Skip to main content

ACER FERRARA – Venerdì 3 febbraio alle 16, Camera di Commercio di Ferrara – sala Conferenze
Presentazione del volume “ACER Ferrara, 15 anni di interventi per i Comuni dopo la Legge Regionale 24/2001”
30-01-2017
(Comunicazione a cura di Azienda Casa Emilia-Romagna ACER Ferrara)
Venerdì 3 febbraio alle 16, nella sala conferenze della Camera di Commercio di Ferrara (Largo Castello 10), nell’ambito dell’iniziativa “Politiche dell’abitare e riqualificazione urbana, l’esperienza di Ferrara” si terrà la presentazione del volume “ACER Ferrara, 15 anni di interventi per i Comuni dopo la Legge Regionale 24/2001”. L’iniziativa si avvale del patrocinio della regione Emilia Romagna e della Provincia di Ferrara. Introdurrà i lavori Daniele Palombo presidente ACER Ferrara, e interverranno il presidente della Provincia di Ferrara Tiziano Tagliani, il direttore generale ACER Ferrara Diego Carrara, il presidente Federcasa Luca Talluri e Romeo Farinella professore di Urbanistica Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara. Le conclusioni saranno affidate a Patrizio Bianchi, assessore alle Politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro della Regione Emilia- Romagna.

CONSIGLIO COMUNALE – Diretta audio-video su ConsiglioWeb. DOCUMENTAZIONE SCARICABILE
I lavori del Consiglio comunale di Ferrara riunito lunedì 30 gennaio alle 15.15

Il Consiglio comunale di Ferrara si è riunito lunedì 30 gennaio alle 15.15 nella residenza municipale. La seduta – con modalità definite dalla Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari convocata dal presidente del Consiglio comunale Girolamo Calò – è stata dedicata alla trattazione di tre delibere (assessori Massimo Maisto e Aldo Modonesi) e al confronto sulla “Mozione per il reinserimento lavorativo degli ex dipendenti CARIFE” (presentata dai consiglieri del gruppo FI Anselmi e Zardi anche a nome dei gruppi PD, SI, Lega Nord).

Come di consueto prevista la diretta audio video dell’intera seduta di Consiglio comunale sulla pagina internet del servizio ConsiglioWeb all’indirizzo http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=472
Questo l’ordine del giorno dei lavori:

DELIBERE
I lavori sono stati aperti con la surroga del consigliere dimissionario Paolo Spath-FdI/AN. Al suo posto è entrato in Consiglio comunale Alessandro Balboni.

Assessore alla Cultura/Turismo Massimo Maisto
PG 3445/17 – Adesione all’istituenda “Destinazione Turistica Romagna”. Approvazione proposta di Statuto

La delibera è stata illlustrata dall’assessore Massimo Maisto. Sono quindi intervenuti i consiglieri A. Balboni (FdI/AN), Fochi (M5S), Vignolo (PD), Fornasini (FI), Fiorentini (SI), Facchini (PD), Cavicchi (Lega nord), Rendine (GOL), Vitellio (PD), Anselmi (FI), sindaco Tiziano Taglian, consigliere Bertolasi (PD).
La delibera è stata approvata con i voti a favore dei gruppi PD, FC, SI, Lega nord (astenuti M5S, FI; contrari FdI/AN, GOL).

LA SCHEDA – Anche il Comune di Ferrara aderisce all’istituenda “Destinazione Turistica Romagna”, comprendente le province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Tali province, già nel dicembre 2016 di comune accordo avevano proposto alla Regione di istituire l’area vasta a finalità turistica e la relativa “Destinazione Turistica Romagna” coincidenti con i loro territori. Lo scopo del nuovo organismo sarà quello di elaborare ed attuare un unico programma turistico di promozione locale, valorizzando il territorio nel suo insieme ed i prodotti di eccellenza. Modalità e termini sono contenuti all’interno dello Statuto composto da 21 articoli (vedi in allegato a fondo pagina). La legge regionale individua le ‘destinazioni turistiche’ quali enti pubblici strumentali degli enti locali, dotati di personalità giuridica e di autonomia amministrativa, finanziaria e contabile, stabilendo che sono costituite da enti locali, a cui possono aderire le Camere di Commercio e qualsiasi altra amministrazione pubblica operante in ambito turistico che rientri tra quelle indicate dall’Istat come pubbliche.

