Skip to main content

La scuola di Valditara

Il ministro Valditara ha scritto un libro (La scuola dei talenti, pag. 192, 18 euro) in cui espone il suo punto di vista sulla scuola. Lo fecero anche altri ministri come Giovanni Gentile nel 1932 con La riforma della scuola in Italia, in cui metteva in luce i grandi cambiamenti fatti nel decennio precedente con una riforma che ancora oggi influenza la nostra scuola. Altri Ministri che si sono cimentati sono Guido Gonella (La riforma della scuola, 1958), Riccardo Misasi (Questa scuola impossibile, 1972), Luigi Berlinguer (La nuova scuola, 2001).

Il libro è ricco di informazioni e ci racconta sull’impostazione che potrebbe avere questo Governo fino al termine della legislatura. Molti punti sono condivisibili, anche se bisognerà vedere come si passerà dalle parole ai fatti, un problema che hanno avuto molti altri Ministri.

Per Valditara la scuola del merito “si fa carico del bisognoe cerca di far fronte all’abbassamento del livello di studi” (a suo avviso prodotto da una certa sinistra e dal ’68) che di fatto ha favorito i figli delle famiglie ricche, in quanto i poveri devono accontentarsi di una scuola non di qualità qual è quella pubblica di oggi. Cita Marx quando dice che “sono i poveri che più hanno bisogno dello Stato”, ma non dice che anche il Governo Meloni vuole chiudere le scuole con pochi studenti, dislocate nei paesi deboli o in montagna.

Valditara vorrebbe dare a tutti la possibilità di sviluppare i propri talenti con una scuola di qualità per tutti. E’ però conscio degli attuali enormi divari che esistono tra gli studenti delle famiglie povere (che solo nel 2,7% raggiungono ottimi voti alla licenza media), e quelli delle famiglie ricche (18% con ottimi voti).

Voti alla licenza media in base allo status socio-economico delle famiglie

Questo divario esiste anche tra scuole del Nord e del Sud e tra quelle del centro e delle periferie nelle stesse città del Nord. Fa l’esempio di Torino, dove la dispersione implicita (diplomati che di fatto hanno un apprendimento pari a quello della licenza media) è del 24% nelle periferie e dell’1,1% al centro. Non c’è dubbio che siano gli studenti immigrati nelle scuole delle periferie ad innalzare questi tassi e ciò pone il problema di come realizzare una vera integrazione degli studenti stranieri, che spesso non conoscono bene la lingua italiana. L’Italia è il solo grande paese in Europa che inserisce i giovani immigrati neo arrivati in classi ordinarie per tutte le lezioni, quando è noto che il tempo minimo necessario per apprendere una lingua che consenta di poter studiare una qualsiasi materia è 12-18 mesi. E ciò spiega perché quasi tutti gli altri paesi europei inseriscano gli immigrati in classi preparatorie (solitamente per un periodo di 12-18 mesi) (Svezia, Belgio) o usino un sistema flessibile (Francia, Germania, Spagna, Finlandia, Polonia) in cui parte delle lezioni sono in classi ordinarie. Valditara è di questa opinione.

Il ministro esalta le recenti innovazioni: insegnante tutor, coordinatore, orientatore (con compensi aggiuntivi) che hanno il compito di personalizzare l’apprendimento e aiutare i più fragili, ma trascura di affrontare il tema della riduzione del numero di alunni (le classi “pollaio”) specie al primo anno dei Tecnici e Professionali. Qualsiasi innovazione si scontra infatti con l’impossibilità di insegnare in classi numerose (25-28 alunni), specie se la metà sono immigrati con scarsa conoscenza della lingua italiana o poco motivati.

Concorda col premio Nobel Joseph Stiglitz che le società sono progredite negli ultimi due secoli soprattutto quando si sono impegnate per aumentare le capacità di apprendimento dei giovani e che bisognerebbe investire di più nella scuola che nell’economia, ma secondo gli stessi suoi dati dice che l’Italia investe il 3,2% del PIL nell’istruzione quando la media OCSE è 3,6%. Ciò significa che per raggiungere questa media dovremmo passare da 55 miliardi investiti a 62.

