8 Gennaio 2016

DIARIO IN PUBBLICO
Un capolavoro di ripiego e un ministro per ridere

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 3 minuti

Esco dal cinema ancora scosso dalla visione di un capolavoro quale il Macbeth di Justin Kurzel con gli immensi Michael Fassbinder e Marion Cotillard. La sala ovviamente semi-vuota pian piano si riempie dai respinti alla visione di Quo Vado e di Carol. All’inizio sussurrii e luci a intermittenza delle protesi smartphone o dei telefonini usati per far passare il tempo poi, dopo la grandiosa scena della prima battaglia, un silenzio stupefatto che dura fino alla fine del film e visi che esprimono rispetto e condivisione per un’arte scoperta quasi per caso e che inevitabilmente ti rapisce e ti conquista. E mentre Lady Macbeth pronuncia il grande monologo che invita l’ormai folle compagno a trovare riposo nel sonno scatta il ricordo e nella mente risuona la voce della divina Callas che sulle note di Verdi canta “A letto, a letto…Sfar non puoi la cosa fatta. Batte alcuno! Andiam, Macbetto, non t’accusi il tuo pallor.” Dove perfino la sgangherata versione di Francesco Maria Piave del nome del re dannato tradotto con l’imbarazzante ‘Macbetto’ per ragioni di rima, viene riscattata dalla voce sublime. Una voce onirica come onirico è tutto il film che più s’indurisce nelle violenze delle battaglie, degli assassinii, delle crudeltà, più perde peso e si sfa nei paesaggi sontuosi, nello scorrere di una natura magica e leopardianamente indifferente nella sua intangibile bellezza tra i laghi e le brughiere di una Scozia inventata eppur così reale.

Nell’uscire dal cinema e ritrovando una folla ancor più imponente e delusa di non poter accedere all’evento Zalone ripenso alle parole di Matteo Felpetta Salvini dichiarate ai giornalisti a cui confida un suo modello di governo dove a presiedere il Mibact porrebbe il fortunato comico al posto di Dario Franceschini. La cagione? Ma è semplicissima! Il ministro attualmente in carica sarebbe un uomo “triste” mentre si sa il comico ‘à la page’ fa ridere. E tanto.
Più che il ministro il quale immagino avrà sghignazzato dell’improvvido giudizio spero che la reazione di Zalone sia stato un moto di stizza provocato dall’offesa. Dunque a proteggere e a dirigere e a far funzionare l’unica vera immensa risorsa che abbiamo quale quella dei Beni Culturali basterebbe saper far ridere?
Ma andiamo onorevole Salvini! Cerchi di essere meno irruento nelle sue dichiarazioni. Se proprio vuole l’invito ad andare a vedere Macbeth. Non se ne pentirà.

L’immagine dunque trasmessa dal messaggio al fedele pubblico degli ‘Itagliani’ è quella di un Paese che si deve accontentare di ciò che piace ai più mentre in questa stagione di feste e ricorrenze non importa tanto la qualità della cosa o dell’evento di cui si vuol fruire quanto la quantità di chi accorre per poter dire orgogliosamente “io c’era!”. Sembra quasi che la bellissima mostra di de Chirico sia appunto bellissima perché nei due giorni di festa ha raccolto diecimila presenze.
Ovviamente non per tutti è così, anzi immagino che poi per tanti l’esposizione abbia riscosso la dovuta ammirazione come il Macbeth filmico per l’intrinseca potenza e qualità dei quadri che illuminano la verità-realtà del mondo quanto le parole di Shakespeare.
Per queste ragioni non vogliamo accontentarci della proposta di far ministro Checco Zalone non tanto per la sua indubitabile verve comica quanto perché la cultura non s’amministra con la risata.

Ricordo ancora che, quando al caro amico Riccardo Muti fu avanzata la proposta di ricoprire importanti incarichi di governo, rispose che “a ognuno il suo”, come avrebbe scritto Leonardo Sciascia. E forse anche in questo campo sarebbe utile che anche Beppe Grillo una volta per tutte scegliesse o la via dell’attor comico o quella del politico o dell’organizzatore della politica.
Dunque “Passata la festa gabbato lo santo” sentenziava il proverbio popolare. Rimangono i saldi che ci occuperanno per i prossimi tre mesi poi il tran tran quotidiano ci assorbirà facendoci dimenticare o relegandoli in una specie di onirismo cupo quasi irreale i conflitti, le guerre, le minacce atomiche e ancor più vergognosamente le morti dei bambini in fuga, le armi vendute per alimentare il mito fondativo della conquista di una Nazione e divenute disputa orrenda siglata dal ciuffo ossigenato di Trump e dalle lacrime di Obama. E nella nostra realtà locale la vicenda Carife, il palazzo degli Specchi, il licenziamento di Fiorini e le più piccole e velenose dispute che sembrano ineliminabili dal comune concetto di ferraresità.
Perciò si rende necessario un augurio. Sentito. Amichevole. Per tutti amici e nemici. Che il 2016 sia almeno migliore anno di quello che è appena finito.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013