30 Gennaio 2019

La resa dell’architetto

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 4 minuti

Continua, con l’intervento del Consigliere Comunale Tommaso Cristofori,  il confronto di opinioni sulla “addizione” del Palazzo dei Diamanti. Invitiamo architetti, urbanisti, storici dell’arte, tecnici e addetti ai lavori che volessero dare il loro contributo al dibattitto ad attenersi il più possibile  al merito del progetto motivo del contendere e al tema della tutela e della fruizione di un bene prezioso come il Palazzo dei Diamanti, evitando polemiche politiche o attacchi di tipo personale che abbiamo letto su altri organi di stampa.

di Tommaso Cristofori

Vorrei fare anche io alcune riflessioni rispetto alla vicenda del progetto per un nuovo padiglione da affiancare al Palazzo dei Diamanti.
Pensieri in libertà che non hanno nulla a che vedere con la strumentalizzazione politica che si è inevitabilmente creata intorno a questa iniziativa. Infatti, trovandoci alla vigilia di una campagna elettorale, molti hanno pensato di cavalcare il tema sperando di trarne un vantaggio in termini di consenso, altri invece intravvedendo la possibilità nel muro contro muro, di bloccare l’operazione già avviata da qualche anno.
Concordo con l’urbanista R. D’Agostino (su Artribune) quando rivendica che grazie alla lungimirante pianificazione introdotta negli anni ’70, oggi possiamo vantarci di un centro storico di assoluta qualità e bellezza e che questo si è realizzato proprio perché allora è stato concepito come “un organismo unico, un unico monumento, fatto di una gamma articolata di manufatti tutti necessari nella loro reciproca coerenza… che la conservazione dovesse essere morfologica e tipologica. In questa ottica la cultura architettonica contemporanea avrebbe potuto esercitarsi ed esprimersi nell’enorme bisogno di nuove costruzioni (erano gli anni dell’espansione edilizia) là dove potevano essere fatte, nel recupero delle aree edificate degradate o abbandonate, nella conservazione e ridisegno del paesaggio là dove fosse stato alterato, nell’intelligente opera di recupero e conservazione dei manufatti ereditati dalla storia”.

Una linea che può dirsi confermata anche con il successivo progetto di valorizzazione delle Mura e del sistema museale della città degli anni 80/90, che insieme all’addizione del parco urbano oggi ci consegna una città patrimonio UNESCO, riconoscimento di cui ci possiamo fregiare probabilmente proprio perché Ferrara ha saputo nella storia accogliere l’architettura moderna, di cui proprio il quadrivio ha rappresentato la massima espressione.
Questo palazzo non solo per la sua straordinaria importanza architettonica ed urbanistica, ma anche per la funzione acquisita negli anni con la presenza della galleria e della pinacoteca, è divenuto un brand di rilevanza internazionale. Immaginare quindi di spostare le mostre da questo luogo, la trovo una scelta decisamente sbagliata, per una realtà come la nostra.
Per semplificare, ignorando momentaneamente gli altri interventi previsti di risanamento sull’edificio esistente, tutti sanno che stiamo parlando di un nuovo padiglione che, come proposto nel progetto vincente, oltre ad avere una funzione espositiva, diventa l’elemento di congiunzione tra le due ali del palazzo, che ad Ovest confinano con uno spazio verde inutilizzato e dove con una certa evidenza, si nota l’opera incompiuta di una porzione non realizzata dell’edificio. Un’area che attualmente non ha alcun dialogo con la vita del palazzo, se non per la presenza di una passerella posticcia.
Inutile anche bisticciare sul concetto di reversibilità, è abbastanza ovvio che non stiamo parlando di un gazebo, ma il concetto di reversibilità si riferisce al fatto che la rimozione di questo padiglione, ed anche la sua installazione, non compromette né altera in alcun modo la struttura originaria esistente.
Non è vero come afferma l’amico architetto Andrea Malacarne che il Comune “crede di avere il diritto di modificarne in modo permanente l’aspetto”. Invece, molto semplicemente, chi ha il compito di amministrare, insieme a Ferrara Arte, ha posto con quel concorso internazionale un quesito per trovare risposte ad esigenze di spazi e nuove funzioni, e lo ha fatto nel modo più corretto, collaborando fianco a fianco con chi è chiamato a tutelare un bene così importante. A chi si è rivolto? All’Architetto, cioè a colui che ha questo compito per competenza, cultura: colui che ha deciso per sua stessa missione di sfidare questi temi, esattamente l’opposto di una regressione culturale.
Sorvolando su come si è arrivati a questa bocciatura, che dovrebbe preoccupare molti, io penso che l’errore di chi ritiene non ammissibile quell’intervento, sia proprio nell’affermare di non voler affrontare la proposta progettuale risultata vincente, perché a priori non riconosce più per quello che è nella realtà il complesso museale Palazzo del Diamanti, ma diventa “l’oggetto Palazzo”, un’opera d’arte a sé, come se si trattasse un quadro di Caravaggio o La pietà di Michelangelo.
Quanto si afferma che il vero nodo della vicenda è: si può fare o no, c’è bisogno o no? E contemporaneamente si dice: “Non è questione di giudicare se l’intervento è bello o brutto” (“il progetto vincente è anche bello” ammette anche Sgarbi) si perde di vista la proposta. E’ come se si volesse dare un giudizio su un’automobile, un paio di scarpe o di una barca, mentre invece stiamo parlando di uno spazio, di un luogo (vivo o morto); di un volume, che dialoga con l’intorno, che può valorizzare o mortificare quelle forme e quelle funzioni, che si relaziona o non si relaziona con gli spazi interni ed esterni, che può contribuire ad allungare o ad accorciare la sua vita, che esalta o ne riduce il suo ruolo non solo nel perimetro del palazzo, ma anche nel rapporto con tutta la città. Per questo non può essere considerato come un elemento autonomo.
E’ qui che cade il ragionamento, ed è proprio questo che rappresenta in un certo senso la sfida o la “resa” dell’Architetto, ma anche per un altro verso la sfida o la resa della Politica.
Oggi è sicuramente una occasione persa per la città. E’ di ieri la notizia che Vittorio.Sgarbi ha denunciato sindaco e direttrice di Ferrara Arte, così, tanto per alimentare ancora il fuoco della polemica. Invito invece i ferraresi ad andare a vedere il corpo del reato esposto su dallo scalone municipale.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013