5 Ottobre 2022

Mahsa Amini

Roberta Trucco

Tempo di lettura: 5 minuti

 

Molti anni fa ho pubblicato, nell’introduzione al libro di Teresa Forcades Siamo tutti diversi (Castelvecchi Editore) il racconto Il mio nome è Farkunda, poi pubblicato nel 2018 su questo quotidiano [leggi Qui]

Dopo pochi anni ho pubblicato un romanzo che tratta il tema spinoso e controverso della maternità surrogata dal titolo Il mio nome è Maria Maddalena (Marlin Editore).

Non ricordavo di avere intitolato il racconto in questo modo e quando sono andata a ricercarlo, in occasione della tragica morte  di Mahsa Amini,  mi sono accorta della curiosa similitudine tra i  due titoli.

Il mio nome è Farkhunda è dedicato alla giovane musulmana Farkhunda Malikzada, linciata a morte a Kabul, per aver predicato per ore nel cortile del santuario denunciando i traffici di finti amuleti.

Farkhunda studiava diritto islamico e lavorava come maestra volontaria, mentre Maria Maddalena, la protagonista del mio romanzo, è una giovane occidentale, che avventatamente si presta come madre surrogata per scoprire poi, a contatto con le popolazioni indigene dell’Amazzonia, quanto sia importante il sapere ancestrale che appartiene ai nostri corpi, che da millenni passa di generazione e in generazione.

Maria Maddalena si rende conto che abbandonare questo prezioso sapere nella mani della scienza e dei laboratori sia l’errore più grave che l’umanità possa fare, perché equivale a perdere per sempre il senso stesso di umanità.

Mi sono chiesta: “Perché dunque la somiglianza nel titolo se le storie che li hanno ispirati  sono così diverse?” La risposta è semplice, dare il nome è il primo atto che facciamo quando nasce un bambino o una bambinaIl nome riconosce all’altro o all’altra la sua unicità.

Con il nome si entra nella comunità e si acquista lo status di autodeterminazione. Nelle mie ricerche femministe ho compreso che il concetto di autodeterminazione è alla radice di ogni pratica e ragionamento filosofico femminista.

L’autodeterminazione per le donne, in tutte le società, da sempre, però è sempre fortemente condizionata a comportamenti ‘morali’ dettati dal sistema patriarcale.

La lunga storia della liberazione femminile si muove in questo ambito ed è continuo oggetto di ricerca e di comprensione ancora oggi, proprio perché coniugare libertà e amore, libertà e comunione è una continua sfida.

Cosa significa autodeterminarsi? Per me agire in sintonia con il proprio essere  all’interno della comunità in cui viviamo. Dunque autodeterminarsi è un atto in continuo divenire ed è sempre legato al dialogo che da dentro si sviluppa con  il fuori: la famiglia, la comunità, la società, la nazione, il mondo.

Per le donne il dialogo con il fuori, con ciò che è pubblico, è sempre  stato mediato dalla legge del Padre. Ecco dunque che le donne fanno parte dell’umanità ma sono ‘figlie di un dio minore’.

Il fatto di ricevere un nome alla nascita, però, ci ricorda che siamo unici e distinti e che c’è un confine inviolabile, quello della nostra coscienza, che appartiene solo a noi, neanche la legge lo può invadere. È quell’afflato dell’anima che, quando raggiunge la via della sua espressione attraverso l’incarnazione, guida le nostre azioni.

Mi chiederete dunque perché sono partita dai miei scritti per giungere a parlare di quanto sta avvenendo in Iran e di come la sua narrazione stia facendo il giro del mondo. Perché la tragica storia di  Mahsa Amini, il cui nome questa volta ha fatto il giro del mondo, non è altro che la storia di moltissime donne alle quali non è permesso esprimersi in conformità al loro sentire.

Ciò che mi ha lasciato perplessa nella narrazione di Masha è stato il fatto che, in questa occasione, il suo nome è echeggiato in tutti i social, in tutti i media, nei telegiornali di tutto il mondo.

Ho ascoltato donne femministe islamiche felici di portare lo hijab, e non erano meno femministe di chi non lo vuole portare. Il tema non è lo hijab si o lo hijab no, ma il vero punto è se portare lo hijab ti corrisponda, a te singola donna, sia che tu sia iraniana, afghana, americana.

E il fatto, che qualunque sia la tua scelta, questa non comporti la perdita di diritti inviolabili quali l’autodeterminazione, perché l’autodeterminazione non è staccata dalle radici della terra madre che ci ha viste nascere, come ci insegna il lungo percorso, ancora in corso, della lotta all’autodeterminazione dei popoli indigeni.

Noi siamo figlie dell’ambiente che ci ha viste crescere, della storia e della cultura di quell’ambiente, ma siamo anche la spinta verso il nuovo mondo che contribuiremo a costruire e, in questo ‘nuovo’, rientra proprio la forza dell’atto di autodeterminarsi.

Non è dunque la verità occidentale ‘la verità assoluta’, ma è lo stare dentro le propria storia e cultura con la creatività delle nuove generazioni, che fa la differenza.

Per Farkunda avevo scritto ma, all’epoca, le era stato dedicato un trafiletto o poco più, e la lotta per l’abolizione universale della maternità surrogata conta tantissime storie di donne che hanno subito violenze inenarrabili nel silenzio più assoluto.

