Skip to main content

Se vi chiedessero di scegliere tra un bel cazzotto sui denti o un calcio negli stinchi, uomo o donna che foste, non credo proprio che accettereste il dilemma. Rifiutereste l’opzione, perché in ogni caso dovreste accettare qualcosa di distruttivo. Ebbene, quello che si sta profilando in queste settimane, sulla costa comacchiese, dopo un lungo iter amministrativo, non è altro che la scelta tra due mali.  E la tremenda tragedia umana e ambientale a cui stiamo assistendo in diretta in queste ore nei territori emiliano-romagnoli e marchigiani  ce lo ricorda con estrema chiarezza. Perché è proprio la lunga saga cementizia, fatta di innumerevoli scelte pubbliche e private, che si dipana senza soluzione di continuità dagli anni Sessanta ad essere sul banco degli imputati.

Oggi parliamo di uno dei quattro progetti inseriti in quello che tecnicamente è indicato come PROGETTO SPECIALE PARTNERSHIP PUBBLICO-PRIVATO PER LA RIGENERAZIONE TURISTICA E AMBIENTALE DELLA COSTA” , le cui radici affondano in uno degli ultimi atti della giunta di Marco Fabbri, nel 2015, in estrema sintesi recuperabili a questo link  di Estense.com.

Ma dove sta la “rigenerazione” invocata nel titolo di questa pianificazione? Secondo i fautori dell’operazione, [Vedi il sito del Comune di Comacchio] sta tutta in una semplice sottrazione: un bilancio negativo in termini di consumo di suolo pari a mq. – 148.358, derivante dalla differenza tra la superficie sottratta ad edificazione prevista dall’ultimo PRG (mq.  – 536.333) e la superficie territoriale agricola investita dagli interventi (mq. + 387.975).
Sottrazione che ricondotta alla sola superficie impermeabilizzata – certamente quella più impattante, anche se  i problemi alla fine sono tanti altri  – ci rivela tutta la sua pochezza. Utilizzando la stessa fonte, essa diventa: 156.346 -159.824 = – 3.478 mq.  Un risultato praticamente nullo. Provando a visualizzare questi numeri abbiamo quasi 24 campi di calcio di nuovo cemento, con una riduzione, rispetto alle cifre del vecchio PRG di mezzo campo da calcio. Viene quasi da ridere, tenuto conto che proprio questo dato, cioè nulla, viene sbandierato dai fautori del progetto, come  un grande successo dello strategico accordo tra pubblico e privato.  Prima dell’accordo era un cazzotto sui denti, adesso è sceso alle parti basse. Un bel successo, non c’è che dire.

Ironia della sorte, la Regione sta promuovendo da quasi due anni un grande processo partecipativo – sul modello Agenda 21, di una ventina di anni fa – dall’evocativo titolo “Che costa sarà ? “ .

Qui tutti i documenti elaborati ed adottati dall’inizio del percorso, nonché i prossimi appuntamenti

L’iniziativa, leggiamo nella presentazione, si inserisce nel “progetto europeo AdriaClim (finanziato dal programma Interregionale Italia-Croazia, Strategico, 2020-2022) che punta a migliorare la resilienza climatica dei territori costieri nel bacino adriatico attraverso lo sviluppo di piani di adattamento, strategie, azioni e buone pratiche per la mitigazione degli impatti sulle zone costiere, fornendo strumenti informativi e scenari di maggiore dettaglio e accuratezza rispetto a quelli attualmente disponibili.”

Perché dai documenti presenti nel portale che la Regione dedica alle tematiche connesse alla difesa della costa, la situazione ambientale appare piuttosto grave. [Qui]

Novembre 2022, erosione spiagge del litorale comacchiese (FE)

Gli indicatori principali di questo delicato ecosistema sono già fortemente stressati e le condizioni al contorno allarmanti: sistema dunoso assente in vasti tratti del litorale, alti livelli di antropizzazione, fortissima erosione costiera.  I dati sulle ultime mareggiate sono altrettanti campanelli d’allarme. Nell’ultima del novembre 2022, si legge in uno dei rapporti regionali:
Gli impatti sono stati particolarmente concentrati nel territorio ferrarese, dove si sono riscontrate tutte le tipologie di danno utilizzate nella classificazione regionale degli impatti da mareggiate (DB in_Storm), ovvero: erosione dei litorali, ingressioni marine, tracimazioni di canali, danni alle opere di difesa costiera e danni agli stabilimenti balneari. La ricorrenza degli impatti in questa porzione di territorio sta diventando piuttosto allarmante ed è da attribuire all’elevato grado di vulnerabilità morfologica della costa, ad una dinamica evolutiva sfavorevole e all’eccessiva antropizzazione”. 

