4 Dicembre 2017

DIARIO IN PUBBLICO
La forza malata delle parole

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 5 minuti

E ci siamo.
Le azioni che per essere descritte debbono essere espresse attraverso le parole dimostrano la loro fragilità e la loro pericolosità proprio perché le parole che le individuano sono ‘malate’.
Alla rinfusa, tra argomenti nazionali e locali: i discorsi di Berlusconi analizzati in un superbo articolo da Francesco Merlo, ‘Berlusconi e la maschera del martire’, i reportages della sconfitta della Spal a Roma, le mostre d’arte e il loro significato, la catastrofe dell’invecchiamento della popolazione, le dichiarazioni dei politici affidate ai media, i commenti degli ‘umarels’, che dalla loro privilegiata angolazione di osservatori attenti e consapevoli dagli angoli strategici delle loro postazioni commentano, ingrandiscono, rimpiccioliscono a seconda del punto di vista l’esatta proporzione del fatto.
Comunque la parola che li rende consapevolmente attuabili è soggetta a un trattamento assai discutibile.

Parto da un dato personale. Chi non subisce l’attrazione di essere gradevolmente accetto al pubblico che lo ascolta? E nel caso particolare chi, avendo svolto per tutta una vita l’insegnamento, non subisce fatalmente il pericolosissimo desiderio di porsi allo stesso livello del pubblico, specie quando esso è formato dai giovani?
Così, rivolgendomi agli studenti dell’Accademia di Venezia nel simposio su Cicognara organizzato per celebrare l’opera e l’esperienza didattico-culturale del grande intellettuale ferrarese, trascinato dalla foga e dall’insana voglia di giovanilismo ho usato il termine “paraculo del potere”. Apriti cielo! Piovono le reprimende dei colleghi, e forse a ragione, poiché la mediazione della parola dovrebbe essere corretta, seppure a mia discolpa c’era la necessità di farsi intendere da giovani il cui linguaggio non corrisponde a quello che di solito usiamo scrivendo. L’uso della parola è adeguata al tempo, ma con discrezione e scelta per cui la necessità del termine inglese per descrivere oggetti e situazioni è pericolosa quando non è necessaria. E’ una materia che molto spesso nasconde una falsa preoccupazione. Se analizzo, per essere equanime, i discorsi di Grillo, Berlusconi, Salvini e Renzi oltre alle scelte politiche che le giustificano e che posso condividere o meno, ciò che mi rende intollerante è l’esposizione scritta o detta che dimostra la totale discrepanza tra fatto e detto.

Un errore colossale che mi delizia è avere preso proprio un granchio commentando un titolone che campeggiava sulle pagine dei giornali locali. Ho scritto su fb commentando la sconfitta della Spal a Roma: “Non voglio affondare il dito nella piaga anche per la mia denunciata incompetenza in materia, ma credo che anche a livello linguistico i toni dovrebbero essere più sommessi e aprendo il giornale oggi mi sembra un pochino esagerato leggere: “La Spal cade nell’Abisso” con la A maiuscola! Nemmeno Dante percorrendo il vero abisso infernale ha mai messo l’A maiuscola per definirlo”. Tutto fiero aspetto le reazioni quando con una valanga di irrisioni mi si fa capire che Abisso è il nome dell’arbitro. Ma può uno fare l’arbitro portando quel nome? Esempio lampante il necessario cambiamento di nome di una notissima casa d’arte i cui proprietari si chiamavano Falsetti immediatamente corretto in Farsetti. Così l’arbitro Assassino potrebbe cambiare nome in Misericordioso. E al giornalista, che perfidamente godeva dell’errore e che mi chiedeva di fare ammenda, così ho risposto: “Ma Certo!!! Vedi come sono fantastici i disguidi del possibile? Chi l’avrebbe mai pensato che un nome terrificante come Abisso possa divenire metafora dell’Abisso??? VOLENTIERISSIMO FACCIO AMMENDA!!!! Però allora diventa banale la metafora: o l’uno o l’altro”.
La cosa risulterebbe performante.
Scrive un lettore indirizzando la lettera a Corrado Augias: “Non ce la faccio a sentir pronunciare la parola performante ( dall’inglese performance), invece che veloce, potente, di grandi prestazioni”. Allora i giocatori della Spal, poveretti, non sono stati abbastanza performanti e per questo sono caduti dentro l’Abisso?
Questo termine era stato usato fino alla saturazione da un grande critico letterario quando frequentava l’Istituto di Studi Rinascimentali di Ferrara. E questa parola ha portato male perché non solo si è sospesa la pubblicazione dei testi pubblicati dall’Istituto, ma la ‘performance’ ha attecchito anche in altre città dove svolgo il mio lavoro.
Così il comune di Bassano senza interpellarci, noi dell’Istituto canoviano, ha deciso che basta pubblicare testi attorno e su Canova e il Neoclassicismo che hanno invaso le biblioteche pubbliche di tutto il mondo: un inutile dispendio di denaro visto che ormai chi legge più i testi? E senza avvertirci, zac! Con il secco taglio delle forbici montaliane, ha reciso il rapporto con i testi, con i libri, con la memoria. Ma ora usa il “crossover” e chi volesse saperne di più legga lo splendido libro di Tomaso Montanari e Vincenzo Trione, ‘Contro le mostre’ (Einaudi 2017), specie il capitolo V, ‘Crossover senza senso’

La lettura dei testi, la necessità di leggere, la sua fine splendidamente illustrata in un saggio apparso sul Repubblica di Adriano Olivero che intervista Philip Roth. Per il grandissimo scrittore, che constata il lento spegnersi della scrittura artistica a confronto di altri mezzi di rappresentazione del mondo, si arriverà al punto che leggere romanzi di fronte al fascino dello schermo si ridurrà a questa condizione: “La setta dei lettori di narrativa non sarà più numerosa di quella di chi oggi legge poesia latina per svago”.

Tornando all’articolo di Merlo, la parola, l’immagine e il fatto si mescolano in una splendida sintesi. La nuova immagine che B. vuole dare di sé, scrive Merlo illustrando la sua tesi con una terrificante foto del personaggio, non è quella di un giovane che parla a un’Italia speranzosa e giovanile come fece un tempo, ma si rifugia nell’Italia dei vecchi, illustrando la sua nuova facies di vecchio: “ormai Berlusconi esibisce con compiacimento non solo la maschera di una vecchiaia esagerata, dalla quale non si vergogna più: pelle increspata e rughe arrampicate su quella collina che gli stampa in faccia il cerone, e che gli blocca il viso in un sorriso raggelato”. Qui le parole corrispondono al fatto. E le conclusioni sono altrettanto reali quando le parole non si ammalano (per esempio quelle di Trump affidate a twitter) per cui si può concludere ancora una volta citando il grande giornalista Merlo che osserva come nelle tv di B. si parli da mane a sera di vecchi e di prodotti per i vecchi (e qui le parole del giornalista si saldano con lo spettacolo di Crozza del 1 dicembre) perché ora dalla liberalità al libertinaggio B. “si avventa sui brodini e sogna di avere le stroncature che tutti noi gli dedicammo… La stroncatura bisogna meritarla. Berlusconi vuole addirittura esibirla”.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013