8 Febbraio 2014

Il freddo va di moda

Simonetta Sandri

Tempo di lettura: 4 minuti

neve-russia

Da MOSCA – La neve è una poesia. Una poesia che cade dalle nuvole in fiocchi bianchi e leggeri. Questa poesia arriva dalle labbra del cielo, dalla mano di Dio. Ha un nome. Un nome di un candore smagliante. Neve. (Maxence Fermine, Neve)

In parallelo alle Olimpiadi Invernali di Sochi, da un osservatorio privilegiato come può essere ora quello di Mosca e quando tutti i giornali parlano della Russia, delle sue posizioni intransigenti su numerose tematiche, è difficile non percepirne il freddo, il ghiaccio, la neve, le temperature polari.
L’inverno russo è un’idea di questo immenso Paese, parte integrante della sua forte identità, e, oggi, ne è forse anche diventato un vero e proprio brand. Questo freddo diventa sinonimo di tante cose insieme, di bellezza, di spensieratezza, di gioco, di salute – vigore, freschezza, fantasia, vivacità, colore, guance rosse che si osservano sui volti dei pattinatori delle piste del Gorky Park – e, non da ultimo, di moda. Qui si è davvero imparato a vendere il freddo, un’arte e un business.
Neve russa, foreste russe, montagne russe (non nel senso di ottovolanti, ovviamente, che, peraltro, i russi chiamano amerikànskije gòrki, ovvero “colline americane”…), giochi d’inverno russi, colbacchi russi, stivali russi, vodka ghiacciata russa. Dobbiamo correre ai ripari. Fa davvero freddissimo.
A meno ventisette gradi sotto lo zero, ci avventuriamo, allora, alla ricerca del colbacco perduto, perché qui senza uno di essi non si può reggere davvero l’inverno… Ne scopriamo una varietà incredibile, un copricapo con una sua storia. Da ragazzini, quando “militavamo” nelle Giovani Marmotte, legavamo questo copricapo a quello di Davy Crockett. Eravamo orgogliosi di possederne uno quando, con gli scout, correvamo su e giù per le montagne. Ma questo cappello di pelliccia con una specie di codina è un’altra cosa, qualcuno di noi si avvicinava maggiormente al copricapo russo se indossava una sorta di berretto da aviatore con i paraorecchie (in russo, ushanka). Il suo progenitore, il treukh, divenne popolare già nel XVII secolo. Questo colbacco di pelliccia, solitamente di pecora, sul davanti era adornato da un ampio orlo di pelo, sulla nuca si allungava in una falda che arrivava fino alle spalle e le orecchie erano protette da due paraorecchie, legati sotto il mento per proteggere la gola dal vento e dal gelo. L’ushanka è in uso ancora oggi in diversi colori (grigio per la polizia, nero per la marina). I soldati che devono stare di guardia in piedi al gelo, con i paraorecchie sollevati, risolvono il problema indossando un cappello di una misura maggiore, che scende sulle orecchie e in tal modo impedisce loro di congelarsi. Lo notiamo quando passiamo, intirizziti, nella Piazza Rossa e osserviamo queste guardie immobili non solo per ruolo e funzione ma anche forse un po’ per il freddo… Dal guardaroba militare l’ushanka era passato presto in quello civile. Durante il periodo dell’Unione Sovietica, questi cappelli di pelliccia, di pelo di renna, di castoro, di topo muschiato e di altri animali erano indossati dalla maggioranza della popolazione maschile. Non meno amato era ed è il colbacco del Kuban (kubanka). Giunta dal Caucaso, la kubanka o papakha era un attributo dei Cosacchi del Kuban (da cui prende il nome). La papakha classica è un copricapo di forma cilindrica dalla sommità piatta, di astrakan.

Fin dal periodo sovietico, fu straordinariamente popolare la versione femminile della kubanka, fatta di pelliccia a pelo lungo o di volpe bruna. Questo accessorio divenne di moda grazie ai costumisti della Mosfilm, storico studio cinematografico nato a Mosca nel 1923: lo indossava infatti la protagonista di un film molto amato da tutti i russi, Ironia del destino. Io ricordo anche quello della bella Lara del Dottor Zivago. Oggi questo tipo di kubanka è tornato di grande attualità: si può tranquillamente tirare fuori dall’armadio quella di volpe bruna della nonna, della vecchia zia o della mamma, toglierla dalla sua scatola di latta (che si dice sia il modo migliore per conservarla, per non sciuparne forma e pelo) e indossarla con un cappotti classici o mantelle stile anni ’60. Anche l’ushanka ritorna. Celebri marchi come Bally e Ralph Lauren invitano a completare il proprio look invernale con i cappelli paraorecchie. Anche alcune creazioni di Chanel ricordano questo copricapo.
Ci sono, poi, gli stivali di feltro, qualcuno ha scritto, simpaticamente, Valenki alla riscossa. Perché questi stivali si chiamano, appunto, Valenki, le tradizionali calzature russe che tornano di moda, nei loro più svariati colori. Se ne trovano di finemente ricamati, decorati con stampe o rifiniti con pelliccia. Non solo tengono i piedi caldi e comodi durante l’inverno (sono fatti di feltro di lana di pecora e massaggiano leggermente i piedi camminando), ma sono anche considerati delle opere d’arte folkloristiche, di moda e facilmente personalizzabili, perché alti, bassi, larghi, stretti, sotto o sopra il ginocchio. Diffusi fra tutte le classi sociali, stanno aumentando in popolarità, tanto da fare ormai seria concorrenza ai modaioli Ugg australiani. E poi sono spettacolari, perché uguali, non vi è un destro e un sinistro e, credetemi, che quando siete impacchettati per uscire al freddo non dover scegliere quale stivale va indossato per primo è davvero comodo. Acquistatelo, tuttavia, in una taglia più grande se volete indossare calze pesanti… con galosce di gomma sopra se piove. Li potete trovare nei mercatini di souvenir, come quello di Ismailovo a Mosca, o in alcuni negozi del centro. Se vi interessa capire la loro origine e storia e come sono prodotti potete anche visitare il museo dei Valenki, vicino alla stazione dei treni Paveletskaya. Se, infine, siete particolarmente curiosi, vi sono anche canzoni russe dedicate ad essi (di Alexandra Strelchenko o di Efrosinia).
Perché il freddo, che va sempre più di moda, si compra e… si ve(n)de.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).
Simonetta Sandri

Ti potrebbe interessare:

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

  • Accordi /
    Il breve sabato di Nick Drake

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013