7 Maggio 2020

SCHEI
Angeli e Demoni

Nicola Cavallini

Tempo di lettura: 4 minuti

caro-sanita

Parlerò di infermieri e industriali, di medici e imprenditori, di posti letto e capitalisti italiani, ma proprio quelli più forti, quelli che dettano la linea in Confindustria. Cosa c’entra un infermiere con il re della nutella? Proverò a mostrarlo.

Angeli. Così vengono definiti medici e infermieri, in Tv e sulla stampa, dai pubblicitari commissionari delle grandi imprese italiane. Sono angeli, o eroi. Gli stesse e le stesse che alcuni mesi fa avevano l’immagine dei parassiti, che timbravano il cartellino in pigiama e poi andavano a fare la spesa, o tornavano a casa. I fannulloni. Gli altri, quelli che a lavorare ci andavano, spesso ammazzavano la gente in corsia, o in reparto. La maggior parte di loro sono dipendenti pubblici, la peggior specie. I medici d’urgenza o di malattie infettive o pneumologia, peraltro, vengono saltuariamente investiti (succedeva anche prima del Covid19) di un’autorevolezza scientifica che consente ad alcuni di loro di parlare della loro trincea attraverso le televisioni: ma perché sono medici, appunto (non parliamo dei virologi, i nuovi Aruspici).

Gli infermieri di intensiva e semintensiva, il personale infermieristico incaricato di gestire le emergenze anche dal punto di vista logistico-organizzativo, oltre che sanitario; gli ausiliari, le assistenti domiciliari. Loro, invece, sono i veri negletti, elevati all’improvviso, beffardamente e gratuitamente, al rango di eroi. Non hanno voce, sono sottopagati (alcuni in maniera scandalosa, visto che hanno letteralmente in mano la vita delle persone molto più dei loro responsabili di reparto o primari), fanno spesso turni massacranti (anche prima del Covid19), non hanno un’organizzazione che li tuteli dall’ errore, sempre in agguato. E hanno paura, esattamente come tutti noi, con la differenza che molti di loro, la paura, la respirano e toccano tutti i giorni dietro allo scafandro che indossano a inizio turno e tolgono a fine turno, senza poter andare in bagno, bere, mangiare. Quelli che ce l’hanno, lo scafandro. Altri hanno ricevuto le mascherine ben dopo che le hanno avute alcuni giornalisti ed assessori, che ne fanno sfoggio in tv come si trattasse di un accessorio fashion. Però sono “angeli”, e ti commuovi guardando il video edificante e strappacuore del loro reparto – tranne se abitano nel tuo stesso condominio. In quel caso sono untori.

Parliamo anche del contesto. Posti letto per abitante pre Covid19: Italia 2,6 (3,1 coi privati) ogni 1.000 abitanti.  Germania e Francia sono messe molto meglio, Regno Unito e Spagna come noi, Svezia e Danimarca addirittura peggio. Quindi una aurea mediocritas, si potrebbe dire. No, purtroppo. Intanto abbiamo la popolazione più anziana d’Europa, ed una nazione con una anagrafe simile alla nostra, il Giappone, di posti letto ne ha 7,8 per 1.000 abitanti. Inoltre il filtro della medicina non ospedaliera altrove funziona, da noi meno, e non perché i medici sul territorio siano incapaci o menefreghisti, ma perché sono stati privi di mezzi di protezione adeguata; infatti molti di loro si sono ammalati. La grande ospedalizzazione dei malati italiani purtroppo dipende anche da questo, oltre che dalla creazione tardiva (e a volte puramente propagandistica, vedi Lombardia) di strutture dedicate all’ isolamento. Altrove requisiscono gli alberghi, noi isoliamo le persone in casa loro, facendo ammalare tutti i conviventi. Ultima notazione, che chi lavora in sanità conosce bene: blocco delle assunzioni, mancata sostituzione in turn over, diminuzione posti letto (in assoluto ma non per addetto), spesa sanitaria in percentuale calante sul PIL negli ultimi vent’anni. Colpa, si dice, (anche) del nostro elevato debito pubblico, che non ci consente di spendere abbastanza.

Parliamone. Il bilancio dello Stato è fatto di uscite e di entrate. Un livello di entrate adeguato al PIL della nazione, e quindi adeguato anche ai servizi pubblici da finanziare con queste entrate (la sanità per tutti, tra i primi) sarebbe quindi fondamentale. Indovinate chi fa mancare alle entrate fiscali dello stato, secondo una recente stima, circa 6,5 miliardi di euro in un anno, ovvero l’equivalente del 5% della spesa sanitaria: i nostri capitani d’industria. I più grandi, i più famosi. Hanno spostato tutti o quasi la sede legale in una strada a 4 chilometri dal centro di Amsterdam, dove ha sede la Intertrust, società olandese specializzata nella creazione di sedi legali. La cosa bella è che tutto avviene entro i confini della legge: infatti non si chiama evasione, ma elusione. La praticano, con assoluta serenità, Eni, Enel, FCA, Mediaset (attraverso MediaforEurope) , Luxottica, Ferrero, Telecom Italia, Cementir eccetera.

Però così fan tutti, no? Mica solo gli italiani. E poi in fondo, se risparmi tasse sui profitti d’azienda, puoi avere più denaro da reinvestire nell’ impresa. Peccato che il grosso della sottotassazione in Olanda (e Irlanda e Lussemburgo e Svizzera) riguardi i dividendi, cioè gli utili distribuiti agli azionisti. Quindi non un premio fiscale alla produzione, ma alla rendita finanziaria.

Sono un mucchio di schei. Talmente tanti che l’AD di Banca Intesa ha dichiarato che se gli Agnelli, i Perfetti, i Ferrero, i Garavaglia eccetera li facessero rientrare dall’ estero, l’economia italiana ne trarrebbe notevole giovamento. Invece il loro presidente designato, Bonomi, nemmeno eletto già dichiara che bisogna mettere mano ai contratti collettivi di lavoro per derogare alle norme di tutela valide per tutti. Ecco la sua ricetta per la crisi. I soldi dei suoi associati possono rimanere all’ombra di un paradiso (fiscale), o di un campo di tulipani. 

Non lo faranno. Preferiranno mettere il loro logo su un milione di mascherine o su mille macchinari acquistati per un ospedale, e continuare a far chiamare “angeli” gli infermieri. La carità è sempre più conveniente della giustizia.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Nicola Cavallini

E’ avvocato, ma ha fatto il bancario per avere uno stipendio. Fa il sindacalista per colpa di Lama, Trentin e Berlinguer. Scrive romanzi sui rapporti umani per vedere se dal letame nascono i fiori.
Nicola Cavallini

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013