesia quotidiana, cercando ciascuno, a modo proprio, di attribuirvi un valore, non imposto dal mondo esterno, ma unico e personale.
E allora io oggi non vi auguro solo buon Natale, ma di trovare il senso del vostro Natale.

Ferrara e i buskers

di Francesca Ambrosecchia

Sono le giornate più affollate e movimentate di tutto l’anno. Artisti di svariate nazionalità si esibiscono al “Ferrara Buskers Festival”, ormai giunto alla trentunesima edizione. La città si risveglia così nell’ultima settimana di agosto.
Piazza Trento Trieste e le zone limitrofe divengono un grande palcoscenico all’aperto che vede protagonisti musicisti, giocolieri, ballerini, pittori e cartomanti: qualcosa di assolutamente unico nel suo genere.
Gli spettatori sono travolti dall’energia e dall’aria di festa che si respira: si canta e si balla con gli artisti, si segue il ritmo delle loro performance battendo le mani e perché no, si lancia una monetina nel cappello o nella custodia dello strumento lasciata a terra, così come si vuole da tradizione.

Ancora uno!

di Maria Luigia Giusto

Quante volte in estate alle feste c’erano le giostre. Quanti giri, risate, trepidazione da batticuore sporgendosi dal piccolo sediolino per afferrare prima di tutti il ciuffo di pezza inerte sempre troppo lontano. E che gioia quando si era in due, tre, e il giostraio, donatore di semplici emozioni, prolungava il giro per darci un’altra possibilità, ancora un tentativo, magari quello giusto. Adesso è raro vedere le giostre in città, compaiono a qualche festa, spostate fuori mano, sono grandi e rumorose, vorticano e si alzano, se no che divertimento c’è? Qualche vecchio esemplare sopravvive, dipinto ad annate alterne per nascondere la ruggine. Eppure sarebbe bello avere una giostra fissa in città: il dondolio sui sediolini, con i piedini che non toccano terra, il braccio teso più che mai verso la meta e, alla fine del giro, comunque vada, un’unica richiesta negli occhi luccicanti “Ancora uno!”. Per i grandi, vivere così ogni giorno sarebbe la felicità!

Giovani, nudi e spensierati scheletri

Occhiverdi è pronta per partire. Gli amici la vanno a catturare, ma ancora non sanno dove andare. Nero accende la radio e cominciano a cantare. Blondie dipinge maschere sul viso, Bronco beve e passa la bottiglia, Argo si scrolla e sbava.
La città distratta lascia fare.
Nomadi senza meta, cadono e si rialzano, si divertono gli scheletri nudi in bilico sugli skate.
Saltano e rotolano splendidamente, con classe. Eleganti e straccioni, simpatici e burloni.

Correte giovani scheletri per le strade del presente.
Nudi e gioiosi marcate il territorio di notte a luci spente.
Sfidate con baci, sorrisi e carezze l’invidia della gente.
Belli e sciagurati come il fermo immagine di un ricordo latente.
Bacco, tabacco e Venere. Un fare scanzonato e l’aria impertinente.
Ballate, cantate, spargete fiori e colori con sguardo struggente.

Varia umanità festante, passa e ritorna. Bacia, morde e scappa.
Evoluzioni, acrobazie, scherzi, giochi.
Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia.
Leggerezza, sventatezza e inquieta allegria.
Del doman non v’è certezza, perciò, chi vuol esser lieto sia!

Prayer In C (Lilly Wood & The Prick e Robin Schulz, 2014)

Una storia di Natale

Albero di Natale, pacchetti sparsi sul pavimento, caramelle confezionate, scartate e buttate…
Sala d’aspetto d’ospedale: luci al neon, sedie e tavoli vuoti, pulsanti alle pareti.
Vado a prendere un te caldo al distributore, cammino lungo il corridoio. Pareti e soffitto arancio per rallegrare, luci soffuse per non disturbare. Sulla sinistra un corrimano grigio, sulla destra una porta dietro l’altra e all’interno di ognuna involucri umani giacciono in penombra, immobili, intrappolati nei loro sudari computerizzati.
È tardi, l’orario di visita è finito, un infermiere con una busta di soluzione fisiologica in mano mi passa accanto sfiorandomi, forse sono invisibile, certo vorrei esserlo. Mi pesa quest’aria viziata di disinfettante, escrementi e candeggina.
La vita si scontra con la morte, di nascosto. Avverto uno strano pudore, mentre orgoglio e dignità sono definitivamente sconfitti da bisogni e necessità. Gli umori fuoriescono, lacerazioni e piaghe purulente infiammano corpi già martoriati, umiliati.

