Skip to main content

di Achraf Kibir

La solidarietà non è mai stata associata in nessun codice occidentale con il termine delitto e il ‘delitto di solidarietà’, in Francia così come in Italia, non esiste in quanto tale. Non è altro che uno slogan politico.
Nessun testo di legge menziona questo termine, anche se in Francia è chiaro il riferimento all’articolo L 622-1 del Ceseda (Code de l’Entrée, du Séjour des Etrangers et du Droit d’Asile), datato 1945, il quale dispone, tra l’altro, che “tutte le persone che aiutino in maniera diretta o indiretta, facilitino o tentino di facilitare l’entrata, la circolazione o il soggiorno irregolare di uno straniero in Francia” rischiano fino a 5 anni di detenzione e 30.000 euro di multa.
Se la ratio di questo testo era la lotta contro le reti clandestine di trafficanti di esseri umani, il suo utilizzo improprio verso militanti di associazioni e semplici cittadini benefattori si è guadagnato a pieno titolo l’appellativo ossimorico.

L’espressione ‘delitto di solidarietà’ è apparsa per la prima volta nel 1995 quando il Gisti-Groupe d’Information et de Soutien des Immigrés, pubblicò un manifesto che parlava provocatoriamente di “delinquenti della solidarietà” in seguito alla moltiplicazione dei processi contro francesi venuti in soccorso di clandestini.
Ulteriori mobilitazioni hanno permesso l’introduzione di alcune deroghe alla legge L 622-1, in particolare l’immunità familiare nei casi di un legame parentale o coniugale con il clandestino (leggi Toubon del 1996 e Chevenement del 1998). Ma la vera svolta arriva nel 2003 quando viene escluso il rischio penale per gli aiuti a stranieri in situazione di “pericolo attuale o imminente”.
Dopo le elezioni di Nicolas Sarkozy nel 2007, quando le associazioni a sostegno degli immigrati hanno cominciato a denunciare il ricorso sempre più massiccio a questo articolo contro i loro membri, la polemica sul ‘delitto di solidarietà’ è tornata a far discutere.
Di fronte alla politica del Ministero dell’immigrazione e dell’identità nazionale, guidato da Eric Bresson, migliaia di persone si sono dichiarate ‘delinquenti solidali’ e hanno preteso a gran voce la soppressione di questo delitto. Tuttavia un disegno di legge presentato dal Partito Socialista nel marzo 2009 per depenalizzare le forme di assistenza offerte a un migrante in caso di pericolo per la sua integrità fisica non ha visto la luce a causa del rigetto dell’Assemblea Nazionale. Nel luglio dello stesso anno il ministro Bresson ha ricevuto i rappresentanti delle associazioni più attive sul campo, ma si è rifiutato di toccare l’articolo L 622-1, pur rilasciando una circolare in cui chiedeva ai procuratori di dare un’interpretazione più ampia alle condizioni per le quali il sostegno agli immigrati clandestini è giustificato.

Una finta svolta con il Governo di sinistra?
Dopo la vittoria di François Hollande nel 2012, Manuel Valls, allora ministro degli interni aveva promesso di mettere fine al ‘delitto di solidarietà’, chiarendo l’ambiguità del testo che sanzionava l’aiuto disinteressato offerto a stranieri in situazione irregolare. Non c’è stata tuttavia l’abrogazione del delitto per come speravano le associazioni. La legge del 31 dicembre 2012, pur non abrogando il famoso articolo L 622-1, ha ampliato le cause di immunità penale, stabilendo una distinzione netta tra le reti di trafficanti e i cittadini benefattori uniti ai membri delle associazioni. Il testo precisa inoltre che nessuna azione può essere promossa se l’offerta “non ha dato luogo ad alcuna contropartita diretta o indiretta e consiste a fornire servizi ristorativi, di alloggio o cure mediche desinate ad assicurare condizioni di vita dignitose allo straniero o a preservare la sua dignità o integrità fisica”.
Questa riscrittura non ha convinto le associazioni. Il presidente del Gisti ha parlato di “riformetta per dare il contentino alle associazioni”. Inoltre, il testo evoca l’aiuto al soggiorno, ma non cita l’assistenza all’entrata o alla circolazione sul territorio francese, il che mette ancora in pericolo le persone che trasportano migranti.
Parlare di soppressione di ‘delitto di solidarietà’ resta delicato in quanto nessun testo di legge riporta questo termine.

