17 Gennaio 2016

Lo storytelling e i suoi sette principi chiave

Simonetta Sandri

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Oggi si parla tanto di raccontare storie (o meglio di raccontare tout court o “comunicare attraverso racconti”, vedremo poi perché…), di “storytelling” e di “storytelling aziendale” (o “corporate”), tutti sembrano vogliano narrare qualcosa e molti pensano di saperlo fare.

Ma cos’è questo fantomatico “storytelling”? Domanda seria e impegnativa.

Abbiamo cercato in rete varie definizioni, letto diversi manuali e articoli e dopo aver anche frequentato un bel corso in merito (arrivando a comprendere subito che non è mai abbastanza), siamo giunti alla conclusione che le migliori riflessioni in merito restano quelle di Daniele Orzati, storytelling designer di Storyfactory: la prima realtà italiana di “Corporate Storytelling”, che unisce esperti di apprendimento organizzativo e marketing narrativo con un gruppo di professionisti di comunicazione visiva, curatori d’arte contemporanea e di progetti editoriali, designer grafici e video-maker. Un team di professionisti la cui missione è quella di aiutare l’impresa a esprimere la propria identità e il proprio capitale narrativo. In diverse interviste, Orzati ha spiegato anche come è giunto a occuparsi di storytelling.
La motivazione principale? La voglia di diventare uno scrittore e il culto per la perfezione formale, il cercare metodi sempre più raffinati per farlo in maniera sistematica. Per poi rendersi conto che di tutto questo si poteva fare tranquillamente a meno. Nel frattempo il bagaglio accumulato di modalità tecniche e strumenti, che potevano servire per la scrittura destinata alla comunicazione corporate, veniva completato dall’incontro con Andrea Fontana, il fondatore di Storyfactory. Ed ecco l’impiego in termini lavorativi.
Alla domanda su cosa sia lo storytelling, Orzati risponde partendo dalla semplificazione della collega Francesca Marchegiano: “la forma basilare della fiaba, con i suoi quattro momenti: c‘era una volta… ma purtroppo… per fortuna… alla fine… Quattro momenti che includono tanti sotto-elementi fondamentali per l’articolazione narrativa. Ma il nocciolo è che senza i “ma purtroppo” non accade nulla, non si articola la contrapposizione tra valore e disvalore. La linea di demarcazione tra comunicazione e narrazione non è netta, in parte può esserci una sovrapposizione. E cioè: nella comunicazione possiamo trovare elementi di grammatica del racconto, così come un racconto può essere infarcito di elementi puramente informativi. Ciò che solitamente manca alle classiche forme di comunicazione, soprattutto all’advertising, è quello che chiamiamo “sistema dei conflitti”. I “ma purtroppo” si pescano proprio da questo sistema: senza “fatal flaw” non c’è impresa di sanamento da compiere, senza avversari/nemici non ci sono aiutanti/amici, senza sfide non ci sono tesori. Una vita di felicità costante fa solo invidia, e quindi distanzia, mentre le difficoltà generano compassione, e la compassione avvicina”.
Una storia quindi implica empatia, quella di un’azienda è una rappresentazione (testuale e visiva) di un’organizzazione, che allinea i contenuti e gli immaginari del racconto d’impresa con i diversi strumenti, per declinarli su diversi pubblici, un approccio che progetta e guida identità e relazioni d’impresa attraverso le tecniche del racconto per creare valore. Il segreto? Conoscere la storia-racconto degli altri. Tutti vogliamo capire e ritrovarci in un racconto, esso ha ripercussioni psicologiche importanti: quando una persona racconta e un’altra ascolta attivamente (o legge), i cervelli si sincronizzano. E se la storia, per definizione, è una mera cronologia di fatti, il racconto è una rappresentazione. Basti confrontare una descrizione fattuale e cronologica di una compagnia su wikipedia e cercarne poi il profilo aziendale dove magari un video illuminato e attraente ne descriva alcune caratteristiche salienti e accattivanti, oltre che coinvolgenti.

