Skip to main content

Le giornaliste di Avvenire – uno dei pochi grandi quotidiani italiani che ‘canta fuori dal coro’ e con cui ci sentiamo spesso in sintonia – inaugurano oggi un’iniziativa che ci pare di grande valore.  Dare voce alle bambine, alle ragazze e alle donne afghane. E, soprattutto, ripetere questo impegno ogni giorno (fino all’8 marzo), non una tantum, inseguendo la notizia eclatante. come è in uso nei media mainstream italiani e stranieri. Solo, infatti, attraverso un impegno giornalistico costante ed appassionato è possibile restituire ai lettori la ricchezza di voci dell’altra metà del cielo e dell’altra parte del mondo.
Periscopio riporterà ogni tappa del viaggio delle giornaliste di Avvenire, mentre invita tutte le sue lettrici e lettori a dare il proprio contributo al Progetto di Scolarizzazione per le donne afghane (vedi in calce all’articolo tutti gli estremi per aderire).
(La redazione di Periscopio)

Parisa, la nuova vita in Italia: da autista di Pink Shuttle a estetista

Con questa e decine di altre testimonianze, storie, interviste e lettere, le giornaliste di Avvenire fino all’8 marzo daranno voce alle bambine, ragazze e donne afghane. I taleban hanno vietano loro di studiare dopo i 12 anni, frequentare l’università, lavorare, persino uscire a passeggiare in un parco e praticare sport. Noi vogliamo tornare a puntare i riflettori su di loro, per non lasciarle sole e non dimenticarle. E per trasformare le parole in azione, invitiamo i lettori a contribuire al finanziamento di un progetto di sostegno scolastico portato avanti da partner locali con l’appoggio della Caritas. QUI IL PROGETTO E COME CONTRIBUIRE

di Daniela Pozzoli
(articolo originale: Avvenire il 18.02.23)

Prima giornalista a Kabul, poi grazie alla onlus Nove piccola imprenditrice. L’arrivo dei taleban fa saltare tutti i piani. E la vita ricomincia all’estero

Iran e Afghanistan, il cuore di Parisa è diviso tra questi due tormentati Paesi. Ci ha vissuto gran parte della vita e là si trovano le sue radici. Nata in Afghanistan, ha trascorso l’infanzia in Iran dove la famiglia si era trasferita («Non ho ricordi di quel periodo, ero troppo piccola») e, ormai sposata, è tornata in Afghanistan con il marito e i tre figli di 11, 8, 2 anni, per poi fuggire – grazie a un programma umanitario della Nove onlus – un anno e mezzo fa, quando i taleban hanno riconquistato il potere.

Oggi ha 49 anni e nella videochiamata dal tinello di casa spiega che «non si può fare un parallelo fra la situazione delle donne iraniane e quelle afghane. Le iraniane possono muoversi liberamente da sole, studiano, lavorano, adesso stanno portando avanti una battaglia per affrancarsi dall’obbligo del velo e dalle repressioni». Al contrario in Afghanistan «lo Stato islamico ha cancellato rapidamente, in meno di un anno, i traguardi ottenuti faticosamente in vent’anni. I taleban vogliono reprimere le donne, anche quelle che accettano l’obbligo dell’hijab o del burqa pur di riprendere a esistere, uscire, studiare e lavorare. Se non seguono questa regola, gli studenti coranici le imprigionano in casa. Qui in Europa è inimmaginabile, là è normale… ».

Parisa a Kabul, quando guidava i taxi

Parisa a Kabul, quando guidava i taxi – Nove onlus

L’attivista Madina traduce per noi dal dari, la lingua persiana parlata in Afghanistan, ma anche gli occhi di Parisa parlano, E continua a raccontare. Tornata a Kabul dall’Iran, Parisa aveva cominciato a fare la giornalista: «All’inizio – continua sorridendo – avevo trovato un posto in una radio, ma è durata poco, il mio accento è diverso da quello locale. Allora ho seguito un corso di dizione e sono stata assunta in una tv dove sono rimasta per alcuni anni».

Quando fare la reporter era diventato troppo rischioso, si è iscritta al corso gratuito della  Nove onlus per autiste professioniste, un mestiere utilissimo in un Paese dove le patenti sono costose e dove le famiglie raramente investono sulle figlie. La onlus italiana – che opera da lungo tempo con programmi di sviluppo in tutela delle donne e degli “ultimi” – l’ha formata: «Guidavo il Pink Shuttle, la prima linea di trasporto afghana di donne per le donne (progetto nato anche con il sostegno di Otb Foundation, ndr.)».

Gli uomini erano scettici, faticavano a convincersi che le donne potessero cambiare una ruota, conoscere i motori, orientarsi nel traffico, ma hanno dovuto ricredersi. Questa iniziativa, spiega, permetteva infatti alle loro mamme, mogli, sorelle, figlie di spostarsi diminuendo i rischi. Il disegno era dunque ambizioso e intelligente: trasformare il progetto di mobilità in un’impresa imprenditoriale al femminile.

Tutto bene, finché sulla strada della tenace Parisa sono arrivati i taleban. Che cosa fare, se non mettersi in salvo? «L’evacuazione dal Paese è durata pochi ma interminabili giorni – racconta -, riuscire a scappare da Kabul è stato difficilissimo e l’impatto con il mondo occidentale è stato forte. La mia esistenza è andata a pezzi».

Parisa in Italia sogna di aprire un salone di bellezza

Parisa in Italia sogna di aprire un salone di bellezza – Nove onlus

Quando però le radici sono profonde si è avvantaggiati e la solida famiglia di Parisa pian piano si è curata le ferite. «Mio marito era stato scelto dai miei genitori, ma negli anni noi due abbiamo costruito un rapporto fondato su sentimenti veri».

Inseriti entrambi nel programma d’integrazione “Oltre l’accoglienza” di Nove, Parisa e i suoi hanno utilizzato tutti gli strumenti messi a disposizione per inserirsi nella nuova realtà italiana. «Prima siamo stati in Toscana, poi nel Lazio. Mio marito ha iniziato a seguire un corso di informatica, mentre io e mia figlia vorremmo aprire un negozio di estetica». Hanno iniziato formazione e abilitazione professionale e nella città dove vivono s’è aggregata una comunità afghana più numerosa.

A Parisa resta però una grave ombra: una delle figlie è in Iran, ha una bimba piccola e le sta scadendo il visto. Gli operatori di Nove stanno provando insieme con i loro partner di Arci a inserirle nei prossimi corridoi umanitari. «La mia speranza – conclude Parisa – è riuscire a portarle in salvo e vivere insieme in un Paese libero, dove il rispetto delle proprie tradizioni non sia a spese delle donne e il futuro sia una realtà possibile».

 

 

Cover: Parisa in Italia sogna di aprire un salone di bellezza – Nove onlus

Per leggere tutte le testimonianze raccolte dalla giornaliste di Avvenire, clicca su; Donne afghane

tag:

Scelto da Periscopio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it