7 Marzo 2016

L’emozione di entrare nel salotto di Giorgio Bassani

Giorgia Mazzotti

Tempo di lettura: 5 minuti

casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani

Entrare nella casa di qualcuno è sempre un’esperienza intima. Vedi il divano dove si rilassa, i piatti dove mangia, i quadri che tiene appesi alle pareti, i titoli dei libri che legge. L’emozione è ancora più grande se quella persona la conosci già per le cose che ha fatto – o in questo caso – scritto.
Ecco: adesso a Ferrara ci sarà e si potrà vedere e persino toccare il tavolo dove Giorgio Bassani prende appunti, legge, pensa. E’ qui la stanza dove vive tra una delle sue passeggiate nei quartieri di Roma e l’appuntamento pomeridiano con la partita a tennis, giocata fino agli ultimi anni di vita. C’è la poltrona rossa dove va a sedersi la sera, il tappeto che calpesta per accogliere gli amici Mario Soldati e Attilio Bertolucci, i bicchieri dove si dissetano mentre fanno a gara per recitare versi della Divina Commedia, i ritratti che gli fanno i pittori che conosce, i volumi con dentro il sapere che gli ha riempito l’anima. Ma c’è anche il servizio buono della casa del nonno materno; sono i piatti di ceramica con decorazioni blu di una famiglia ebrea ferrarese, una rarità che racconta da sola un’epoca e un mondo in gran parte distrutto, come quello che poteva essere il pranzo della festa prima della Shoah, prima che arrivassero le leggi razziali e prima che Micòl e gli altri membri della famiglia romanzesca dei Finzi-Contini venissero strappati alle loro belle abitazioni ferraresi per non tornarci più.

casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
Stoviglie della casa dei nonni materni di Giorgio Bassani ora a Casa Minerbi, Ferrara (foto Giorgia Mazzotti)

La casa che accoglie librerie e salotto di Bassani non è quella dove è cresciuto, in via Cisterna del follo (ora venduta a privati e inaccessibile). E’ la casa di un benestante signore ebreo ferrarese, Giuseppe Minerbi, amico di Giorgio, in via Giuoco del pallone 15 – a pochi passi dalla biblioteca Ariostea e anche dalla casa natale di Ludovico Ariosto. Acquisito dal Ministero dei beni culturali vent’anni fa, l’edificio è stato ora restaurato insieme con il Comune di Ferrara, che qui darà nuova sede all’Istituto di studi rinascimentali e ha creato il Centro studi bassaniani, aperto nello scorso fine settimana (4 e 5 marzo 2016) in occasione dei cent’anni della nascita del romanziere. Mancano gli ultimi ritocchi per il recupero completo degli affreschi al piano di sopra e degli impianti; poi – spiega il padrone di casa Giovanni Lenzerini, dirigente del settore attività culturali del Comune – ci sarà l’apertura ufficiale, in maggio 2016.

casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
Il salotto della casa di Giorgio Bassani ora a Casa Minerbi, Ferrara (foto Giorgia Mazzotti)

A rendere davvero questo luogo la casa dell’autore de “Gli occhiali d’oro” e delle “Storie ferraresi” è il lascito della sua compagna Portia Anne Prebys. La docente americana, che Bassani conosce a Roma nel 1977 e con cui trascorre il resto della vita, dona alla città tutti i 5mila libri, 9mila documenti e articoli dedicati a lui, oggetti d’arte e d’arredo. E sabato, seduta in quel salotto, Portia condivide con i visitatori i ricordi di vita quotidiana e la sua volontà di lasciare tutto alla città dello scrittore per creare questo luogo di divulgazione della cultura e dell’opera di uno degli autori più amati e tradotti in tutto il mondo.