Continuo a camminare senza fare rumore, gli occhi indugiano irrispettosi e dispiaciuti nell’intimità altrui. Un fracasso di urla sommesse mi raschia i timpani: rantoli, ansimi, lamenti bisbigliati m’inseguono anonimi lasciando solchi.
Corpi collegati a cavi e sensori, attaccati a tubi e sacche, perforati da aghi e sonde…
Intravedo cicatrici, come cerniere richiuse sulla pelle, e nervi spezzati, come le speranze.
Si vive la giornata, il dolore è come il pane quotidiano: si mangia per sopravvivere.
È rimasta poca carne in quei corpi pallidi, avvolti nei pigiami comprati in offerta, all’occorrenza.
Impulsi vitali monitorati ogni secondo. Anime e circuiti elettronici coabitano in simbiosi. L’esistenza è sospesa in un sonno indotto. Il pensiero è rarefatto. Forse è un sogno profondo, lontano, perso in altri luoghi e tempi.

Altrove sembra tutto normale: fuori le luci brillano a festa, la gente si prepara per uscire. Pizza o ristorante? Cinema o pub? Poi la messa di mezzanotte, per scambiarsi un segno di pace e rimirare il presepe coi suoi effetti scenici. Ormai satolli di cibi e vino ma non paghi di baldoria.
È Natale dopotutto.

Il Natale è altrove, penso. Eppure l’albero e gli addobbi sono qui davanti a me, in questa saletta dove quei corpi troppo fragili non possono arrivare.
No, forse mi sbaglio, il Natale è qui!

Fragile (Sting, 1987)

Una letterina al bambino nella culla

di Federica Mammina

Un tempo era a Gesù Bambino che ci si rivolgeva, grandi ma soprattutto piccini, per chiedere i doni. Oggi è Babbo Natale, o forse i più scaltri si rivolgeranno direttamente a mamma e papà.
E se qualcuno la famosa letterina la scrive ancora, non v’è dubbio che il buon vecchio “vorrei la pace nel mondo” abbia ceduto il posto all’ultimo modello di video gioco, cellulare o borsa firmata.
Sta di fatto che per tutti il Natale è un momento di riflessione, di bilancio, di desideri e di buoni propositi, che siano scritti, dichiarati a voce o custoditi nel proprio cuore.
E quindi dopo una lunga riflessione io nella mia intima letterina, a Gesù Bambino ho voluto chiedere una sola cosa: armonia.
In un mondo dominato dalle contraddizioni, dove gli uomini sembrano non essere più in grado di comunicare serenamente, accettarsi per le rispettive differenze, aiutarsi e ascoltarsi, è questo quello di cui più abbiamo bisogno. Armonia con noi stessi, con gli altri e per chi lo desidera anche con Dio. In un mondo che a volte sembra impazzito come una barca in balia delle onde, alla deriva, solo un po’ di equilibrio, serenità e capacità di dare peso alle cose importanti e tralasciare il superfluo, ci può aiutare a raddrizzare la barra del timone.
Sforziamoci di chiedere ciò di cui abbiamo veramente bisogno e auguriamoci reciprocamente un intimo Natale, che è quello che lascia davvero il segno. Speriamo il più a lungo possibile.

Il bello (e il brutto) delle feste…

di Federica Mammina

Finalmente sono arrivate le agognate vacanze di Natale. Quelle che ogni anno si desiderano per riposare, per dedicarsi con calma ai propri hobby, per riacquistare ritmi umani, per svegliarsi senza sveglia e fare colazione anche se manca poco al pranzo. Ma tanto già lo sappiamo che, come ogni anno, saranno quelle feste che ci porteranno in un turbinio di auguri baci e abbracci, feste, scambi di regali più o meno graditi, maratone a tavola e staffette cronometrate tra i parenti sparsi qui e là per non scontentare nessuno. E vabbè, è anche questo il bello delle feste natalizie.
E che sia quel film che proprio non sei riuscito a guardare, passeggiare senza meta, chiacchierare con gli amici fino a mattina, oziare o leggere quel libro che ti aspetta da mesi sul comodino, non proporti di farlo, non organizzarti per farlo, non ritagliarti a tutti i costi il tempo per farlo. Perderesti il piacere di fare ciò che ti va nel momento esatto in cui ti va. Arriverà da solo quel momento, sarà inaspettato e allora sì che saprà di vacanza.

