20 Aprile 2015

L’INTERVENTO
Ma il debito pubblico è ricchezza per i cittadini

Claudio Pisapia

Tempo di lettura: 5 minuti

moneta

Mark Blyth è professore di Politica economica alla Watson institute per gli Studi internazionali, Brown University, e ha scritto diversi libri tra cui “Austerity: the history of a dangerous idea” in cui analizza gli effetti negativi che i tagli alla spesa hanno storicamente prodotto e stanno producendo in tempi recenti in diversi paesi europei come la Grecia. Di recente, l’ 11 marzo, ha tenuto una interessante audizione alla Commissione bilancio del senato degli Stati uniti, dove ha fatto delle affermazioni piuttosto forti soprattutto per noi europei dell’eurozona. Ha affermato: “The result [of austerity] in Europe has been plain to see – a massive contraction in economic activity, with those that cut the most seeing the steepest collapse in growth and, paradoxically, the biggest build-up in debts”. Cosa ha detto? Semplicemente che l’austerità ha creato un collasso della crescita e un aumento del debito.

Ci riesce difficile immaginare che la nostra Commissione bilancio possa essere disposta ad ascoltare un intervento del genere. Ma siamo in America, dove certe cose si possono dire liberamente, e persino Mario Monti si sentì libero di dire ad un importante network televisivo americano che in Italia “si stava distruggendo la domanda interna” perché potessero crearsi le condizioni per un miglioramento della bilancia dei pagamenti con l’estero, operazione non più possibile per l’Italia attraverso il cambio dopo l’adozione della moneta unica. Di certo in quei momenti tragici non avrebbe potuto dire le stesse cose a “Il Sole 24 Ore” o sul “Corriere della Sera”.

Ma il professor Blyth va ben oltre nel suo rapporto e si spinge ad affermare che la moneta non è altro che “bits of paper” (pezzi di carta) che vengono prodotti al bisogno e ben venga quando si crea debito pubblico. Già carta colorata e debito che gli Stati uniti sono ben felici di vendere alla Cina che ne detengono circa 1,4 trilioni di dollari e anche di pagarci sopra un interesse, per ringraziarli del fatto che in questo modo sostengono la loro economia. Quindi, sono ben felici di dare alla Cina altra carta colorata. In cambio gli Usa chiedono beni reali come televisori, computer e tanto altro con una utilità di sicuro maggiore della carta colorata. E il debito pubblico? Blyth dice che non è un gravoso problema per le future generazioni bensì un investimento oggi per migliorare il futuro dei nostri figli domani. E aggiunge: “Come avreste mai avuto il vostro splendente iPhone se non ci fossero stati gli investimenti statali nel protocollo Tcp/Ip, nella rete Gps e nel touch screen? Vogliamo parlare dei soldi investiti in Ricerca e sviluppo?” Quindi ben venga il debito pubblico perché non è altro che un investimento. Ripagarlo? Perché dovrebbe essere ripagato e a chi? Per gli Stati uniti significherebbe semplicemente stampare altra carta colorata, ma poi chi richiederebbe una cosa così folle! Immaginate che la Cina richieda indietro l’ammontare del debito americano acquistato. Succederebbe che si svaluterebbe di colpo e tac! La Cina si ritroverebbe con il 20, 30, 40 percento in meno del suo valore originario. Certo noi siamo in Italia, qui avere un debito è un problema. Non decidiamo noi se ripagarlo, se alimentarlo, se monetizzarlo. Lo decide la Germania attraverso la Bce. Quindi si, noi abbiamo un problema reale di debito pubblico. Ma è solo perché abbiamo deciso che lo sia.

Ma se negli Stati uniti sanno bene che il debito pubblico non è un problema perché possono emettere la loro moneta e loro lo hanno fatto attraverso le operazioni di quantitative easing dal 2008 (come del resto ha fatto l’Inghilterra) perché la nostra Bce non lo ha voluto fare allo stesso modo dal 2008 e decide di fare solo adesso nel 2015? Quanti disoccupati abbiamo creato dal 2008 ad oggi? E quante aziende sono chiuse che potevamo invece salvare? E quanti bambini e anziani in Grecia avrebbero potuto avere pasti regolari? Perché della semplice carta colorata deve regolare le nostre vite, decidere quante volte al giorno dobbiamo mangiare o se possiamo essere curati in un ospedale che abbia il giusto numero di letti e di medici?