Ricevere da diversi amici e amiche che, poco o quasi mai, si sono interessati alle mie battaglie femministe il video di una giovane iraniana che parla di Mahsa Amini per attaccare direttamente il governo iraniano mi ha insospettito.

Quando l’occidente si muove compatto per condannare un governo attraverso l’uso strumentale della storia di una donna, io vedo in azione il patriarcato e non la difesa dei diritti delle donne.

Spero di non essere fraintesa; la storia di Mahsa Amini e dei milioni di ragazzi e ragazze iraniane schiacciati da un potere disumano, mi tocca nel profondo, ma l’ipocrisia del potere patriarcale occidentale, che utilizza una storia tragica a suo uso e consumo e contemporaneamente ti vende la maternità surrogata come un atto di amore e altruismo, quando è solo immettere sul mercato la maternità, senza la minima autocritica, mi pare ancora più disumano.

È da tempo che noto che, nelle democrazie progressiste, la rivendicazione dei diritti delle donne viene sempre ribadita quando è strumentale a certe logiche di potere.

D’altronde non c’è da stupirsi, il patriarcato appartiene anche alla nostra cultura e come dice bene la Guzmanil patriarcato è IL SISTEMA che produce tutte le oppressioni, tutte le discriminazioni e tutte le violenze che vive l’umanità e la natura, ed è costruito storicamente sopra il corpo delle donne!

Per leggere gli altri articoli di Roberta Trucco clicca [Qui]


Commenti (3)

  • Un crescendo di considerazioni lucide, umane e profonde. Il testo rasenta la suspense per come Roberta Trucco propone, una dopo l’altra, le sue argomentazioni.
    Adriana Somigli

  • A mio parere “portare il velo” non è mai autodeterminazione. Se una donna decide di volerlo portare può sembrare una libera scelta , ma non lo è. Il velo non è un obbligo dell’Islam (ci sono milioni di donne islamiche che non lo portano), ma è il segno di “impurezza” della donna, serve infatti a coprire i capelli, che sono considerati elemento di seduzione per l’uomo; la donna percio’ deve nascondere ciò che potrebbe turbare e allontanare l’uomo da Dio, con la seduzione (il diavolo) sessuale. Con l’affermazione del velo o del fazzoletto si nega completamente la liberta’ delle donne di esprimere, in pubblico la propria sensualità perché ciò rappresenta qualcosa di completamente contrario alla religione. È sicuramente una visione “integralista” della religione, di origine “tribale” e “fortemente patriarcale”, che afferma un principio di potere e autorità dell’uomo maschio, sulla donna femmina. Com’era per le nostre nonne e mamme portare il fazzoletto o lo scialle per entrare in chiesa o anche solo per andare per strada, si diceva per “pudicizia”. Come se la donna, in quanto tale, facesse qualcosa di “sporco” nel mostrarsi, nel mostrare il capo. Non credo affatto alle femministe con lo jihab. Non è liberazione e tantomeno autodeterminazione. È adesione consapevole ad una disciplina lesiva della dignità della donna come persona umana e portatrice di valori positivi. Nella religione si sono codificati dei valori che rappresentano la paura del maschio del femminile, che deve essere perciò umiliato, represso se non può essere sfruttato per il piacere maschile. Il velo nei Paesi mussulmanie, da noi il fazzoletto, è un indumento simbolo fortemente discriminatorio nei confronti di noi donne, del nostro corpo e del nostro essere integrale,
    per il principio stesso che rappresenta. Al di là di volerlo indossare consapevolmente o meno, per obbligo di un’autorita’ repressiva.

  • Il movimento delle donne ha tolto credibilità al patriarcato ed è accaduto non per caso. La libertà femminile avanza e il liberismo pure. La soggettività femminile e una nuova maschilità sono le nostre armi più potenti. Temo che per giovani donne iraniane e i giovani uomini si profili un massacro come è stato nel 2019 (1500 morti). I vecchi contro i giovani come sta accadendo nella guerra russo-ucraina..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roberta Trucco

Classe 1966, genovese doc (nel senso di cittadina innamorata della sua città), femminista atipica, felicemente sposata e madre di quattro figli. Laureata in lettere e filosofia con una tesi in teatro e spettacolo. Da sempre ritengo che il lavoro di cura non si limiti all’ambito domestico, ma debba investire il discorso politico sulla città. Per questo sono impegnata in un percorso di ricerca personale e d’impegno civico, in particolare sui contributi delle donne e sui diritti di cittadinanza dei bambini. Amo l’arte, il cinema, il teatro e ogni tipo di lettura. Da alcuni anni dipingo con passione, totalmente autodidatta. Credente, definita dentro la comunità una simpatica eretica, e convinta “che niente succede per caso.” Nel 2015 Ho scritto la prefazione del libro “la teologia femminista nella storia “ di Teresa Forcades.. Ho scritto la prefazione del libro “L’uomo creatore” di Angela Volpini” (2016). Ho e curato e scritto la prefazione al libro “Siamo Tutti diversi “ di Teresa Forcades. (2016). Ho scritto la prefazione del libro “Nel Ventre di un’altra” di Laura Corradi, (2017). Nel 2019 è uscito per Marlin Editore il mio primo romanzo “ Il mio nome è Maria Maddalena”. un romanzo che tratta lo spinoso tema della maternità surrogata e dell’ambiente.
Roberta Trucco

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013