“Non esiste programma di vacanza più bello che proporsi di non leggere neppure un rigo, e dopo, niente di più piacevole che, al momento opportuno e con un libro veramente attraente, tradire il bel programma.”
Hermann Hesse

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

MEMORABILE
Storia del presepio

Uno dei simboli più amati del Natale è il presepio. Per questo Tiemme Edizioni (www.tiemme.onweb.it) ha pubblicato in formato ebook il raro ‘Storia del presepio. 2000 anni di simboli cristiani’, a cura di Riccardo Roversi e già disponibile in tutte le librerie del web. L’interessante volume, corredato da significative immagini, racconta l’evoluzione del presepio in Italia e nel mondo, la storia generale del presepio, spiega i simboli e i significati nel presepio italiano, analizza la tradizione presepistica sia nell’Italia meridionale che centrale e settentrionale. Un libro davvero prezioso e soprattutto istruttivo e, perché no, un piccolo regalo adatto a tutti per questo periodo festivo.

Riccardo Roversi è nato a Ferrara, dove si è laureato in Lettere e vive tuttora. Giornalista, ha pubblicato numerosi libri: poesia, teatro, saggistica, narrativa. La sua bibliografia è consultabile nel sito: www.riccardoroversi.onweb.it.

LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Festeggiare chi studia si potrebbe fare

Mi piacciono le feste e i festival luoghi d’incontro, d’ascolto, di dialogo e di comunità. Una società che celebra e festeggia è viva, non ha paura e soprattutto è attenta, intelligente, con la mente sveglia.
Poi non è detto che uno debba condividere tutto ciò che è festa e tutto ciò che è festival, ma incontrarsi intorno a qualcosa o ad un’idea non fa mai male, perché non si ha paura dell’aria, della luce, del mettersi in pubblico. Lo stare collettivo, il ragionare collettivo è sempre un bell’esercizio dei cervelli.
La cosa che non capisco è perché le feste e i festival si fanno sempre sugli oggetti e mai sui soggetti.
C’è la festa della birra, quella della zucca, il festival della canzone come il festival della filosofia e della letteratura, ma non c’è il festival dell’uomo o della donna, dei bambini o dei nonni.
Non usa celebrare le persone, il loro fare e il loro agire. Eppure sarebbe bello, e ne avremmo un enorme bisogno, fare il festival degli onesti, il festival dei giusti. Festeggiare chi rende onorevole la nostra società, chi ci aiuta a sentirci orgogliosi di appartenere alla nostra comunità.
Tra chi accresce il valore della nostra città ci sono soprattutto le persone che sono impegnate nello studio e nella cultura, le persone impegnate ad apprendere, i grandi come i piccoli. Sono le risorse umane preziose per il presente e il futuro della nostra comunità.
Da tempo da queste pagine proponiamo di festeggiare l’apprendimento e chi apprende. A noi sembra una cosa importante, e la nostra non è neppure un’idea del tutto originale, perché proprio da queste pagine abbiamo più volte raccontato come i learning festival, i festival dell’apprendimento, appunto, siano diffusi in diverse parti dell’Europa e del mondo.
Ma si sa che nessuno è profeta in patria, pertanto non si è mai andati oltre gli apprezzamenti di un qualche esponente dell’amministrazione cittadina.
Potremmo dire che siamo preoccupati per lo scarso interesse verso i temi della scuola, dell’apprendimento e della formazione che la nostra città e la sua amministrazione manifestano. Spiace questo fiato corto della propria città sui temi dell’istruzione dei suoi giovani, che meriterebbero da parte di tutti maggiore attenzione.
Soprattutto spiace scoprire che da altre parti invece si danno da fare. È il caso di Macerata che dal 25 settembre al 3 ottobre, ha dato il via alla seconda edizione del Macerata School Festival, la festa delle scuole e per le scuole.
Il Macerata School Festival nasce dalla sinergia tra Comune, Università di Macerata, Istituti Comprensivi cittadini, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo e Museo della scuola “Paolo e Ornella Ricca”.
Nasce dalla necessità di mettere la scuola al centro del dibattito pubblico cittadino. È occasione per le scuole di presentare alla cittadinanza le proprie eccellenze culturali, per i ragazzi e le ragazze di partecipar a laboratori didattici, letture pubbliche e lezioni aperte, per gli insegnanti di avvalersi di opportunità di formazione, per la città di riflettere sulla scuola come responsabilità collettiva.
Il Macerata School Festival è un modo per fare festa alla riapertura dell’anno scolastico e riportare la scuola al centro della città. Perché la scuola è di tutti e per tutti. Ogni anno un tema: dopo l’edizione del 2016, che ha registrato quattromila presenze, dedicata al pensiero e all’opera di Mario Lodi, quest’anno si affronterà la tematica degli spazi della scuola, con particolare attenzione alla ricostruzione dopo il sisma.
Una grande distrazione, una grande dimenticanza in tema di scuola quella della nostra città.
Allora torno a riproporre quello che scrissi qui più di tre anni fa.
Penso che se la nostra città avesse una struttura permanente tipo “Forum per l’apprendimento” potrebbe lavorare per organizzare durante l’anno il suo festival dell’apprendimento, coinvolgendo l’università, le scuole, le imprese, il volontariato, le istituzioni e le associazioni culturali. Penso che se ci fosse un progetto condiviso, si potrebbe motivare e finalizzare il lavoro degli studenti e degli insegnanti, dalla scuola dell’infanzia alle scuole superiori, alla formazione professionale, alla formazione degli adulti, all’università per presentare alla città la ricchezza delle loro proposte, per realizzare open day e giornate della didattica nell’ambito del festival dell’apprendimento, perché intorno alle loro fatiche ci sia la riconoscenza, l’affetto e la solidarietà di tutta la cittadinanza.
Sarebbe riconoscere concretamente e pubblicamente quanto la città considera importante il lavoro, l’intelligenza e la fatica quotidiana delle sue bambine e dei suoi bambini, delle sue ragazze e dei suoi ragazzi, degli adulti che si dedicano a loro attraverso l’insegnamento e che li accompagnano negli studi. Una città che si stringe attorno a chi si impegna nell’arricchire se stesso di saperi e di competenze a vantaggio di tutta la comunità.

