20 Gennaio 2023

Storie in pellicola /
Abbasso il bodyshaming! “Roberto”, il corto di Carmen Córdoba

Simonetta Sandri

Tempo di lettura: 5 minuti

 

Ne sentivo parlare qualche giorno fa ad un qualche telegiornale nazionale, non ricordo esattamente il nome dell’intervistata ma ne ricordo la terribile storia fatta anche di denuncia e rivalsa. Come lei quella di tante altre giovani donne, in sovrappeso, e tanto.

Ma il punto non è semplicemente questo, ovviamente. Il tema è quello di un’ormai orribile e prepotente società dove tutto è permesso, dove identità e libertà individuali sono sempre sottoposti al giudizio implacabile di qualcun altro, quasi sempre più forte.

È bufera. Giustamente. L’intervista televisiva parte dai risultati nefasti della sciocca, raccapricciante, insensata, terribile, devastante e crudele sfida sul social TikTok, partita la scorsa estate, chiamata Boiler Summer Cup: una challenge dove i ragazzi, per guadagnare più punti (più chili più punti, che si traducono poi in un ingresso o in un drink gratis), devono adescare e rimorchiare le ragazze più in sovrappeso della discoteca (o della spiaggia) e sedurle, per non usare i termini volgari impiegati per il destino da infliggere alle malcapitate. Mentre un amico filma il tutto di nascosto, da postare rigorosamente in rete, ovviamente senza consenso alcuno. L’aver ballato con uno scaldabagno (il boiler, appunto), miseramente conquistato, dopo fasulle carezze e baci, fa sentire questi giovani virgulti fieri e virili. Machismo puro e di quelli molto molto vergognosi.

Sono basita e letteralmente disgustata al solo pensiero, ho il mal di stomaco, mi sale il sangue al cervello: come si può davvero anche solo immaginare un misto simile di bullismo, misoginia e bodyshaming? Non una semplice idea goliardica né una di quelle sfide mortali di qualche anno fa, ma è un gioco (se tale si può definire) altrettanto idiota.

Quello che è certo è che questo fenomeno rappresenta un nuovo ed ennesimo episodio di quella sovraesposizione del corpo che caratterizza la nostra epoca, fatta di pubblicità patinate e scintillanti che inneggiano all’eccessiva cura e di canoni di bellezza imposti, dove dominano corpi eternamente belli, perfetti e giovani. Oltre che eterei.

Ma se in adolescenza il corpo è al centro delle trasformazioni ed è strettamente integrato con la crescita della mente, proprio per tale motivo a questi giovani probabilmente disorientati e confusi e che reagiscono in questi modi grossolani e camerateschi va fatto capire che ognuno è diverso, che la fisicità con le sue risonanze emotive appartengono a ciascuno. Senza diritto di critica e nella libertà di vedersi e accettarsi come si voglia. Occorre ritrovare l’unità inscindibile del corpo e della mente, riportare l’attenzione sul rispetto verso i sentimenti dell’altro e la sua individualità. Ciascuno si piaccia com’è. Noi adulti abbiamo un ruolo importante. Noi e il cinema, come spesso accade.

Ecco allora un bellissimo cortometraggio animato (di soli nove minuti): Roberto, della regista spagnola Carmen Córdoba. Un film contro il bodyshaming.

Un filo per stendere il bucato unisce le finestre del piccolo Roberto, curioso bambino con le ciglia folte con il dono del disegno e della sua vicina. Quel filo unisce le due camerette, unico canale di comunicazione fra le due giovani e tenere anime.

Il bambino ne è innamorato e cerca di impressionarla con un disegno ma, vedendosi ritratta, lei soffre avvertendo l’incolmabile divario con l’immagine che ha di sé. Timida e insicura, molto sovrappeso, la bambina si sente a disagio con il proprio corpo. Roberto non vede nulla di strano in lei, nulla davvero. Disegni e cuori continuano a passare sul filo.

15 anni dopo, Roberto è diventato un pittore ed è ancora innamorato di lei, che ancora si nasconde, vergognandosi del suo corpo. Il suo senso di vergogna è reso ancora più forte dal fatto che Roberto dipinge corpi di donne magrissime, quasi ne fosse morbosamente ossessionato. La donna sa di non poter competere con la perfezione di quelle immagini e questo la getta nello sconforto più totale. Si vede sempre brutta e paffutella. Ma lui no.

Il vecchio ma tenace filo da bucato è l’unico modo per comunicare e il giovane usa la sua arte per convincere l’amata ad affrontare i propri mostri una volta per tutte… E il finale a sorpresa dimostra quanto la percezione che abbiamo del nostro corpo, in cui troviamo sempre difetti, non corrisponde mai alla realtà.

Già premiato in numerosi festival internazionali e gratuitamente fruibile online (potete trovarlo nel catalogo di RaiPlay), il film Roberto accende i riflettori su disagio e malessere di coloro che non si sentono accettati dal mondo a causa di modelli estetici che esaltano perfezione e magrezza e che possono ferire come scimitarre affilate.

Una tenera, commovente ed emozionante piccola storia d’amore che fa uscire dalla gabbia delle insicurezze e fa un passo in più verso i grandi cambiamenti, sempre lenti e difficili. Perché insegna ad affrontare con coraggio e tenacia i propri fantasmi, ma, soprattutto, ad amare e ad amarsi.

Caldamente consigliato, a tutti.

Carmen Córdoba González

Coniugando un profilo artistico con la sua carriera professionale di Ingegnere Informatico, nel 2012 decide di dedicarsi esclusivamente all’animazione e allo storytelling. Roberto è il suo primo cortometraggio e il motivo di questo cambiamento di vita. Coautrice di oltre 30 manuali sui software di progettazione grafica, attualmente insegna animazione 3D online e presso l’Università di Murcia.

 

 

Roberto ha vinto più di 160 premi e ha ottenuto più di 350 selezioni in festival nazionali e internazionali; è stato candidato per il miglior cortometraggio d’animazione ai Goya Awards 2021 e uno dei 3 finalisti per il miglior cortometraggio ai Quirino Awards 2021 per l’animazione iberoamericana.


Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).
Simonetta Sandri

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Le scarpe perdute e i libri trovati a mezzanotte

  • Europa portaerei. Europa dei 17 muri, Europa gregaria degli Stati Uniti…
    Alla ricerca del proprio spazio vitale

  • Il sindaco di Ferrara e l’assessore alla cultura sbeffeggiano i difensori del parco urbano

  • Parole e figure /
    Un postino nel bosco

  • Ora e sempre (La) Resistenza!

  • Silvia Guerini: dal corpo neutro al cyborg postumano

  • Zelensky al festival di Sanremo: spegniamo la TV, spegniamo la propaganda di guerra!

  • Io sono una scuola

  • Educazione siberiana

  • La nave Geo Barents a La Spezia, la accoglie una manifestazione. Oggi un presidio davanti alla prefettura

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013