Skip to main content

A ogni sorpresa siamo preparati. Solo le cose quotidiane ci cascano addosso come calamità naturali.
(Stanisław Jerzy Lec)

 

ECLISSI

Hai interpolato fra lo sguardo truce
del sole e il tuo un corpo celeste, quello
bagnato dall’inchiostro delle meste
parole. Così ti potrai salvare
forse da tutta la luce che investe
inesorabile il bucato, steso
a candeggiare contro le finestre.

 

ARGOMENTUM AD HOMINEM

Femmine dalle mani gonfie, sporche
di quattrini. Giovani dalle labbra
pitturate, gli occhi rotti. Gerbidi
fioriti d’immondizie e biancospini.
Finiscono intanto nella morsa
del sole, luminosa indifferenza,
la strada e le automobili in corsa.

 

SPETTRO ELETTROMAGNETICO

Si aggira come un piccolo demonio
bianco nel sagrato una presenza
solitaria che piega i bei crateri
dello stramonio. Ecco la lucida
visione: non si deve propagare
quanto i raggi X o le onde corte,
come uno potrebbe pensare, ma
alla stessa frequenza di un fotone.

 

LE BEATITUDINI

La colonna dei ciechi è ancora in fila
alla discoteca; a niente vale
la luce del mondo o il sale della terra
per farli smettere di andare avanti;
la sfera stroboscopica stupisce
gli occhi erranti e già la loro danza
brucia scricchia ferisce sotto il piede.

 

LUX PERPETUA

Non posso pensare a nulla peggio
che starsene in saecula saeculorum
assisi a contemplare quel miraggio
senza possibilità di straforo.
Come si fa a definire “riposo
eterno” la tortura medievale
di un’infinita fase zenitale?

(Queste poesie sono tratte dalla silloge “Optica“, Eretica Edizioni, 2023.)

Paolo Pedrazzi è nato a Moncalieri (TO) il 29 Febbraio 1984 e vive in provincia di Asti. Ha frequentato l’Università degli Studi di Torino, dove ha conseguito la Laurea in Lettere con una tesi sulle Orazioni di Santa Caterina da Siena. Ha tradotto in versi testi poetici dell’antichità e classici moderni inglesi e francesi; ha pubblicato un saggio di traduzione poetica e commento del poema “The Hunting of the Snark” di Lewis Carroll, dal titolo: “La caccia allo Slualo“, Biblion Edizioni. Nell’ambito della letteratura per l’infanzia, ha pubblicato “Marcello Testainsù” per Km Edizioni. A stretto riguardo della poesia, non ha tema di smarginare al di là del razionale e del tradizionale e predilige i testi di autori, come Trakl, Rimbaud, Campana, che sono segnati da un bisogno di “superamento” del genere.
Per Eretica Edizioni, ha pubblicato nel 2023 la sua prima silloge poetica dal titolo: “Optica“.

La rubrica di poesia Parole a capo curata da Pier Luigi Guerrini esce regolarmente ogni giovedì mattina su Periscopio. Per leggere i numeri precedenti clicca sul nome della rubrica.

tag:

Pierluigi Guerrini

Pier Luigi Guerrini è nato in una terra di confine e nel suo DNA ha molte affinità romagnole. Sperimenta percorsi poetici dalla metà degli anni ’70. Ha lavorato nelle professioni d’aiuto. La politica e l’impegno sono amori non ancora sopiti. E’ presidente della Associazione Culturale Ultimo Rosso. Dal 2020 cura su Periscopio la rubrica di poesia “Parole a capo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it