Premesso questo, vediamo ora i sette segreti dello “storytelling” di Andrea Fontana: penetrazione, molteplicità, costruire un mondo, estraibilità, serialità, soggettività, performance. Sono tutti elementi interessanti e che meritano una riflessione.

Stoytelling

Penetrazione: una narrazione penetra nelle storie di vita dei suoi lettori e ne determina nuovi percorsi. Si tratta di quello cui si accennava, l’empatia. Entrare in contatto con il lettore e farlo sentire parte del racconto è la sfida di chi fa “storytelling”. Ricordo una campagna di una compagnia di telefonia mobile, dove si invitava lo spettatore a comunicare non solo con la tecnologia, ma anche diversamente. E subito si va indietro con la memoria e si prende il telefono per chiamare un amico o un anziano genitore che non si sente da tempo…

Molteplicità: una narrazione oggi è trans-mediale, entra ed esce da più canali comunicativi. Le vie della comunicazione oggi sono infinite. Piattaforme di ogni genere e social media vari permettono di diffondere un racconto nel mondo, in tempo reale, con pochi clic…

Costruire un mondo: una storia genera sempre un mondo. Il prodotto mediale è uno spazio che talvolta (spesso, direi) entra in relazione con la vita quotidiana. Intorno a noi, ogni vita una storia, ne abbiamo parlato, basta fermarsi a pensare, anche solo un attimo (vedi).

Estraibilità: il mondo della narrazione diventa parte integrante del mondo reale e dalla storia si estraggono linee di sviluppo della nostra identità. Un racconto può facilmente aiutarci, orientarci e farci trovare una via prima solo intravista o del tutto sfuggita.

Serialità: i racconti oggi si aprono, si chiudono e si riaprono. Non solo i pezzi di storia sono dispersi su diversi segmenti all’interno dello stesso medium ma si diffondono in media diversi. Una catena spesso virtuosa, se ben compresa e ben gestita.

Soggettività: le narrazioni (politiche, organizzative, di consumo) sono sempre più soggettive. Si affidano al punto di vista di un personaggio / autore del racconto. Questo genera maggior identificazione. Rivederci in un racconto non è difficile, se ben scritto.

Performance: una narrazione genera una performance di attivazione in termini culturali, è un cultural activators: una attività che dà a tutta la comunità qualcosa da fare. Spesso sulla base di un racconto importante, ci svegliamo, ci attiviamo, reagiamo, vediamo. Ragioniamo, approfondiamo e cerchiamo di capire, questo conta.

Le riflessioni potrebbe continuare, la materia è troppo interessante e soprattutto in evoluzione. Ce ne sarà l’occasione. Certo resta che provare a fare “storytelling”, soprattutto aziendale, non è semplice ma sfidante, per chiunque scriva. Provare per credere (vedi).

storytelling2


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).
Simonetta Sandri

Ti potrebbe interessare:

  • Livio Pepino: Se cento giorni vi sembran pochi…

  • Mussolini e il “Nero di Londra”: dalle ricerche d’archivio una storia che non conosciamo

  • Consiglio esecutivo del KNK:
    appello urgente di aiuto per le vittime del terremoto nel Kurdistan settentrionale e occidentale, in Turchia e in Siria

  • Parole e figure /
    I magnifici Kappa

  • L’Amministrazione di Ferrara ha scelto la politica dell’evento mordi e fuggi. Invece occorre ascoltare i cittadini e un progetto per la città. Partendo dalla normalità.

  • salvataggio in mare,

    La storia di Carlo Urbani e di 50 anni di Medici Senza Frontiere: soccorrere, salvare, denunciare le responsabilità

  • Una botta di vita /
    Impegno umanitario

  • La politica brutta

  • Superbonus o supercazzola?

  • 11 FEBBRAIO: CARNEVALE GLOBALE PER ASSANGE
    Aggiornamento al 5 febbraio 2023

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013