PG 4795/17 – Approvazione convenzione fra l’Amministrazione Comunale di Ferrara e il Comune di Lagosanto per la gestione delle funzioni dell’Ufficio Procedimenti Disciplinari in forma associata
La delibera, illlustrata dall’assessore Massimo Maisto, è stata approvata all’unanimità.

LA SCHEDA – La convenzione concordata con l’Amministrazione Comunale di Lagosanto per la gestione delle funzioni dell’Ufficio Procedimenti Disciplinari in forma associata, oltre a dare attuazione ad un obbligo di legge e consentire un vantaggioso impiego delle risorse, tende a realizzare economie di scala che rappresentano la migliore soluzione in termini di efficienza ed economicità del servizio.La convenzione sarà attiva fino al 31-12-2018, data entro la quale, in relazione ai risultati attesi, saranno effettuate le opportune valutazioni per eventuale proroga. L’Ufficio Procedimenti disciplinari Associato avrà la stessa composizione e organizzazione del Ufficio Procedimenti Disciplinari del Comune di Ferrara, Comune capofila, così come già costituito all’entrata in vigore della convenzione.

Assessore alla Mobilità/Lavori pubblici Aldo Modonesi
PG 1002/2017 – Approvazione del “Regolamento di Video Sorveglianza” per la sicurezza di alcuni edifici comunali

La delibera è stata illustrata dall’assessore Aldo Modonesi (che ha presentato un emendamento dell Giunta-accolto). Sono intervenuti i consiglieri Bianchini (PD), F. Balboni (M5S), Rendine (GOL), A. Balboni (FdI/AN).
La delibera è stata approvata con i voti a favore gruppi PD, M5S (astenuto FI, Lega nord, FdI/AN; contrario GOL).

LA SCHEDA – Il “Regolamento di Video sorveglianza” approvato dal Consiglio comunale Intende disciplinare l’organizzazione del servizio di video sorveglianza per la sicurezza di edifici di proprietà comunale, prevedendo le modalità di uso delle telecamere installate, il loro posizionamento e relativi coni ottici, nonché le modalità con le quali deve essere effettuato il trattamento dei dati personali derivante dall’attivazione degli impianti. Esso garantisce che il trattamento dei dati personali, effettuato mediante l’attivazione degli impianti di video sorveglianza si svolga nel rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali, nonché della dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all’identità personale. Garantisce, altresì, i diritti delle persone giuridiche e di ogni altro Ente o associazione coinvolti nel trattamento. Il sistema e il programma informatico sono configurati per ridurre al minimo l’utilizzazione dei dati personali e dei dati identificativi e utilizzati in modo da identificare la persona solo in caso di necessità; in ogni caso verrà escluso il trattamento quando le finalità perseguite possono essere realizzate con dati anonimi.

ORDINI DEL GIORNO/MOZIONI

PG 6671 – 18/01/2017 – Capo Gruppo FI Vittorio Anselmi e Consigliere Comunale FI Gian Paolo Zardi – Gruppo PD – Gruppo SI – Gruppo Lega Nord – Mozione per il reinserimento lavorativo degli ex dipendenti CARIFE (iscritta ai sensi dell’art. 55 – comma 4 – del regolamento del C.C.)

Dopo l’illustrazione del consigliere Anselmi (FI) sono intervenuti i consiglieri Morghen-M5S (che ha presentato un emendamento – non approvato), Bova (FC), Rendine (GOL), sindaco Tiziano Tagliani, consiglieri Vitellio (PD)
La Mozione è stata accolta con i voti a favore dei gruppi FI, PD, SI, Lega nord, FdI/AN, GOL (astenuto FC, M5S)

La seduta si è chiusa alle 19.20

3.a COMMISSIONE CONSILIARE – Martedì 31 gennaio alle 15.30 nella sala Zanotti della Residenza Municipale
Informativa sullo stato del trasporto pubblico ferroviario a Ferrara
30-01-2017
La 3.a Commissione Consiliare – presieduta dal consigliere Fiorentini – si riunirà martedì 31 gennaio alle 15.30 nella sala commissioni “E. Zanotti” della residenza municipale (assessore relatore Aldo Modonesi) per l’informativa sullo stato del trasporto pubblico ferroviario a Ferrara. Saranno presenti rappresentanti delle aziende Tper e Fer.

