Skip to main content

Qualche giorno fa ci ha lasciato il grande Renato Scarpa, un attore indimenticabile divenuto popolare soprattutto grazie a tre fortunati incontri: con Carlo Verdone (l’impagabile ipocondriaco di Un sacco bello), Massimo Troisi (l’impacciato Robertino di Ricomincio da tre) e Luciano De Crescenzo (Così parlò Bellavista). Lo abbiamo apprezzato, fra l’altro, nell’inflessibile preside di La stanza del figlio o nel ruolo dell’abile ma sincero cardinale Gregori di Habemus Papam per Nanni Moretti.

Lo vogliamo oggi ricordare con quest’ultimo film, dove non ne è il protagonista ma ove, con delicatezza, affianca un meraviglioso Michel Piccoli; anche se di qualche anno fa, una bellissima pellicola che vogliamo riproporvi, vincitrice di 3 David di Donatello nel 2012, tra cui quello al miglior attore protagonista, e di 7 Nastri d’argento, compreso quello per il regista del miglior film.
Bellissime e soavi, poi, anche le musiche: oltre a quelle originali di Franco Piersanti, sono presenti altri brani musicali, tra cui la canzone Todo cambia, scritta da Julio Numhauser (il fondatore del gruppo cileno dei Quilapayún): la versione presente nella pellicola è quella cantata dalla cantante argentina Mercedes Sosa.

Eccoci allora nella Cappella Sistina, in pieno conclave per la nomina del nuovo Pontefice. Molte fumate nere e folla in trepidante attesa, come da copione. A sorpresa (uno dei favoriti era il cardinale Gregori, Renato Scarpa), arriva la nomina del cardinale francese Melville (Michel Piccoli) che, al momento della pubblica proclamazione, mentre il cardinale protodiacono sta per annunciare il nome del nuovo pontefice alla folla dei fedeli riuniti in Piazza San Pietro, ha un attacco di panico e fugge via nello sconcerto generale, interrompendo la cerimonia prima che sia annunciata la sua elezione. Un Papa umano, spaventato, al di sopra di ogni sospetto.

La stampa incalza, la folla, in preghiera, freme: tutti vogliono conoscere il nome del neoeletto ma il portavoce della Santa Sede prende tempo. La situazione è paradossale, nulla di mai visto prima nella lunga storia della Chiesa. Secondo il codice di diritto canonico, finché il Papa non si presenta ai suoi fedeli, la cerimonia di elezione non può considerarsi conclusa e il conclave non può ancora avere contatti con il mondo esterno. Tutti dentro, allora.

Arriva in soccorso lo psicoanalista professor Brezzi (Nanni Moretti), accolto con un po’ di diffidenza dai cardinali, che, viste le difficoltà, indirizza, in incognito, il Pontefice, depresso e colto da senso di impotenza, alla sua ex moglie, anch’essa psicanalista (Margherita Buy).

Terminata la seduta il papa riesce a dileguarsi durante una passeggiata, sfuggendo alla sorveglianza del portavoce Marcin Raijski (Jerzy Stuhr) e della scorta. Per evitare uno scandalo, il portavoce mente ai cardinali e al dottor Brezzi, e riferisce che il Papa è tornato nelle sue stanze e ha iniziato una promettente convalescenza. Una zelante, e golosa, guardia svizzera resterà negli appartamenti papali a muovere le tende, accendere e spegnere le luci, ascoltare musica, pranzare e cenare come se il pontefice fosse presente.

Il collegio e il dottor Brezzi sono quindi messi in una forzata clausura, ma un esilarate torneo di pallavolo farà passare loro belle ore spensierate, in attesa che il Pontefice emerga dalla sua lunga pausa di riflessione e preghiera. Il tutto anche a suo incoraggiamento.

Melville, intanto, vaga solitario per Roma, come un uomo qualunque, prima a bordo di un autobus affollato, cercando invano di preparare il suo discorso di investitura, poi recandosi in un albergo, dove incontra una sconquassata compagnia teatrale intenta a mettere in scena il Gabbiano di Čechov (ah, se potesse sostituire quell’attore venuto temporaneamente a mancare…).

Entra allora in gioco la consueta ironica e inconfondibile psicanalisi di Moretti: un deficit di accudimento dovuto ad una frustrata carriera di attore? Tutto resta possibile… Ma Melville vuole solo scomparire senza che il mondo sappia della sua elezione, perché un nuovo Papa sia eletto. Le regole, però, non lo permettono, lo si vuole tenere, convincere e salvare a tuti i costi. E allora il nuovo eletto – che non è un dubbioso sulla propria fede o un pauroso ma un umile – si affaccerà al balcone, dovrà. Con sorpresa finale.

Habemus-Papam papa

In occasione della rinuncia di Benedetto XVI dell’11 febbraio 2013, vari organi di informazione hanno fatto riferimento a Habemus Papam, definendo sia il film che il regista come «profetico». Sul parallelismo tra le vicende reali e la trama del film, Paolo D’Agostini della Repubblica ha affermato: «Nanni Moretti, una volta in più, conferma quanto il suo cinema sia stato capace di cogliere, intuire, intercettare, ascoltare, prevedere». Uno dei suoi film più belli e riusciti, un capolavoro, aggiungo io.

Habebus papam, di Nanni Moretti, con Michel Piccoli, Margherita Buy, Nanni Moretti, Renato Scarpa, 2011, 102 mn.

tag:

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Giornalista pubblicista dal 2016, ha conseguito il Master di Giornalismo presso l’Ecole Supérieure de Journalisme de Paris, frequentato il corso di giornalismo cinematografico della Scuola di Cinema Immagina di Firenze, curato da Giovanni Bogani, e il corso di sceneggiatura cinematografica della Scuola Holden di Torino, curato da Sara Benedetti. Ha collaborato con le riviste “BioEcoGeo”, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, “Mosca Oggi” e con i siti eniday.com/eni.com; ha tradotto dal francese, per Curcio Editore, La “Bella e la Bestia”, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Appassionata di cinema e letteratura per l’infanzia, collabora anche con “Meer”. Ha fatto parte della giuria professionale e popolare di vari festival italiani di cortometraggi (Sedicicorto International Film Festival, Ferrara Film Corto Festival, Roma Film Corto Festival). Coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Belgio, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma.

PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it