10 Marzo 2014

Tra finzione e verità “Il caso Arpur”, storia di un italiano sfigurato nel lager nazista

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 6 minuti

volto-sfigurato-trasfigurato-libera-lettura-caso-arpur-andrea-carli

di Tommaso La Rocca

Ancora una storia di un deportato e di un sopravvissuto ai lager nazisti. Ma quella raccontata nel libro di Andrea Carli Il caso Arpur, appena ripubblicato (gennaio 2014) in coincidenza del cinquantesimo anniversario della sua prima edizione, è significativamente diversa. Non si tratta di un deportato ebreo nei campi di concentramento tedeschi, destinato alle camere a gas e ai forni crematori. Michele Arpur, il protagonista, è invece un soldato italiano, fatto prigioniero di guerra all’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943, internato nello speciale lager di Hohenstein, dove fu sottoposto a un raffinato sadico esperimento di sfigurazione fisica e psichica inedito o per lo meno poco conosciuto, se non addirittura assente nella letteratura postbellica.
Sotto l’autoritratto a colori del pittore Andrea Carli, riprodotto nella copertina del suo libro, si intravvede il ritratto in bianco e nero del viso sfigurato del protagonista della storia raccontata nelle sue pagine. Tutto fa ritenere che l’autore dell’immagine e del libro, Andrea Carli, e il protagonista della storia narrata, Michele Arpur, siano la medesima persona. Ciò che Andrea scrive di Michele non può non averlo vissuto lui stesso. E ciò che Michele vive e soffre può raccontarlo e scriverlo solo uno che ha vissuto e sofferto le medesime brutali sevizie.
Tuttavia l’autore non ci aiuta mai sino alla fine a segnare con esattezza i confini della realtà storica da quella del racconto romanzato. E noi non riusciamo a comprendere quanto sia finzione letteraria e cosa resta della nuda verità storica vissuta. Io mi sono lasciato trasportare da una lettura e da una interpretazione libere. Come lettore e recensore del libro, nella mia interpretazione, forse mi sono spinto oltre la realtà ed ho “trasfigurato” oltre il limite l’immagine del protagonista del libro. Per riportarla alla sua reale dimensione, ritengo giusto riportare qui la precisazione che mi ha fornito, dopo la lettura in anteprima della mia recensione, il dottor Pierluigi Lisco, marito di Rossella Carli nipote di Andrea: “Devo precisare che lo Zio Andrea Carli è stato un internato militare nel campo di Hohenstein subendo fame, freddo, umiliazioni e riportando anche una frattura con amputazione di parte di falange della mano destra per un incidente occorso durante i lavori forzati, ma l’esperimento nazista non ha riguardato la sua persona, anche se è tornato a casa pesando 40 chili per un’altezza di un metro e 72. Non sapremo mai se quell’esperimento nazista sia esistito realmente su qualche deportato o sia solo una metafora del romanzo. Sicuramente Carli-Arpur-Anselmi metaforicamente sono la stessa persona.”

Quando inizi a leggere “Il caso Arpur” non riesci a smettere. La storia ti avvince e rapisce, la scrittura ti afferra e ti sequestra fino a quando non sei arrivato fino in fondo. Al termine, rimani senza fiato, senza parole, con una folla di emozioni e reazioni che non riesci a diluire per giorni e giorni. Vorresti che fosse solo letteratura, romanzo, invece è storia, la cui insensatezza è tale e talmente incomprensibile da farti dubitare della verità della vicenda narrata. Ti rimane una tristezza infinita e una rabbia inestinguibile. Inaccettabile e insopportabile soffrire per sevizie crudeli e per un’ingiustizia totalmente gratuite!
A Michele Arpur i nazisti sfigurarono il volto, mutandone la fisionomia, e menomarono il fisico con un inimmaginabile diabolico sadismo, rendendolo claudicante. Alterando in questo modo i tratti fisici, pensavano di riuscire a mutarne anche la personalità, producendone la irriconoscibilità e la cancellazione della memoria di se stesso a se stesso e successivamente alle persone conosciute in precedenza, ma soprattutto innestando in questo modo nella sua psiche processi che avrebbero dovuto potare alla perdita della propria identità e alla pazzia. Piano, sebbene solo in parte, tragicamente riuscito.
Al rientro dalla prigionia (1948) non fu, infatti, riconosciuto da nessuno. Per la moglie, la madre e gli amici era impossibile o per lo meno molto difficile riconoscere Andrea sotto la sua nuova maschera facciale, nella sua curva e claudicante andatura prodottagli appositamente dall’accorciamento di alcuni centimetri del femore, e nemmeno più nella sua grafia, anch’essa risultata irrimediabilmente alterata in seguito alla singolare operazione di irrigidimento dell’indice e del dito medio. Ciò che i nazisti non riuscirono a eliminare, modificare e piegare furono la sua singolare intelligenza, che traspariva dalle pagine del suo diario, e la sua irriducibile dignità personale. Il raffinato e diabolico piano di manipolazione dei nazisti non la ebbe vinta sino in fondo. Andrea, alias Michele, non si arrese neanche di fronte alla condanna alla pazzia comminatagli dai medici dell’ospedale psichiatrico di Treviso. La sua dignità non venne meno neanche davanti al rifiuto di riconoscimento dei propri cari e degli altri. Essi, salvo eccezioni, credendolo con certezza morto, lo sospettarono addirittura di gioco ingannevole e di pazzia.
La sfida più grande per Andrea era salvare la propria integrità mentale e la propria identità. Fu spesso sul limite di perdere l’una e l’altra, come quando, nella piazzetta vicino casa a Venezia, avvertì quella stranezza di non essere nessuno o quando, come al tempo della visita al cimitero di Fullen, gli parve di sentirsi pirandellianamente se stesso e un altro di se stesso.
Questa multipla e frammentaria identità di se stesso, sembra in un preciso momento definitivamente ricomporsi. Accadde quando, attraversando come al solito la piazzetta della chiesa della Salute, inaspettatamente si sentì chiamare per nome, Arpur. Egli istintivamente si voltò, e si trovò di fronte Anselmi che aveva sempre sospettato che dietro quella mutata andatura curva e claudicante e sotto quella mutata fisionomia si nascondesse il suo vecchio amico di università, Arpur. Al gesto di risposta di Andrea, Anselmi non ebbe più dubbi: “se voi non siete Michele Arpur, perché vi siete voltato?”. Fuori della finzione letteraria, quell’Anselmi è l’altro di se stesso di Andrea. Quell’incontro e quel riconoscimento non sono altro che il riconoscimento di Andrea di se stesso e l’incontro con se stesso. E’ il momento cruciale in cui Andrea si riconosce e si riprende la propria identità. L’insonne ricerca di se stesso, della propria identità, alla fine pare approdare alla verità di se stesso.