MEDIAZIONE SOCIALE E SICUREZZA – Sabato 11 febbraio alle 9.30 in sala del Consiglio comunale (piazza del Municipio 2 – FE)
“Quando i ragazzi sbagliano”: la giustizia minorile e il ruolo dei media

“Quando i ragazzi sbagliano. L’attenzione dei media, la risposta educativa e giudiziaria”, sabato 11 febbraio 2017 ore 9.30-13.30, sala del Consiglio comunale, piazza del Municipio 2, Ferrara
Che cosa succede quando un minorenne commette un reato? Quali le conseguenze per lui e per la sua famiglia, e soprattutto in che modo renderne gli adolescenti consapevoli in un’ottica di prevenzione? Su questo si confronteranno alcuni attori della giustizia minorile con l’ausilio di video che presenteranno l’esperienza di un giovane autore di reato e lo svolgimento di un processo, simulato ma del tutto realistico. Sarà anche l’occasione per interrogarsi sul contributo che i media possono offrire nel costruire una opinione pubblica attenta, sensibile e correttamente informata.

L’incontro, aperto a tutti, è rivolto in particolare a operatori sociali, giornalisti, avvocati, educatori. Nell’occasione verrà presentato il kit didattico “Non era un gioco. Riflessioni e proposte didattiche sulla giustizia minorile”, realizzato dal Comune di Ferrara in collaborazione con la Procura e il Tribunale per i Minorenni di Bologna e la Regione Emilia-Romagna. Un materiale pensato per aprire il dibattito con gruppi di adolescenti, nella scuola e nei luoghi d’incontro.
L’iniziativa è promossa dal Comune di Ferrara (Ufficio Sicurezza Urbana, Centro di Mediazione, Ufficio Diritti dei Minori) in collaborazione con il Tavolo Adolescenti (Ausl-Comune di Ferrara) e la Camera Minorile di Ferrara.

L’appuntamento è stato inserito dall’Ordine dei Giornalisti nel programma di formazione permanente. Per ottenere il riconoscimento dei crediti i giornalisti potranno iscriversi gratuitamente sulla piattaforma Sigef. E’ in corso l’accreditamento da parte anche dell’Ordine degli Avvocati e dell’Ordine degli Assistenti Sociali.

Introducono:
Chiara Sapigni, Assessore Servizi alla Persona, Comune di Ferrara
Giorgio Benini, Ufficio Sicurezza Urbana, Comune di Ferrara

Intervengono:
Giuseppe Spadaro, presidente del Tribunale per i Minorenni di Bologna
Teresa Sirimarco, direttore USSM di Bologna
Elena Buccoliero, Ufficio Diritti dei Minori del Comune di Ferrara e giudice onorario Tribunale per i Minorenni di Bologna
Modera l’incontro Alessandro Zangara, Ufficio Stampa, Comune di Ferrara
Durante l’incontro verranno proiettati i video:
“Come rinascere”, testimonianze sulla messa alla prova minorile
“Non era un gioco”, processo minorile simulato

Schede relatori:
Giuseppe Spadaro, presidente del Tribunale per i Minorenni di Bologna dal 2013. Entrato in magistratura nel 1990, prima di questo incarico è stato a capo della sezione penale di Lamezia Terme e giudice minorile a Catanzaro. Nel video che verrà proiettato veste i panni di un adolescente imputato per spaccio di sostanze e lesioni aggravate.
Teresa Sirimarco, pedagogista e assistente sociale, mediatrice familiare e penale. Dirige l’USSM di Bologna, l’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni del Ministero della Giustizia che, in Emilia Romagna, assiste i minori imputati di reato in tutte le fasi del procedimento penale. Insegna “Metodi e tecniche del servizio sociale” presso la Scuola di Scienze Politiche dell’Università di Bologna.
Elena Buccoliero, sociologa e counsellor, dal 2008 è giudice onorario al Tribunale per i Minorenni di Bologna dove per oltre 7 anni ha partecipato al collegio dibattimentale. E’ inoltre referente dell’Ufficio Diritti dei Minori del Comune di Ferrara e iscritta all’Albo dei Giornalisti Pubblicisti dell’Emilia Romagna. Ha curato il kit didattico “Non era un gioco. Riflessioni e strumenti didattici sulla giustizia minorile”.

