Skip to main content

Per chi è profano del nuoto sincronizzato e vuole comprendere l’autentica dimensione dell’ impresa sportiva di Filippo Pelati, 16 anni, da Copparo, consiglio di evitare i siti generalisti e dare un’occhiata qui:

worldaquatics.com– sarà per il dettaglio delle varie competizioni, per la quantità di giovani atleti del mondo con cui ha gareggiato, sarà grazie all’inglese che, per una volta, rende bene l’idea di quello che Filippo fa: artistic swimming –  ha restituito, almeno a me, la reale grandezza del suo livello. Ai Mondiali di Oviedo, Filippo Pelati ha conquistato la medaglia d’oro nell’individuale maschile di nuoto sincronizzato.

Sfido il patetico che si infila sempre tra le pieghe del patriottismo di paese, con il quale ci appropriamo dei trofei altrui invocando la comunità di nascita. Lo sfido perchè non posso lasciarmi sfuggire l’occasione di fargli qualche domanda. Alla fine, diamine, non capita tutti i giorni di avere un campione del mondo di sedici anni che viene da Copparo.

P:Ti ricordi quando hai iniziato con il sincro e quando ti sei reso conto che era la
cosa che volevi veramente fare?
FP: Ho iniziato a praticare il nuoto artistico all’età di otto anni, per puro piacere e divertimento. Ho sempre praticato danza e nuoto e il nuoto sincronizzato era l’unione perfetta delle due cose. Mi sono reso conto che era la cosa che volevo fare veramente due anni fa, quando ho cambiato società sportiva e dal Centro Nuoto Copparo mi sono trasferito al CN Uisp Bologna. Poi l’anno scorso, grazie alle convocazioni in Nazionale Junior e Giovanile, ho trovato un punto di partenza e un motivo per impegnarmi a raggiungere obiettivi sempre maggiori.

P:E’ la prima volta che mi capita di leggere di una discriminazione “al contrario”, nel senso che il nuoto sincronizzato al maschile non è considerato quanto quello femminile. Questo pregiudizio è più marcato in Italia che in altri paesi, secondo la tua percezione?
FP: Il nuoto sincronizzato è sempre stato uno sport prettamente femminile. Nella percezione comune è accomunato alla danza, ma anche nel pregiudizio. Fortunatamente i tempi sono cambiati, anche se ancora non totalmente, e gli uomini hanno cominciato a essere valutati anche solo come artisti individuali, oppure con l’introduzione del doppio misto.  In realtà il panorama maschile in Italia è più ampio rispetto ad altri Paesi, però il pregiudizio è sempre dietro l’angolo.  Specialmente sui social questa cosa si manifesta con commenti omofobi, o messaggi da parte di haters. Io sono giovane e ho notato che è proprio alla mia età che molti ragazzi si abbandonano ai commenti più feroci. Però è sempre a questa età che si comincia a costruire un proprio modo di pensare. Per fortuna ci sono anche molti che capiscono che, se uno sport è fatto con tutto l’impegno e l’amore, il genere non conta.

P: Il sincro maschile attualmente non è disciplina olimpica. Conti che alle Olimpiadi
del 2024 le cose possano cambiare?
FP: Alle olimpiadi del 2024 il sincronizzato diventerà parzialmente maschile. Ciò avverrà con l’inserimento dell’uomo all’interno della competizione a squadre. Spero che nel 2028 a Los Angeles sia inserito il doppio misto come disciplina olimpica insieme al doppio femminile. Del resto le competizioni come il mondiale vedono gareggiare sia maschi che femmine, per cui non vedo per quale motivo un maschio non può prendere parte ai Giochi Olimpici. 

P: Per alcuni nuotatori, anche molto forti, l’acqua non è un elemento così “naturale”. Se tu dovessi raccontare ad un alieno che cade sulla Terra in cosa consiste quello che fai, cosa gli diresti? Che balli? Che nuoti? Che ti piaceva ballare ma il tuo elemento “naturale” è l’acqua?
FP: Se un alieno cadesse sulla Terra probabilmente gli direi che io sono acqua. Quando pratico il mio sport divento una cosa unica con l’elemento con cui entro in contatto, dai capelli alla punta dei piedi. L’acqua e l’energia del movimento scorrono inesorabili nel mio corpo insieme alla musica, al ritmo e all’adrenalina. Tutto questo insieme diventa una danza, che non è solo fisicità, ma celebrazione delle emozioni provate. Nel momento dell’esibizione queste cose si fondono insieme. La mia allenatrice mi ripete spesso la frase “qui ed ora”: è in quel momento che divento una cosa sola con l’acqua.

Cover: Filippo Pelati durante una gara.

tag:

Nicola Cavallini

E’ avvocato, ma ha fatto il bancario per avere uno stipendio. Fa il sindacalista per colpa di Lama, Trentin e Berlinguer. Scrive romanzi sui rapporti umani per vedere se dal letame nascono i fiori.

Comments (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it