Skip to main content

La Comune di Ferrara: un’esperienza non comune per un’idea diversa di città e democrazia

La cronaca della conferenza stampa di presentazione della lista “La Comune di Ferrara”(qui il link ufficiale) tenutasi ieri all’aperto dello Spazio Grisù, la puoi leggere su tutti gli organi di stampa della città. La presenza di Periscopio aveva uno scopo diverso: restituire un clima e qualche sensazione che la mera cronaca non trasmette.

La Comune di Ferrara è una coalizione decisamente eccentrica. Ci sono dentro politici locali con il relativo simbolo di partito (i Socialisti del PSI) e ci sono esponenti e attivisti locali senza il simbolo del loro partito (Europa Verde, Sinistra Italiana) perché i loro vertici romani li hanno diffidati dall’utilizzarlo in sostegno a La Comune. Loro infatti – i romani – avevano già deciso che a Ferrara i loro attivisti dovevano votare e far votare il nome che va per la maggiore. Allora questi attivisti locali, in dissenso dalle indicazioni di schieramento dei loro vertici, hanno deciso di partecipare ad una competizione amministrativa al fianco della candidata sindaca Anna Zonari. Per quale ragione? Perché, per una volta, una aggregazione civica “vera” ha iniziato a chiedere l’opinione delle persone su cosa doveva fare la prossima amministrazione ben prima che qualsiasi candidato “ufficiale” uscisse allo scoperto (al termine di sfinenti discussioni interpartitiche, ca va sans dire). Invece i loro referenti nazionali non hanno sentito nemmeno il bisogno di fargli una telefonata.
Ciò nonostante, nessun accento polemico è sfuggito dalle labbra di Federico Besio, giovane referente degli “ecologisti” ferraresi, nè dalla bocca di Sergio Golinelli, segretario di Sinistra Italiana. Non serve la polemica quando c’è la forza degli argomenti: che sono prepolitici, in questo caso. Non occorre infatti essere d’accordo con le idee di Besio e Golinelli per capire che, alla vigilia del rinnovo di organi amministrativi locali, bisognerebbe almeno dialogare con i propri attivisti locali, prima di spendere anche il loro nome a sostegno di un candidato, seppure di prestigio e di fama nazionale (nota dello scrivente: per chi non lo sapesse, i non residenti a Ferrara non possono votare per il sindaco di Ferrara). Questa divaricazione tra burocrati nazionali e attivisti cittadini, e che ha portato i secondi verso La Comune, dipende dal fatto che La Comune di Ferrara nasce sulla base di un metodo che è esso stesso sostanza. Un metodo di compartecipazione, di ascolto e di discussione capillare che gli attivisti locali hanno prima riconosciuto per poi contribuirvi, mentre i politici romani non lo hanno nemmeno smarrito (casomai smarrisci quello che avevi): non lo hanno proprio mai praticato. Gli è alieno.
La differenza sta nel metodo, prima di tutto. Personalmente non mi era ancora successo di vedere riunire dei comuni cittadini ad un tavolo e di farli dialogare in modo ordinato e non scompostamente assembleare, circostanza che dipende dal fatto che occorre anche sapere come far parlare le persone – e i world cafè (leggi qui) sono serviti proprio a questo. Non mi era successo, eppure è un’idea semplice. Semplice e complessa al tempo stesso.
La complessità risiede nel fatto che le persone non sono più abituate ad esprimersi, perché sono state abituate a pensare che democrazia è sinonimo di delega (meglio se ad un “uomo forte”). Ma prendere le parti di qualcuno non equivale ad esprimersi.  Far parte di una fazione che commenta le tenzoni televisive o social tra leaders non equivale ad esprimersi. Dire solo cosa non va non equivale ad esprimersi. Di conseguenza, sollecitare la partecipazione attiva delle persone quando alle stesse non è mai chiesto cosa pensano e cosa farebbero, ma è chiesta solo una delega per fare “il loro bene”, non è semplice, perché per loro è una novità.
Questa disabitudine si coglie anche nelle domande della stampa, preoccupata dell’opportunità di indicare i sostenitori e candidati della lista come singoli aderenti o come esponenti dei loro partiti, per non favorire un incidente diplomatico; non preoccupata di capire come si declinerà ulteriormente il “quasi programma” che La Comune ha pubblicato sul suo sito. Ci ha pensato Anna Zonari a parlare di questo, prefigurando con trasparenza  – attraverso veloci accenni al riciclo della plastica in petrolchimico, alle comunità energetiche, ai corridoi verdi – quello che al contempo potrebbe essere il punto di forza e la grande sfida delle prossime settimane per La Comune: quella di coniugare la partecipazione delle persone, che ha già prodotto dei temi “alti”, con la capacità di sintetizzare e mettere a terra delle proposte concrete per la città. Il contributo delle intelligenze individuali sarà ancora più fondamentale, da qui in avanti, per arricchire l’intelligenza collettiva che La Comune di Ferrara vuole incarnare e che propone al servizio della città; e che costituisce la premessa indispensabile per riuscire a far votare le persone che non votano più (circa il quaranta per cento sono rimaste a casa, al precedente ballottaggio). Le persone che non votano più torneranno a farlo solo se, prima, si saranno sentite coinvolte in un processo di partecipazione collettiva. In un agone politico connotato da un confronto tra ego che slitta già, tristemente, dentro modalità da eccesso di testosterone, questa è la vera e unica competizione che La Comune di Ferrara sollecita e affronta: quella per una rinnovata idea di città e di democrazia.
tag:

Nicola Cavallini

E’ avvocato, ma ha fatto il bancario per avere uno stipendio. Fa il sindacalista per colpa di Lama, Trentin e Berlinguer. Scrive romanzi sui rapporti umani per vedere se dal letame nascono i fiori.

Comments (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it