Bene ! Anzi male. Cioè, malissimo.

Come afferma nelle proprie Osservazioni il Circolo Legambiente “Il delta del Po”, in vista della Conferenza dei Servizi che in questi giorni esaminerà questo specifico progetto:
La norma sul consumo di suolo (Legge Regionale N. 24 del  21 dicembre 2017) è chiara nelle sue finalità:  il limite di consumo di suolo è definito al 3% ,  ma sono presenti articoli che prevedono delle deroghe.  Queste deroghe producono un consumo di suolo di ben 186 ettari nell’area della costa nel Comune di Comacchio.
Vi  sono presenti valori ambientali e tutele disposte dall’Ente Parco Regionale E-R. Delta del Po (Piano di Stazione Centro storico Comacchio): boschetti; aree con presenza di specie vegetali tipiche delle dune e ambienti
retrodunali (vegetazione pioniera, Orchidee spontanee); corridoi ecologici composti da residui di vegetazione costiera (pungitopo, Ginepro, Rovo, pioppo bianco); presenza di frangivento a tutela di suddivisione di terreni agricoli che sono eredi di un’antica conformazione del territorio; presenza conclamata di residui dunosi e presenza di residui culturali locali (vigne e bosco eliceo).

E ancora.

Tale intervento risulta difforme a direttive dell’ONU e della UE (citate nel testo).   Difforme anche da quanto è stato acquisito dallo Stato Italiano circa le problematiche dovute ai cambiamenti climatici in aree delle coste Italiane, comprese aree demaniali.  Palesemente in contrasto con la politica  ambientale adottata dalla stessa  Regione  E-R, la quale sta spendendo soldi pubblici per mettere in sicurezza la costa del Comune di Comacchio. (…) Organi della Regione stanno producendo relazioni che sembrano non venire prese in considerazioni da chi questa Regione la governa.

Contraddizioni ben espresse oltre dieci anni fa dai Punkreas, nella loro ironica ballata “L’ultima spiaggia” .  Perché se non ci seppellirà una risata, lo farà presto il mare. Per ora, purtroppo, lo stanno già facendo i fiumi.

Sfoglio tristemente l’album dei ricordi
Primi del 2000 tra boschi e prati verdi
Surriscaldamento, si diceva un tempo
Roba di poco conto
Tormentone del momento

Invece poi
Noi non ci siam fidati dell’esperto
Che aveva garantito un deserto,
Dei cammelli su una duna
Che da Bergamo a Verona
Osservan la partenza della gente della zona
Pronti per sfidare il mare e andare verso

L’ultima spiaggia, meta selvaggia
Alla ricerca di un tesoro o forse
Di un po’ di pioggia
Sull’ultima spiaggia
Nella borraccia ho ancora qualche goccia

Viaggio su un barcone
Con un gruppo di padani
Che il sole del deserto
Ha trasformato in beduini
Dicon che in Islanda son sbocciati i fiori
Cercan manovali per raccoglier pomodori

Mentre noi se avessimo ascoltato quell’esperto
Non ci sarebbe traccia del deserto,
Dei cammelli su una duna
Che da Bergamo a Verona
Osservan la partenza della gente della zona
Pronti per sfidare il mare e andare verso

 

Cover: Novembre 2022, mareggiata, e conseguente inondazione ed erosione delle spiagge nel litorale ferrarese e ravennate (foto:  Protezione Civile dell’Emilia-Romagna).

 

tag:

Alberto Poggi

Fisico di formazione, strimpellatore di chitarre per diletto, scribacchino per passione. Ho attraversato molte situazioni e ruoli nella mia vita. Da due anni sono ufficialmente un pensionato, ma non penso nemmeno lontanamente di andare in pensione con la testa. Non preoccupatevi però, sono un pigro nella scrittura.

Comments (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it