29 Settembre 2022

ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

Francesco Lavezzi

Tempo di lettura: 4 minuti

the end, fine, capolinea

 

Roberto D’Alimonte (Sole 24 Ore 27 settembre 2022) ha definito “l’elezione dei record” quella di domenica 25 settembre.
Mai un distacco così ampio tra vincitori e vinti (da solo FdI prende il totale dell’intero centrosinistra), mai un’affluenza così bassa (63,9 per cento) e, si potrebbe aggiungere, mai una candidata donna a Palazzo Chigi.

Nei record rientrerebbe anche il peggior risultato del centrosinistra dal 1948.

Al di là delle divisioni e delle responsabilità, che continuano a rimpallarsi anche a urne chiuse, si fatica a comprendere quell’ordine sparso nonostante una legge elettorale, pessima fin quanto si vuole, il cui funzionamento, però, il centrodestra, o destracentro, ha capito al volo, nonostante le discordie che pure ci sono anche su quella sponda.

Regole del gioco che portano indietro le lancette della storia ai tempi della Prima Repubblica. Un conto sono le alleanze per vincere le elezioni, un altro quelle per governare il paese dopo la vittoria.

Si rivolterà nella tomba Roberto Ruffilli che predicava il cittadino come arbitro. Ma queste, piaccia o no, sono le regole, con buona pace del fossato che torna ad allargarsi tra cittadini e politica (si trova qui, forse, anche qualche ragione di un astensionismo in crescita).

Se poi si vuole infilare il dito nella piaga, stupisce che a giocare la partita in questo modo sia stato il Pd, quando la legge Rosato è stata praticamente cucinata in casa.

L’impressione, però, è che le ragioni della tattica e della tecnica elettorale riescano a spiegare solo in parte la sconfitta del partito guidato da Enrico Letta, ora traghettatore verso un prossimo congresso nel quale, ha già detto, non si ripresenterà candidato.

Sui motivi di fondo che trattengono il Pd dal prendere il largo nell’elettorato nazionale continuo a ritenere attuale l’analisi di Massimo Cacciari che commentavo su questo giornale [leggi Qui].

Sul piano della strategia del partito, invece, ho trovato tra le più convincenti quella di Paolo Mieli, scritta sul Corsera lo scorso 21 settembre (un risultato, dunque, largamente atteso) e ribadita sul finire della Maratona di Mentana su La7 (26 settembre).

Provo a farne sintesi.

Da una decina d’anni, tra l’altro bruciando segretari e reggenti come fiammiferi (Bersani, Renzi, Martina, Epifani, Orfini, Zingaretti, Letta), la dirigenza del Pd sembra avere sposato la linea politica del senso di responsabilità per affrontare l’emergenza di turno (crisi finanziaria, il debito, una catastrofe, la pandemia, la guerra), ricorrendo alla formula di governo delle larghe intese, senza passare per il voto.

Una strategia che, nel nome dell’interesse del paese anteposto a quello del partito, ha rinunciato a una proposta politica chiara e una leadership, affidandosi al supertecnico di turno per mettere in ordine le cose.

Mano a mano che le emergenze si sono susseguite, ha iniziato a fare breccia il pensiero che oltre all’interesse generale ci fosse anche quello di restare al governo a prescindere dalla legittimazione popolare o, come scrive Mieli, nell’irrilevanza di eventuali insuccessi elettorali.

Se questa lettura è plausibile, appare paradossale che l’intera campagna elettorale del Pd, o quasi, si sia svolta all’insegna dell’argine del Noi vs Loro, del pericolo di una regressione sul piano dei diritti civili e delle libertà democratiche.

Tra l’altro, in questo gioco al massacro, nel costante tentativo di delegittimazione dell’avversario, sembra tuttora lontano quello che D’Alimonte chiama “un punto di equilibrio stabile dopo la destrutturazione del sistema dei partiti della Prima Repubblica”.

Non che motivi di preoccupazione manchino nel campo della destra, si pensi solo all’ultima sortita in ordine di tempo, tra l’altro dalla costola della coalizione che si definisce più liberale, secondo cui Putin sarebbe stato indotto a sostituire la dirigenza al governo ucraino con gente perbene.

Ma nell’affermare di essere il baluardo della democrazia e nello stesso tempo garantirsi l’accesso alle leve di governo a prescindere dal consenso, c’è qualcosa che non torna.

Se le cose stanno così, probabilmente non basterà la liturgia di un congresso per rimettere il treno sui binari, se non c’è la volontà di mettere a nudo un’intera strategia che, è l’impressione, il 25 settembre pare arrivata al capolinea.

Se la discussione si fermasse a rinfacciare alla componente ex-democristiana o a quella ex-comunista i motivi dell’insuccesso nelle urne, significherebbe che questa volontà non c’è e il Pd non vuole essere nemmeno una fusione a freddo.

Solo come spunto di riflessione, fra i potenziali candidati che circolano con insistenza alla successione di Letta, c’è n’è uno che, aldilà del nome, cognome e vicinanza alla tale corrente interna, racconta innanzitutto una biografia politica. Stefano Bonaccini, attuale presidente della Regione Emilia-Romagna, ha dimostrato, per esempio, di avere ben presente il legame tra voto democratico e governo.

In più, è stato in grado di vincere competizioni elettorali anche contro ogni pronostico e sul tema sensibile, a quanto pare anche per la prossima agenda del Pd, dell’ossessiva ricerca di alleanza con il M5S.

Non è questione di appoggiare un candidato da parte di uno, come me, che non sa leggere né scrivere, ma di riflettere sul fatto che la volontà del principale partito della sinistra italiana di mettere davvero a tema un’intera strategia, si misurerà anche dalla candidatura di nomi in grado di esprimere delle traiettorie politiche e, come tali, di aprire la conseguente discussione.

Non, quindi, un semplice avvicendamento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Francesco Lavezzi

Laurea in Scienze politiche all’Università di Bologna, insegna Sociologia della religione all’Istituto di scienze religiose di Ferrara. Giornalista pubblicista, attualmente lavora all’ufficio stampa della Provincia di Ferrara. Pubblicazioni recenti: “La partecipazione di mons. Natale Mosconi al Concilio Vaticano II” (Ferrara 2013) e “Pepito Sbazzeguti. Cronache semiserie dei nostri tempi” (Ferrara 2013).
Francesco Lavezzi

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013