19 Novembre 2022

PRESTO DI MATTINA /
Lo specchio e la lampada

Andrea Zerbini

Tempo di lettura: 8 minuti

Poesia: l’umano della fede

Il bagliore di un atto eroico
Che strana illuminazione
La lenta miccia del Possibile è accesa
Dall’Immaginazione

(Emily Dickinson, F1686)  [Qui]

Atto eroico è quello del poeta. Fulmineo bagliore è il coraggio di osare la parola, far uscire dall’oscurità dell’umano tra le tante spente parole del “Possibile” e accenderne una, per l’illuminarsi dell’immaginazione.

La fede è pure un atto eroico: osare la fiducia, l’atto di una libertà che esce da sé stessa, si affida e si mette nelle mani di qualcun altro. E in questo gesto si accende un bagliore che illumina il possibile irreale: l’immagine di un volto, tra volti velati e muti, che va rivelandosi nella parola, rendendolo un fondamento su cui immaginare la speranza, una via aperta verso un’ulteriorità di futuro.

Si legge nella lettera agli Ebrei «La fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede… Per fede, Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava».

Dove si incontrano la fede e la poesia? Nell’immaginazione.

Ha scritto il gesuita irlandese Michael Paul Gallagher: «L’immaginazione è la zona in cui la fede religiosa e la creatività artistica si incontrano. Gli artisti sono sempre stati titubanti nei confronti dell’astrazione. Essi sono attratti dal dramma concreto della vita e si specializzano nel parlare al nostro livello di coscienza intuitiva: così essi infliggono un colpo basso alla nostra ragione.

Risvegliano lo stupore e lo trasformano in saggezza. Affrontano il dolore andando oltre, nel profondo. L’intera area che l’arte risveglia è quella di cui la religione ha più bisogno e che spesso non riesce a raggiungere» (La poesia umana della fede, Paoline, Milano 2004, 14).

Come la poesia è mediatrice tra la natura e l’uomo, e l’umanizza, e l’uomo a sua volta non resta chiuso su sé stesso ma continua a restare aperto agli universi di senso possibili, così la fede è luogo di incontro tra la parola di Dio e la parola umana generative ed accrescitive del loro dialogo e della loro alleanza.

Nello spazio della fede avviene uno scambio, una comunicazione di ciò che è proprio a ciascuno, scambio di linguaggi, di immagini esistenziali che vanno formandosi; una sequenza di parole e silenzi, immagini ed eventi che, richiamandosi e illuminandosi a vicenda, aprono a nuove storie.

Così l’invisibile Dio si umanizza nella storia e nel volto del Cristo e diventa Figlio dell’uomo, e l’uomo viene innalzato dal Cristo per avere parte alla sua storia, alla sua stessa eredità, quella ritrovata della sua immagine e somiglianza. Egli diventa figlio di Dio.

L’immaginazione apre alla fede l’orizzonte del dialogo

Per Gallagher l’immaginazione è dialogica, apre ai rapporti interpersonali, dischiude nuove prospettive di senso, porta le relazioni tra le persone e i gruppi umani più in profondità, nel reale, manifestando un’ulteriorità, un di più possibile al già dato:

«Le vere battaglie della vita avvengono all’interno dell’immaginazione umana. Come ci vediamo? Che cosa speriamo? Qual è il senso delle cose? Le risposte più profonde, sia positive che negative, stanno nel come immaginiamo le nostre vite. E non solamente nel come le pensiamo.

È su questo livello che troviamo le àncore della saggezza, oppure che soffriamo per la dispersione e la vacuità. La fede è una forma di immaginazione (il che non vuol dire che sia immaginaria). La fede assume molte forme, non solo quelle della religione ufficiale.

È un linguaggio che esprime fiducia e senso. Essa cerca di esprimere sé stessa in una qualche forma di appartenenza e impegno. Ma più di tutto, essa forma ed è formata dalla nostra immaginazione» (ivi, 17).

Scrive ancora Gallagher: «L’immaginazione è la chiave della speranza. La poesia di Dio è una chiamata per nuove espressioni. Perché Dio non parla con una prosa noiosa, con messaggi moralistici, rituali che si ripetono meccanicamente, ma con un amore immaginativo che spicca il volo, mediante eventi che, sorprendendoti, ti liberano e che spaziano dall’esodo alla risurrezione. Per rinnovare la freschezza abbiamo bisogno di immergerci più a fondo» (ivi, 19).

