Skip to main content

Sulla scia dell’attivismo di alcuni influencer, un numero sempre più cospicuo di atleti e atlete sta prendendo posizione su singoli temi, indirizzando così il dibattito pubblico. È un trend, questo, che in un modo o nell’altro contraddistingue l’attualità socio-politica: non c’è battaglia o argomento di interesse generale che non passi attraverso il megafono di personaggi della musica, dello spettacolo e dello sport.

Se per l’appunto diamo un’occhiata allo sport professionistico, e in particolare alle questioni sollevate negli ultimi dodici mesi, è difficile non associare il 2021 alla progressiva normalizzazione dei problemi di salute mentale. L’elenco, infatti, è piuttosto lungo: dai ritiri della tennista Naomi Osaka e della ginnasta Simone Biles alle testimonianze di tre noti giocatori di football americano (Calvin Ridley, A.J. Brown e Lane Johnson), passando per il lavoro di sensibilizzazione svolto dal cestista Kevin Love, che dal 2018 scrive e parla apertamente dei suoi disturbi mentali. Una lista più dettagliata di storie o esperienze simili a quella di Love l’ha stilata ESPN in un articolo pubblicato a metà maggio [Qui].

Tuttavia, le prese di posizione più chiacchierate di quest’ultimo anno sono quelle delle già citate Naomi Osaka e Simone Biles: i loro ritiri da competizioni quali Roland Garros e Olimpiadi di Tokyo hanno messo a nudo un tic piuttosto comune, ossia la narrazione fin troppo eroica degli atleti e delle atlete di successo. Difatti, siamo stati abituati a descrivere i personaggi dello sport come dei performer apparentemente inscalfibili, e il solo fatto di associare il loro nome a disturbi quali ansia o depressione ci è parso una novità.

Osservandolo da più lontano, quello di Osaka e Biles è un messaggio che va al di là dello sport professionistico, e ci suggerisce di non identificare le persone con il loro lavoro, il loro talento o il loro successo. Ci può essere dell’altro oltre al bisogno di eccellere e di essere produttivi. Deve esserci dell’altro.

tag:

Paolo Moneti

Sono un pendolare incallito a cui piacciono un sacco le lingue straniere e i dialetti italiani. Tra un viaggio e l’altro passo il mio tempo a insegnare, a scrivere articoli e a parlare davanti a un microfono. Attualmente collaboro con Eleven Sports, Accordi & Spartiti, Periscopio e Web Radio Giardino.

Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it