Ci mancano quindi 7 miliardi con cui finanziare tutte le cose di cui parla: realizzare una vera integrazione per gli studenti stranieri, una educazione affettiva e il rispetto per l’altro per maschi e femmine, contrastare la droga, una scuola inclusiva, insegnanti di qualità, più studenti STEM, sviluppare il pensiero critico e i talenti di tutti. Cita il rapporto del sociologo Usa Coleman del 1966, che sosteneva che se non si interviene anche nelle situazioni famigliari disastrate degli studenti fragili è impossibile educare solo a scuola. Ma chi lo fa, se mancano i fondi anche per cose essenziali?

Per fare bene tutte queste cose servono infatti quei 7 miliardi che questo stesso Governo sta investendo altrove. Se no tutto è retorica, parole buone per tutte le stagioni. Il calo demografico che riduce ogni anno di 100mila unità gli studenti sarebbe in tal senso una grande opportunità, invece lo si usa per ridurre ancora le risorse.

Sono d’accordo con Valditara, quando afferma che il lavoro viene visto come fumo negli occhi da certa sinistra, mentre se fosse usato nel giusto modo (non come professionalizzante ma come formazione umanistica), esso accelera e integra la formazione, come dicevano anche Marx, Engels e lo stesso Gramsci. Il lavoro come aspetto caratterizzante all’interno della scuola e non secondo il modello di alternanza guidato dall’impresa. A tal proposito cita anche Togliatti e Concetto Marchesi che davano al lavoro e allo studio della civiltà classica, della storia, un rilievo importante.

La feroce selezione (e gli abbandoni espliciti) ai primi anni dei Tecnici e Professionali avvengono anche perché ci sono classi pollaio, per l’impossibilità di personalizzare la didattica a 25 studenti, specie dopo che con Covid e Dad si è abbassata tantissimo la disponibilità a seguire lezioni seduti al banco.

Valditara non è in grado di affrontare un punto centrale della debolezza della scuola italiana: la carenza  di una cultura dell’apprendimento da Sperimentazione (via laboratori manuali e artistici), ma anche di apprendimento dalla Vita e dal Lavoro che si potrebbe fare usando bene le imprese e il lavoro con un vero accompagnamento in cui è la scuola a “dirigere” e non l’impresa (come nel modello di alternanza tedesco, che pure, peraltro, funziona).

Valditara (che riprende Ricolfi) ha ragione quando dice che la qualità della scuola italiana si è abbassata. Ma anche qui, come lui stesso fa vedere, ci sono enormi differenze tra scuole e scuole e il Ministro sa bene che ci sono ottime scuole pubbliche e private e pessime scuole pubbliche e private. La domanda allora è: perché non si riprende la vecchia idea di Luigi Berlinguer di una Autority pubblica che analizza seriamente tutte le scuole (pubbliche e private, come avviene anche all’estero) in modo da evidenziare, ben al di là delle prove Invalsi, limiti e talenti di ciascuna imparando da chi lavora meglio, siano queste scuole private o pubbliche.

In conclusione buoni propositi e un grande interrogativo: dove sono i soldi?

Per leggere gli altri articoli e interventi di Andrea Gandini, clicca sul nome dell’autore

tag:

Andrea Gandini

Economista, nato Ferrara (1950), ha lavorato con Paolo Leon e all’Agenzia delle Entrate di Bologna. all’istituto di studi Isfel di Bologna e alla Fim Cisl. Dopo l’esperienza in FLM, è stato direttore del Cds di Ferrara, docente a contratto a Unife, consulente del Cnel e di organizzazione del lavoro in varie imprese. Ha lavorato in Vietnam, Cile e Brasile. Si è occupato di transizione al lavoro dei giovani laureati insieme a Pino Foschi ed è impegnato in Macondo Onlus e altre associazioni di volontariato sociale. Nelle scuole pubbliche e steineriane svolge laboratori di falegnameria per bambini e coltiva l’hobby della scultura e della lana cardata. Vive attualmente vicino a Trento. E’ redattore della rivista trimestrale Madrugada e collabora stabilmente a Periscopio.

Comments (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it