DAL NOSTRO ARCHIVIO
25 aprile, la festa e lo spirito della Liberazione

La Resistenza, la guerra di liberazione, l’antifascismo… Ferrara anche quest’anno celebra il 25 aprile con un fitto e apprezzabile calendario di iniziative che vivificano questa ricorrenza tenendola al riparo dalla retorica.

Ai nostri lettori segnaliamo gli articoli pubblicati da Ferraraitalia nella sezione “partigiani oggi”, una raccolta di riflessioni sul significato e l’attualità della Resistenza
[leggi l‘inchiesta]
 oppure [vai all’archivio generale]

liberazione-ferrara-25-aprile-2015-teatro-comunitario-pontelagoscuro-luca-pasqualini
LiberAzione: l’azione teatrale in scena a Ferrara per il 25 aprile 2015 (foto Luca Pasqualini)

Al fuoco, al fuoco! Il Castello brucia!

E se il Castello s’incendiasse sul serio? Che guaio sarebbe… Che beffa… Che scherzo del destino. Simulare qualcosa per divertire gli occhi e l’immaginazione della municipalità, e poi ritrovarsi un mucchio di macerie fumanti al posto del secolare simbolo della città!
Ma tranquilli! Tutto il baraccone pirotecnoco è fatto in perfetta sicurezza, e non è certo una manciata di fuochi d’artificio che potrà mai minacciare le pietre eterne del nostro amato bene.

imgp3776-copia

imgp3789

imgp3819

Ma mi domando e dico, per carità, senza polemica alcuna, perché mai far finta d’incendiare il Castello? Da un po’ d’anni la moda del Capodanno cittadino è proprio questa… Ma dov’è sta il senso? Il significato simbolico? Non c’è, o meglio, pare che l’unico scopo di tutto ciò sia lo spettacolo fine a se stesso, solo impressionare lo sguardo dunque. Va bene, ci sta tutto, niente in contrario, di questi tempi meglio gustarsi un incendio fasullo che subire un vero bombardamento come altrove… Ah già è vero: da quelle parti a mala pena se lo ricordano il Capodanno…

Buone feste… no, buon riposo a tutti!

di Lorenzo Bissi

Dopo mesi di lavoro, la pausa Natalizia non può che essere assaporata giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto…
Buone Feste a tutti i lettori!

“Il riposo è il condimento che rende dolce il lavoro.”
Plutarco

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

  • 1
  • 2
L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013