Per informazioni e iscrizioni: Centro di Mediazione, tel. 0532 770504, email centro.mediazione@comune.fe.it

BIBLIOTECA ARIOSTEA – Conferenza martedì 31 gennaio alle 17
‘I sentieri del percorso educativo’ esplorati da Nicola Alessandrini
Avrà come tema ‘I sentieri del percorso educativo’ la conferenza di Nicola Alessandrini in programma martedì 31 gennaio alle 17, nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea, in apertura del ciclo di incontri ‘I colori della conoscenza’, a cura dell’Istituto Gramsci e dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara. L’appuntamento sarà aperto da un saluto del vicesindaco di Ferrara Massimo Maisto e sarà introdotto e coordinato da Daniela Cappagli.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori
Il sentiero, metaforicamente inteso, presuppone un percorso, un cammino da realizzare per arrivare a una meta. Nell’ambito educativo la meta da raggiungere è la formazione della persona, processo sempre in fieri che avviene attraverso una dialettica inesauribile tra limite ed eccedenza, nella consapevolezza che “limite” è al contempo limes e limen, frontiera e confine, sentiero e traguardo, chiusura e apertura all’altro da sé. Dinamica, questa, che pone la scuola come laboratorio di utopia concreta, in grado di guardare oltre tutti i limiti contingenti nella consapevolezza che “pensare significa oltrepassare”. I Sentieri del percorso educativo sono perciò finalizzati a indagare le vie della conoscenza. Vie che, come i sentieri erranti di heideggeriana memoria, possono portarci dall’impervio della selva a una radura luminosa.

BANDO DI GARA – Tutta la documentazione consultabile sul sito del Comune di Ferrara
Procedura aperta per l’affidamento della gestione del canile municipale di Ferrara
30-01-2017

Scadranno lunedì 20 febbraio 2017 i termini per partecipare alla procedura aperta per: “l’affidamento della gestione del canile municipale di Ferrara, del servizio di cattura e trasporto cani e servizio di recupero 24 ore su 24 di cani randagi e/o vaganti e incidentati nel territorio dei Comuni di Ferrara e Voghiera, nonché, per il solo Comune di Ferrara, di recupero di gatti incidentati”. Il bando è stato pubblicato dal Comune di Ferrara il 30 gennaio 2017.
L’apertura dei plichi avverrà mercoledì 22 febbraio 2017 alle 10.
L’avviso e la relativa documentazione sono consultabili sul sito www.comune.fe.it alla voce ‘Bandi di gara’ sulla pagina servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=222

GIORNO DELLA MEMORIA 2017 – Martedì 31 gennaio alle 11.15 nell’aula magna dell’istituto superiore Carducci
Museo della Resistenza, appuntamento per ricordare le vittime dell’Olocausto
30-01-2017

Un momento di approfondimento storico – che rientra nel programma di iniziative organizzato dal Museo del Risorgimento e della Resistenza in occasione del Giorno della memoria 2017 – quello che ci sarà martedì 31 gennaio 2017 alle 11.15 nell’aula magna dell’istituto superiore Carducci.
La storica e responsabile del Museo del Risorgimento e della Resistenza Antonella Guarnieri interverrà sul tema di “Fascismo e antifascismo a Ferrara”; Davide Guarnieri racconterà quindi la storia de “I deportati ferraresi nei Konzentrationslager”.
Nel corso dell’evento saranno letti brani tratti dal libro “Favole da Auschwitz” dagli studenti delle classi 2 E e 3 B.
L’evento è rivolto esclusivamente a studenti e docenti

BIBLIOTECA BASSANI – ‘L’ora del racconto’ mercoledì 1 febbraio alle 17 in via Grosoli a Barco
Storie d’amicizia per i più piccoli

Nuove storie d’amicizia attendono i bambini dai quattro ai dieci anni mercoledì 1 febbraio alle 17 alla biblioteca Bassani di Barco (via G. Grosoli 42, Ferrara) per il consueto appuntamento con le letture dell”Ora del racconto’.
Per l’occasione le letture saranno affidate a Giovanni Meloncelli che proporrà ‘In una notte di temporale’ (di Yuichi Kimura) e ‘La lingua speciale di Uri’ (di David Grossman). La partecipazione è gratuita e non è richiesta la prenotazione.

