9 Giugno 2016

DIARIO IN PUBBLICO
Le qualità che ci fanno piacere

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 4 minuti

All’ora dei pasti una serie di ‘odorosi’ messaggi ci vengono propinati da una dissennata pubblicità che tende a togliere qualsiasi traccia di odori/puzze dal nostro corpo. Così seriosamente ci dicono che un tale prodotto ‘specializzato nell’assorbenza’ ci impedirà di sentirci a disagio in determinate situazioni; d’altronde con enfasi ci assicurano – con relativa immagine – che avremo ascelle da baciare senza restare turbati dall’emissione feromonica, mentre si fruga con pennellucci ad usum micosi lo stato dei piedi.
Il corpo può solo emettere odori virili. Si mescolano i sudori dei calciatori che urlando salivano abbondantemente o strusciano le loro immani puzze l’un contro l’altra, mentre il linguaggio dei segni li fa correre incontro alla gloria tra un levarsi e mettersi bagnatissime (di sudore) magliette ambitissime dal pubblico festante.
Sapremo allora che usando una pasta speciale potremo fissare le nostre traballanti dentiere e che, se vorremo profumare il nostro corpo, si usi quel profumo francese impeccabilmente pronunciato con modalità inglese.
L’uso della tecnica ci sommerge, ci rende schiavi perché non possiamo più permetterci di espanderla come sottolinea un sottile filosofo assai discusso come Umberto Galimberti. In che modo potremo almeno capire quale sia il nostro destino tecnologico? Sempre Galimberti sottolinea che nel mondo antico la divinità è follia e che la difesa dell’uomo antico, che non crede in un al di là, è dotarsi di ragione e con la ragione evitare di conoscere il destino, vivere cercando di mettere un freno a quel divino che uccide l’uomo e lo rende natura e cosa. Ecco perché il traditore del segreto degli dei, Prometeo, viene punito per avere rivelato all’uomo il senso di un destino e aver loro donato la ragione.

Ma che c’entra Prometeo con la tecnologia e con gli odori e con – e qui sta il punto – i risultati elettorali?
Credo sia stata impresa largamente condivisa quella che ci ha visti seguire ogni possibile trasmissione televisiva in attesa che la tecnica tra exit poll e altre diavolerie ci dicesse o meglio ci predicesse, novello oracolo di Delfi, il risultato finale. E tra un pensoso commento o una battibeccante intervista ci siamo immersi nel flusso dei messaggi pubblicitari descritti. Così la pensosità di Renzi, che perdeva minuto dopo minuto la sicurezza del leader per passare dall’ego triumphalis al noi coinvolgente i risultati non brillanti, alla svagata Raggi, che sembrava Cenerentola al ballo dopo che il principe le ha infilato la scarpina, al sempre più mesto ‘attaccapanni’ Fassino incredulo del responso, alla sicumera di de Magistris, finalmente abbiamo capito che i risultati delle amministrative beffardamente o sfiduciatamente non condiviso da almeno il 40% degli aventi diritto erano soprattutto il prodotto di una tecnica che sempre di più allontana il cittadino votante dal risultato finale.
Su tutto il resto aleggia il cattivo odore, le puzze, i rimedi di chi non sa se sia la follia degli dei o la ragione prometeica ad avere il meglio sul nostro destino di cittadini.

Così con ancora negli occhi l’immagine di un famoso attore americano che esalta le virtù dei nuovi apparecchi che scaricano migliaia di selfie al secondo, tra sarabande di giga byte ci accorgiamo del destino fragile e pericolante di un sistema fondatore della democrazia che si chiama politica.
‘Basta minga’, come si diceva un tempo, esplorare il futuro tecnologicamente impostato sui ‘ballottaggi’ – altro terribile termine che ci fa credere di essere padroni delle scelte democraticamente impostate – rivolgerci all’ilare commento di ‘mitraglia’ Mentana, che come il dio dà la parola ai suoi proni sottoposti e agli invitati – sempre quelli – o ai più cauti conduttori di Rai Tre (perfino la Bianca Berlinguer!!!) in attesa di giudizi che non siano risolti con la technè.
Quel che resta del giorno è una confusa poltiglia che emana più puzze che odori mentre ci prepariamo e ci appassioniamo al prossimo round elettorale sapendo che il vincitore ci amministrerà in nome e in funzione di un appena più nutrito 50% che si è recato a votare.
E ancora ‘basta minga’ che mi dica, con soave e finta ingenuità, Debora Serracchiani che bisogna pensare in positivo. Basta lamentarsi!
Ma chi si lamenta? Lasciateci almeno stupire. Come per esempio che a Bologna, perfino a Bologna, il modello Pd è andato in crisi.
O tempora o mores gigionava Cicerone qualche secolo fa.
A proposito, in nessuna delle amministrazioni al voto si è parlato di cultura. A mio avviso altrettanto importante degli asili.
Ma questo è un altro capitolo assai più misterioso.
E col viso infuriato dell’ex sindaco di Venezia, il filosofo Cacciari (quello vero non quello immortale di Crozza), vaghiamo sperduti tra puzze e odori indistruttibilmente legati a questa fase della nostra vita local/global.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013