28 Settembre 2020

Mick Hucknall: il cantante con il rubino in bocca

Costanza Del Re

Tempo di lettura: 5 minuti

Mick  Hucknall è il frontman dei Simply Red, gruppo soul-pop fondato dallo stesso Hucknall nel 1984 e tutt’ora in attività. In venticinque anni il gruppo ha venduto cinquantacinque milioni di dischi e raggiunto dei successi clamorosi. Alcuni loro singoli come “Holding Back the years” e “If you don’t know me by now”  hanno scalato le hit mondiali e raggiunto i primi posti nella classifica Statuunitense Billboard Hot 100. Il loro quarto album “Stars” (1991) è uno degli album più venduti di sempre In Inghilterra.
Mick Hucknall è stato uno degli amori platonici della zia Costanza quando era una ragazzina e ora, che ha cinquant’anni, continua a considerarlo molto bravo. Ha una predilezione sfacciata per la voce di Hucknall che lei definisce calda, duttile, armonica, emozionante.

Una volta mia ha detto: “Rebecca mia, l’unica cosa che ti manca sono i capelli rossi come quelli di Hucknall”. A dir la verità a me i miei capelli piacciono così come sono, ricci e scuri. Io non li vorrei ricci e rossi. E’ lei che li vorrebbe così per me, perché continua a trovarli bellissimi.
La nonna Anna dice che quando la zia era un’adolescente aveva appiccicato un grande primo-piano di Hucknall  sul suo armadio. Una foto che è rimasta là per dieci anni e che lei guardava tutte le mattine.
Poi un bel giorno, l’ha staccata dall’armadio, ma non l’ha buttata nella spazzatura, l’ha bruciata con molta sacralità. La nonna Anna dice anche che quando la zia faceva l’università teneva sempre una foto di Hucknall in tasca, era convinta che le portasse fortuna. Raggiunta la Laurea anche quella foto è stata bruciata nelle fiamme del camino del nostro cortile.

Hucknall ha un rubino incastonato in un dente e, quando sorride, manda bagliori rossastri dalla bocca. E’ il rubino che intercettando piccoli fasci di luce, brilla intensamente.  Questo bagliore rosso che si vede quando canta fa molto scena e completa la “rossità” appariscente di questo conosciutissimo frontman. Ovviamente l’incastonatura del rubino non è stata una scelta casuale ma una precisa strategia studiata da esperti di immagine e realizzata con molta abilità.

Una volta ho chiesto alla zia: “ Perché Hucknall è il tuo cantante preferito?”
“Perché ha una voce morbida che scalda il cuore”.  Mi ha risposto.
In poche parole ha riassunto molto bene il senso di questa  predilezione  che  dura da una vita.

Credo che a volte si creino delle strane relazioni tra noi e alcuni personaggi pubblici che nemmeno conosciamo. Proiettiamo su queste persone dei nostri desideri che trovano una strana realizzazione nella loro lontananza e assoluta indifferenza. Nell’assenza di relazione ci può stare qualsiasi fantasia, anche la più irrealizzabile. Del resto i “principi azzurri” sono tali solo fino a quando non li si conosce bene, non li si vede da vicino.
Penso che questo valga per molti personaggi dello spettacolo e in modo particolare per i cantanti. Intercettando dei sogni e permettendo loro di riprodursi senza infrangersi contro una realtà che li annienterebbe, diventano dei principi. Nella lontananza c’è l’impossibilità della trasformazione del desiderio in realtà, del bisogno in appagamento. Chi è “lontano” si concretizza nei nostri pensieri e desideri come qualcosa di inavvicinabile, irrealizzabile, come il ricettacolo che accoglie tutto ciò che vorremmo e non abbiamo, tutto ciò che ci piacerebbe e non vediamo, tutto ciò che non troviamo nella nostra quotidianità, nel procedere un po’ affannato che caratterizza i “giorni normali” della nostra vita.

Poi una bella voce è una bella voce e questo non è fantasia o sogno, è pura e semplice realtà. Una voce intonata, calda e sicura è una grande dote, la musica sa portare lontano, verso l’eternità, la sublimazione, la passione, l’amore.
Hucknall ha davvero una gran voce, lo dicono tutti, compreso mio padre  che è un professore di musica.
Adesso il super-Mick ha  anche  una  moglie  e  una  bambina  con  i  capelli  rossi come il fuoco.
L’’incredibile “rossità” di famiglia è riemersa. Chissà se la bambina canta e come lo fa. E’ una cosa che vorrebbero sapere migliaia di persone.