VIABILITA’ – Provvedimenti in vigore l’1 e 2 febbraio 2017
Via Benvenuto Tisi da Garofalo e via Cosmè Tura interrotte al transito per lavori

Per consentire l’esecuzione di lavori di allaccio gas, per conto di Hera spa, nelle giornate di mercoledì 1 e giovedì 2 febbraio dalle 9 alle 18 in via Benvenuto Tisi da Garofalo e via Cosmè Tura saranno in vigore il divieto di transito e il divieto di sosta. Saranno ammessi residenti e autorizzati (con temporaneo ripristino del doppio senso di circolazione in entrambe le vie) con modalità indicate dalla segnaletica provvisoria presente sul posto.

LAVORI PUBBLICI, SCUOLA E SPORT – Lunedì 30 gennaio in via Fortezza e in via Ladino. SCHEDE E LETTERA del Ministro Lotti
Inaugurazione delle palestre delle scuole Govoni e De Pisis di Porotto a conclusione degli interventi di ristrutturazione

A conclusione degli interventi di ristrutturazione eseguiti nei mesi scorsi, lunedì 30 gennaio sono state inaugurate le palestre della scuola primaria C. Govoni (via Fortezza 20, Ferrara) e della scuola secondaria di I grado F. de Pisis di Porotto (via Ladino 19). I lavori sono stati realizzati dal Comune di Ferrara, a cura del Servizio Edilizia, con mutui a tasso agevolato dell’Istituto per il Credito Sportivo.
Sono intervenuti agli appuntamenti inaugurali il sindaco Tiziano Tagliani, l’assessore comunale ai Lavori pubblici Aldo Modonesi, l’assessora alla Pubblica Istruzione Annalisa Felletti, l’assessore allo Sport Simone Merli, i dirigenti e i tecnici dell’Amministrazione comunale coinvolti nella realizzazione degli interventi e il Responsabile del Servizio Incentivi dell’Istituto per il Credito Sportivo Eduardo Gugliotta.
Entrambi gli istituti hanno organizzato per l’occasione brevi cerimonie con la partecipazione dei dirigenti scolastici Anna Bazzanini (Govoni) e Maria Gaiani (De Pisis), alunni, insegnanti e rappresentanti dei genitori per dare il benvenuto alle autorità e festeggiare la conclusione delle ristrutturazioni degli spazi a loro disposizione per le attività motorie e sportive.

Nel corso dei due incontri l’assessore Merli ha letto la lettera (testo scaricabile in fondo alla pagina) che il ministro per lo Sport Luca Lotti ha inviato al Sindaco e al Prefetto congratulandosi per le azioni messe in campo.

LE SCHEDE (a cura dell’Assessorato ai Lavori Pubblici e Mobilità)
Questi in sintesi gli interventi eseguiti (schede dettagliate scaricabili in fondo alla pagina):

Lavori di ristrutturazione della palestra della scuola primaria Govoni:
E’ stato eseguito il completo rifacimento degli spazi destinati a spogliatoio (opere edili e strutture, impianti ed opere accessorie). E’ stato realizzato un nuovo accesso dall’esterno all’impianto, che consentirà al pubblico di accedere alla tribuna direttamente, senza attraversare il campo da gioco. Il nuovo accesso prevede scala e rampa inclinata per portatori di disabilità motorie. Sono stati inoltre realizzati, adiacenti all’ingresso, i servizi igienici destinati al pubblico e le predisposizioni strutturali per la posa di una piattaforma elevatrice interna, necessaria all’accesso in tribuna anche da parte di portatori di handicap motori.
Importo dei lavori 180.000 euro – Importo complessivo dell’opera 220.000 euro finanziato con entrate patrimoniali del Comune di Ferrara per 70.000 euro e mutuo a tasso agevolato con l’Istituto di Credito Sportivo per la quota restante.

Lavori di ristrutturazione della palestra della scuola secondaria di I grado F. de Pisis di Porotto
L’intervento ha interessato la copertura con il totale rifacimento del manto, la sostituzione delle finestre dei lucernai e il rifacimento della pavimentazione della zona di gioco con gomma per locali sportivi.
Importo dei lavori 115.775 euro – Importo complessivo dell’opera 150.000 euro finanziato con mutuo dell’Istituto per il Credito Sportivo.

tag:

COMUNE DI FERRARA


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it