L’impegno culturale e le opere letterarie e pittoriche prodotte dopo la liberazione dalla prigionia di guerra, fino al 1990, anno della sua morte, appaiono tutti momenti e vie di ricerca di questa identità e della verità di se stesso. La produzione letteraria e artistica è la prova dell’avvenuto pieno autoriconoscimento di Andrea, del ritrovamento della propria identità e, al tempo stesso, della consapevolezza della singolarità delle propria storia e della volontà di lasciarne le tracce. Quest’ultima dovette imporglisi certamente come una sorta di imperativo etico, se si considera che Andrea come confermano le sue nipoti, Isabella e Rossella, presso la cui famiglia egli visse per trent’anni, era molto riservato e schivo a parlare di se stesso.
Si potrebbe quasi dire che attraverso la scrittura e la pittura, il volto di Michele Arpur, sfigurato fisicamente nel Lager nazista, alla fine riappare spiritualmente trasfigurato in quello di Andrea Carli scrittore, poeta, artista. La trasfigurazione non si risolve in metamorfosi, perché non riesce a modificare, cancellare o nascondere, come in una nuova operazione estetica, i segni cicatrizzati della sofferenza sul volto sfigurato di Michele. Rivela ed evidenzia invece i segni originari ineliminabili della personalità, dell’intelligenza, del talento artistico e, soprattutto, del senso della propria dignità di Andrea. L’ispirazione del poeta, la penna dello scrittore e il pennello del pittore l’hanno avuta vinta, almeno in parte, sul diabolico bisturi del sadico medico nazista. Andrea voleva forse dire proprio questo quando in un passaggio del suo racconto annota che i nazisti, nonostante tutti i tentativi di distruggerne la fisionomia e l’identità, “dentro non erano ancora riusciti a modificarlo”.

Non so quanti casi Arpur ci siano stati durante il periodo nazista. Dalle pagine del libro non si evince neanche se ci fosse un piano di sperimentazione nazista sistematicamente e rigidamente organizzato. Agli studiosi il compito di accertarlo.
Sono convinto però che quella di Andrea Carli non è e non può essere ritenuta una vicenda soltanto individuale. Il Caso Arpur, al di là della sua singolarità, potrebbe essere assunta a rappresentazione della storia delle generazioni che hanno vissuto, in vario modo, quel tempo di guerra, prigionia e crudeltà scatenate dal nazismo. Uscite provate nelle loro identità psichiche, culturali e sociali, hanno poi fatto fatica a recuperarle.
Il libro di Andrea Carli lascia spazio, poi, a sospettare anche di disegni razzisti ancora più inquietanti di quello dell’Olocausto: ristabilire la purezza della razza ariana eliminando, dopo gli ebrei, a mano a mano, anche gli altri soggetti “impuri” attraverso sistemi di alterazione e menomazione fisica e psicologica, come quello sperimentato col “caso Arpur”, in cui Andrea si è trovato tragicamente a fungere da cavia.
Le tracce che egli ha voluto lasciare nel suo libro appaiono allora anche un messaggio a non abbassare la guardia contro le rinnovate forme razziste di negazione e di manipolazione radicale degli altri. Al tempo stesso, il libro di Andrea Carli è un’ulteriore testimonianza storica indiscutibile contro tutti i tentativi di negazionismo ricorrenti dell’Olocausto e delle pratiche di crudeltà inumane del nazismo.

Andrea Carli, Il caso Arpur, Tresogni,2014



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013