Skip to main content

da MOSCA – In Russia si conclude a settimana della Maslenitsa (che equivale un po’ al nostro Carnevale), la festività popolare russa più allegra e colorata, in cui tutto profuma di zucchero a velo, di dolci marmellate e di blini. Ma c’è anche tanto caviale (ikra). Grandi e piccini sono contenti, ogni anno si ripete lo stesso rito, la festa è molto amata dalla gente che la chiamava affettuosamente “labbra di zucchero”, “dolce Maslenitsa”, “onorabile Maslenitsa”, “allegra” o “ghiottona”.

maslenitsaUna bella ricorrenza, nata come festa pagana per scacciare l’inverno e risvegliare dal sonno la Natura. La Chiesa l’avrebbe poi adottata e inclusa nella lista delle proprie festività per celebrarla ancora oggi, la settimana prima dell’inizio della Quaresima, denominandola “Settimana del burro” (Syrnaja nedelja) o “Settimana senza carne” (Mjasopustnoj nedelja), proprio perché, in questa settimana, ci si dovrebbe già astenere dal mangiare carne e solo i latticini sarebbero concessi (masla, infatti, è il burro). Parte integrante e importante di questa festa erano i giri su slitte trainate da cavalli e addobbate con tanti nastri e campanelli, commedie contadine cui partecipavano soggetti mascherati. Si correva, si giocava e si rideva ovunque. Come oggi.

maslenitsamaslenitsaI rotondi e soffici blini sono il piatto principale oltre che il simbolo della festa. Erano preparati ogni giorno, durante tutta la settimana, ma principalmente da giovedì a domenica. La tradizione dei blini, in Russia, risale ai tempi in cui i popoli antichi invocavano il dio del sole Jarilo affinché scacciasse l’inverno e queste frittelle rotonde ricordano il sole estivo. Ogni massaia aveva la sua ricetta speciale, tramandata di generazione in generazione. I blini erano preparati con farina di frumento, grano saraceno, avena o mais, con l’aggiunta di kasha di miglio o semola, patate, zucche, mele e panna. Anticamente vi era l’usanza secondo cui il primo era sempre per la pace dell’anima. Di solito era dato a un mendicante per ricordare le persone care e scomparse oppure veniva messo in bella vista sulla finestra, come benvenuto.

I sette giorni di Maslenitsa sono ben scanditi e ognuno di loro ha un’importanza e un significato diverso. Il lunedì “giornata dell’incontro” (vstrecha) dà inizio alla festa. In questo giorno la gente russa incontra Maslenitsa. Di mattina, i bambini escono dalle loro case e cominciano a costruire montagne, scivoli di ghiaccio e altalene. Più tardi, è allestito un fantoccio di paglia in abiti femminili, che simboleggia l’inverno e che va portato in processione per le strade. Intanto, s’inizia a preparare la tavola. Sono serviti dolci, ciambelle (bubliki), ma si preparano anche miele, caviale, salmone, funghi, panna acida e burro. Non manca il samovar per gustare tè caldo e profumato; in questo giorno si preparano i blini. Il martedì “giocoso” (zaigrysh) è giorno di giochi e divertimenti; in passato in quest’occasione i ragazzi cercavano una fidanzata e le ragazze un fidanzato. Di mattina, ci s’incontra per strada per conoscersi, mangiare insieme, ballare e cantare con altra gente. Atmosfera festosa. Il mercoledì è la “giornata del ghiottone” (lakomka), quella centrale, se non altro perché a metà settimana. Si mangiano blini con smetana (panna acida), uova, caviale e altri condimenti. La suocera prepara i blini e invita il genero a casa (unitamente alla sua famiglia), per gustarli tutti insieme.

maslenitsaIl giovedì “che manda via” (il giorno della “baldoria sfrenata”, razguljaj), inizia un’allegra baraonda per aiutare il Sole a scacciare l’inverno. In passato, si trottava a cavallo in senso orario attorno al villaggio, mentre gli uomini si sfidavano nel ruolo di difensori o assediatori durante il gioco “presa della cittadella di neve”. Oggi si allestiscono spettacoli in strada con clown e skomoroch (buffoni), si fanno giri in slitta, si canta, balla e gioca. Il venerdì detto “serata in compagnia della suocera” (teshchiny vechera) è tradizione che il genero inviti la suocera a casa propria (assieme a tutti gli altri parenti), per contraccambiare la serata del mercoledì precedente. E’ in genere prevista una cena, in occasione della quale vengono offerti i gustosissimi blini (ancora). Il sabato è la “serata organizzata dalla cognata” (zolovkiny posidelki) dove si fa il giro di tutti i parenti offrendo gli immancabili blini (a questo punto saremo un po’ stanchi di mangiarne…).

maslenitsaInfine la domenica si celebra la “giornata del perdono” (voskresen’e proscenija). Al centro di un grande falò si brucia lo spaventapasseri e si rimprovera l’inverno per il freddo, ma lo si ringrazia anche per le festività invernali. L’ultimo addio alla Maslenitsa viene dato nel primo giorno di Quaresima, il “lunedì pulito” (chistyj ponedelnik), il giorno della purificazione dal peccato e dal cibo grasso. In questa giornata è d’obbligo farsi un bagno. Le donne lavano i piatti e mettono in ammollo gli utensili venuti a contatto con cibi a base di latte, per pulirli dai residui di grasso. Settimana ricca, folcloristica e interessante, una bella tradizione che si mantiene. Divertente assistervi.

tag:

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).

PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it