14 Gennaio 2023

Ferrara Off in tournée con “Futuro anteriore”
uno spettacolo dedicato al rapporto col tempo

Giorgia Mazzotti

Tempo di lettura: 4 minuti

Uno spettacolo dedicato al rapporto con il tempo, dove i protagonisti diventano piccoli, vecchi, giovani, lucidi, stralunati. È “Futuro anteriore”, una rappresentazione di forte impatto, rivelatrice e coinvolgente – a tratti comica e in eguale misura toccante e drammatica – quella messa in scena con la regia di Giulio Costa al teatro Ferrara Off e da qui partito per una tournée nazionale, dove protagonisti in scena e spettatori in sala guardano e vivono in modi tutti personali il rapporto con l’invecchiamento.
Che sia quello dei propri cari o quello che si prospetta a ciascuno di noi, il domani ha una certezza, che è quella della ridotta autonomia, della smemoratezza che si fa patologica, della fragilità che cerca di puntellarsi con certezze, esperienza, abitudini e affetti, mentre la gioventù resta a guardare tra lo sbigottito e l’incredulo, mescolando reazioni interventiste con atteggiamenti di resa esterrefatta.

Matilde Buzzoni e Antonio De Nitto in scena (foto Giacomo Brini per teatro Ferrara Off)

“Forse dimenticare è un buon modo per svanire piano piano – dice una delle giovani attrici in apertura dello spettacolo – vorrei lo sguardo acquoso degli anziani, vorrei che l’aria non fosse irrespirabile per fare delle passeggiate. Aria, aria fresca, aria calda, il venticello, il raggio di sole… Sono queste, in fondo, le cose davvero importanti?”. Una ricerca di sbocchi futuri che diventa anche una ricerca di altro: il senso ultimo della vita, la memoria, l’importanza dei legami, la storia che rende ciascuno di noi l’individuo che è, in relazione con gli altri. Ecco allora i ricordi della cera sui pavimenti, i centrini di pizzo, le stanze con il divano dove non ci si poteva sedere ma sul quale si mettevano le tagliatelle ad asciugare, la tv che negli anni è diventata sempre più grande e il volume sempre più forte, la proiezione di sé, l’idea di un traguardo da cui ci si potrà guardare indietro (“Da vecchia avrò fatto tutto, un figlio con i capelli rossi”).

“Futuro anteriore” (foto Giacomo Brini)

Lo spettacolo – come accade quasi sempre al teatro Ferrara Off – si completa con il momento di confronto e commento finale, a luci accese, quando attori e regista si siedono davanti alla platea, raccontando dettagli e retroscena della costruzione dell’opera e raffrontandosi con l’opinione di chi la messa in scena l’ha appena vista, vissuta, condivisa.
“L’idea di base – spiega il regista Giulio Costa – era quella di narrare l’invecchiamento visto dalla parte dei giovani. Io e Margherita – a parte il prologo – facevamo prove all’impronta e ancora c’è grande parte di improvvisazione, è una materia viva, che ha scavato dentro ciascuno di noi”. E sottolinea ciò che è saltato agli occhi anche a me: “A seconda della fase della vita in cui il pubblico si trova, l’argomento viene vissuto in maniera diversa. Più si è giovani, più il racconto della vecchiaia appare comico. Per chi si avvicina alla vecchiaia, o per chi comunque la tocca con mano sui propri cari, gli episodi vengono vissuti invece in maniera via via più drammatica”.

Antonio De Nitto (foto Giacomo Brini)

Insomma, come si legge sulla scheda descrittiva “Uno spettacolo sul futuro senza spade laser, alieni e tute spaziali, ma con girelli, apparecchi acustici” e tanti ricordi e certezze che si fanno evanescenti.
In una società dove la speranza di vita è più che raddoppiata, “Futuro anteriore” si propone come indagine collettiva sull’evoluzione di sé, dove un gruppo di giovani attori esplora in scena nuovi possibili scenari di invecchiamento, formulando strategie creative, anche solo esplorative e descrittive. E alla fine – come ha fatto notare Monica Pavani, presidente dell’associazione culturale Ferrara Off – la rappresentazione relativizza il tempo e rivela ciò che ovvio, ma che quasi sempre dimentichiamo: essere vecchi, essere giovani, stare bene, stare male non sono tratti distintivi o connotati di riconoscimento. Giovinezza, maturità e vecchiaia sono fasi che attraversiamo tutti e che ogni volta si vivono in maniera assoluta. Il mito dell’eterna giovinezza che domina la nostra società ci fa dimenticare – anche grazie a ritocchi più o meno virtuali –  che i bambini e i ragazzi tali non lo resteranno per sempre e che i vecchi, a loro volta, sono stati giovani davvero.

Bravi e convincenti in scena gli attori Matilde Buzzoni, Antonio De Nitto, Gloria Giacopini, Matilde Vigna, che interpretano e personalizzano in maniera sentita la drammaturgia firmata da Margherita Mauro per questa produzione Ferrara Off che ha avuto il sostegno del MiBAC e di Siae. La loro interpretazione getta un ponte tra generazioni, in cerca di un approdo di rispetto, tolleranza e comprensione.

Cover:” Futuro anteriore” in scena al teatro Ferrara Off (foto Giorgia Mazzotti)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e diploma dell’Accademia di belle arti, collabora con la rivista del “Gambero Rosso”, il periodico “Econerre” sull’economia dell’Emilia-Romagna e “CasAntica”. Per la Provincia di Bologna ha curato il sito “Turismo in pianura” e le segnalazioni su “Emiliaromagnaturismo” dedicate ad arte e cultura, gastronomia ed eventi del territorio.
Giorgia Mazzotti

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Le scarpe perdute e i libri trovati a mezzanotte

  • Europa portaerei. Europa dei 17 muri, Europa gregaria degli Stati Uniti…
    Alla ricerca del proprio spazio vitale

  • Il sindaco di Ferrara e l’assessore alla cultura sbeffeggiano i difensori del parco urbano

  • Parole e figure /
    Un postino nel bosco

  • Ora e sempre (La) Resistenza!

  • Silvia Guerini: dal corpo neutro al cyborg postumano

  • Zelensky al festival di Sanremo: spegniamo la TV, spegniamo la propaganda di guerra!

  • Io sono una scuola

  • Educazione siberiana

  • La nave Geo Barents a La Spezia, la accoglie una manifestazione. Oggi un presidio davanti alla prefettura

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013