Una volta la zia ha insistito per farmi sentire “Live at the Royal Albert Hall 2011”, un album di BB King uscito nel marzo del 2012. L’album contiene la riproduzione del concerto tenuto al  Royal  Albert  Hall  il 28 Giugno 2011.
In questo concerto BB King propone alcuni dei suoi più grandi successi come: “The Thrill Is Gone” e “Guess Who”. Quella sera, oltre a BB, si sono esibiti su quel prestigioso palco alcuni grandi ospiti tra cui: Slash, ex membro dei Guns N’Roses, il chitarrista  Ron Wood membro dei Rolling Stones, Derek Trucks e sua moglie Susan Tedeschi e … senti senti: Mick Hucknall!
Ecco scoperto chi, secondo la zia,  ha trasformato questo concerto in una meraviglia, in una esperienza sensoriale unica, in un ascolto da suggerire a nipoti, parenti, amici, colleghi e vicini di casa. L’album  è bellissimo davvero. La zia con la musica non scherza. Ma ciò che fa la differenza è sempre lui: il cantante col rubino in bocca.

Nel luglio di alcuni anni fa eravamo tutti ad Alassio,  io e la zia stavamo camminando dopo cena sul lungomare, quando da un pianobar abbiamo sentito qualcuno intonare  “If you don’t know me by now” . La zia mi ha preso per mano e, cambiando direzione rispetto alla passeggiata che stavamo facendo, ha cominciato a spostarsi verso l’edificio dal quale proveniva la musica. Quando siamo state nei pressi del pianobar lei, con gli occhi lucidi e le guance rosse, ha individuato un muretto di fronte al locale dal quale uscivano le conosciutissime note. Ci siamo sedute sul muretto, non c’è stato nessun bisogno che mi spiegasse per quale motivo eravamo lì. Sono anch’io cresciuta con questa storia del rubino rosso incastonato nel dente.  Vicino a noi c’erano sedute altre persone che ascoltavano incuriosite lo spettacolo. Eravamo posizionati tutti in fila sul muretto, come tanti parassiti perché si sentiva benissimo e non si pagava nulla.
Ci siamo messe a guardare chi stava cantando. Era un ragazzo moro, piccolo, sorridente. Suonava la tastiera e contemporaneamente cantava.
La zia lo ha ascoltato un po’ e poi ha scosso la testa. “Sta rovinando la canzone” ha detto.
Subito dopo si è sfilata i sandali. Da uno dei due è uscito un piccolo sasso e la zia ha detto:
“Ecco perché sentivo male a un piede”.
Eppure per arrivare vicino al posto dove era situato il pianobar avevamo fatto una bella camminata, ma quando le era entrato quel sassolino nella scarpa?
“Zia ma quando ti è entrato il sasso nella scarpa?”
“Prima” mi ha risposto … ma prima quando? Non si sa.
Poi si è alzata dal muretto, mi ha preso per mano e ha cominciato ad allontanarsi dal posto dove eravamo sedute.
Allora le ho chiesto  a bruciapelo: “ Ti piacerebbe sposare  Hucknall?”
“No” mi ha risposto “Mi piacerebbe sposare la sua voce”.
Ma in realtà questo lei lo ha già fatto da molti anni e non se ne è proprio mai pentita. Evviva la “rossità”  indiscussa di questo cantante, le piace da matti.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Costanza Del Re

E’ una scrittrice lombarda che racconta della vita della sua famiglia e della gente del suo paese, facendo viaggi avanti e indietro nel tempo. Con la Costanza piccola e lei stessa novantenne, si vive la storia di un’epoca con le sue infinite contraddizioni, i suoi drammi ma anche con le sue gioie e straordinarie scoperte.
Costanza Del Re

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

  • Accordi /
    Il breve sabato di Nick Drake

  • Parole a capo /
    Mattia Cattaneo: “Tre poesie”

  • A ROMA IL TANGO SOLIDALE DALLE SCARPE ROSSE
    Giornata Internazionale per eliminazione violenza contro donne

  • Suole di vento /
    A Valencia con la Corale Veneziani

  • Vite di carta /
    Idda, una “vita di carta”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013