2 Aprile 2015

Caviale del Po: ritrovamento di un cibo favoloso

Giorgia Mazzotti

Tempo di lettura: 5 minuti

caviale-po-storione

Un cibo che sembrava estinto. La ricetta seppellita in un manuale del Rinascimento di Ferrara. A farla rivivere, nel primo ’900, arriva una signora che gestisce la rosticceria del quartiere ebraico cittadino, ma le leggi razziali la obbligano a chiudere. Quel piatto – adesso – torna a prendere forma e sapore grazie alla testardaggine di un’altra signora. Protagonista di questa avventura con tante peripezie a cavallo dei secoli è il caviale del Po: un nome altisonante e misterioso, che evoca tavole imbandite per commensali esclusivi, ma che si lega anche al nome del fiume che impregna questa terra. La fonte primaria che dà sostanza alla specialità è il pesce storione, estinto dal Po, spazzato via dai miasmi delle acque del grande fiume corrotto e invaso da nuovi predatori, e quindi impossibilitato a crescere e concepire quelle uova così preziose. Insomma, un piatto avvolto da un alone di mistero, riportato in tavola a dispetto di difficoltà dure come quelle leggi terribili e come un disastroso capovolgimento ambientale.

reportage-mercato-terra
Cristina Maresi al Mercato della terra di Slow food, a Ferrara, con la produzione del suo caviale del Po (foto Sara Cambioli)

Il libro e l’incontro. Sapore perduto che riemerge dall’archeologia culinaria e si offre a forchette ambiziose, raffinate, curiose. A raccontare il rocambolesco ritorno di questa pietanza è Michele Marziani che ci ha scritto sopra un libro – “Il caviale del Po” – e lo presenta giovedì prossimo, 9 aprile, a Ferrara. A riproporne la sostanza è invece la cucina di quella signora che l’ha voluto realizzare oggi, a costo di andarsi a prelevare le uova da un allevamento sperduto di questa specie ittica, dopo essersi assicurata l’insegnamento dell’ultima delle sue cuoche. La signora che lo fa è Cristina Maresi – che ne parlerà giovedì insieme all’autore del libro – e che fa rivivere la pietanza citata dal famoso cuoco della corte estense, Cristoforo Messisbugo. Lo produce nel suo agriturismo di Runco (vicino a Portomaggiore) e lo mette in vendita quasi tutti i sabati al Mercato della Terra organizzato da Slow food sui baluardi di viale Alfonso d’Este, a Ferrara.

Il pesce storione. In comune con quello celebrato dai ricevimenti alla James Bond, il caviale del Po ha il fascino, il costo elevato e la raffinatezza; ma non bisogna aspettarsi di vederlo così smaccatamente a palline e nemmeno di assaporare la specialità cruda e soda sotto ai denti. Perché il caviale locale è una preparazione cotta e più omogenea, condita e centellinata – come il suo omologo “global” di origine russa – sopra a tartine di lusso. Entrambi i caviali si fanno con le uova dello storione di specie ladano, meglio conosciuto come beluga. In Italia il pesce spazzato via dal Po è stato re-impiantato a Santa Cristina di Treviso, 120 chilometri sopra a Ferrara, nelle vasche predisposte con un fondale ghiaioso e riempite dalle acque vicine alla sorgente del fiume Sile.

caviale-po-storione
Caviale di storione imbandito in occasione del Carnevale rinascimentale 2015 (foto dal portale del Carnevale rinascimentale di Ferrara)

Scalchi, rosticciere e cuoche. La prima notizia della cattura e della lavorazione dello storione è datata 1° gennaio 1501, quando serve per imbandire il pranzo di nozze di Alfonso I d’Este con Lucrezia Borgia. A dare testimonianza scritta della preparazione del favoloso caviale del Po è invece il manuale di ricette di Cristoforo Messisbugo, cuoco di corte, intitolato di “Banchetti, composizioni di vivande et apparecchio generale”, edito a Ferrara nel 1549, un anno dopo la sua morte. Un altro libro rievoca quel piatto cinquecento-e-passa anni dopo; è “Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani, che menziona la rosticceria di Benvenuta Ascoli, detta Nuta. Negli anni ’30 la Nuta produce e vende il caviale padano alla clientela del ghetto ebraico, nel negozio di via Mazzini accanto alla sinagoga. La serranda della rosticceria è costretta ad abbassarsi a causa delle leggi razziali fasciste, che colpiscono i cittadini di origine ebraica. Nel 1940, però, la rivendita alimentare viene rilevata da Adolfo Bianconi, ex garzone della Nuta, che torna a produrre e vendere il caviale del Po insieme con la moglie Matilde Bianconi, detta Tilde. A cercare di tenere viva la memoria di preparazione del piatto entra in scena la passione di un notaio buongustaio, Enrico Brighenti, che si accorda con la signora Bianconi perché passi la ricetta alla sua cuoca, Giuseppina Bottoni.

caviale-po-storione-nuta-ferrara-via-mazzini
Il negozio della Nuta in un’immagine storica (foto dal sito dell’agriturismo Le Occare di Cristina Maresi)

Qui il filone di continuità della storia sembra interrompersi. Finché Giuseppina non fa da maestra-cuoca a una nuova aspirante cheffa, che è Cristina Maresi. La signora si incaponisce su quel piatto e si mette a cercare gli storioni. Li trova, ma deve aspettare che uno di quei grandi pesci faccia le uova. Finalmente una telefonata interurbana le annuncia che lo storione ha deposto il prezioso carico. E lei esegue le istruzioni tramandate dalla Nuta a Tilde fino a Giuseppina e indicate dal leggendario scalco ducale: “Ponerai le uova nel forno che sia onestamente caldo per spazio di due pater noster”. Preghiera esaudita. Il caviale del Po torna sano e salvo.

L’appuntamento. Per conoscere meglio questo cibo c’è un incontro che fa parte della rassegna su “Il mito di Ferrara”, organizzata dalla Pro loco estense. Dedicato al Caviale del Po l’appuntamento di giovedì 9 aprile alle 17 nella sala dell’Arengo dell’ex palazzo ducale, ora sede del Comune di Ferrara, piazza Municipale 2.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e diploma dell’Accademia di belle arti, collabora con la rivista del “Gambero Rosso”, il periodico “Econerre” sull’economia dell’Emilia-Romagna e “CasAntica”. Per la Provincia di Bologna ha curato il sito “Turismo in pianura” e le segnalazioni su “Emiliaromagnaturismo” dedicate ad arte e cultura, gastronomia ed eventi del territorio.
Giorgia Mazzotti

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013