Skip to main content

Pane o libertà: Paolo Rossi mette in scena in modo comico la fatica di tirare avanti

Uno spettacolo che appare leggero e spensierato, ma che porta in scena in modo comico le piccole o grandi odissee quotidiane, la fatica del lavoro e magari del vivere. Una fatica e dei drammi che possono riguardare un po’ tutti e che non escludono chi fa un mestiere creativo, prestigioso e di successo, come accade a un personaggio dello spettacolo affermato come Paolo Rossi e a quella piccola schiera di maestri a cui lui stesso fa riferimento, da Enzo Jannacci a Dario Fo.
È questa in qualche modo la sottile linea che tiene insieme tutto il canovaccio di “Pane o libertà”, l’ultimo spettacolo di Paolo Rossi andato in scena al Teatro Comunale di Ferrara sabato 11 e domenica 12 febbraio 2023.
“Vi assicuro che è tutta un’improvvisazione – avverte il comico all’inizio della serata – perché tanto fuori di qua recitano tutti e lo fanno comunque meglio di noi. L’unica cosa che abbiamo preparato sono i bis (che quindi raccomando di richiedere)”.  E poi continua: “Ognuno si porta dentro la sua odissea e anche noi ce l’abbiamo, come ce l’avete voi”.

Paolo Rossi al Teatro Comunale di Ferrara
Paolo Rossi al Teatro Comunale di Ferrara
Paolo Rossi al Teatro Comunale di Ferrara

Una serie di avvenimenti ed esperienze travagliate e dolorose che restano sullo sfondo, per fare capolino qua e là in maniera leggera ed ironica. Come quando alla presentazione aperta al pubblico, fatta con ingresso libero sabato 11 febbraio a mezzogiorno negli spazi del ridotto del teatro,
Paolo Rossi ha fatto riferimento alla necessità di mantenere i figli (“Ne ho un tot, sapete com’è, è la vita di chi fa tournée”) e alla sempre più frastagliata situazione lavorativa. Ormai – racconta l’artista – su 10 richieste di farci esibire, almeno 7 arrivano da spazi che non sono teatri. Ci è capitato di tutto, dagli oratori alle taverne con i graticci appesi fino alle sale polivalenti e ai caffè. Ma c’è da dire che esibendosi in un bar o in uno spazio informale si crea davvero socialità. Mi capita che alla fine dello spettacolo vengano a ringraziarmi coppie di persone che raccontano di essersi conosciuti proprio durante un mio spettacolo. A volte vengono anche con i figli, nati grazie a quella contingenza. Bene, questo è il bello di fare spettacolo, e le relazioni è più facile che si creino in ambienti così”.

Paolo Rossi in “Pane o libertà” (© MoniQue)

Riuscitissima l’ouverture che strizza l’occhio alle vicende sanremesi e allo smaccato vandalismo di uno degli ospiti. È uno dei suoi tre musicisti, il chitarrista Emanuele Dell’Aquila, che in apertura gli offre un mazzo di fiori; Paolo Rossi che li getta a terra, spiegando: “Scusate, ma non ci sentivo bene dalle cuffie. In effetti forse è perché non ce le ho, le cuffie”. E il chitarrista raccoglie i poveri steli gettati per fustigarsi la schiena in atto di pentimento. Lo spettacolo prosegue con l’accompagnamento di contrabbasso, fisarmonica e batteria suonati da Alex Orciari e Stefano Bembi.

Il valore aggiunto dello spettacolo di Paolo Rossi a Ferrara è, infine, quello di rinverdire il suo giovanile rapporto con la città. “Ho frequentato l’istituto tecnico di via Madama”, ha raccontato nella saletta del Ridotto, affollata di tanti studenti e “in questo teatro finora c’ero venuto solo per contestare gli spettacoli e le compagnie. Ma non sono io che sto cambiando idea. Sono le idee che stanno cambiando posto”. Poi si passa all’autoironia: “Mentre passavo da corso Giovecca ho sentito che mi chiamavano per nome, ‘Paolo… Paolo!’. Quando mi sono voltato ho pensato: ‘Ma chi sono quei vecchi?’ Poi ho scoperto che erano miei compagni di classe”.
E in effetti giù in strada, fuori dall’uscita degli addetti ai lavori, c’è un bel gruppo di ex frequentatori della parrocchia dell’Immacolata. Paolo Rossi si ferma, scherza e ci scappa un passaggio fino alla pizzeria del dopo-spettacolo. E l’attore ancora una volta entra ed esce dalla vita, tra pasti di mezzanotte e riflessioni agrodolci che continuano a far ridere e a far riflettere.

tag:

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine, è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e Accademia di belle arti, è autrice di “Breviario della coppia” (Corraini, Mantova 1996), “Tazio Nuvolari. Luoghi e dimore del mantovano volante” (Ogni Uomo è Tutti Gli Uomini, Bologna 2012) e del contributo su “La comunicazione, la stampa e l’editoria” in “Arte contemporanea a Ferrara” dedicato all’attività espositiva di Palazzo dei Diamanti 1963-1993 (collana Studi Umanistici Università di Ferrara, Mimesis, Milano 2017).

Comments (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it