29 Aprile 2020

IL RITORNO ALLA TERRA PROMESSA:
la (pericolosa) tentazione del divino

Giovanni Fioravanti

Tempo di lettura: 3 minuti

Per secoli, neppure tanto distanti dai nostri, le pestilenze sono state considerate flagelli divini per punire l’umanità corrotta. Qualcuno, in giro per il mondo, lo sostiene anche ora che siamo nel terzo millennio dell’Era Comune.
Per espiazione e per invocare la misericordia divina su un’umanità secolare e terrena venivano organizzate processioni penitenziali, grandi raduni di massa, di popolo, di congregazioni e di ordini religiosi.

I tempi cambiano ma la natura umana pare la stessa. La tentazione del sacro e del mistico irrompe con la sua eco nella prolungata clausura di questi giorni. La televisione moltiplica nelle nostre case l’immagine del Pontifex Maximus, capo della Chiesa Universale, immolato per la salvezza dell’umanità, solo sotto la pioggia battente, al centro di piazza San Pietro, a invocare la misericordia divina contro il flagello del male, liturgia rinnovellata nella solitaria Via Crucis innanzi al sagrato della Basilica.
Lo spirito del pentimento e del ravvedimento sembra accompagnare l’incontro con gli animi che questa solitudine forzata favorisce. Non saremo più come prima, non faremo gli errori di prima, abbiamo peccato nei confronti di noi stessi e della madre terra.

C’è un diffuso bisogno di primitivismo, nel senso di ritorno al prima di prima, ad epoche lontane sobrie ed austere.
Così, lo spirito penitenziale ed espiatorio, ora che il tempo è a nostra disposizione, porta a letture poco frequentate in Italia, come Walden di Thoreau, una sorta di bibbia del ritorno alla natura. Narra dei due anni che l’autore trascorse in solitudine e in autonomia, vivendo in un bosco vicino al laghetto di Walden nel Massachusetts, in realtà a due chilometri dal centro abitato di Concord. La filosofia di Thoreau predica una economia rigida, una vita semplice, severa e più che spartana, convinto che mantenersi su questa terra non sia una fatica ma un passatempo, se si vive con semplicità e saggezza. Per il nostro, possedere saggezza è sufficiente, chi è saggio non ha bisogno di tanta istruzione, se ci accontentiamo di poco e non pretendiamo di possedere beni non serve neppure studiare più di tanto, lo dice lui che aveva frequentato Harvard. Un manuale per i biblici profeti della decrescita felice, che temo non sarà di grande utilità quando usciremo dalla quarantena e dovremo rimboccarci le maniche di fronte alla decrescita infelice che ci attende oltre la porta di casa.

Il mio ego cartesiano e la mia indole ostinatamente kantiana incominciano a dare segni di turbolenza di fronte a una sorta di misticismo e di pauperismo francescano striscianti, che trasuda da riflessioni sul ritorno a genuine epoche di rispetto della natura e addirittura del ‘creato’, se mai ce ne sono state, con un’ involuzione più o meno cosciente al ‘creazionismo’ che si traducono in militanze politiche e religiose per l’avvento di un mondo palingenetico.
Se non si sta attaccati alla conoscenza che è quella cosa fredda che ha le sue radici nella ragione, nella logica e nella matematica, nella narrazione dell’esperienza si rischia di annegare nel mare dell’irrazionalità che secondo il filosofo di Königsberg, circonda l’isola della razionalità.

Il divino e il mistico sono approdi che presuppongono la fuga dal mondo e dalla realtà come ci narra la letteratura agiografica, noi abbiamo bisogno di affondare le radici nel presente, di sporcarci le mani con i nostri errori e le nostre debolezze, con i conflitti e con le idee. Fuggire dalle nostre contraddizioni non ci è permesso.
La nostra umanità per essere tale non ha bisogno di trovare motivazioni e giustificazioni al di fuori di sé. Non ha bisogno dell’Iperuranio platonico, ma della logica stringente di Aristotele, dell’Etica Nicomachea, quella che cerca la verità che si cela nel mondo concreto.
L’incertezza è la nostra cifra, l’incertezza è il motore che ci spinge a sapere e a ricercare, a sbagliare come a correggerci, la storia non è mai un ritorno indietro, ma quella che sapremo scrivere anche affrontando gli eventi che non possiamo controllare. Non ci sono pagine già scritte, quelle fanno parte di un libro già letto. Noi viviamo per scrivere ciò che ancora non è stato scritto. Non saranno le militanze di fede né laiche né religiose, i misticismi e i pauperismi francescani che ci potranno aiutare, ma le nostre menti e le nostre intelligenze sgombre da pregiudizi, da orpelli, da pensieri zavorra, aperte al nuovo che ancora dobbiamo incontrare.

 



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giovanni Fioravanti

Docente, formatore, dirigente scolastico a riposo è esperto di istruzione e formazione. Ha ricoperto diversi incarichi nel mondo della scuola a livello provinciale, regionale e nazionale. Suoi scritti sono pubblicati in diverse riviste specializzate del settore. Ha pubblicato “La città della conoscenza” (2016) e “Scuola e apprendimento nell’epoca della conoscenza” (2020). Gestisce il blog Istruire il Futuro.
Giovanni Fioravanti

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013