Mi sovviene una melodia, le cui note sfavillano immagini, quelle di un canto liturgico domenicale: «Ti rialzerò, ti solleverò/ Su ali d’aquila ti reggerò/ Sulla brezza dell’alba ti farò brillare/ Come il sole, così nelle mie mani vivrai».

Anche Dio allora come un poeta inventa il suo linguaggio, fa risplendere come un bagliore dalle parole le sue immagini, fino a diventare le sue stesse opere; egli dispiega le sue immagini con le nostre per immaginare e vivere la sua storia intrecciata alle nostre storie.

Così ogni credente “inventa” la sua fede, l’immagina e poi la vive e così egli diventa la sua stessa fede intrecciata ad altre fedi al modo di un puzzle.

È questa la fede con cui ciascuno crede. Fides qua, la chiamano i teologi, quella che dà forma singolare e immaginazione creativa ai contenuti stessi posti all’origine e a fondamento della fede creduta, “fides quae”.

Senza immaginazione nel linguaggio religioso, come nella prassi del credere, gli stessi contenuti e verità della fede rimarrebbero inesorabilmente muti, mortificati e mortificanti, senza vita, incapaci di far vivere e rigenerare la fede: verità come sementi non seminate.

Per Gaston Bachelard [Qui] vi è una tessitura fitta tra la parola e l’immaginazione; in essa si esprime tutta la forza della parola, che a sua volta genera nuova immaginazione. Parole e immagini sono intimamente connesse tra loro.

La parola sta al seme come l’albero sta all’immaginazione: «L’immaginazione è un albero. Possiede le virtù integranti dell’albero, è radice e ramo, vive tra terra e cielo, vive nella terra e nel vento. L’albero immaginato appare gradualmente come l’albero cosmologico, l’albero che riassume un universo, che fa un universo» (G. Bachelard, La terra e il riposo. Le immagini dell’intimità, Red, Como 1994, 257).

La stessa metafora del frassino, albero cosmico, ritorna in una poesia di Gerard Manley Hopkins [Qui]che riconosceva risplendere la gloria di Dio, la sua abissale capacità inventiva e immaginativa, dalla inesauribilità delle immagini del mondo:

Nessuna cosa di quante vedono i miei occhi, vagando
per il mondo,
è un tale latte alla mente, né le sospira tanta profonda
poesia,
come un albero i cui rami erompono nel cielo.
Fa che siano frassini: o in giorno di dicembre raccolti
come vele, si aprano
pigri, e rinnovino i nidi al sommo del cielo.
(Poesie di Gerard Manley Hopkins, Guanda Parma 1952, 137)

Pensiamo allora alla predicazione. Molte delle nostre omelie sono espresse con parole scontate, routinieres, mancanti di quell’immaginazione che entra dentro alla vita e la tira fuori, illuminata e illuminante come accade ad ogni parola dei profeti ed in ogni parabola del vangelo.

Pensiamo anche a quella predicazione silenziosa fatta solo dalle immagini affrescate nella abbazia di Pomposa, che hanno nutrito la fede di tanti. Senza immaginazione le radici spirituali del nostro credere restano aride, distanti dal vangelo; le sue parole non devono tanto trovarsi nell’omelia quanto piuttosto uscir fuori dalla vita di chi lo annuncia.

Il grande catechista e vescovo Cirillo di Gerusalemme diceva: “L’uomo è un essere capace di immaginare e che va immaginato”. Per questo, quando la nostra immagine resta povera, non riusciamo ad immaginare noi e neppure gli altri e diventiamo incapaci di immaginare Dio manifestato nel Figlio.

S’accende l’immaginazione

E se si accende l’immaginazione è possibile che ci accada di vedere con gli occhi del poeta, riflessa nei “diecimila luoghi e nei tratti dei volti umani”, l’immagine di Colui che «ogni cosa mortale fa una e una medesima cosa: conclama quell’essere interiore che in ognuno alberga; si attua, corre le sue vie, parla, scandisce, grida».

È l’immagine dell’invisibile Dio, in quella del Figlio amato. «Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre» (Gv 14,8).

Dico di più: il giusto fa giustizia; a cuore ha la grazia:
questo ‘ingrazia’ ogni sua via; attua allo sguardo di Dio
ciò che nello sguardo di Dio egli è: Cristo,
Cristo agisce in diecimila luoghi,
diletto in membra, amabile in occhi non suoi,
diletto al Padre sui tratti dei volti umani.
(Poesie di Gerard Manley Hopkins, Guanda, Parma 1952, 99).