Nella stanza con le immense librerie a parete è invece Gianni Venturi, docente e critico letterario, a raccontare aneddoti legati alle pubblicazioni dei romanzi e dei racconti. “Bassani – dice il co-curatore del Centro studi bassaniani – amava molto l’arte e per ogni copertina ha scelto opere e dipinti degli artisti che preferiva. Ecco per esempio questa edizione degli ‘Occhiali d’oro’. Quale pittore poteva essere più adatto di Filippo De Pisis per una storia che racconta il rifiuto di una città per gli ebrei e gli omosessuali?”. Per non dire di Giorgio Morandi, “l’artista preferito da Bassani”, con l’incisione dei Giardini Margherita di Bologna che illustra il romanzo dei Finzi-Contini ed è riprodotta nel manifesto di lancio del libro, incorniciato su una parete.

casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
Scaffale con le varie edizioni delle opere di Giorgio Bassani a Casa Minerbi, Ferrara (foto Giorgia Mazzotti)

La cosa bella è entrare in una casa d’autore e trovarcela, dentro, davvero. Trovare l’atmosfera di una vita domestica, sfiorare velluti un po’ lisi, spiare tra gli oggetti chiusi in una vetrinetta. All’estero, soprattutto nei paesi anglosassoni, questo succede. Puoi vedere la casa di Conan Doyle – nel centro di Londra – con persino il caminetto acceso e ancora vicino le pantofole dello scrittore di polizieschi e una pipa sulla scrivania, che chissà se era proprio la sua, ma fa pensare subito a quella di Sherlock Holmes. In Scozia – quando entri in un castello – trovi le cucine piene zeppe di pentole in rame, sacchi di farina, persino gatti riprodotti in cera, pronti a saltare sul cartoccio di pesce. In Italia, finora, sembrava che tutto questo fosse proibito, se non andavi a Gardaland. Persino la casa di Giorgio Morandi – a Bologna in via Fondazza – è stata sì tardivamente acquistata dal Comune e adibita a casa-museo, salvo il fatto di affidarla poi a un architetto di tendenza che l’ha completamente snaturata per farne un monumento di auto-celebrazione di maniera contemporanea bianco-minimal che puoi trovare in mille gelaterie, musei e hall d’albergo d’ogni parte del pianeta anni 2000. Anche a Ferrara la Casa dell’Ariosto, nella via che porta il suo nome, è piuttosto asettica: vedi i muri e le piastrelle in cotto (quelle almeno sì, qui), ma non ci sono arredi, non senti l’atmosfera casalinga di una stanza da letto, di un tavolo da pranzo. Ferrara rimedia ora con il Centro studi Giorgio Bassani. Per dare un approdo a tutti quelli che cercano, cercano il giardino che non c’è, e possono trovare – adesso – una casa che era altrove.

casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
Gianni Venturi curatore con la Presbys del Centro studi bassaniani (foto Giorgia Mazzotti)
casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
I fermalibri di Giorgio Bassani a Casa Minerbi, Ferrara (foto Giorgia Mazzotti)
casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
Il salotto della casa di Giorgio Bassani ora a Casa Minerbi, Ferrara (foto Giorgia Mazzotti)
casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
Portia Presbys nel salotto della casa di Giorgio Bassani ora a Ferrara (foto Giorgia Mazzotti)
casa-minerbi-ferrara-libri-salotto-stoviglie-giorgio-bassani
Il salotto della casa di Giorgio Bassani ora a Ferrara (foto Giorgia Mazzotti)

I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e diploma dell’Accademia di belle arti, collabora con la rivista del “Gambero Rosso”, il periodico “Econerre” sull’economia dell’Emilia-Romagna e “CasAntica”. Per la Provincia di Bologna ha curato il sito “Turismo in pianura” e le segnalazioni su “Emiliaromagnaturismo” dedicate ad arte e cultura, gastronomia ed eventi del territorio.
Giorgia Mazzotti

Ti potrebbe interessare:

  • Livio Pepino: Se cento giorni vi sembran pochi…

  • Mussolini e il “Nero di Londra”: dalle ricerche d’archivio una storia che non conosciamo

  • Consiglio esecutivo del KNK:
    appello urgente di aiuto per le vittime del terremoto nel Kurdistan settentrionale e occidentale, in Turchia e in Siria

  • Parole e figure /
    I magnifici Kappa

  • L’Amministrazione di Ferrara ha scelto la politica dell’evento mordi e fuggi. Invece occorre ascoltare i cittadini e un progetto per la città. Partendo dalla normalità.

  • salvataggio in mare,

    La storia di Carlo Urbani e di 50 anni di Medici Senza Frontiere: soccorrere, salvare, denunciare le responsabilità

  • Una botta di vita /
    Impegno umanitario

  • La politica brutta

  • Superbonus o supercazzola?

  • 11 FEBBRAIO: CARNEVALE GLOBALE PER ASSANGE
    Aggiornamento al 5 febbraio 2023

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013