27 Aprile 2017

Al cinema Apollo Piigs: un viaggio nella crisi economica

Claudio Pisapia

Tempo di lettura: 5 minuti

europa-persone

‘Piigs’, in programmazione dal 27 e fino al 29 aprile al Cinema Apollo di Ferrara, è un film che lascia lo spettatore esterrefatto e sconcertato, un documentario di 75 minuti che non stancano, ma sconvolgono e a tanti lasciano l’amaro in bocca, la voglia di saperne di più o di cominciare a chiedersi: “cosa posso fare io, adesso, per cambiare le cose in questo Paese?”. Con Noam Chomsky, Stephanie Kelton, Yanis Varoufakis, Warren Mosler, Erri De Luca, “un viaggio affascinante e rivoluzionario nella crisi economica”.


75 minuti densi di informazioni sulla crisi che imperversa oramai da quasi 10 anni. Cosa succede nei paesi europei che hanno adottato l’euro, chi decide la quantità di moneta in circolazione e chi la controlla, il ruolo dei banchieri e degli economisti, i trattati europei che hanno soppiantato in maniera silente e strisciante le nostre Costituzioni.
Tanti stimoli che portano a chiedersi come sia stato possibile che nessun cittadino si sia opposto, nemmeno di fronte al crescente disastro economico, politico, amministrativo e legale.
Le difficoltà aumentano insieme alla tassazione, alla disoccupazione e alle bugie, le aziende chiudono, i servizi peggiorano e ‘Piigs’ comincia finalmente a dirci il perché, senza andare troppo lontano o affidarsi alla filosofia economica. Lo fa guardandosi intorno e mettendo insieme i pezzi, raccontando semplicemente, ed era ora, quello che tutti possiamo vedere, volendolo fare.

Ma perché ‘Piigs’ (acronimo per Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna, ndr), perché apostrofarci in questo modo, un nome che ricorda tanto la parola ‘maiali’ utilizzato per indicare cinque nazioni con una dignità e soprattutto una storia superiore a tutti i Paesi del Nord Europa? Bisognava umiliarle, ingigantire le loro colpe e rendere lecite le pene a cui sarebbero state sottoposte dai paesi ‘virtuosi’. Erri de Luca, scrittore, uno degli intervistati nel film insieme a Chomsky, filosofo, lo sottolineano specificando che si sarebbero potuti anche usare acronimi diversi e che quindi è stata una scelta con un fine.
Vladimiro Giacchè, filosofo ed economista, sottolinea che il concetto secondo il quale non ci riteniamo in grado di governarci e per questo lo lasciamo fare ai burocrati europei, è una forma autorazzista, autofobica che trova ovviamente conferma nei paesi ‘virtuosi’, come la Germania, dove c’è la ferma convinzione che noi non siamo capaci di autodeterminarci, al pari dei greci, portoghesi, spagnoli e irlandesi.

La prima operazione quindi per far accettare angherie e privazioni dai cittadini europei del sud è quella di convincerli di essere colpevoli e per questo accettare un processo di redenzione per togliersi di dosso la meritata infamia.
“È davvero possibile che ci sia un legame così stretto tra i piani alti del potere economico e le piccole stanze dei problemi quotidiani?” Si chiede la voce narrante di Claudio Santamaria “è vero che noi siamo 100 cani in una stanza con soli 95 ossi a disposizione?”
E il film spiega la crisi guardandola dal punto di vista giusto, quello della macroeconomia.