Lo specchio e la lampada

Lo specchio e la lampada è il titolo di un libro di Meyer H. Abrams [Qui] (il Mulino, Bologna 1976) sulla teoria romantica e le sue correnti letterarie. Nel romanticismo egli vede una svolta dello spirito poetico nell’occidente.

Egli infatti afferma che prima dei poeti romantici la poesia era vista platonicamente come uno specchio che rifletteva il mondo, qualcosa proveniente dall’esterno: una mimesis, una rappresentazione, specchio riflettente la realtà, imitazione della natura come sorgente di ispirazione dello spirito poetico.

A determinare una svolta fu il movimento romantico che principiò a considerare la poesia come una lampada che dall’interno del poeta rischiara l’oscurità esterna: una rappresentazione dello spirito poetico diretta e incarnata in lui. Nel poeta c’è come una luce, una capacità propria di vedere oltre, perché la dimora della poesia è celata nel mondo infinito e interiore della sua immaginazione.

Scrive nelle sue lettere John Keats [Qui]: «La mia immaginazione è un monastero, e io ne sono il monaco… Io non sono sicuro di niente, se non della Santità degli affetti del Cuore, e della verità dell’Immaginazione – quel che l’Immaginazione coglie come Bellezza deve essere verità – che esistesse prima o no – perché ho delle Passioni la stessa idea che ho dell’Amore: che sono tutte, al massimo della loro intensità, creatrici di Bellezza pura…

L’Immaginazione potrebbe essere paragonata al sogno di Adamo – si svegliò e trovò che era vero. Per Keats l’immaginazione è una facoltà noetica conosce e opera in virtù di un “affetto del cuore” – è “una passione”. (Lettere sulla poesia, Ebook, Mondadori, Milano 2005, 270; 86).

La metafora dello specchio e della lampada come passaggio dall’imitazione all’espressione creativa in poesia si può riferire anche alla comprensione della fede.

Essa si presta a indicare non solo la sua forma recettiva, riflessiva, illuminata dalla parola dell’altro, ma pure testimoniale, sorgiva, luogo non solo della recezione di una rivelazione, ma pure espressione illuminante, creativa, corrispondente e testimoniale che si origina dall’affetto e passione del cuore per quella Parola ricevuta.

Per attestare la ragionevolezza della fede di fronte all’illuminismo – come del resto fu la reazione romantica – la riflessione teologica sulla fede si era sbilanciata sulla ragione, trascurando il fatto che la fede nella sua forma esistenziale è affezione. Si compie nel vissuto del credente non già dunque l’intellectus fidei, ma l’affectus fidei, che dischiude alla pratica di un’intelligenza costruttrice di relazioni mosse dall’amore: l’intellectus amoris.

Anche se non priva di problematicità, l’intuizione del romanticismo circa l’immaginazione, quando non costituisce una riduzione dell’affettività all’attimo, alla pura sensazione, a un’emotività irrazionale, a un godimento estetizzante al limite del narcisismo, diventa fondamentale anche per lo sviluppo e la maturazione di una mentalità e prassi di fede.

Poesia, cercata con occhi di pianto

Oh, tu bene mi pesi
l’anima, poesia:
tu sai se io manco e mi perdo,
tu che allora ti neghi
e taci.
Poesia, mi confesso con te
che sei la mia voce profonda:
tu lo sai,
tu lo sai che ho tradito,
ho camminato sul prato d’oro
che fu mio cuore,
ho rotto l’erba,
rovinata la terra –
poesia – quella terra
dove tu mi dicesti il più dolce
di tutti i tuoi canti,
dove un mattino per la prima volta
vidi volar nel sereno l’allodola
e con gli occhi cercai di salire –
Poesia, poesia che rimani
il mio profondo rimorso,
oh aiutami tu a ritrovare
il mio alto paese abbandonato –
Poesia che ti doni soltanto
a chi con occhi di pianto
si cerca –
oh rifammi tu degna di te,
poesia che mi guardi.
(Antonia Pozzi [Qui], Preghiera alla poesia, in Parole. Tutte le poesie, Àncora, Milano 2015, 163).

Per leggere gli altri articoli di Presto di mattina, la rubrica di Andrea Zerbini, clicca [Qui]


Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Andrea Zerbini

Andrea Zerbini

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013