5 Dicembre 2016

Il dopo referendum
Se questo è un premier!

Claudio Pisapia

Tempo di lettura: 4 minuti

Forse Renzi farà finalmente ciò che aveva promesso e per questo gli va dato atto.
Lascia con un discorso inutilmente tronfio: io vi ho dato tanto, ho fatto leggi e Pil dal nulla, ma voi non avete capito. E allora me ne vado, perché non rimango con chi non sa apprezzare. Io lavoro per me e per i miei e poiché non sono riuscito ad accontentare Napolitano, la JP Morgan, i mercati finanziari, me ne vado. Questo è quello che sentiamo, o almeno che intuiamo.

Ma dove sono gli interessi del popolo in questo discorso?
Non credo dovrebbe funzionare così, un politico dovrebbe avere ben chiaro per chi sta lavorando, per gli interessi dei cittadini. Ed è tempo che chi ci governa lo comprenda. La chiarezza di questo voto non sembra abbia scosso le mura dei palazzi governativi, di sicuro non ha scosso l’animo dell’attuale Presidente del Consiglio, chissà del partito di governo, poco votato e molto nominato.
Ma poiché fino ad adesso non avevamo visto grande coerenza nell’ascesa dell’uomo di Firenze, poca corrispondenza tra le promesse e i fatti, tra gli annunci e le conseguenze, allora forse dovremmo sentirci soddisfatti. Ma non mi sento così.
Renzi ha perso il confronto con la realtà, come la Clinton negli Usa e come i “remain” in Gran Bretagna, ha perso nel confronto con il popolo. Prende atto e se ne va.
Ma è questo che un premier dovrebbe fare? Abbiamo emergenze di tutti i tipi, terremoto, migranti, sicurezza, rinnovo contratti, Europa contro. E lui se ne va! Lascia ad altri, al “fronte del no”, la responsabilità di andare avanti. Ma il fronte del No non è un partito, è uno schieramento nato perché bisognava votare per la riforma costituzionale e si poteva votare solo con un Sì oppure con un No. Non c’era un forse, un perché, un come mai, o altro intorno a cui aggregarsi. Non si erano coalizzati Casa Pound con il Movimento 5 Stelle, anche questa è stata una delle mistificazioni di questa campagna elettorale, stupida e senza senso.

Le responsabilità non si cedono, una volta assunte si portano a compimento, si rispettano e in questo modo si rispetta la gente.
Un premier senza visione dall’inizio, e che lascia seguendo la politica del momento, il rancore o le prese d’atto senza senso. Dietro, un Paese che si vuole svegliare che vuole partecipare e che sicuramente merita di meglio, anche rispetto a quelli che dicevano che questa riforma non era fatta bene, ma votavano per il Si.
Un lasciare che è mancanza di rispetto verso il popolo, i cittadini che hanno votato e hanno saputo dire No a una riforma pasticciata, che hanno saputo difendere la loro storia e che hanno saputo dire: vogliamo di più di questo! Una Costituzione che possa essere capita. Una campagna elettorale più onesta e rispettosa della loro intelligenza. Che hanno saputo dire: “vogliamo più democrazia, non siamo pecore da governare”.
Siamo popolo e come popolo meritiamo di meglio, siamo alla ricerca di uno statista che sappia andare al di là del problema del momento, che vada a controllare le fondamenta del palazzo che crolla e lasci stare le finestre. Che sappia capire davvero cosa significhi la lotta per il deficit, il lavoro che manca e la smetta con la continuità di quanto fatto in passato. La colpevolizzazione del cittadino e del lavoratore, la cancellazione della scala mobile, la legge Treu del 1997, la Maroni-Sacconi del 2003, la legge Fornero e il Job Acts dei giorni nostri. Tutto sulla scia della precarizzazione del lavoro.

Uno spaccato della realtà e di quello che erano le ragioni del Si, ce lo dà il voto controtendenza degli italiani all’estero, cioè il voto di quelle persone che non vivono la realtà quotidiana delle ultime riforme, che sono lontani dai problemi reali del Paese e che fortunatamente ci stanno dando la sveglia, dimostra ampiamente che il vero cambiamento era il No e non altro.

Vogliamo di più di queste semplificazioni, stiamo dicendo che siamo in grado di pensare e giudicare, vogliamo il rispetto e un Premier che sappia impegnarsi davvero per il futuro dei nostri figli. E allora sicuramente è giusto che Renzi se ne vada e ci dia una possibilità, ma non così, non semplicemente perché ha legato le sue sorti a questo referendum. In questo modo non avrà l’onore delle armi.

Rispetti davvero la volontà popolare e ci accompagni alle prossime elezioni senza consegnare il Paese all’ennesimo governo tecnico. A quelli che senza legittimazione alcuna fanno le riforme strutturali molto più in fretta e in nome delle crisi e dello spread. In nome delle necessità che non coincidono mai con gli interessi dei cittadini.

Faccia una volta le cose giuste, si bagni di umiltà finalmente in nome degli interessi e della volontà del Paese e serenamente e finalmente ci porti a delle elezioni democratiche, con il rispetto dovuto, e con una legge elettorale che doveva essere la priorità per questo Parlamento.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Claudio Pisapia

Dipendente del Ministero Difesa e appassionato di macroeconomia e geopolitica, ha scritto due libri: “Pensieri Sparsi. L’economia dell’essere umano” e “L’altra faccia della moneta. Il debito che non fa paura”. Storico collaboratore del Gruppo Economia di Ferrara (www.gecofe.it) con il quale ha contribuito ad organizzare numerosi incontri con i cittadini sotto forma di conversazioni civili, spettacoli e mostre, si impegna nello studio e nella divulgazione di un’informazione libera dai vincoli del pregiudizio. Cura il blog personale www.claudiopisapia.info
Claudio Pisapia

Ti potrebbe interessare:

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013