Gli ultimi casi rilevanti sul ‘delitto di solidarietà’
“La nostra legge non punirà più coloro i quali, in buona fede, vogliano dare una mano”, aveva dichiarato il ministro dell’Interno davanti alla commissione del Senato il 25 luglio del 2012.
Fattispecie recenti mostrano, tuttavia, che le modifiche fatte da Manuel Valls hanno più un valore di facciata che una reale consistenza normativa. Più di quattro processi hanno avuto luogo sotto il quinquennio Hollande, a dimostrazione che l’ultima riforma non ha impedito che gente di buon cuore possa aiutare persone in difficoltà.

Fernand Bosson, consigliere municipale ed ex sindaco del comune d’Onnion (Alta-Savoia), è stato giudicato, il 7 aprile 2016, dal tribunale di Bonneville per aver ospitato una famiglia kosovara alla quale era stato negato il diritto d’asilo. L’imputato è stato infine dichiarato colpevole, ma dispensato dalla pena. “Ho semplicemente dato un tetto a una famiglia” ha dichiarato, nel corso del processo: ha accolto per due anni una coppia e i loro due figli in una casa sfitta di sua proprietà. Il procuratore, che aveva chiesto una sanzione simbolica di 1500 euro, ha riconosciuto che Fernand Bosson è “un uomo onesto, che ha accolto questa famiglia mobilitandosi in maniera lodevole”, ma ricorda che “ha in ogni caso violato la legge”.

Non ovunque però i procuratori sono così comprensivi. Pierre-Alain Mannoni, processato per aver trasportato alcuni cittadini eritrei arrivati dall’Italia, è stato rilasciato venerdì 6 gennaio dal tribunale di Nizza, nonostante il procuratore avesse richiesto sei mesi di reclusione (con condizionale) nei confronti dell’insegnante-ricercatore di 45 anni: il tribunale gli ha accordato l’immunità penale, ritenendo che avesse agito per preservare la dignità delle persone trasportate. “È una grande vittoria per tutte le persone che aiutano e che necessitano di aiuto” – ha dichiarato Pierre-Alain uscendo dall’aula di tribunale.
Otto, invece, sono i mesi di carcere richiesti dal pm francese per Cédric Herrou, divenuto il simbolo dell’aiuto ai migranti alla frontiera italo-francese. L’agricoltore e militante è stato accusato, tra l’altro, di aver forzato le serrature di centro vacanze dismesso di proprietà della Sncf (la principale società ferroviaria francese), e di avervi ospitato una cinquantina di cittadini eritrei nell’ottobre 2016. Il processo, che ha visto la sua udienza finale il 10 febbraio, si è concluso con il rilascio dell’agricoltore e con una sanzione amministrative simbolica di 3000 euro, che rassicura Cédric e tutti gli altri francesi volenterosi a perseverare nella loro lotta. “Continueremo ad agire. E non è sotto la minaccia di un prefetto né a causa degli insulti di uno o due politici che ci fermeremo.”

Al di là delle questioni tecniche sul diritto d’asilo, i respingimenti e i rimpatri, i nostri rappresentanti politici devono assumersi le loro responsabilità di fronte alle nostre carte costituzionali e accogliere dignitosamente le persone che mettono piede sul nostro paese.

Lo Stato sei tu Cédric, chapeau.

Khadija, richiedente asilo maliana, abbraccia il suo benefattore Cédric Herrou all’uscita del Tribunale di Nizza dopo la sentenza. Foto di Laurent Carré per Libération

Leggi anche
Io sto con la sposa, “la nuova estetica della frontiera”

tag:

Redazione di Periscopio


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it