Attraverso le vicende di una cooperativa di Roma si mostra che se in un recinto ci sono cento cani e butti 95 ossi, cinque di essi moriranno di fame. Sembra banale ma solo perché, in questo momento, lo osserviamo dal punto di vista macro, se lo facessimo, come normalmente viene fatto, dal punto di vista micro non ce ne accorgeremmo.
L’economista Warren Mosler ci racconta che quello che normalmente si fa e di prendere quei 5 cani, cercare di addestrarli a competere meglio, insegnargli a darsi da fare per accaparrarsi il cibo dimenticando però che in questo modo loro troveranno da mangiare ma togliendolo ad altri e altri cinque resteranno a digiuno.
Questo succede alle nostre aziende, cooperative e famiglie. “Non ci sono soldi” per tutti, quindi sopravvive solo l’azienda che riesce a fare innovazione, la cooperativa che accede ai pochi fondi a disposizione, la famiglia che riesce a conservare il posto di lavoro a qualsiasi condizione. Gli altri rimangono fuori e se c’è l’11,5% di disoccupazione è per colpa loro, non abbastanza competitivi, preparati, disposti ad accettare di spostarsi o quant’altro.
E la parte di popolazione svantaggiata, con handicap, malattie croniche, anziani, bambini? Per questi nel magico mondo della “mano invisibile” di Adam Smith e del neoliberismo di Milton Friedman non c’è evidentemente posto.
Bush figlio celebra Milton Friedman come un eroe dei nostri tempi per aver introdotto nel mondo il neoliberismo ed il mondo lo ha ringraziato con un premio Nobel nel 1976. Il punto è: quale mondo? Per chi ha lavorato Milton Friedman? Certo non per il mercato reale, quello degli esseri umani, quelli che si sono visti chiusi nell’esperimento dell’eurozona a combattere in 100 per 95 ossi.

Un esperimento neoliberista in quanto si è eliminato del tutto lo Stato di diritto e le Costituzioni che dovevano rappresentarli e difenderli proprio dalla competizione e dalla concorrenza sleale, anzi di queste si è fatto un motivo di orgoglio. Lo Stato è l’unico che potrebbe riequilibrare le forze in gioco e proprio per questo ai più forti nella società dà fastidio da sempre. Friedman è stato il loro campione e il petroliere Bush lo presentò come campione di tutti con i risultati che questo film ci mostra davvero in maniera esemplare.
La competizione indotta da una moneta a cambio fisso e dai trattati europei introdotti con l’inganno e in contrasto con le costituzioni nazionali delineano un quadro sconfortante di cui fanno le spese i cittadini, i piccoli imprenditori e in primis le persone in difficoltà e chi si occupa di loro che si vedono negare il credito o i fondi necessari causa ristrettezze di bilancio.
“Non ci sono i soldi” è questa la frase dietro la quale si cela l’austerity, presentata come la cura di tutti i mali ma che invece contribuisce a pieno titolo all’aumento della disoccupazione e dei conflitti sociali. Perché in questo modo ci saranno sempre 5 cani alla ricerca di cibo e si scaglieranno contro gli altri per averlo in una continua competizione che vedrà cadere prima di tutto proprio i più deboli, quelli che la nostra Costituzione, violata dai trattati, si era impegnata a tutelare.

Un docu-film che impegna lo spettatore, non rilassa, fa pensare e fa arrabbiare. Quando scorrono le immagini della Grecia insieme a quelle della cooperativa “il pungiglione” di Roma, in difficoltà finanziaria e sull’orlo del fallimento, immaginiamo il nostro futuro, quello dei nostri figli. Ospedali senza medicine e persone svantaggiate senza aiuto dello Stato perché la “mano invisibile” di Adam Smith non prevede l’aggiustamento dei conflitti sociali né l’abbattimento delle disuguaglianze. Riguarda solo i mercati e chi li controlla: finanzieri e banchieri.
Tra gli intervistati ad intervenire nel docufilm c’è il giornalista d’inchiesta Paolo Barnard che venerdì sera (28 aprile) sarà presente in sala insieme ad uno dei tre registi del film Federico Greco.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Claudio Pisapia

Dipendente del Ministero Difesa e appassionato di macroeconomia e geopolitica, ha scritto due libri: “Pensieri Sparsi. L’economia dell’essere umano” e “L’altra faccia della moneta. Il debito che non fa paura”. Storico collaboratore del Gruppo Economia di Ferrara (www.gecofe.it) con il quale ha contribuito ad organizzare numerosi incontri con i cittadini sotto forma di conversazioni civili, spettacoli e mostre, si impegna nello studio e nella divulgazione di un’informazione libera dai vincoli del pregiudizio. Cura il blog personale www.claudiopisapia.info
Claudio Pisapia

Ti potrebbe interessare:

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013