2 Settembre 2014

L’INTERVISTA
Mezzetti: “Bianchi stratega,
Bonaccini affidabile”

Sergio Gessi

Tempo di lettura: 3 minuti

massimo-mezzetti-assessore

Come a ogni tornata elettorale, anche per queste Regionali di novembre in Emilia Romagna, si parla molto di rinnovamento, salvo poi scoprire che le facce e le idee che si prospettano non sono poi tutte così nuove… Massimo Mezzetti, una coraggiosa battaglia per il cambiamento l’ha combattuta davvero, quando era segretario provinciale a Modena del Pds. Uno scontro perso, all’inizio del decennio scorso. Che non lo indusse però a sbattere la porta come molti fanno. Nel partito è rimasto infatti fino al 2007, quando non aderirsce al Pd e passa a Sinistra democratica, per poi confluire nel 2010 nella neonata Sinistra ecologia e libertà, della quale diviene assessore alla Cultura al Turismo. Originario di Roma, modenese di adozione, valdese di formazione, ha una spiccata propensione per il dialogo e il confronto.
Sel sarà spettatrice delle primarie, ma è orientata a far parte anche della prossima maggioranza. Lui dal 2000 siede in Consiglio regionale e da quattro anni è assessore. E’ quindi un protagonista e insieme un osservatore direttamente interessato a ciò che accade. E da esterno può sbilanciarsi.

Partiamo delle dimissioni di Errani, le ha condivise?
Umanamente le ho comprese e avrei fatto lo stesso. Ma la sentenza che in appello ha ribaltato l’assoluzione di primo grado è apparsa faziosa, condita come è stata da espressioni infelici – tipo il “bisogna dare un segnale” pronunciata dal Pm in aula – che con il diritto non c’entrano nulla.

Ora ci sono cinque pretendenti al soglio che si contendono la candidatura nelle primarie del Pd… Interviene Mazzetti: “Due in realtà (allude a Palma Costi e Patrizio Bianchi, ndr) sembrano orientati a sfilarsi”. Gratis?, domandiamo maliziosamente.
Non penso che Palma Costi porrà condizioni. E per quanto riguarda Bianchi, che ha basato la sua campagna su contenuti e strategie, credo che il prezzo sia semplicemente la garanzia che quei temi che lui considera nodali siano recepiti nel programma di chi si candida.
Bianchi è l’unico che ha davvero visione e respiro strategico europeo. Molte mie simpatie andavano proprio alla sua candidatura, ma quando si schierano figure ingombranti gli altri rischiano di restare stritolati.

Quindi fa bene a desistere?
Sì, però mi auguro che riesca a imporre i suoi temi nell’agenda del prossimo presidente.

Quali sono per lei le priorità?
Il modello Errani non è da buttare. Fra i pregi segnalo una ‘governance’ forte e la capacità di perseguire il modello partecipativo, coinvolgendo nelle decisioni un ampio ventaglio di soggetti, favorendo la coesione sociale e riducendo la conflittualità. Inoltre, la salvaguardia del welfare, che da noi resta un’eccellenza, in termini di spesa sanitaria e servizi sociali, quando molti vanno in direzione contraria.
E’ mancata invece la necessaria spinta sul fronte dell’innovazione strategica e l’attenzione alle nuove frontiere di sviluppo, sui versanti dell’economia, dell’ambiente, dello stesso welfare, della cultura creativa. Sono ambiti dai quali possono scaturire nuova occupazione, crescita e sviluppo. E’ illusorio pensare di poter invertire la rotta se non si investe in questi settori emergenti.

I due principali indiziati a succedere a Errani, Bonaccini e Richetti – che lei ben conosce anche in qualità di modenese acquisito – sono all’altezza di questa sfida?
Bonaccini è più predisposto a questo tipo di approccio e di attenzioni e mi pare abbia saputo negli anni ampliare la propria visione prospettica. In Richetti colgo invece un dirigismo che giudico pericoloso, inoltre la sua matrice lo rende timido sulle questioni relative ai diritti civili, che io giudico imprescindibili. Anche Manca sarebbe stato un buon candidato, ha una solida conoscenza della macchina, ma non ha avuto il coraggio di lanciare la sua candidatura ‘a prescindere’ e si è lasciato irretire da un vecchio modo di procedere della politica.

E l’outsider Balzani?
Profilo interessante per una persona di cultura, attento alle tematiche dell’innovazione. Ma per caratterizzare la sua figura sta forzando eccessivamente nella critica. Cerca la spaccatura. Dell’esperienza Errani vede solo i difetti, usa un linguaggio colorito e tranchant che non apprezzo.

Per contrasto, Bonaccini non le pare invece troppo continuista?
La differenza per me la fanno i contenuti. Tutti parlano di discontinuità, ma spesso in senso astratto, per me significa investire di più in welfare, cultura e nuova impresa, nel senso indicato prima. Il rischio è scivolare nella retorica del nuovismo. L’innovazione va qualificata e riferita a contenuti concreti. Senza dimenticare che se ora si può rinnovare è perché si è percorso un cammino che ci ha condotti sino a qua.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sergio Gessi

Sergio Gessi (direttore responsabile), tentato dalla carriera in magistratura, ha optato per giornalismo e insegnamento (ora Etica della comunicazione a Unife): spara comunque giudizi, ma non sentenzia… A 7 anni già si industriava con la sua Olivetti, da allora non ha più smesso. Professionista dal ’93, ha scritto e diretto troppo: forse ha stancato, ma non è stanco! Ha fondato Ferraraitalia e Siti, quotidiano online dell’Associazione beni italiani patrimonio mondiale Unesco. Con incipiente senile nostalgia ricorda, fra gli altri, Ferrara & Ferrara, lo Spallino, Cambiare, l’Unità, il manifesto, Avvenimenti, la Nuova Venezia, la Cronaca di Verona, Portici, Econerre, Italia 7, Gambero Rosso, Luci della città e tutti i compagni di strada
Sergio Gessi

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013