La Bce oggi ha deciso di emettere nuova moneta attraverso il ‘quantitative easing’, ovvero sta stampando più moneta perché finalmente si è resa conto che serve farlo. Una operazione semplice, di buon senso per la quale abbiamo dovuto aspettare sette anni non perché prima non si potesse fare. Semplicemente la Bce e la nostra amata Europa della burocrazia indefinita e dei grandi interessi decide che l’interesse generale non è quello del bisogno, della necessità ma quello dei “pezzi di carta” che ha i suoi tempi e i suoi modi che in questo mondo dannosamente globalizzato non coincidono con i desideri dei cittadini che lo abitano.

Ma qui bisognerebbe ancora, purtroppo, fare un’operazione di lealtà nei confronti di questi cittadini. Bisognerebbe dirgli che c’è un’enorme differenza tra un’emissione monetaria (emettere) e un’immissione monetaria (immettere). La Bce sta emettendo moneta, è vero, ma non sta facendo in modo che questa moneta emessa venga immessa nel sistema. Una differenza non da poco perché la nuova moneta, sotto forma di bit elettronici perché oggi la moneta è solo contabilità e impulsi (o qualcuno pensa che dalla Bce escano camion di banconote?), viene data alle banche e le banche la useranno per comprare debito dagli Stati e quel debito continuerà ad essere per la finanza internazionale la base sulla quale costruire altri miliardi di derivati, inutili ai più (in particolare all’economia reale), che continueranno invece ad avere i loro problemi di disoccupazione e di mettere insieme il pranzo con la cena.

Il professor Blyth parla di ‘quantitative easing’ e di emissione monetaria al Senato americano, certo lo fa da americano, da possessore della moneta di riserva mondiale. Ma lo dice, dice che è così ed è questo il punto, che la moneta è “bits of paper” pezzi di carta, che se serve si stampa, che il pareggio di bilancio è una stortura nel sistema economico, che deprime l’economia, che il debito pubblico è un investimento per il futuro.

Afferma ancora “sembra intuitivo che non puoi spendere di più di quello che incassi, è chiaro che alla gente piace avere più soldi nel suo portafoglio piuttosto che meno soldi…argomenti intuitivi ma sbagliati… quando si crea un’analogia tra famiglie o imprese e stati e quando si dice che spendere è sempre sbagliato e risparmiare è sempre un bene”. Gli Stati non hanno entrate allo stesso modo di una famiglia e spendere per uno Stato è un bene perché diventa la ricchezza dei cittadini; una famiglia ha delle entrate che necessariamente devono venire da una fonte esterna.

Nell’Europa di oggi tutti si professano liberisti, ma lo sono in maniera meschina, per che decide significa solo privatizzare e dipendere dalla finanza internazionale. Svalutare e umiliare il lavoro dipendente e distruggere le piccole imprese per dare più spazio alle grandi. In Europa se solo accenni alla possibilità che il denaro si possa stampare ti urlano “Weimar!”, “Zimbawe!”, “inflazione!”. Ma se dici invece quantitative easing allora è tutta un’altra cosa, è in inglese e chissà cosa vorrà dire!

Quindi stampare si può, ma bisogna dirlo in inglese! Poi, fatto in questo modo, se sia benefico o meno per i cittadini è tutta un’altra storia che quasi nessuno racconta.

* Claudio Pisapia fa parte del Gruppo cittadini economia Ferrara



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Claudio Pisapia

Dipendente del Ministero Difesa e appassionato di macroeconomia e geopolitica, ha scritto due libri: “Pensieri Sparsi. L’economia dell’essere umano” e “L’altra faccia della moneta. Il debito che non fa paura”. Storico collaboratore del Gruppo Economia di Ferrara (www.gecofe.it) con il quale ha contribuito ad organizzare numerosi incontri con i cittadini sotto forma di conversazioni civili, spettacoli e mostre, si impegna nello studio e nella divulgazione di un’informazione libera dai vincoli del pregiudizio. Cura il blog personale www.claudiopisapia.info
Claudio Pisapia

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013