11 Gennaio 2023

Arrivederci Giampi, ciao Elettra. Ci ritroveremo

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 4 minuti

Giunge un tempo, difficile da gestire, quando l’età ti crea attorno il vuoto dell’assenza e che proustianamente solo la memoria riesce a rendere realtà. Gianpi sapeva bene che il nostro rapporto si fondava sul comune amore per Elettra che riusciva a coagulare attorno a lei affetti, stimoli intellettuali, sociali, umani.

Negli ultimi anni il gioco che inscenavamo era questo. Elettra mi aveva creato come personaggio in un suo bellissimo romanzo: Tavor. E per ragioni esistenziali e soprattutto per esigenze narrative. Così suona la dedica: La prima copia ai miei amici Vittoria e Gianni, personaggi importanti in queste pagine, persone importanti nella mia vita, Elettra. Ferrara Aprile 2005“.

Ecco allora nascere il cattedratico –ça va sans dire– Venturini. Anzi ‘Il Cattedratico-Presidente’ che nelle sue vacanze nel Rodigino in una famosa villa di nobili ferraresi vien chiamato “il Conte”.  Da qui il gioco instaurato con Gianpi, alias Gpt, alias Gian Pietro.

Nelle nostre quasi quotidiane telefonate Gpt sollevava il microfono e con voce stentorea chiamava Elettra dal suo studio: “E’ il Conte!”. Del resto, mentre la conoscenza con Elettra si perdeva nel corso degli anni, da quando cioè s’insegnava giovanissimi nell’Istituto Tecnico per Ragionieri, quella con Gpt. era più recente. Non però la conoscenza della sua famiglia.

Il padre il mitico dottor Testa che ha curato nei difficili anni del dopoguerra intere generazioni di adulti e bambini. La moglie che faceva parte del ristrettissimo gruppo delle donne, poche, che contavano in città, capeggiate dalla Contessa Teresa Giglioli Maffei, erede della più importante famiglia aristocratica di Ferrara. E ancora ricordo l’arrivo del dottore nella nostra minuscola cucina che riempiva quasi del tutto con la sua stazza. E con occhio critico palpeggiava sia me che mio fratello.

Poi nel corso degli anni, ho cominciato a leggere le opere di Gianpi. A cominciare dalla Strage di Peteano. E a proposito di ciò che quel libro e la militanza politica ha significato per lui tendo a condividere il giudizio di Fiorenzo Baratelli, intellettuale impegnato e figura di alto rilievo nella sua città e non solo: Oggi, lo voglio ricordare come amico e compagno di tante battaglie politiche e culturali condotte insieme durante la comune militanza nel Pci, poi come ‘cani sciolti’ di una sinistra in perenne crisi. Ha ragione il figlio e amico Enrico Testa a definire Gian Pietro più anarchico che comunista. Nel senso che aborriva ogni forma di potere quando diventava arroganza, intolleranza, prepotenza, magari anche in nome di ideali nobili...”. 

Una parentesi straordinaria è rappresentata dal suo soggiorno napoletano e la fondazione di un giornale. Così scrive l’amico Sergio Gessi nel suo articolo apparso su Periscopio dell’8 gennaio 2023: “Nel percorso giornalistico, che è fil rouge della sua vita (specificare ‘professionale’ sarebbe riduttivo, perché cronista Gian Pietro lo è nel sangue), dopo l’esperienza a il Giorno, maturata a cavallo fra gli anni ’60 e ’70, è poi passato a l’Unità e in seguito a Paese Seraper poi farsi promotore, a metà degli anni Ottanta, del solido e coraggioso settimanale Avvenimenti. A Napoli ha fondato e diretto Senzaprezzo, uno dei primissimi quotidiani a diffusione gratuita vincendo, grazie allo stile e all’accuratezza del lavoro suo e della redazione, lo scetticismo di chi riteneva che un giornale gratuito non potesse fare informazione seria, puntuale e senza condizionamenti.”

E a Napoli, meta delle nostre annuali vacanze a Lipari, con Elettra e Gianpi passammo giorni straordinari tra scoperte di trattorie speciali, negozi di lusso o le bancarelle del mercato, e le solenni visite nei musei. O ridevamo ai miei racconti di quando fummo sloggiati dall’Hotel Paradiso a Posillipo da Maradona, che ne fece il suo quartier generale, sapendo benissimo la mia repulsione per il calcio e il mio vanto di non aver mai visto una partita dal vivo.

L’ironia di Gianpi si esercitava proprio nella possibilità di lanciare il suo giornale che avrebbe dovuto circolare gratuitamente ma con un severo sguardo critico sul contenuto e anche mettendo in gioco un’altra tra le sue propensioni: quella di épater le bougeois, poiché è indubbio che tra le sue vene stilistico-narrativa c’è sicuramente quella di provocare stupore.

Il momento sicuramente dove più condividemmo le nostre ‘specialità’ culturali è stato raggiunto con il suo testo L’ultima notte di Savonarola (Ferrara, liberty house, 1990), con una mia prefazione. Il libretto rimane tra i ricordi più cari che mi rimangono di Gianpi, a cominciare dalla dedica: Ai miei amici Vittoria e Gianni. A Gianni prefatore d’eccellenza con tanta, tanta riconoscenza. Gian Pietro. Dicembre 1990.

E per concludere mi si perdoni l’autocitazione, ma è tutta a favore di un ricordo di Gianpi:Nel dramma delle parole-poesia si consuma il dramma di un Savonarola che, a tratti riveste i colori magici dell’infanzia dell’autore o gli scatti convulsi di una ideologia che è, è stata, passione e che rompe il velo sottile della favola poetica per assicurare all’autore, al lettore, al pubblico la disperazione della storia.

Arrivederci Giampi, ciao Elettra. Ci ritroveremo.

Cover: Gian Pietro Testa con Elettra Testi nel 2017 (foto Giorgia Mazzotti)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Le scarpe perdute e i libri trovati a mezzanotte

  • Europa portaerei. Europa dei 17 muri, Europa gregaria degli Stati Uniti…
    Alla ricerca del proprio spazio vitale

  • Il sindaco di Ferrara e l’assessore alla cultura sbeffeggiano i difensori del parco urbano

  • Parole e figure /
    Un postino nel bosco

  • Ora e sempre (La) Resistenza!

  • Silvia Guerini: dal corpo neutro al cyborg postumano

  • Zelensky al festival di Sanremo: spegniamo la TV, spegniamo la propaganda di guerra!

  • Io sono una scuola

  • Educazione siberiana

  • La nave Geo Barents a La Spezia, la accoglie una manifestazione. Oggi un presidio davanti alla prefettura

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013